16 Giugno, 2024
Richiedi gli ebook "Come Investire in Azioni di Borsa" e "Investire in Intelligenza Artificiale"Richiedi gli ebook "Come Investire in Azioni di Borsa" e "Investire in Intelligenza Artificiale"
Altro
    CriptovaluteDovresti investire su Bitcoin o semplicemente estrarlo? Questa la risposta

    Dovresti investire su Bitcoin o semplicemente estrarlo? Questa la risposta

    Per comprendere la grande crescita del Bitcoin pensalo, non come una valuta o un investimento, ma come qualcos’altro: un prodotto.

    Se vuoi un Bitcoin hai tre modi per acquisirlo: puoi acquistarlo, puoi riceverlo come pagamento, oppure puoi crearlo.

    I primi due metodi sono autoesplicativi e sono i soliti argomenti del dibattito sul Bitcoin: il suo valore come investimento e come valuta. Per quanto riguarda il terzo metodo, i Bitcoin vengono creati attraverso un processo chiamato mining, in cui la potenza del computer (potenza di hashing) viene utilizzata per risolvere un rompicapo alla ricerca di un numero chiamato nonce. In teoria, questi rompicapi potrebbero essere fatti con carta e penna. Non sono matematicamente impegnativi, richiedono solo un sacco di calcoli numerici e congetture.

    Allora perché comprare un Bitcoin al prezzo attuale di circa 47.000 dollari quando puoi semplicemente risolvere uno di questi enigmi e ottenerne uno da solo? Per rispondere a questa domanda, è utile pensare ai tratti che il Bitcoin condivide non con altre valute o investimenti, ma con qualcos’altro: le materie prime.

    Non è il tuo prodotto tipico

    La Commodity Futures Trading Commission degli Stati Uniti qualifica il Bitcoin come una merce in modo che i contratti derivati ​​come futures e opzioni possano essere scambiati in base al valore sottostante. Questo ha un certo senso. Ciò che è considerato una merce è cambiato nel tempo e come le materie prime hanno tutte qualcosa in comune: sono fungibili, cioè intercambiabili.

    Nella maggior parte dei settori dipendenti dalle materie prime, quando il prezzo della merce sottostante sale, anche l’offerta inizia ad aumentare. Quando i prezzi dell’oro o del rame aumentano, i minatori rispondono aumentando la produzione. È lo stesso con il petrolio. Una maggiore offerta alla fine fa scendere i prezzi e il ciclo si ripete. Ma qualcosa di strano sta accadendo con Bitcoin: il suo prezzo ha raggiunto il suo massimo storico, ma l’offerta sta aumentando al suo ritmo più lento mai. Ci sono diverse ragioni per questo.

    All’inizio, i calcoli che i minatori di Bitcoin dovevano risolvere erano relativamente facili e non richiedevano molta potenza di hashing. Ma questi calcoli sono diventati esponenzialmente più difficili nel tempo. Questo perché i fondatori di Bitcoin hanno deciso che ogni blocco di Bitcoin dovrebbe impiegare circa 10 minuti per essere estratto, nel tentativo di mantenere un limite all’offerta. Con l’aumento della potenza di calcolo, aumentarono anche le difficoltà. La difficoltà viene regolata ogni 2.016 blocchi, ovvero circa ogni due settimane se sono necessari 10 minuti per estrarre un blocco. In teoria, potresti prendere il tasso di hash medio e il tempo per blocco dei precedenti 2.016 blocchi per stimare quale sarà il numero di difficoltà successivo. Ma non è una scienza perfetta (poiché a volte un blocco viene estratto in molto meno di 10 minuti per pura fortuna).

    Nel gennaio del 2009, difficilmente era 1.0 e il tasso di hash della rete era di 4,21 milioni di hash al secondo. Oggi, la difficoltà della rete si sta avvicinando a 20 trilioni e il tasso di hash è di circa 150 milioni di terra hash al secondo (TH / s), con un terra hash pari a 1 trilione di hash. Questo è uno dei motivi alla base della crescente domanda di unità di elaborazione grafica (GPU) top di gamma di NVIDIA.

    Quindi c’è una parte della nostra risposta: la potenza di calcolo richiesta per estrarre un blocco di Bitcoin è esponenzialmente più alta ora rispetto a 12 anni fa, anche se il tempo necessario per estrarre un blocco è ancora di circa 10 minuti.

    Scarica l'ebook su Bitcoin Scarica l'ebook su Bitcoin

    Limiti di fornitura

    Se il tempo per estrarre un blocco è relativamente costante nel tempo, perché l’offerta di Bitcoin aumenta a un ritmo più lento? La risposta è dovuta agli ‘halving’ di Bitcoin.

    Il primo blocco Bitcoin, noto come ‘genesis block‘, ha prodotto 50 Bitcoin. Ma dopo che ogni 210.000 blocchi vengono estratti (circa ogni quattro anni), la ricompensa viene dimezzata. Il primo dimezzamento è avvenuto il 28 novembre 2012. Il secondo è stato il 9 luglio 2016. E il terzo è stato l’11 maggio 2020. Oggi, ogni blocco produce solo 6,25 Bitcoin.

