Home / Mercato Azionario / Quanto è probabile un crollo del mercato azionario?

Quanto è probabile un crollo del mercato azionario?

Se sei un investitore del mercato azionario e pensi che qualche cosa stia per succedere, dovresti leggere questo articolo; non voglio spaventare nessuno, ma un crollo del mercato azionario ci sarà, meglio non farsi trovare impreparati.

Nell’ultimo anno, gli investitori hanno goduto di uno dei più grandi rally di tutti i tempi. Dopo che l’indice S&P 500 ha perso un terzo del suo valore in poche settimane a causa di incertezze senza precedenti dovute alla pandemia di coronavirus, è tornato a guadagnare salendo di circa il 75% dai suoi minimi. Si potrebbe giustamente dire che la pazienza ha dato i suoi frutti.

Ma c’è un’altra realtà di cui gli investitori, in particolare gli investitori a lungo termine, sono profondamente consapevoli: la propensione del mercato azionario a crollare o correggere. Le cose potrebbero sembrare grandiose ora che i principali indici hanno raggiunto nuovi massimi, ma il prossimo sell off del mercato azionario è in attesa dietro le quinte.

È giusto quindi porsi una semplice domanda: Quanto è probabile un crollo del mercato azionario? Diamo uno sguardo più da vicino alla situazione.

Crolli a due cifre si verificano in media ogni 1,87 anni

Per iniziare diciamo subito che le correzioni del mercato azionario (cioè cali di almeno il 10%) sono abbastanza comuni nell’S&P 500. Secondo i dati della società di analisi di mercato Yardeni Research, ci sono state 38 correzioni nell’S&P 500 dall’inizio del 1950. Ciò equivale a un calo medio a due cifre dell’indice di riferimento ogni 1,87 anni . Dato che è passato più di un anno da quando il mercato ha toccato il fondo ribassista, queste medie non sono certamente a favore degli investitori. Tuttavia, le medie non sono altro che … medie. Il mercato non ascoltano le medie, anche se alcune persone basano i loro investimenti su ciò che è accaduto storicamente.

Potremmo entrare in un periodo simile dal 1991 al 1996 in cui non si sono verificate correzioni, oppure potremmo tornare all’inizio del 2010, dove le correzioni sono avvenute, in media, ogni 19 mesi.

Le correzioni sono state date storiche entro tre anni dal minimo del mercato ribassista

Un altro elemento di prova interessante da esaminare è la frequenza con cui l’S&P 500 corregge dopo aver toccato il fondo del mercato ribassista.

Dall’inizio del 1960 (un anno arbitrario che ho scelto per semplicità), l’indice amicano ha attraversato nove mercati ribassisti, incluso il crollo del coronavirus. Nel rimbalzo da ciascuno dei precedenti otto minimi del mercato ribassista, c’è stato almeno un calo percentuale a due cifre entro tre anni il 100% delle volte. In totale, 13 correzioni si sono verificate nei tre anni successivi agli ultimi otto minimi del mercato ribassista (ovvero, uno o due dopo ciascun minimo).

In altre parole, il rimbalzo da un fondo del mercato ribassista è raramente un movimento in linea retta verso l’alto. Eppure l’ultimo rialzo è stato praticamente il tema per gli investitori dal 23 marzo 2020. La storia suggerisce che ci sono ottime possibilità di un movimento al ribasso delle azioni entro i prossimi due anni.

Spesso si verificano arresti anomali quando viene raggiunta questa metrica di valutazione

Ma la prova più schiacciante potrebbe essere solo il rapporto prezzo / utili (P / E) dell’S&P 500 Shiller. Si tratta di una metrica di valutazione che esamina gli utili medi corretti per l’inflazione degli ultimi 10 anni. Potresti anche conoscerlo come rapporto P / E aggiustato ciclicamente, o CAPE.

Alla chiusura delle attività il 31 marzo, il rapporto P / E Shiller dell’S&P 500 ha raggiunto 36,16. È ben più del doppio della sua media di 150 anni di 16,8. Utilizzando come parametro i continui movimenti del mercato rialzista, è la seconda lettura più alta della sua storia.

In una certa misura, ha senso che le valutazioni delle azioni dovrebbero essere più alte ora di quanto non siano state storicamente. Questo perché i tassi di interesse sono vicini ai minimi storici e l’accesso a Internet ha effettivamente abbattuto le barriere tra Wall Street e Main Street che potrebbero aver tenuto a bada i multipli P / E in passato.

Tuttavia, i precedenti casi in cui il rapporto P / E Shiller dell’S&P 500 si è incrociato sopra e ha mantenuto il livello 30 non sono finiti bene. Nei quattro casi precedenti in cui lo Shiller P / E ha superato e mantenuto superiore a 30, l’indice di riferimento è sceso dal 20% all’89%. Sebbene un calo dell’89%, che è stato sperimentato durante la Grande Depressione, sia molto improbabile di questi tempi, storicamente si è registrato un forte calo delle carte quando le valutazioni si estendono, come lo sono ora.

