Home / Mercati finanziari / Le banche centrali scatenano un forte recupero dei mercati, ma le discese ripartiranno

Le banche centrali scatenano un forte recupero dei mercati, ma le discese ripartiranno

Dopo le decisioni delle banche centrali, atte a sostenere con liquidità praticamente infinita i mercati, sono cominciate le correzioni al rialzo per i mercati azionari e, di conseguenza, anche il mercato valutario ne ha beneficiato sensibilmente. Le correzioni, che avevamo richiamato nelle scorse sedute, specie sulle oceaniche, hanno cominciato a manifestarsi con rialzi di AudUsd e NzdUsd che ormai dai minimi, sono dell’ordine percentuale dell’8% circa, con 500 pips di rialzo circa di AudUsd dai minimi di 0.5510 e 420 pips per NzdUsd pari a circa il 7%. Anche UsdCad ha finalmente mollato la presa scendendo dai massimi di 1.4650 di circa 300 pips pari a poco più del 2%. Anche EurUsd e Cable hanno rialzato la testa, salendo di 200 pips il primo pari a circa il 2% e 430 pips il secondo pari 2.4%. Insomma movimenti che dopo il collasso che avevamo osservato la settimana precedente rappresenta un movimento ancora parziale e limitato. Si tratta quindi di una prima correzione verso la quale dobbiamo andare a cercare i futuri livelli da dove, presumibilmente, ripartiranno le discese, perchè anche se le banche centrali, per ora, hanno messo un freno a questa emorragia di valute diverse dal dollaro, la sensazione che il movimento non si sia esaurito definitivamente, è presente in tutti noi. Pertanto occorre andare a cercare i livelli obiettivo di questa onda correttiva che potrebbe durare ancora qualche giorno, specie se Wall Street verrà continuamente alimentata dalle dichiarazioni dell’amministrazione Trump.

Se partiamo proprio dal Cable, scopriamo che sui grafici H4, l’eventuale superamento di 1.1930, che rappresenta il massimo della prima correzione violenta vista Venerdì scorso, aprirebbe la strada al retest dei livelli di 1.2020 e 1.2130 e 1.2190, precedenti minimi intorno ai quali i prezzi avevano swingato ripetutamente e che ora rappresenterebbero degli eventuali punti di primo obiettivo. Solo in quelle aree potremo eventualmente cercare delle correzioni al ribasso, che potranno dirci, a seconda della loro intensità, se riprenderemo a scendere nel trend originario oppure se andremo a fare ultimi tentativi al ribasso per costruire invece un movimento di medio e lungo termine rialzista. Lo stesso scenario è presente sulle altre coppie valutarie, con grafici molto simili e tipici di un mercato dollarocentrico quale è quello che osserviamo in questo periodo, che stride rispetto a quel che in linea teorica dovrebbe essere una fase di risk off, nella quale generalmente, ogni rapporto di coppia valutaria vive movimenti suoi a seconda di quale sia la valuta rifugio e quale quella invece da investimento, con la valuta rifugio dominante.

In questa circostanza quindi, la correlazione vigente di risk off coincide paradossalmente con la correlazione classica (quella dollarocentrica per cui se il dollaro sale contro una valuta sale anche contro un’altra) ma solo ed esclusivamente in ragione del fatto che, avendo tagliato drasticamente i tassi ed essendo ancora l’unico paese ad aver offerto rendimenti degni di tal nome fino a pochi mesi fa, gli Usa e quindi il dollaro, rappresentano la valuta rifugio per eccellenza, ancor più dello Jpy. Ciò è in contrasto con quanto, in passato, si è notato durante le grandi crisi rispetto all’andamento del UsdJpy che nel 2010, alla fine della crisi Lehman, andò addirittura a testare quota 75.00 mentre oggi lo troviamo, nel pieno della crisi, a 111.20. La storia in questo caso non si è ripetuta. E le ragioni, oltre a quelle sopraccitate, sono legate alla presenza di una Boj attiva e decisa a non far salire la valuta. Per quanto riguarda quindi, le oceaniche ci aspettiamo ancora un movimento correttivo di circa l’1% per poi arrivare su resistenze chiave che non sarà facile rompere, mentre forse UsdCad, al ribasso trova maggiore spazio di discesa con target intorno a 1.4150. Lo stesso dollar index che di massimo ha raggiunto quasi quota 104.00, potrebbe tornare, in questa fase, anche fino a 100.00, livello dove poi andranno considerati molti fattori prima di eventualmente ipotizzare nuovi scenari. Per ora quindi lo scenario sembra ancora correttivo, ma si deve sempre fare attenzione ai colpi di coda, dato che è un mercato estremamente volatile.

