Home / Mercati finanziari / Sui mercati finanziari c’è grande attesa per il dato sui Payrolls (NFP)

Sui mercati finanziari c’è grande attesa per il dato sui Payrolls (NFP)

Oggi si chiude oggi la settimana con l’evento più atteso, ovvero il dato sui payrolls, che misura i nuovi posti di lavoro del settore non agricolo, quindi del comparto industriale e dei servizi. Le previsioni parlano di una crescita di circa 650.000 posti di lavoro con un tasso di disoccupazione che è previsto tornare al 6%, migliore di quel 6.2% uscito nella precedente rilevazione. Il dato sull’Adp di mercoledì scorso, anch’esso decisamente migliore del consensus, aveva contribuito a ridare slancio ai mercati azionari che parevano leggermente in flessione, contribuendo così alla formazione di nuovi massimi sull’S&P500 che ieri ha superato per la prima volta nella sua storia i 4000 punti. Il Dow Jones è rimasto anch’esso a 100 punti dai massimi di 33.130 punti e il Nasdaq, il più colpito recentemente dall’aumento dei rendimenti, è tornato a 500 punti dai massimi ovvero il 4%. Tra l’altro i dati Usa pubblicati ieri sull’Ism manifatturiero, ovvero l’indice dei direttori di acquisto del aziende del settore, ha fatto registrare un balzo a 64.7 nel mese di marzo, ben al di sopra delle attese che erano per un rialzo a 61.3, e superiore al dato precedente di 60.8. Si tratta del numero più alto dal 1983. Chi si aspettava di conseguenza un rialzo del dollaro però è rimasto profondamente deluso perché la divisa americana invece, ha cominciato a scivolare contro le valute concorrenti e la price action è parsa tornare quella che abbiamo vissuto per almeno 10 mesi dal marzo scorso, ovvero mercati in appetito al rischio con le borse che salivano senza interruzione e dollaro in persistente discesa.

Cosa è successo quindi, per far tornare tutto come era prima? La risposta sembra univoca, ovvero la discesa dei rendimenti dei titoli di stato che sul decennale Usa hanno evidenziato un calo di 7 punti, da 1.75% a 1.68%. Tanto è bastato per far comprendere ai mercati che la forza che si contrapponeva al Qe, ovvero le aspettative di rialzo anticipato del costo del denaro da parte della Fed, e che controbilanciava l’enorme massa di liquidità delle banche centrali, sembra venir meno, ridando quindi fiato alle correlazioni precedenti, che vedevano una divisa americana scendere parallelamente a nuovi massimi del mercato azionario Usa. E tutto questo nonostante la ripresa della congiuntura Usa sia ben avviata. Si legge poi, oltretutto, che a contribuire a tale ritorno di questa correlazione, sia stata anche la decisione presa dall’amministrazione Biden di rilanciare ulteriormente l’economia attraverso un piano di investimenti in infrastrutture da 2 mila miliardi di dollari nei prossimi 8 anni, che, sebbene criticato aspramente dalle opposizioni, sembra aver decisamente contribuito a modificare la price action di breve termine. Di fatto questa nuova liquidità sembra dare ragione a chi pensa che i tassi non verranno alzati per lungo tempo. E se i rendimenti continueranno a scendere, pare inevitabile un nuovo declino del dollaro di fronte alla persistente crescita dei listini Usa.

Sul fronte cambi, tutto ciò si è tradotto nella risalita sopra 1.3800 del Cable, una ripresa anche di quell’EurUsd che sembrava avviato al test di 1.1600, con un ritorno a 1.1780, mentre le oceaniche hanno galoppato riportandosi sopra 0.7620 e 0.7020 rispettivamente per Aud e Nzd. UsdCad in declino al di sotto di 1.2550 nonostante l’Opec abbia deciso solo per una leggera e graduale riduzione della produzione a partire da maggio. Petrolio sopra 61 dollari al barile, oro a 1730 dollari l’oncia e il solo UsdJpy che tiene in ragione del fatto che l’appetito al rischio continua comunque a tenere lo Jpy basso. E il mercato, ad eccezione in parte della valuta nipponica, è tornato dollaro centrico.

La settimana che si apre si annuncia interessante anche se sul fronte dati anche se pochi saranno i market mover rilevanti, e tra questi le bilance commerciali dei paesi del primo mondo, unitamente ai pmi dei servizi e compositi relativi alle major. Ma la chiave sarà l’andamento dei rendimenti e solo una pronta risalita potrebbe ridare qualche chance al dollaro di riprendere quota e momentum rialzista. Di fatto siamo entrati in una fase laterale di medio termine che persiste e, almeno per il momento, non dovrebbe modificarsi e con buona pace dell’aumento dell’inflazione.

Saverio Berlinzani per ActivTrades.

Profilo dell’analista

Saverio Berlinzani

Nel 1989 inizia il suo percorso lavorativo nel mercato valutario come spot trader per il Banco Lariano. Dal ’91 per la Banque San Paolo di Parigi come trader su lira e franco francese. Dal ‘92 presso il Banco Lariano di Milano spot trader su tutte le valute SME. Dal ’95 per Swiss Bank Corporation capo cambista – Lugano, Ginevra, Londra.

In questi anni, oltre alla specializzazione sul mercato dello spot come market maker, ha sviluppato conoscenze del mercato dei derivati come trader di posizionamento per l’Istituto (Opzioni vanilla ed esotiche), nonché conoscenza diretta delle valute legate ai paesi emergenti (carry trades).

Dal ’98 è rientrato in Italia come Libero professionista in qualità di Consulente Finanziario e Patrimoniale – Presidente e socio fondatore di una società broker in forex. Dal 2009 ad oggi, trader indipendente nel mercato valutario fondatore del sito www.saveforex.it, community di traders con cui condivide quotidianamente in tempo reale la sua operatività forex attraverso una chat e un webinar live.

