16 Giugno, 2024
Richiedi gli ebook "Come Investire in Azioni di Borsa" e "Investire in Intelligenza Artificiale"Richiedi gli ebook "Come Investire in Azioni di Borsa" e "Investire in Intelligenza Artificiale"
Altro
    Mercati finanziariL'Euro mostra spazi di salita. A Draghi l’ago della bilancia

    L’Euro mostra spazi di salita. A Draghi l’ago della bilancia

    Nonostante un dato sui payrolls più che buono, 200.000 unità, superiore ai 183.000 del consensus, il dollaro non è riuscito a sfondare le resistenze, segno che quando c’è un trend forte, questo non ne vuole sapere di girarsi, tanto meno avere delle correzioni importanti. La netta sensazione, osservando le price actions, è che di strada da percorrere ce ne sia ancora, e la benzina che alimenta le vendite di divisa americana, non sia per nulla esaurita.

    L’Euro resta abbondantemente sopra la soglia di 1.2400 e non riesce neppure a rompere i primi supporti, tanto che la divisa ad alto tasso sembra proprio la moneta unica, mentre il dollaro appare come valuta rifugio in un momento storico di appetito al rischio, quando invece sappiamo bene che non è così, e anzi la forbice tassi, a tendere, potrebbe anche ulteriormente allargarsi, dato che nella prossima riunione della Fed del mese di Marzo, precisamente il 21, Jerome Powell, nuovo governatore, esordirà probabilmente con un rialzo del costo del denaro, che dovrebbe portare i Fed Funds nella forbice 1.50-1.75 per cento.

    L’Euro però non fa una piega e anzi sembrerebbe impostato a salire almeno fino a 1.2620 50 area, che poi rappresenta il livello cruciale di medio e lungo termine individuato dalla famosa trendline decrescente che passa per i massimi del 2008 a 1.6000 e del 2014 a 1.4000, prima della grande discesa legata al Qe imposto dalla Bce.

    Ebbene, possiamo dire che per la moneta unica quindi, lo spazio di salita non si è esaurito anche se potremmo intravedere, prossimamente, un piccolo rallentamento, soprattutto se Draghi, che parlerà oggi al Parlamento Europa di Strasburgo, dovesse mostrarsi, relativamente alla forward guidance, cioè all’insieme delle indicazioni che una banca centrale predispone relativamente alle prossime mosse di politica monetaria, dovish, ovvero dovesse in qualche modo allontanare il tapering, che poi è probabilmente la molla sulla quale si è creato questo ribasso del biglietto verde.

    Draghi quindi, ancora una volta, diventa l’ago della bilancia per aiutare una Europa che cresce, soprattutto nella Germania, ma che appare ancora poco unita sulla maggior parte dei temi, economico in testa, perché lascia indietro i paesi periferici. Lo abbiamo sempre sostenuto, e lo ribadiamo anche oggi, periodo nel quale pure i periferici subiscono una influenza indiretta positiva rispetto alla crescita tedesca, ma si deve ricordare che è insufficiente, soprattutto per quanto riguarda il nostro paese, dove i salari sono compressi e dove la fragile ripresa rischia di essere compromessa da un tasso di cambio per noi anacronistico. Quello attuale, infatti, rischia di compromettere la ripresa nel medio termine, dato che la salita della moneta unica, alimenta la deflazione che unitamente alla compressione strutturale dei salari, riduce consumi e risparmi, quindi anche gli investimenti, vero motore della crescita di un paese. E c’è di più, inutile girarci intorno, ma il mondo ormai combatte la guerra commerciale attraverso i tassi di cambio, rivalutazioni e deprezzamenti strutturali per aggiustare le bilance dei pagamenti e i differenziali di inflazione (e per fortuna che è così), e solo l’Europa, ma solo al suo interno, è rimasta ingabbiata in questo tasso di cambio fisso, che penalizza i paesi periferici. C’è di più. La variazione del Pil reale, dal 2014 al 2017, in una classifica stilata dall’Ocse, ci dice che Italia e Grecia sono i fanalini di coda, ma anche Francia, Belgio e Portogallo, insieme pure all’Austria, sono nella parte più bassa della classifica a dimostrazione che, ad eccezion fatta della Germania, l’Europa non si può considerare ancora un’area unita da comunità di intenti strutturale e ancora, gli egoismi nazionali prevalgono sulla solidarietà che doveva essere il mantra a cui si erano ispirati i padri fondatori.