Buona giornata e buon trading.

Saverio Berlinzani per ActivTrades.

ActivTrades

Profilo dell’analista

Saverio Berlinzani

Nel 1989 inizia il suo percorso lavorativo nel mercato valutario come spot trader per il Banco Lariano. Dal ’91 per la Banque San Paolo di Parigi come trader su lira e franco francese. Dal ‘92 presso il Banco Lariano di Milano spot trader su tutte le valute SME. Dal ’95 per Swiss Bank Corporation capo cambista – Lugano, Ginevra, Londra.

In questi anni, oltre alla specializzazione sul mercato dello spot come market maker, ha sviluppato conoscenze del mercato dei derivati come trader di posizionamento per l’Istituto (Opzioni vanilla ed esotiche), nonché conoscenza diretta delle valute legate ai paesi emergenti (carry trades).

Dal ’98 è rientrato in Italia come Libero professionista in qualità di Consulente Finanziario e Patrimoniale – Presidente e socio fondatore di una società broker in forex. Dal 2009 ad oggi, trader indipendente nel mercato valutario fondatore del sito www.saveforex.it, community di traders con cui condivide quotidianamente in tempo reale la sua operatività forex attraverso una chat e un webinar live.

Chi è ActivTrades

ActivTrades (www.activtrades.eu/it) è un Broker specializzato nella negoziazione di Forex e CFD. Fondata nel 2001, è oggi una delle società leader del settore.
Il suo obbiettivo è quello di massimizzare le attività di trading dei propri clienti, offrendo ad essi una combinazione unica di elementi quali una vasta gamma di strumenti finanziari, spread competitivi e un eccezionale servizio di assistenza.

Dal suo quartier generale, situato nella City di Londra, ActivTrades offre i suoi servizi a una vasta clientela globale che, negli anni, ha potuto apprezzarne l’innovazione continua, l’eccellente ambiente di trading e un’efficace gestione del rischio.

Il Servizio di assistenza ai clienti di ActivTrades è disponibile 24 ore al giorno, da domenica sera a venerdì sera, in 14 lingue tra cui Italiano, Inglese, Francese, Spagnolo, Cinese e Arabo.

La società ActivTrades Plc è autorizzata e regolamentata dalla Financial Conduct Authority. Registrazione presso la FCA n. 434413. Iscritta all’Albo delle imprese di investimento comunitarie con succursale al n. 97. ActivTrades Corp è autorizzata e regolata dalla Securities Commission of The Bahamas. ActivTrades Corp è una azienda commerciale internazionale registrata nel Commonwealth delle Bahamas, con numero di registrazione 199667 B.

I vantaggi di fare trading con ActivTrades

Il Broker londinese ActivTrades offre le migliori condizioni di trading confermate dai più prestigiosi riconoscimenti e sostenuta da trader di tutto il mondo

Miglior esecuzione

Trading con precisione a partire da 0,5 pip su EURUSD, senza requote o costi nascosti.

Supporto Clienti Pluripremiato

Assistenza 24/5, via email, chat e telefono in oltre 14 lingue.

Protezione dei fondi

Assicurazione integrativa per proteggerti fino a 1.000.000£

Il trading mobile

Fai trading ovunque tu sia, con la nostra piattaforma web o mobile.

  • No commissioni nè costi nascosti per aprire o chiudere un ordine;
  • Trading a partire da un micro lotto e massimizza la flessibilità del tuo trading con leva;
  • Supporto clienti italiano rapido e disponibile;
  • Le migliori piattaforme di trading;
  • Webinar settimanali e formazione personalizzata con formatori specializzati;
  • Demo gratuita.
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Il 69% di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con ActivTrades. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

I migliori Broker Forex CFD selezionati da Dove Investire

Broker Caratteristiche Inizia
Plus500 Licenza ‎ASiC, CySEC, FCA
Il fornitore più quotato di CFD
Piattaforma WebTrader
apri ora
ATFX Licenza FCA
Spread competitivi
Zero commissioni
apri ora
ActivTrades Licenza FCA, Consob
Protezione conto clienti
Formazione e affidabilità
apri ora
ETFinance Licenza CySEC
Spread stretti
Piattaforma MT4
apri ora
GMO Trading Licenza CySEC
Demo gratuita
MetaTrader 4 e App Mobile
apri ora
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 68 e l’89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

Analisi dei mercati finanziari del 31 Marzo | ActivTrades Markets Commentary

Mattinata in rialzo per mercati azionari, cosi come il dollaro USA e il petrolio dopo l'ennesimo crollo dei prezzi di ieri. In calo invece l'oro con investitori che stanno mostrando interesse verso attività rischiose

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.