Chi è ActivTrades

ActivTrades (www.activtrades.eu/it) è un Broker specializzato nella negoziazione di Forex e CFD. Fondata nel 2001, è oggi una delle società leader del settore.
Il suo obbiettivo è quello di massimizzare le attività di trading dei propri clienti, offrendo ad essi una combinazione unica di elementi quali una vasta gamma di strumenti finanziari, spread competitivi e un eccezionale servizio di assistenza.

Dal suo quartier generale, situato nella City di Londra, ActivTrades offre i suoi servizi a una vasta clientela globale che, negli anni, ha potuto apprezzarne l’innovazione continua, l’eccellente ambiente di trading e un’efficace gestione del rischio.

Il Servizio di assistenza ai clienti di ActivTrades è disponibile 24 ore al giorno, da domenica sera a venerdì sera, in 14 lingue tra cui Italiano, Inglese, Francese, Spagnolo, Cinese e Arabo.

ActivTrades Europe SA è autorizzata e regolata dalla Commission de Surveillance du Secteur Financier (CSSF) in Lussemburgo. ActivTrades Europe SA è una società registrata in Lussemburgo, numero di registrazione B232167. ActivTrades Europe SA è una sussidiaria di ActivTrades PLC, autorizzata e regolata dalla Financial Conduct Authority, con numero di registrazione 434413. ActivTrades PLC è una società registrata in Inghilterra e Galles, numero di registrazione 05367727.

Per conoscere in dettaglio i prodotti e i servizi offerti visita il sito www.activtrades.eu/it. Vedi qui la nostra recensione e opinioni su ActivTrades.

I vantaggi di fare trading con ActivTrades

Il Broker londinese ActivTrades offre le migliori condizioni di trading confermate dai più prestigiosi riconoscimenti e sostenuta da trader di tutto il mondo

Miglior esecuzione

Trading con precisione a partire da 0,5 pip su EURUSD, senza requote o costi nascosti.

Supporto Clienti Pluripremiato

Assistenza 24/5, via email, chat e telefono in oltre 14 lingue.

Protezione dei fondi

Assicurazione integrativa per proteggerti fino a 1.000.000£

Il trading mobile

Fai trading ovunque tu sia, con la nostra piattaforma web o mobile.

  • No commissioni nè costi nascosti per aprire o chiudere un ordine;
  • Trading a partire da un micro lotto e massimizza la flessibilità del tuo trading con leva;
  • Supporto clienti italiano rapido e disponibile;
  • Le migliori piattaforme di trading;
  • Webinar settimanali e formazione personalizzata con formatori specializzati;
  • Demo gratuita.
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Il 77% di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con ActivTrades. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Resta aggiornato sulle nostre notizie

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite Doveinvestire su Google News, Facebook, Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Per restare aggiornati sulle notizie pubblicate sul nostro portale attiva le notifiche dal pulsante verde in alto (Seguici) o iscriviti al nostro canale Telegram di Dove Investire

Avviso esplicito sui rischi: non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali perdite o danni commerciali a causa di affidamento sulle informazioni contenute all’interno di questo sito, compresi i dati, le citazioni, i grafici e i segnali di acquisto/vendita. La negoziazione sui mercati finanziari è una delle forme più rischiose di investimento possibili. Tutti i prezzi e i segnali di acquisto/vendita sono indicativi e non adeguati ai fini di negoziazione, inoltre, non sono forniti da un cambio, ma piuttosto dai market maker, quindi potrebbero non essere precisi e possono differire dal prezzo effettivo di mercato. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali perdite commerciali nelle quali si potrebbe incorrere come conseguenza dell’utilizzo di questi dati. Il testo riportato non costituisce attività di consulenza da parte di Dove Investire né, tanto meno, offerta o sollecitazione ad acquistare o vendere strumenti finanziari. Le informazioni ivi riportate sono di pubblico dominio e sono considerate attendibili, ma il portale Dove Investire non è in grado di assicurarne l’esattezza. Tutte le informazioni sono date in buona fede sulla base dei dati disponibili, ma sono suscettibili di variazioni anche senza preavviso in qualsiasi momento dopo la pubblicazione. Si declina ogni responsabilità per qualsivoglia informazione esposta in questa pubblicazione. Si invita a fare affidamento esclusivamente sulle proprie valutazioni delle condizioni di mercato nel decidere se effettuare un’operazione finanziaria e nel valutare se essa soddisfa le proprie esigenze. La decisione di effettuare qualunque operazione finanziaria è a rischio esclusivo dei destinatari della presente informativa.

I migliori Broker Forex CFD selezionati da Dove Investire

Broker Caratteristiche Inizia
Plus500 Licenza ‎ASiC, CySEC, FCA
Il fornitore più quotato di CFD
Piattaforma WebTrader
apri ora
ActivTrades Licenza FCA, Consob
Protezione conto clienti
Formazione e affidabilità
apri ora
Markets.com CySEC, FSCA, FCA e ASIC
Tecnologie all’avanguardia
Strumenti di trading
apri ora
Roinvesting Licenza CySEC
Demo gratuita
MetaTrader 4 e App Mobile
apri ora
GKFX Licenza MFSA, Consob
Fondi dei clienti protetti
Segnali di trading in piattaforma
apri ora
101investing Licenza CySEC
Sconto sullo swap fino al 50%
Piattaforma MT4 e Mobile
apri ora
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74 e l’89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

Analisi dei mercati finanziari del 13 Maggio | ActivTrades Markets Commentary

I deludente dato sull'inflazione USA ha riacceso il sell off sui mercati con una conseguente discesa del mercato azionario e un ritorno degli acquisti verso il dollaro USA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.