Home / Mercato Azionario / Correzioni del mercato azionario. Le cose che dovresti sapere

Correzioni del mercato azionario. Le cose che dovresti sapere

Le correzioni del mercato azionario non sono prevedibili e nemmeno si possono evitare, ma avendo chiaro come comportarsi non avrai nulla da temere al prossimo sell off dei mercati.

Da quasi 10 anni il mercato azionario è praticamente inarrestabile. Sia il Dow Jones Industrial Average di 122 anni che il più ampio S&P 500 sono quadruplicati oggi dai minimi di marzo 2009. Nel frattempo, il Nasdaq Composite, indice ad alto contenuto tecnologico e biotecnologico, è più che quintuplicato da quando ha toccato il fondo quasi 10 anni fa. Gli investitori che hanno resistito per un paio di intoppi da allora sono stati ampiamente ricompensati.

Tuttavia, le ultime sette e più settimane sono state difficili per gli investitori del mercato azionario. Da quando ha raggiunto i massimi storici, il Dow Jones si sta avvicinando al territorio di correzione con un calo di oltre il 9%; l’S&P 500 ha raggiunto il territorio di correzione con un calo del 10,2% dal suo massimo infragiornaliero; e il Nasdaq Composite ha registrato perdite del 15% da quando ha raggiunto il suo picco.

Una situazione che preoccupa gli investitori che temono una forte correzione del mercato azionario. Ma è giuste essere preoccupati? Ecco le cose da sapere per non farti trovare impreparato per la prossima correzione del mercato azionario.

1. Le correzioni di mercato sono più comuni di quanto pensi

La prima cosa di cui dovresti essere consapevole è che le correzioni, ovvero le riduzioni del 10% o più da un massimo recente, sono molto più comuni di quanto probabilmente sai. Dall’inizio del 1950, l’S&P 500 ha subito 37 correzioni di almeno il 10%, e ha avuto parecchi altri cali nell’intervallo percentuale elevato a una cifra, secondo i dati della società di analisi di mercato Yardeni Research. E mentre il mercato azionario non segue esattamente alle medie, dimostra comunque quanto siano comuni le correzioni.

2. Non saremo mai in grado di individuare quando si verificheranno

Nonostante siano così comuni, le correzioni sono impossibili da prevedere, almeno nel lungo periodo. Secondo un’analisi di JPMorgan Asset Management, se un investitore avesse detenuto un fondo indicizzato S&P 500 tra il 1° gennaio 1995 e il 31 dicembre 2014, avrebbe ottenuto un rendimento cumulativo del 555%, o del 9,9% a anno. Intendiamoci, questo include resistere sia alla bolla delle dot-com che alla Grande Recessione. Ma, se si fossero persi solo i 10 migliori giorni di negoziazione in questo periodo di 20 anni, il loro rendimento complessivo sarebbe stato più che dimezzato, per un totale di 191%.

3. Non abbiamo la minima idea di quanto ripido porteranno le correzioni

Non solo le correzioni sono impossibili da prevedere, ma non possiamo mai essere certi di quanto sarà ripido il declino con una di queste. Negli ultimi 31 anni, solo due correzioni nell’S&P 500 hanno colpito il mercato azionario registrando un calo 20%, con il calo nel 1990 che è arrivato entro un decimo dell’1% di questa linea. In media, gli investitori hanno sopportato un mercato ribassista circa una volta ogni dieci anni, ma, per essere chiari, erano molto più comuni prima degli anni ’90. L’ascesa di Internet ha facilitato l’accesso degli investitori al dettaglio alle informazioni, riducendo in tal modo la volatilità in una certa misura.

4. Non sapremo mai cosa causa una correzione fino a dopo il fatto

A dire il vero, non sapremo mai in anticipo perché si verifica una correzione del mercato azionario. Recentemente, abbiamo parlato degli indicatori che confermano che il mercato azionario potrebbe crollare, e mentre uno o più potrebbero benissimo essere responsabili di questo scivolone attuale, un fattore X potrebbe facilmente venire fuori dal nulla per stordire Wall Street e gli investitori. Solo dopo che una correzione viene colpita diventa chiaro cosa l’ha causata.

5. Le correzioni del mercato tendono ad essere di breve durata

A nessuno piace vedere il rosso nei propri portafogli di investimento, ma ci sono alcune buone notizie sulle correzioni del mercato azionario, vale a dire che tendono ad essere di breve durata. Tenendo conto delle precedenti 36 correzioni nell’S&P 500, 22 di esse sono durate 104 giorni o meno. Comparativamente, solo sette sono sopravvissuti per più di un anno. Solo due volte dal 1992 una correzione è durata più di 10 mesi: la bolla delle dot-com e la Grande Recessione.

6. Di solito sono le correzioni del mercato sono guidate dalle emozioni

Indipendentemente dal motivo di una correzione, sono gli investitori emotivi e trader a breve termine che guidano la volatilità in questi periodi. È raro vedere molta volatilità quando le azioni salgono, ma è molto comune quando lo slancio riprende al ribasso, specialmente con le correzioni che storicamente sono un evento a breve termine.

7. Usare il margine durante una correzione non è una buona idea

Poiché i movimenti al ribasso nelle correzioni possono essere così rapidi e violenti, in genere non è mai una buona idea utilizzare il margine durante l’investimento (ad esempio, prendere in prestito denaro dalla tua agenzia di intermediazione per aumentare la leva finanziaria). Sebbene ci siano alcuni casi in cui il margine può avere senso, come nella vendita allo scoperto, il margine può essere uno strumento particolarmente pericoloso in un ambiente volatile. La tua migliore linea d’azione è investire solo ciò che sei disposto a perdere, e questo significa lasciare solo il margine.

