Home / Analisi dei mercati / Qualcosa sta frenando il rally dell’oro

Qualcosa sta frenando il rally dell’oro

Per la terza sessione consecutiva l’oro continua a guadagnare terreno anche se alcune notizie derivanti dagli Stati Uniti stanno frenando il suo rally.

Nella giornata odierna, il prezzo dell’oro AUX/USD ha superato nuovamente il livello di resistenza posto a 1.600 dollari oncia per poi trovare ostacoli nella sua strada.

Il metallo giallo si è apprezzato in seguito alla debolezza del Dollaro USA mostrata dopo l’annuncio della Fed di lanciare uno storico programma di un ‘QE infinito’ per compensare il tumulto economico causato dall’epidemia di coronavirus.

Nel momento della stampa il cambio AUX/USD si trova in prossimità dei 1.600 dollari, dopo aver raggiunto i massimi intraday a 1.612 dollari.

Ad ostacolare la corsa dell’oro sono le notizie secondo cui il Senato degli Stati Uniti e l’amministrazione Trump siano vicini al raggiungimento di un accordo bipartisan sul massiccio pacchetto di spesa per combattere il coronavirus, e questo ha rafforzato la fiducia degli investitori. Ciò è stato evidente da una forte ripresa della propensione al rischio globale e rafforzata da solidi guadagni nei mercati azionari, che ha smorzato la domanda di beni rifugio, oro compreso.

Nel frattempo, lo stato d’animo del rischio ha permesso ai rendimenti dei titoli del Tesoro USA di rimbalzare rapidamente questo martedì, il che ha ulteriormente contribuito a mantenere un freno a qualsiasi corsa in fuga per il metallo giallo.

L’oro ha ridotto una parte dei guadagni di questa mattina ed ora sembra essersi stabilizzato nella cifra rotonda di 1.600 prima dei dati flash PMI manifatturieri e dei servizi statunitensi.

Commento sull’ORO da parte degli esperti

Carlo Alberto De Casa, Chief analyst ActivTrades, ha commentato questa mattina il mercato dell’oro nella rubrica ActivTrades Markets Commentary:

Il lancio da parte della Federal Reserve di un pacchetto di stimoli monetari potenzialmente illimitato e la chiusura di alcune raffinerie d’oro svizzere a causa del coronavirus stanno creando uno scenario molto positivo per il lingotto. Pertanto non sorprende che il prezzo sia in rialzo nonostante il ritorno temporaneo di una leggera propensione al rischio sui mercati. L’enorme ‘Quantitative Easing’ promesso dalla FED sta spingendo le borse al rialzo e stiamo dunque assistendo ad una correlazione positiva tra oro e indici, entrambi in ripresa. Gli investitori scommettono che il coronavirus potrà essere sconfitto in tempi ragionevoli, ma anche che le banche centrali sono ancora in grado di fermare la crisi economica che probabilmente seguirà questa crisi sanitaria con una politica monetaria iper-espansiva. Questo è un altro elemento positivo per il lingotto, poiché a differenza delle banconote, l’oro non può essere stampato.

Resta aggiornato sulle nostre notizie

Prestare attenzione è d’obbligo, il consiglio è quello di restare aggiornati sulle notizie. Per fare questo, attiva le notifiche dal pulsante verde in alto (Seguici) o iscriviti al nostro canale Telegram di Dove Investire o visita la nostra pagina Facebook www.facebook.com/doveinvestire.blog

Seguici su:

Avviso esplicito sui rischi: non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali perdite o danni commerciali a causa di affidamento sulle informazioni contenute all’interno di questo sito, compresi i dati, le citazioni, i grafici e i segnali di acquisto/vendita. La negoziazione sui mercati finanziari è una delle forme più rischiose di investimento possibili. Tutti i prezzi e i segnali di acquisto/vendita sono indicativi e non adeguati ai fini di negoziazione, inoltre, non sono forniti da un cambio, ma piuttosto dai market maker, quindi potrebbero non essere precisi e possono differire dal prezzo effettivo di mercato. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali perdite commerciali nelle quali si potrebbe incorrere come conseguenza dell’utilizzo di questi dati. Il testo riportato non costituisce attività di consulenza da parte di Dove Investire né, tanto meno, offerta o sollecitazione ad acquistare o vendere strumenti finanziari. Le informazioni ivi riportate sono di pubblico dominio e sono considerate attendibili, ma il portale Dove Investire non è in grado di assicurarne l’esattezza. Tutte le informazioni sono date in buona fede sulla base dei dati disponibili, ma sono suscettibili di variazioni anche senza preavviso in qualsiasi momento dopo la pubblicazione. Si declina ogni responsabilità per qualsivoglia informazione esposta in questa pubblicazione. Si invita a fare affidamento esclusivamente sulle proprie valutazioni delle condizioni di mercato nel decidere se effettuare un’operazione finanziaria e nel valutare se essa soddisfa le proprie esigenze. La decisione di effettuare qualunque operazione finanziaria è a rischio esclusivo dei destinatari della presente informativa.

I migliori Broker Forex CFD selezionati da Dove Investire

Broker Caratteristiche Inizia
Plus500 Licenza ‎ASiC, CySEC, FCA
Il fornitore più quotato di CFD
Piattaforma WebTrader
apri ora
ATFX Licenza FCA
Spread competitivi
Zero commissioni
apri ora
ActivTrades Licenza FCA, Consob
Protezione conto clienti
Formazione e affidabilità
apri ora
ETFinance Licenza CySEC
Spread stretti
Piattaforma MT4
apri ora
GMO Trading Licenza CySEC
Demo gratuita
MetaTrader 4 e App Mobile
apri ora
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 68 e l’89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

Impennata del prezzo dell’oro in seguito all’annuncio della Fed

Il prezzo dell'oro in forte rialzo in questo inizio di settimana. Il metallo prezioso vola a 1.540 dollari con un rialzo superiore al 3% in seguito seguito all'annuncio della Fed

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.