Home / Mercato Azionario / Warren Buffett ottiene metà del suo reddito da dividendi da sole tre azioni

Warren Buffett ottiene metà del suo reddito da dividendi da sole tre azioni

Questo trio azioni con dividendo pagherà 2,16 miliardi di dollari quest’anno a Berkshire Hathaway. Se la pensi anche tu come Warren Buffett investi in queste grandi aziende.

Quando si tratta di investire, il CEO di Berkshire Hathaway Warren Buffett, è senza dubbio l’ispirazione di tanti investitori. Sotto la tutela di Buffett, Berkshire Hathaway (NYSE: BRK.A) (NYSE: BRK.B) ha registrato un rendimento medio annuo del 20% dal 1965 e ha fornito un profitto complessivo per gli azionisti di oltre 2.800.000%. Performance ottenuto senza pagare alcun  dividendo ai suoi azionisti.

Ma l’aspetto della strategia di investimento di Buffett è che dipende molto dai dividendi. A seguito del deposito del modulo 13F di Berkshire presso la Securities and Exchange Commission a metà febbraio, che ha rivelato tutte le attività di acquisto e vendita della società dal quarto trimestre, il mio calcolo ha indicato che Berkshire avrebbe avuto circa 4,36 miliardi dollari in reddito da dividendi quest’anno. Tuttavia, anche con più della metà delle 48 partecipazioni di Buffett che distribuiscono un pagamento, metà del reddito da dividendi di Berkshire Hathaway del 2021, 2,16 miliardi di dollari è stato generato da solo tre azioni, Apple, Bank of America e Coca Cola.

Ti potrebbe interessare: Investire su azioni con dividendi preferite da Warren Buffett può essere una buona idea

Apple

Con meno di 1 milione di dollari, una delle azione leader della tecnologia Apple (NASDAQ: AAPL) rimane l’azione di dividendo più redditizia di Warren Buffett, su base nominale. Se Apple dovesse pagare 0,82 dollari per azione nel 2021 e Berkshire Hathaway dovesse mantenere tutte le 907.559.761 azioni, la società di Buffett otterrebbe un utile da dividendi di 744.199.004 di dollari. Sulla base dei circa 1,53 milioni di azioni di Classe A (BRK.A) in circolazione, questo equivale a 486 dollari di reddito da dividendi per azione.

Apple è stata affabilmente definita dall’Oracolo di Omaha la ‘terza attività‘ della sua azienda, il che ci fornisce tutte le informazioni di cui abbiamo bisogno: Buffett non sta vendendo.

Come molti di voi probabilmente sapranno, l’enorme crescita di Apple deriva da tempo dall’aver cavalcato il successo dei suoi prodotti innovativi. Il lancio del primo iPhone con supporto alla nuova rete 5G dell’azienda alla fine dello scorso anno ha portato a vendite record di iPhone nel primo trimestre fiscale. Negli Stati Uniti, iPhone rimane lo smartphone più venduto, con il rilascio di nuovi prodotti che attira regolarmente enormi folle nei suoi negozi.

Ma per il CEO di Apple Tim Cook, il futuro dell’azienda è nei servizi e nei dispositivi indossabili. Pur non abbandonando i prodotti che hanno reso Apple l’azienda che è oggi, Cook sta supervisionando una transizione che metterà in risalto gli abbonamenti ad alto margine. Alla fine, questo cambiamento dovrebbe livellare l’enorme riconoscimento dei ricavi di Apple e migliorare i margini operativi dell’azienda.

Finché Apple continua a innovare e riacquistare le proprie azioni, l’Oracolo di Omaha dovrebbe essere un investitore felice.

Grafico in tempo reale delle azioni Apple (AAPL)

Bank of America

A fare i conti con Apple nel dipartimento del reddito da dividendi c’è la centrale finanziaria Bank of America (NYSE: BAC). Dopo l’ok dalla Federal Reserve Bank di Richmond per aumentare la quota della sua azienda in Bank of America oltre il 10%, Buffett ha colto l’opportunità per spingere la quota di Berkshire a oltre 1,03 miliardi di azioni. Sulla base di un pagamento annuale di 0,72 dollari, Bank of America dovrebbe fruttare 743.653.444 dollari di reddito da dividendi nel 2021.

Non è un segreto che Warren Buffett ami le azioni bancarie. Il motivo è semplice: sono produttori di denaro. Anche se le recessioni sono inevitabili, in genere durano solo da pochi mesi a un paio di trimestri. In confronto, le espansioni economiche spesso durano anni, o forse anche più di un decennio. Le azioni bancarie semplicemente aspettano il loro tempo durante brevi periodi di debolezza e raccolgono profitti durante i periodi pluriennali di espansione economica.

Ciò che ha reso Bank of America un tale stallone è il taglio dei costi dell’azienda e la volontà di investire in piattaforme digitali. Con più clienti che effettuano operazioni bancarie online o che utilizzano la sua app mobile, Bank of America è riuscita a consolidare alcune delle sue filiali. Ciò aiuta a ridurre le spese non legate agli interessi e consente a più entrate di affluire ai suoi profitti.