    Tornando quindi a Draghi, oggi il main focus sarà sull’appuntamento delle 16 a Strasburgo, mentre per quel che concerne le altre coppie di valute, segnaliamo il fatto che lo Jpy non riesce ad indebolirsi più di tanto e il biglietto verde, dopo una fiammata di venerdì , è tornato in area 110.00. Anche il dollaro australiano è sceso e nel medio periodo sembra impostato al ribasso, almeno fino a 0.7700, un 2.5% dai livelli attuali, mentre Nzd ancora non ha iniziato la sua fase di pullback. Il Cable si è leggermente indebolito, in attesa di nuove notizie relative alla Brexit , che però sembrano far pendere la bilancia a favore di un accordo di libero scambio di tipo norvegese e quindi positivo. Sulla sterlina restiamo bullish di medio termine , al netto di correzioni che sono sempre possibili, soprattutto in questa delicata fase di negoziazione, ma il trend sembra avviato anche nel lungo termine e 1.5000 non è una chimera. Attenzione anche al UsdCad che è in bilico tra supporti e livelli chiave di resistenza, in attesa di dati macro e soprattutto delle decisioni relative al Nafta, che Trump aveva minacciato di voler stravolgere e invece per ora non ha toccato di una virgola.

    Saverio Berlinzani per ActivTrades.

    I vantaggi di fare trading con ActivTrades

    • Fai trading con ActivTrades, no commissioni nè costi nascosti per aprire o chiudere un ordine;
    • Stabilisci il tuo rischio, negozia a partire da un micro lotto e massimizza la flessibilità del tuo trading con la leva fino a 1:400;
    • Puoi fare trading 24 ore al giorno, ActivTrades ti fornisce assistenza dalle 11 p.m. della domenica fino alle 11 p.m. del venerdì;
    • Metti in pratica le tue capacità con le migliori piattaforma di trading;
    • Webinar settimanali e formazione personalizzata con formatori specializzati;
    • Prova la demo gratuita oggi stesso – REGISTRATI QUI

    I prodotti finanziari negoziati in marginazione presentano un elevato rischio per il tuo capitale.
    ActivTrades PLC è autorizzata e regolata dalla Financial Conduct Authority. Registrazione presso la FCA n. 434413.
    ActivTrades Plc. Via Borgonuovo 14/16 20121 Milano – iscritta all’Albo delle imprese di investimento comunitarie con succursale al numero 97.
    I livelli di prezzo utilizzati in questa analisi, si riferiscono ai contratti CFD presenti nell’offerta di Activtrades.
    Qualsiasi previsione ivi fornita non è un indicatore affidabile di risultati futuri. I pensieri e le opinioni espresse sono esclusivamente quelle dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni di ActivTrades Plc. Questa analisi è solo a scopo informativo e non deve essere considerata una consulenza finanziaria. La decisione di agire in base alle idee ed ai suggerimenti presentati è a sola discrezione del lettore.
    Doveinvestire
    Doveinvestire
    Amministratore e CEO del portale www.doveinvestire.com, Simone Mordenti è anche analista finanziario, trader con oltre 20 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e azioni, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.
    ARTICOLI CORRELATI

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Piani di Accumulo XTB
    Copia automaticamente gli investimenti dei trader di maggior successo
    Segui Doveinvestire su Telegram

    Ultimi articoli

    Da non perdere

    Le 10 Migliori Azioni di Intelligenza Artificiale (AI) da Non Vendere Mai

    Le 10 Migliori Azioni di Intelligenza Artificiale (AI) da Non Vendere Mai

    Scopri le migliori azioni di intelligenza artificiale: da Microsoft a Nvidia, ecco dove gli esperti vedono il maggior potenziale di crescita nel settore tecnologico
    Investire in Intelligenza Artificiale: I Top 5 Titoli che Guidano l'S&P 500

    Investire in Intelligenza Artificiale: I Top 5 Titoli che Guidano l’S&P 500

    Scopri i titoli di intelligenza artificiale che stanno cambiando l'S&P 500. Sono queste le azioni tecnologiche legate all'IA con potenziale di crescita esplosivo
    Come Investire in Intelligenza Artificiale

    Come Investire in Intelligenza Artificiale. Le Migliori azioni di IA

    Scopri come investire in intelligenza artificiale, le migliori azioni di IA e perché investire in questo settore in crescita esponenziale
    Intelligenza Artificiale: 5 Azioni IA da Comprare Ora e Tenere per Sempre

    Intelligenza Artificiale: 5 Azioni IA da Comprare Ora e Tenere per Sempre

    Investire nell'intelligenza artificiale può offrire rendimenti elevati a lungo termine. Ma dove investire per cavalcare il trend? Scopri qui le azioni IA più promettenti del mercato
    Le 7 Migliori Azioni Tecnologiche da Comprare Ora e Tenere per Sempre

    Le 7 Migliori Azioni Tecnologiche da Comprare Ora e Tenere per Sempre

    Sei in cerca di opportunità di investimento per massimizzare i tuoi rendimenti? Queste le migliori azioni tecnologiche dominano il 2024 e oltre

    Trading su Azioni | Come Investire in Azioni di Borsa

    Come funziona il trading su Azioni? Quali sono i vantaggi di investire su Azioni? Dove investire? La guida completa al trading su CFD di Azioni di Borsa

    MIGLIORI BROKER

    EightcapXTBIGMigliori Broker