    La fornitura massima di Bitcoin che può essere estratta è di 21 milioni di token. Ciò significa che metà dell’offerta potenziale totale è stata generata entro i primi quattro anni dal lancio di Bitcoin. E il 93,75% dell’offerta totale verrà estratto prima del prossimo dimezzamento nel 2024. Questa tabella mostra bene l’andamento.

    L’effetto di questi dimezzamenti sull’offerta potrebbe sorprendervi. Entro il 2044, il 99,9% di tutti i Bitcoin sarà in circolazione, lasciando solo 20.508 da estrarre. Solo 40 Bitcoin verranno estratti nei quattro anni a partire dal 2080. E prima della fine del secolo, verrà estratto meno di un Bitcoin all’anno. Alla fine, l’ultimo Bitcoin verrà estratto nel 2140.

    Quindi, sebbene Bitcoin sia vicino a un prezzo record e anche la potenza di calcolo utilizzata per estrarre Bitcoin sia a un livello record, l’offerta di Bitcoin sta aumentando al suo ritmo più lento nella storia per due motivi:

    • Il protocollo Bitcoin ha regolato con successo la difficoltà di estrarre un blocco di Bitcoin, che ha mantenuto un ritmo medio di un blocco estratto ogni 10 minuti nonostante una potenza di calcolo esponenzialmente più elevata.
    • La ricompensa in Bitcoin per blocco viene dimezzata ogni 210.000 blocchi.

    Redditività

    Per avere più successo, i miner si uniscono a quelli che vengono chiamati pool, dove combinano la loro potenza di calcolo e poi dividono il premio dai blocchi estratti con successo.

    I migliori mining rig di Bitcoin (piattaforme di mining) possono costare fino a 3.000 dollari, mentre i modelli più vecchi possono essere acquistati per poche centinaia di dollari. Whatsminer M30S ++ ha un tasso di hash di 112 trilioni al secondo. Supponendo un costo dell’elettricità conservativo di 0,07 dollari per kWh, può andare in pareggio a un prezzo Bitcoin di 7.420 dollari. Sembra un buon affare ora, ma tieni presente che il prezzo del Bitcoin era inferiore a 7.000 dollari solo lo scorso aprile.

    I modelli più vecchi come l’Antminer S9, che ha un tasso di hash di soli 13,5 trilioni al secondo, possono andare in pareggio al prezzo del Bitcoin a 24.730 dollari. Questo tasso di hash era più che accettabile quando il mining di Bitcoin richiedeva meno potenza di calcolo e ogni blocco produceva 50 Bitcoin. Ed è stato redditizio di recente. Ma potrebbe essere uno sforzo per perdere denaro se la potenza di calcolo inonda il mercato e la difficoltà aumenta a un ritmo più veloce del prezzo del Bitcoin. Ciò è accaduto diverse volte in precedenza, quando il prezzo del Bitcoin crolla o il livello di difficoltà sale al punto in cui le piattaforme di mining una volta redditizie non lo sono più.

    Nell’industria petrolifera, i nuovi pozzi non verranno perforati se il prezzo di pareggio per pozzo è troppo vicino al prezzo attuale del petrolio. Questo è il motivo per cui molte major petrolifere hanno ceduto da giochi che erano redditizi a $ 55 o più. Ed è anche il motivo per cui le trivellazioni si sono fermate quando il petrolio si è schiantato ed è rimasto sotto i 40 dollari da marzo a novembre dello scorso anno.

    Quando la festa finisce

    Il tema comune dietro a tutte le materie prime è che hanno un uso tangibile nella vita di tutti i giorni. Pertanto, i prezzi aumentano se la produzione scende. I prezzi dell’elettricità aumentano durante un’interruzione di corrente. I prezzi dell’acqua aumentano se scoppia una conduttura dell’acqua.

    Questi effetti tangibili possono anche offrire opportunità. Quando il petrolio ha superato i 100 dollari al barile nel 2008, è stato perché il mondo consumava più petrolio e pensava che sarebbe finito. Ma le nuove tecnologie come la perforazione orizzontale e la fratturazione idraulica hanno sbloccato riserve precedentemente non redditizie. E oggi, molte aziende possono realizzare un profitto quando il prezzo del petrolio si torva sopra ai 40 dollari al barile.

    A differenza del petrolio, il Bitcoin non è tangibile e non ha un uso pratico nel mondo fisico. Ha un’offerta limitata. E il protocollo Bitcoin garantisce che i nuovi Bitcoin vengano prodotti a una velocità costante (sebbene in diminuzione) indipendente dalla potenza di calcolo. In questo modo, il rapporto di Bitcoin con offerta, produzione e prezzo è completamente diverso dalle materie prime tradizionali. Ciò ha senso, perché, dopotutto, era originariamente destinato a essere qualcos’altro, essere una valuta.