8. Solo i trader e investitori a breve termine tendono ad essere influenzati

Un altro aspetto importante ma spesso trascurato delle correzioni del mercato azionario è che in realtà non danneggiano gli investitori a lungo termine. Questo perché gli investitori a lungo termine non andranno in disparte quando si verifica un calo del 10% o superiore. L’unico gruppo di persone che paga veramente durante le correzioni sono i trader a breve termine motivati ​​emotivamente.

9. Sono un ottimo momento per rivalutare le tue partecipazioni

Per essere perfettamente chiari, ogni momento è un buon momento per rivalutare i tuoi investimenti. Tuttavia, durante una correzione del mercato azionario è un buon momento per farlo. Quando valuti le tue azioni, ciò che stai facendo principalmente è determinare se il motivo (i) per cui hai acquistato un’azione in primo luogo è ancora vero. Se la tua tesi di investimento non è cambiata, probabilmente non c’è motivo di vendere.

10. Le azioni con dividendi e value tendono a sovraperformare

Se sei interessato alla ricerca di azioni che tendono a sovraperformare in un mercato ribassista, considera le azioni con dividendi e / o azioni value. Le azioni con dividendi di solito hanno modelli di business redditizi e testati nel tempo che non saranno influenzati troppo gravemente da un rallentamento economico. Inoltre, il dividendo che ricevi aiuta a compensare parzialmente eventuali perdite di carta a breve termine.

Nel frattempo, le azioni value potrebbero essere messe a fuoco con l’aumento dei tassi di interesse e le azioni growth. Non dimentichiamo che i titoli value hanno effettivamente sovraperformato dei titoli growth negli ultimi 90 anni.

11. Investire a lungo termine vince sempre

Infine, ma soprattutto, capisci che il tempo è tuo amico. Nonostante 36 precedenti correzioni nell’S&P 500, tutte e 36 sono state completamente cancellate da un rally del mercato rialzista. Sebbene il mercato azionario non offra garanzie, è il più vicino possibile agli investimenti. E in molti casi, queste correzioni sono state messe alle spalle entro mesi, anziché anni. Ciò suggerisce che gli investitori che acquistano azioni di alta qualità e si aggrappano a loro nel lungo periodo hanno un’alta probabilità di successo.

Ti potrebbe interessare:

Resta aggiornato sulle nostre notizie

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite Doveinvestire su Google News, Facebook, Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Per restare aggiornati sulle notizie pubblicate sul nostro portale attiva le notifiche dal pulsante verde in alto (Seguici) o iscriviti al nostro canale Telegram di Dove Investire

Avviso esplicito sui rischi: non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali perdite o danni commerciali a causa di affidamento sulle informazioni contenute all’interno di questo sito, compresi i dati, le citazioni, i grafici e i segnali di acquisto/vendita. La negoziazione sui mercati finanziari è una delle forme più rischiose di investimento possibili. Tutti i prezzi e i segnali di acquisto/vendita sono indicativi e non adeguati ai fini di negoziazione, inoltre, non sono forniti da un cambio, ma piuttosto dai market maker, quindi potrebbero non essere precisi e possono differire dal prezzo effettivo di mercato. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali perdite commerciali nelle quali si potrebbe incorrere come conseguenza dell’utilizzo di questi dati. Il testo riportato non costituisce attività di consulenza da parte di Dove Investire né, tanto meno, offerta o sollecitazione ad acquistare o vendere strumenti finanziari. Le informazioni ivi riportate sono di pubblico dominio e sono considerate attendibili, ma il portale Dove Investire non è in grado di assicurarne l’esattezza. Tutte le informazioni sono date in buona fede sulla base dei dati disponibili, ma sono suscettibili di variazioni anche senza preavviso in qualsiasi momento dopo la pubblicazione. Si declina ogni responsabilità per qualsivoglia informazione esposta in questa pubblicazione. Si invita a fare affidamento esclusivamente sulle proprie valutazioni delle condizioni di mercato nel decidere se effettuare un’operazione finanziaria e nel valutare se essa soddisfa le proprie esigenze. La decisione di effettuare qualunque operazione finanziaria è a rischio esclusivo dei destinatari della presente informativa.

FORMAZIONE Trading a 360°. Scarica GRATIS i nuovi EBOOK sul TRADING!

I migliori Broker Forex CFD selezionati da Dove Investire

Broker Caratteristiche Inizia
Plus500 Licenza ‎ASiC, CySEC, FCA
Il fornitore più quotato di CFD
Piattaforma WebTrader
apri ora
ActivTrades Licenza FCA, Consob
Protezione conto clienti
Formazione e affidabilità
apri ora
Markets.com CySEC, FSCA, FCA e ASIC
Tecnologie all’avanguardia
Strumenti di trading
apri ora
Roinvesting Licenza CySEC
Demo gratuita
MetaTrader 4 e App Mobile
apri ora
GKFX Licenza MFSA, Consob
Fondi dei clienti protetti
Segnali di trading in piattaforma
apri ora
101investing Licenza CySEC
Sconto sullo swap fino al 50%
Piattaforma MT4 e Mobile
apri ora
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74 e l’89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

Analisi dei mercati finanziari del 28 aprile | ActivTrades Markets Commentary

È il grande giorno della Fed. Le decisioni della banca centrale americana che saranno rese note questa sera, potrebbero rappresentare un punto di svolta per tutto l’anno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.