16 Giugno, 2024
Richiedi gli ebook "Come Investire in Azioni di Borsa" e "Investire in Intelligenza Artificiale"Richiedi gli ebook "Come Investire in Azioni di Borsa" e "Investire in Intelligenza Artificiale"
Altro
    Finanza PersonaleAssicurazioniCosa sono le Polizze Vita, come sceglierla e come liquidarla

    Cosa sono le Polizze Vita, come sceglierla e come liquidarla

    Polizze Vita

    Cosa sono le polizze vita? Questo post vuole far chiarezza su questi strumenti spesso utilizzati da banche ed istituti da rifilare al cliente con pressioni di tipo commerciali.

    Una polizza vita prevede che la compagnia assicurativa si impegni, dietro la corresponsione di un premio, a liquidare al beneficiario ( o ai beneficiari) designato in polizza, un capitale in un’ unica soluzione o attraverso una rendita, in seguito ad un accadimento relativo alla vita dell’assicurato.

    Una polizza vita costituisce sia uno strumento importante per far fronte ai problemi economici che possono derivare dalla morte di un membro della famiglia, specialmente nel caso in cui l’assicurato concorreva in maniera determinante alla stabilità economica della famiglia stessa, sia un metodo sicuro per garantirsi una pensione integrativa. Il mercato assicurativo offre diversi prodotti in grado di soddisfare le diverse esigenze e necessità.

    Il contratto di assicurazione vita prevede quattro figure diverse:

    1) Contraente: il contraente è colui che di fatto sottoscrive il contratto e che quindi si impegna impegnare ad onorarlo attraverso il pagamento dei premi. Il contraente può essere sia una persona fisica che una giuridica.

    2) Assicuratore: l’assicuratore è la persona fisica che rappresenta la Compagnia assicurativa con la quale il contraente stipula il contratto. L’assicuratore deve avere il mandato da parte della Compagnia che rappresenta ad operare specificatamente nel settore vita e la Compagnia assicurativa deve avere l’autorizzazione da parte del Ministero dell’Industria ad operare nel campo “vita”. L’assicuratore è di fatto l’entità che riscuote (per conto della Compagnia assicurativa che rappresenta) il premio assicurativo dal contraente e che poi liquiderà nei termini previsti dal contratto.

    3) Assicurato: l’assicurato è la persona alla cui vita fa esplicito riferimento il contratto stipulato tra contraente e assicuratore.

    4) Beneficiario: il beneficiario è colui che riceve la liquidazione prevista dal contratto al verificarsi delle condizioni prestabilite in polizza.

    Si possono individuare principalmente tre tipi di polizza vita:

    A) Polizze vita miste: questo tipo di polizze prevedono la liquidazione di un capitale al beneficiario sia in caso di morte dell’assicurato che in caso di vita dello stesso; nel caso in cui, alla scadenza del contratto, l’assicurato fosse in vita, il capitale previsto può essere versato da parte della compagnia assicurativa o in un’unica soluzione o come rendita vitalizia.

    B) Polizze vita caso vita: questo tipo di polizze sono caratterizzate dal fatto che alla loro scadenza viene versato al beneficiario un capitale o una pensione integrativa. In questo caso l’assicurazione non prevede alcuna copertura in caso di morte dell’assicurato, ma se ciò dovesse accadere nel corso di validità della polizza, agli eredi del defunto verrà erogato il cumulo dei premi versati fino al decesso dell’assicurato, rivalutato a seconda del rendimento ottenuto grazie alla gestione del patrimonio operata da parte della compagnia assicurativa.

    C) Polizze Vita Caso Morte: questo tipo di polizze assicurano la liquidazione di un capitale al beneficiario indicato in polizza in caso di morte dell’assicurato e pertanto non prevedono alcun versamento da parte della Compagnia nel caso in cui, alla scadenza del contratto, l’assicurato sia in vita.

    Come si sviluppa il premio

    Come già detto in precedenza, la polizza vita prevede il pagamento di un premio. A seconda dei tipi di polizza, il pagamento avviene in un’unica soluzione al momento della stipula del contratto (premio unico), oppure attraverso versamenti periodici con scadenza annuale (premio ricorrente) per una certa durata.
    Esistono poi anche polizze a premio unico ricorrente: sono polizze molto flessibili che consentono, anziché impegnarsi in un versamento unico una tantum di grosso importo, di effettuare più versamenti con una frequenza scelta dall’assicurato e per un importo fissato di volta in volta. Al momento della sottoscrizione del contratto è senz’altro importante informarsi se il premio è al lordo o al netto dei caricamenti, dei costi accessori e delle imposte.

    Rendita o capitale?