    Il potere del dimezzamento è davvero incredibile, considerando che entro il 2060 l’offerta annuale di Bitcoin aumenterà di centinaia, non milioni, all’anno. Una volta che l’offerta aggiuntiva diventa trascurabile, potremmo vedere la volatilità dei prezzi di Bitcoin scendere e solo allora, forse, il Bitcoin smetterà di ricordarci materie prime e investimenti e diventerà davvero ciò che doveva essere.

    Ti potrebbe interessare:

    Resta aggiornato sulle nostre notizie

    Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite Doveinvestire su Google News, Facebook, Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

    Per restare aggiornati sulle notizie pubblicate sul nostro portale attiva le notifiche dal pulsante verde in alto (Seguici) o iscriviti al nostro canale Telegram di Dove Investire

    “Dove Investire” ti aiuta a comprendere come investire nel modo migliore

    Le Nostre analisi sono puntuali e precise e ti permetteranno di districarti nel mondo degli investimenti.

    Ti aiutiamo a capire tendenze, opportunità e novità sempre con un occhio al tuo portafoglio.

    Non abbiamo la bacchetta magica ma cerchiamo di offrirti sempre informazioni dettagliate e reali per poter Investire conoscendo più a fondo il mondo degli Investimenti e le loro regole. “Dove Investire” è il tuo portale di approfondimento sugli Investimenti.

    Disclaimer: L’opinione qui espressa non è un consiglio di investimento, ma viene fornita solo a scopo informativo. Non riflette necessariamente l’opinione di doveinvestire.com. Ogni investimento e ogni trading comporta dei rischi, quindi dovresti sempre eseguire le tue ricerche prima di prendere decisioni. Non consigliamo di investire denaro che non puoi permetterti di perdere. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali perdite o danni commerciali a causa di affidamento sulle informazioni contenute all’interno di questo sito, compresi i dati, le citazioni, i grafici e i segnali di acquisto/vendita. Il testo riportato non costituisce attività di consulenza da parte di Dove Investire né, tanto meno, offerta o sollecitazione ad acquistare o vendere strumenti finanziari. Le informazioni ivi riportate sono di pubblico dominio e sono considerate attendibili, ma il portale Dove Investire non è in grado di assicurarne l’esattezza. Si invita a fare affidamento esclusivamente sulle proprie valutazioni delle condizioni di mercato nel decidere se effettuare un’operazione finanziaria e nel valutare se essa soddisfa le proprie esigenze. La decisione di effettuare qualunque operazione finanziaria è a rischio esclusivo dei destinatari della presente informativa.
    Doveinvestire
    Doveinvestire
    Amministratore e CEO del portale www.doveinvestire.com, Simone Mordenti è anche analista finanziario, trader con oltre 20 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e azioni, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.
    ARTICOLI CORRELATI

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Piani di Accumulo XTB
    Copia automaticamente gli investimenti dei trader di maggior successo
    Segui Doveinvestire su Telegram

    Ultimi articoli

    Da non perdere

    Le 10 Migliori Azioni di Intelligenza Artificiale (AI) da Non Vendere Mai

    Le 10 Migliori Azioni di Intelligenza Artificiale (AI) da Non Vendere Mai

    Scopri le migliori azioni di intelligenza artificiale: da Microsoft a Nvidia, ecco dove gli esperti vedono il maggior potenziale di crescita nel settore tecnologico
    Investire in Intelligenza Artificiale: I Top 5 Titoli che Guidano l'S&P 500

    Investire in Intelligenza Artificiale: I Top 5 Titoli che Guidano l’S&P 500

    Scopri i titoli di intelligenza artificiale che stanno cambiando l'S&P 500. Sono queste le azioni tecnologiche legate all'IA con potenziale di crescita esplosivo
    Come Investire in Intelligenza Artificiale

    Come Investire in Intelligenza Artificiale. Le Migliori azioni di IA

    Scopri come investire in intelligenza artificiale, le migliori azioni di IA e perché investire in questo settore in crescita esponenziale
    Intelligenza Artificiale: 5 Azioni IA da Comprare Ora e Tenere per Sempre

    Intelligenza Artificiale: 5 Azioni IA da Comprare Ora e Tenere per Sempre

    Investire nell'intelligenza artificiale può offrire rendimenti elevati a lungo termine. Ma dove investire per cavalcare il trend? Scopri qui le azioni IA più promettenti del mercato
    Le 7 Migliori Azioni Tecnologiche da Comprare Ora e Tenere per Sempre

    Le 7 Migliori Azioni Tecnologiche da Comprare Ora e Tenere per Sempre

    Sei in cerca di opportunità di investimento per massimizzare i tuoi rendimenti? Queste le migliori azioni tecnologiche dominano il 2024 e oltre

    Trading su Azioni | Come Investire in Azioni di Borsa

    Come funziona il trading su Azioni? Quali sono i vantaggi di investire su Azioni? Dove investire? La guida completa al trading su CFD di Azioni di Borsa

    MIGLIORI BROKER

    EightcapXTBIGMigliori Broker