Home / Guida trading / Non sai dove investire i risparmi di una vita? I fondi indicizzati sono la risposta

Non sai dove investire i risparmi di una vita? I fondi indicizzati sono la risposta

Non sai dove investire i tuoi risparmi di una vita? Questi fondi di investimento indicizzati potrebbero essere la soluzione ideale per il tuoi investimenti a lungo termine.

Leggende dell’investimento come Warren Buffett sostengono continuamente le qualità dei fondi indicizzati, e c’è una buona ragione. Questa classe speciale di fondi comuni di investimento, che traccia un indice di mercato, può aiutarti a far crescere i tuoi risparmi per la pensione anche se sai poco o nulla degli investimenti.

Ecco una rapida occhiata ad alcuni dei principali vantaggi dei fondi indicizzati e come puoi aggiungerli al tuo portafoglio di investimento se ritieni che siano adatti a te.

Principali vantaggi dei fondi indicizzati

1. Diversificazione del portafoglio

I fondi indicizzati sono fondi comuni di investimento che contengono pacchetti di azioni. Quando acquisti un fondo indicizzato, entri immediatamente in possesso di una piccola porzione di centinaia di società diverse. Questo tipo di diversificazione è fondamentale per ridurre il rischio di perdita.

Se il tuo capitale di investimento viene investito solo in una o due azioni, hai bisogno di quelle ottengano un buon rendimento e non scendano, altrimenti potresti perdere i risparmi di tutta la tua vita. Non possiamo contare sul fatto che il mercato azionario faccia quello che vogliamo, quindi dobbiamo proteggere al meglio i nostri investimenti diversificando al meglio acquistando un certo numero di azioni. In questo modo, quando una delle nostre azioni subisce un colpo, le altre azioni che possediamo possono aumentare il margine di flessibilità.

Se non sai scegliere su quali azioni investire, o cerchi una unica soluzione di investimento ben diversificata, i fondi indicizzati sono la soluzione più facile e con buone performance nel lungo periodo.

2. Investire senza emozioni

I fondi indicizzati sono soluzioni ideali per gli investitori principianti perché non è necessario sapere molto su come scegliere le azioni per avere successo con loro. Alcune persone, se lasciate a se stesse, cercano di scommettere sul prossimo titolo caldo con il sogno di fare soldi velocemente, ma spesso queste persone si lascia prendere dal panico inizia a perdere denaro. Questo può portare a decisioni sbagliate, come investire in azioni che in realtà sono prive di valore e vendere quando dovresti resistere ancora un po’.

I fondi indicizzati eliminano la necessità di una selezione di titoli individuale perché offrono un insieme ordinato di società ben note e consolidate che hanno resistito a molti alti e bassi finanziari. Naturalmente, ciò potrebbe non fermare tutte le decisioni di investimento emotivo, ma se sei il tipo che vuole solo investire i tuoi soldi in qualcosa e non pensarci molto, un fondo indicizzato ti consente di farlo.

3. Commissioni basse

I fondi indicizzati sono fondi gestiti passivamente, il che significa che il gestore del fondo non sceglie le azioni incluse. Imitano l’indice di mercato su cui si basano e ciò significa che c’è meno lavoro da fare per i gestori di fondi. Sebbene le azioni del fondo possano cambiare nel tempo, i fondi indicizzati di solito registrano un turnover inferiore rispetto ai fondi comuni di investimento gestiti attivamente con azioni scelte dagli stessi gestori del fondo. Poiché c’è meno lavoro da fare per mantenere il fondo, non devi pagare tanto per possederlo.

Tutti i fondi comuni di investimento, compresi i fondi indicizzati, hanno rapporti di spesa o commissioni annuali che paghi per possedere il fondo. Di solito è una percentuale del tuo patrimonio, quindi se hai 100 euro investiti nel fondo e ha un rapporto di spesa dell’1%, pagherai 1 euro quell’anno. Un rapporto di spesa dell’1% potrebbe non sembrare così male, ma può diventare costoso, soprattutto se si ottiene sempre più denaro investito nel fondo.

I fondi indicizzati hanno spesso rapporti di spesa ben inferiori all’1%, mentre alcuni fondi gestiti attivamente possono avere rapporti di spesa del 2% o più. Quindi, anche in uno scenario in cui un fondo indicizzato e un fondo comune di investimento gestito attivamente vedono lo stesso tasso di rendimento in un dato anno, il fondo indicizzato vince perché stai pagando meno commissioni per possederlo.

4. Ottime prestazioni

I fondi indicizzati hanno i loro alti e bassi proprio come qualsiasi altro investimento, ma spesso superano molti fondi comuni di investimento gestiti attivamente. Nel 2008, Warren Buffett ha scommesso 1 milione di dollari sul fatto che un fondo indicizzato S&P 500 avrebbe sovraperformato cinque dei fondi comuni di investimento meglio gestiti attivamente del settore degli hedge fund in 10 anni. Che cosa è successo? Buffett ha vinto.