Tieni denaro a portata di mano nel caso in cui i mercati dovessero crollare

Per tornare alla domanda originale in questione, i dati sono abbastanza chiari che la probabilità di un crollo del mercato azionario o di una correzione è cresciuta considerevolmente. È impossibile prevedere con precisione quando potrebbe verificarsi un sell off del mercato, quanto durerà il calo o quanto potrebbe essere ripido, ma i dati suggeriscono fortemente che il ribasso è in vista.

Anche se questa potrebbe essere una notizia triste per alcuni investitori, non dovrebbe esserlo. Arresti anomali e correzioni sono una parte normale del ciclo di investimento. Ancora più importante, offrono agli investitori l’opportunità di acquistare azioni di grandi aziende con uno sconto. Pensa a tutte le grandi aziende che probabilmente stai rimpiangendo per non aver acquistato lo scorso marzo.

Il motivo per essere entusiasti di arresti anomali e correzioni si trova anche nelle statistiche storiche. Di quelle 38 precedenti correzioni nell’S&P 500 dall’inizio del 1950, ognuna è stata alla fine è stata seguita da un rally del mercato.

Se hai bisogno di ulteriore incoraggiamento per l’acquisto durante una correzione, tieni presente che 24 dei 38 cali a due cifre nell’S&P 500 hanno raggiunto il loro minimo in 104 giorni di calendario o meno (3,5 mesi o meno). Gli arresti anomali e le correzioni possono essere ripidi a volte, ma tendono a risolversi rapidamente. Questo è il tuo segnale per avere contanti a portata di mano nel caso in cui questa opportunità dovesse bussare alla porta.

Ti potrebbe interessare:

Resta aggiornato sulle nostre notizie

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite Doveinvestire su Google News, Facebook, Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Per restare aggiornati sulle notizie pubblicate sul nostro portale attiva le notifiche dal pulsante verde in alto (Seguici) o iscriviti al nostro canale Telegram di Dove Investire

Avviso esplicito sui rischi: non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali perdite o danni commerciali a causa di affidamento sulle informazioni contenute all’interno di questo sito, compresi i dati, le citazioni, i grafici e i segnali di acquisto/vendita. La negoziazione sui mercati finanziari è una delle forme più rischiose di investimento possibili. Tutti i prezzi e i segnali di acquisto/vendita sono indicativi e non adeguati ai fini di negoziazione, inoltre, non sono forniti da un cambio, ma piuttosto dai market maker, quindi potrebbero non essere precisi e possono differire dal prezzo effettivo di mercato. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali perdite commerciali nelle quali si potrebbe incorrere come conseguenza dell’utilizzo di questi dati. Il testo riportato non costituisce attività di consulenza da parte di Dove Investire né, tanto meno, offerta o sollecitazione ad acquistare o vendere strumenti finanziari. Le informazioni ivi riportate sono di pubblico dominio e sono considerate attendibili, ma il portale Dove Investire non è in grado di assicurarne l’esattezza. Tutte le informazioni sono date in buona fede sulla base dei dati disponibili, ma sono suscettibili di variazioni anche senza preavviso in qualsiasi momento dopo la pubblicazione. Si declina ogni responsabilità per qualsivoglia informazione esposta in questa pubblicazione. Si invita a fare affidamento esclusivamente sulle proprie valutazioni delle condizioni di mercato nel decidere se effettuare un’operazione finanziaria e nel valutare se essa soddisfa le proprie esigenze. La decisione di effettuare qualunque operazione finanziaria è a rischio esclusivo dei destinatari della presente informativa.

FORMAZIONE Trading a 360°. Scarica GRATIS i nuovi EBOOK sul TRADING!

I migliori Broker Forex CFD selezionati da Dove Investire

Broker Caratteristiche Inizia
Plus500 Licenza ‎ASiC, CySEC, FCA
Il fornitore più quotato di CFD
Piattaforma WebTrader
apri ora
ActivTrades Licenza FCA, Consob
Protezione conto clienti
Formazione e affidabilità
apri ora
Markets.com CySEC, FSCA, FCA e ASIC
Tecnologie all’avanguardia
Strumenti di trading
apri ora
Roinvesting Licenza CySEC
Demo gratuita
MetaTrader 4 e App Mobile
apri ora
GKFX Licenza MFSA, Consob
Fondi dei clienti protetti
Segnali di trading in piattaforma
apri ora
101investing Licenza CySEC
Sconto sullo swap fino al 50%
Piattaforma MT4 e Mobile
apri ora
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74 e l’89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

Analisi dei mercati finanziari del 13 Maggio | ActivTrades Markets Commentary

I deludente dato sull'inflazione USA ha riacceso il sell off sui mercati con una conseguente discesa del mercato azionario e un ritorno degli acquisti verso il dollaro USA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.