    In cambio del versamento del premio da parte del contraente la compagnia assicuratrice si impegna al versamento a una data stabilita, di un capitale o di una rendita. Optando per il capitale si ottiene dalla compagnia assicuratrice il versamento in un’unica soluzione di quanto maturato negli anni in base ai premi versati; chi sceglie invece la rendita, si assicura un vitalizio per il resto della propria esistenza o per un periodo prefissato.

    Come scegliere tra le due alternative?

    Dipende dalle necessità finanziarie del singolo e dalle motivazioni che lo hanno portato a sottoscrivere una polizza. Nella decisione finale rientrano anche motivazioni di carattere fiscale, perché il fisco riserva un trattamento diverso a seconda che si tratti di capitale o rendita.

    Liquidare una Polizza Vita giunta a scadenza

    All’intermediario che liquida una polizza vita giunta a scadenza, sono in molti i clienti che hanno rivolto una lamentela del genere. Si aspettavano grandi guadagni e invece si ritrovano fra le mani un assegno modesto, lontano anni luce dalle ottimistiche previsioni del vicino di casa che una quindicina di anni prima gli aveva piazzato “la polizza per la pensione”.

    Nove volte su dieci, di fronte a siparietti del genere, il casus belli è costituito dalle cosiddette “polizze miste”.

    Si tratta di assicurazioni sulla vita che abbinano nello stesso contratto una prestazione caso vita e una caso morte. In altre parole, viene liquidata una prestazione sia che l’assicurato arrivi a scadenza sano e salvo sia che, in corso di contratto, muoia oppure incorra in altra fattispecie di sinistro prevista dalla polizza.
    Questo tipo di assicurazione permette di coniugare risparmio e previdenza, garantendo un capitale in ogni caso.

    Generazioni di intermediari hanno venduto le miste come la soluzione più completa per le esigenze complesse della famiglia e più di una Compagnia ne ha fatto a lungo il proprio core business. E qui veniamo al cuore del problema. “Mors tua vita mea”, dicevano i Latini: i costi onerosi (per i clienti) di queste polizze, trasferiti agli intermediari, si chiamano provvigioni. Più della completezza di coperture, al vicino di casa alle prese con la famigliola da assicurare interessava la prospettiva delle laute provvigioni.

    La fiscalità delle polizze vita – in vigore dal 2001 e meno conveniente del precedente regime – e la ridefinizione dei meccanismi provvigionali da parte delle Compagnie allo scopo di favorire la stabilità dei portafogli hanno ridotto sensibilmente lo charme commerciale delle miste, favorendo nella rete vendita un’offerta più diversificata. In realtà, non esistono prodotti assicurativi buoni o cattivi, ma solo scelte più o meno consapevoli.

    Il risparmiatore che acquista una polizza mista deve sapere che la comodità di ottenere nello stesso prodotto e con un’unica spesa protezione e risparmio ha un costo e qualche punto di attenzione. La parte di premio accantonata per far fronte ai cosiddetti “rischi demografici” (morte, invalidità ecc.) non alimenta le riserve a copertura della prestazione a scadenza, cosicché non ci si può aspettare che tutto ciò che si versa debba fare cassa e maturare interesse.

    Ecco perché, rispetto a polizze vita senza coperture assicurative in senso stretto, le miste a scadenza sono meno performanti; d’altra parte, per tutta la durata del contratto, è stata garantita una copertura per i rischi demografici, il che ha inevitabilmente un costo. Analoghe considerazioni vanno fatte per la fiscalità in uscita: maggiore è la parte di premio per i rischi demografici, più alte saranno le imposte sulla prestazione conclusiva.

    Il risparmiatore edotto che volesse trarre il massimo vantaggio da una polizza mista, nella scelta del prodotto giusto fra quelli presenti sul mercato farebbe attenzione a tre cose: CPMA, tasso tecnico e bonus a scadenza.

    Il costo percentuale medio snnuo (CPMA) è un indicatore – messo a punto dall’Isvap e contenuto nel fascicolo informativo dei prodotti vita – che consente di valutare l’incidenza complessiva delle commissioni sul contratto.
    Il tasso tecnico è una forma di rendimento minimo garantito che ha la peculiarità di essere riconosciuta in via anticipata.
    Il bonus a scadenza, infine, è una previsione tariffaria che riconosce una maggiorazione percentuale sulla prestazione finale.

    Costi non troppo alti, rendimento garantito anticipatamente e bonus finale permettono di poter contare da subito su capitali consistenti in caso di premorienza e, d’altra parte, di ammortizzare l’incidenza del premio di rischio, in modo da non togliere redditività al risparmio.