Come qualsiasi investimento, devi essere disposto ad accettare qualche rischio e avere fiducia che nel lungo periodo aumenterai la tua ricchezza. Sebbene il passato non sia un indicatore della performance futura, può essere rassicurante, soprattutto per i nuovi investitori, sapere che molti degli indici di mercato su cui si basano i fondi indicizzati hanno registrato una tendenza al rialzo nel tempo.

Come iniziare a investire in fondi indicizzati

Se pensi che i fondi indicizzati rappresenterebbero una grande opportunità di investimento per il tuo portafoglio, non devi cercarli troppo per trovarli. Molti Broker offrono una varietà di fondi indicizzati tra cui scegliere.

Innanzitutto, devi decidere quale indice desideri che il tuo fondo segua. Quindi, devi decidere quale fondo indicizzato è il migliore per te. Come investitore devi guardare i rapporti di spesa dei fondi, i minimi di investimento, i minimi di conto e altri dettagli per decidere quale è giusto per te. Una volta che hai trovato un fondo e un Broker che ti permetta di investire in un fondo indicizzato, devi solo mettere un po’ di soldi, sederti e guardarli crescere.

Resta aggiornato sulle nostre notizie

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite Doveinvestire su Google News, Facebook, Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Per restare aggiornati sulle notizie pubblicate sul nostro portale attiva le notifiche dal pulsante verde in alto (Seguici) o iscriviti al nostro canale Telegram di Dove Investire

Avviso esplicito sui rischi: non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali perdite o danni commerciali a causa di affidamento sulle informazioni contenute all’interno di questo sito, compresi i dati, le citazioni, i grafici e i segnali di acquisto/vendita. La negoziazione sui mercati finanziari è una delle forme più rischiose di investimento possibili. Tutti i prezzi e i segnali di acquisto/vendita sono indicativi e non adeguati ai fini di negoziazione, inoltre, non sono forniti da un cambio, ma piuttosto dai market maker, quindi potrebbero non essere precisi e possono differire dal prezzo effettivo di mercato. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali perdite commerciali nelle quali si potrebbe incorrere come conseguenza dell’utilizzo di questi dati. Il testo riportato non costituisce attività di consulenza da parte di Dove Investire né, tanto meno, offerta o sollecitazione ad acquistare o vendere strumenti finanziari. Le informazioni ivi riportate sono di pubblico dominio e sono considerate attendibili, ma il portale Dove Investire non è in grado di assicurarne l’esattezza. Tutte le informazioni sono date in buona fede sulla base dei dati disponibili, ma sono suscettibili di variazioni anche senza preavviso in qualsiasi momento dopo la pubblicazione. Si declina ogni responsabilità per qualsivoglia informazione esposta in questa pubblicazione. Si invita a fare affidamento esclusivamente sulle proprie valutazioni delle condizioni di mercato nel decidere se effettuare un’operazione finanziaria e nel valutare se essa soddisfa le proprie esigenze. La decisione di effettuare qualunque operazione finanziaria è a rischio esclusivo dei destinatari della presente informativa.

I migliori Broker Forex CFD selezionati da Dove Investire

Broker Caratteristiche Inizia
Plus500 Licenza ‎ASiC, CySEC, FCA
Il fornitore più quotato di CFD
Piattaforma WebTrader
apri ora
ActivTrades Licenza FCA, Consob
Protezione conto clienti
Formazione e affidabilità
apri ora
Markets.com CySEC, FSCA, FCA e ASIC
Tecnologie all’avanguardia
Strumenti di trading
apri ora
Roinvesting Licenza CySEC
Demo gratuita
MetaTrader 4 e App Mobile
apri ora
GKFX Licenza MFSA, Consob
Fondi dei clienti protetti
Segnali di trading in piattaforma
apri ora
101investing Licenza CySEC
Sconto sullo swap fino al 50%
Piattaforma MT4 e Mobile
apri ora
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74 e l’89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

Cosa pensa Warren Buffett di azioni, obbligazioni, oro, contanti, immobili, fondi indicizzati e criptovalute

Se non sai dove investire e sei indeciso su azioni, obbligazioni, oro, immobili, fondi indicizzati o criptovalute, il pensiero di Warren Buffett ti può essere di aiuto

2 Commenti

  1. Ciao, che ne pensi di questo?
    Di media quanto frutterebbe all’anno?

    Vanguard FTSE All-World High Dividend Yield UCITS ETF Distributing

  2. È un ETF nato nel 2019. Può vedere le performance aggiornate sul sito di borsaitaliana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.