Bank of America è anche la più sensibile agli interessi delle grandi banche. Un irripidimento della curva dei rendimenti, cosa comune in un’economia in ripresa, può far presagire rendimenti più elevati all’orizzonte. Quando la Federal Reserve interverrà e rafforzerà la politica monetaria, la Bank of America dovrebbe essere il primo beneficiario.

Grafico in tempo reale delle azioni Bank of America (BAC)

Coca-Cola

Il terzo titolo che costituisce una parte significativa del reddito da dividendi annuale di Buffett non è altro che la holding più longeva di Berkshire Hathaway, Coca-Cola (NYSE: KO). Se supponiamo che Berkshire mantenga i suoi 400 milioni di azioni e Coca-Cola paghi un dividendo base di 1,68 dollari nel 2021, la società di Buffett raccoglierà 672.000.000 di dollari.

Coca-Cola potrebbe non essere il colosso della crescita che era una volta, ma è senza dubbio la più nota azienda di beni di consumo confezionati al mondo. Vende i suoi prodotti in tutti i paesi del mondo tranne due (Corea del Nord e Cuba). Ciò consente all’azienda di generare flussi di cassa altamente prevedibili dai paesi sviluppati, generando al contempo tassi di crescita organica più rapidi dai mercati emergenti. In totale, ha oltre 20 marchi che generano almeno 1 miliardo di dollari di vendite annuali.

Il successo della Coca-Cola non sarebbe stato possibile senza il suo marketing. L’azienda si basa sulla pubblicità nei punti vendita, noti ambasciatori del marchio, annunci digitali in aumento e collegamenti durante le festività per raggiungere i consumatori e i divari generazionali.

Per Buffett, Coca-Cola è stata una holding continua dal 1988. Con una base di costo di 1.299 miliardi di dollari, i 672 milioni di dollari che Berkshire riceverà nel 2021 equivalgono a un rendimento sui costi del 52%! In altre parole, il solo dividendo delle azioni Coca-Cola consente all’Oracolo di Omaha di raddoppiare l’investimento iniziale della sua azienda ogni due anni. Con un ritorno del genere, è difficile chiudere questa posizione.

Grafico in tempo reale delle azioni Coca-Cola (KO)

Articoli che ti potrebbero interessare:

Resta aggiornato sulle nostre notizie

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite Doveinvestire su Google News, Facebook, Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Per restare aggiornati sulle notizie pubblicate sul nostro portale attiva le notifiche dal pulsante verde in alto (Seguici) o iscriviti al nostro canale Telegram di Dove Investire

Avviso esplicito sui rischi: non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali perdite o danni commerciali a causa di affidamento sulle informazioni contenute all’interno di questo sito, compresi i dati, le citazioni, i grafici e i segnali di acquisto/vendita. La negoziazione sui mercati finanziari è una delle forme più rischiose di investimento possibili. Tutti i prezzi e i segnali di acquisto/vendita sono indicativi e non adeguati ai fini di negoziazione, inoltre, non sono forniti da un cambio, ma piuttosto dai market maker, quindi potrebbero non essere precisi e possono differire dal prezzo effettivo di mercato. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali perdite commerciali nelle quali si potrebbe incorrere come conseguenza dell’utilizzo di questi dati. Il testo riportato non costituisce attività di consulenza da parte di Dove Investire né, tanto meno, offerta o sollecitazione ad acquistare o vendere strumenti finanziari. Le informazioni ivi riportate sono di pubblico dominio e sono considerate attendibili, ma il portale Dove Investire non è in grado di assicurarne l’esattezza. Tutte le informazioni sono date in buona fede sulla base dei dati disponibili, ma sono suscettibili di variazioni anche senza preavviso in qualsiasi momento dopo la pubblicazione. Si declina ogni responsabilità per qualsivoglia informazione esposta in questa pubblicazione. Si invita a fare affidamento esclusivamente sulle proprie valutazioni delle condizioni di mercato nel decidere se effettuare un’operazione finanziaria e nel valutare se essa soddisfa le proprie esigenze. La decisione di effettuare qualunque operazione finanziaria è a rischio esclusivo dei destinatari della presente informativa.

FORMAZIONE Trading a 360°. Scarica GRATIS i nuovi EBOOK sul TRADING!

I migliori Broker Forex CFD selezionati da Dove Investire

Broker Caratteristiche Inizia
Plus500 Licenza ‎ASiC, CySEC, FCA
Il fornitore più quotato di CFD
Piattaforma WebTrader
apri ora
ActivTrades Licenza FCA, Consob
Protezione conto clienti
Formazione e affidabilità
apri ora
Markets.com CySEC, FSCA, FCA e ASIC
Tecnologie all’avanguardia
Strumenti di trading
apri ora
Roinvesting Licenza CySEC
Demo gratuita
MetaTrader 4 e App Mobile
apri ora
GKFX Licenza MFSA, Consob
Fondi dei clienti protetti
Segnali di trading in piattaforma
apri ora
101investing Licenza CySEC
Sconto sullo swap fino al 50%
Piattaforma MT4 e Mobile
apri ora
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74 e l’89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

Cosa ha reso Warren Buffett un investitore di successo

Il nome Warren Buffett è praticamente sinonimo di successo a Wall Street. Ma se vuoi conoscere i fattori che lo hanno reso il più grande investitore, leggi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.