    Per il resto, è buona norma valorizzare la fase precontrattuale, esigendo e prestando attenzione alla documentazione di corredo, persuasi che, negli affari come nella vita, molte “fregature” scaturiscono da un eccesso di fiducia ingiustificata.

    Resta aggiornato sulle nostre notizie

    Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite Doveinvestire su Google News, Facebook, Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

    Per restare aggiornati sulle notizie pubblicate sul nostro portale attiva le notifiche dal pulsante verde in alto (Seguici) o iscriviti al nostro canale Telegram di Dove Investire

    “Dove Investire” ti aiuta a comprendere come investire nel modo migliore

    Le Nostre analisi sono puntuali e precise e ti permetteranno di districarti nel mondo degli investimenti.

    Ti aiutiamo a capire tendenze, opportunità e novità sempre con un occhio al tuo portafoglio.

    Non abbiamo la bacchetta magica ma cerchiamo di offrirti sempre informazioni dettagliate e reali per poter Investire conoscendo più a fondo il mondo degli Investimenti e le loro regole. “Dove Investire” è il tuo portale di approfondimento sugli Investimenti.

    Disclaimer: L’opinione qui espressa non è un consiglio di investimento, ma viene fornita solo a scopo informativo. Non riflette necessariamente l’opinione di doveinvestire.com. Ogni investimento e ogni trading comporta dei rischi, quindi dovresti sempre eseguire le tue ricerche prima di prendere decisioni. Non consigliamo di investire denaro che non puoi permetterti di perdere. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali perdite o danni commerciali a causa di affidamento sulle informazioni contenute all’interno di questo sito, compresi i dati, le citazioni, i grafici e i segnali di acquisto/vendita. Il testo riportato non costituisce attività di consulenza da parte di Dove Investire né, tanto meno, offerta o sollecitazione ad acquistare o vendere strumenti finanziari. Le informazioni ivi riportate sono di pubblico dominio e sono considerate attendibili, ma il portale Dove Investire non è in grado di assicurarne l’esattezza. Si invita a fare affidamento esclusivamente sulle proprie valutazioni delle condizioni di mercato nel decidere se effettuare un’operazione finanziaria e nel valutare se essa soddisfa le proprie esigenze. La decisione di effettuare qualunque operazione finanziaria è a rischio esclusivo dei destinatari della presente informativa.
    Doveinvestire
    Doveinvestire
    Amministratore e CEO del portale www.doveinvestire.com, Simone Mordenti è anche analista finanziario, trader con oltre 20 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e azioni, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.
    ARTICOLI CORRELATI

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Piani di Accumulo XTB
    Copia automaticamente gli investimenti dei trader di maggior successo
    Segui Doveinvestire su Telegram

    Ultimi articoli

    Da non perdere

    Le 10 Migliori Azioni di Intelligenza Artificiale (AI) da Non Vendere Mai

    Le 10 Migliori Azioni di Intelligenza Artificiale (AI) da Non Vendere Mai

    Scopri le migliori azioni di intelligenza artificiale: da Microsoft a Nvidia, ecco dove gli esperti vedono il maggior potenziale di crescita nel settore tecnologico
    Investire in Intelligenza Artificiale: I Top 5 Titoli che Guidano l'S&P 500

    Investire in Intelligenza Artificiale: I Top 5 Titoli che Guidano l’S&P 500

    Scopri i titoli di intelligenza artificiale che stanno cambiando l'S&P 500. Sono queste le azioni tecnologiche legate all'IA con potenziale di crescita esplosivo
    Come Investire in Intelligenza Artificiale

    Come Investire in Intelligenza Artificiale. Le Migliori azioni di IA

    Scopri come investire in intelligenza artificiale, le migliori azioni di IA e perché investire in questo settore in crescita esponenziale
    Intelligenza Artificiale: 5 Azioni IA da Comprare Ora e Tenere per Sempre

    Intelligenza Artificiale: 5 Azioni IA da Comprare Ora e Tenere per Sempre

    Investire nell'intelligenza artificiale può offrire rendimenti elevati a lungo termine. Ma dove investire per cavalcare il trend? Scopri qui le azioni IA più promettenti del mercato
    Le 7 Migliori Azioni Tecnologiche da Comprare Ora e Tenere per Sempre

    Le 7 Migliori Azioni Tecnologiche da Comprare Ora e Tenere per Sempre

    Sei in cerca di opportunità di investimento per massimizzare i tuoi rendimenti? Queste le migliori azioni tecnologiche dominano il 2024 e oltre

    Trading su Azioni | Come Investire in Azioni di Borsa

    Come funziona il trading su Azioni? Quali sono i vantaggi di investire su Azioni? Dove investire? La guida completa al trading su CFD di Azioni di Borsa

    MIGLIORI BROKER

    EightcapXTBIGMigliori Broker