Home / Mercato Azionario / I profitti di Tesla non derivano dalla vendita di automobili

I profitti di Tesla non derivano dalla vendita di automobili

Tesla (NASDAQ: TSLA) è un’azienda automobilistica del valore di oltre 800 miliardi di dollari che non ha mai realizzato un profitto vendendo auto. Nonostante un seguito di culto e un’intensa fedeltà al marchio, Tesla non è stata in grado di estrarre alcun profitto dal mezzo milione di auto che ora vende ogni anno.

Per essere chiari, Tesla ha registrato un profitto per il 2020, secondo i Generally Accepted Accounting Principles o GAAP (lo standard contabile adottato dalla Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti), l’azienda automobilistica ha segnando il primo anno di redditività per l’azienda. Ma quel profitto non proveniva dal core business della produzione di automobili. Tesla ha registrato un enorme 1,58 miliardi di entrate di entrate dalla vendita di crediti regolamentari lo scorso anno, più dei tre anni precedenti messi insieme. L’utile netto di Tesla di 721 milioni di dollari nel 2020 si trasforma in una perdita sostanziale se tali vendite di crediti regolamentari vengono ritirate.

Ti potrebbe interessare: Vuoi investire in azioni Tesla? Prima dovresti guardare questo grafico

Una miniera d’oro

Alcuni stati americani assegnano crediti normativi (regulatory credit) alle case automobilistiche per la vendita di veicoli elettrici. Le case automobilistiche devono acquisire un numero minimo di questi crediti per essere conformi ai requisiti normativi. Questi crediti possono essere acquistati e venduti, quindi una casa automobilistica che non vende abbastanza veicoli elettrici può acquistare crediti da altre case automobilistiche che lo fanno.

Questo sistema di credito regolamentare è un tentativo dei governi di incoraggiare la produzione di veicoli elettrici e ridurre le emissioni. Ha finito essenzialmente per sovvenzionare l’operazione automobilistica di Tesla. Poiché Tesla produce solo auto elettriche, è in grado di vendere un gran numero di crediti ad altre case automobilistiche che non vogliono o non sono in grado di produrre abbastanza auto elettriche.

È ovvio che questa situazione non durerà per sempre. Le case automobilistiche stanno intensificando in modo aggressivo i loro sforzi sui veicoli elettrici e non c’è motivo di credere che Tesla abbia un vantaggio reale oltre al suo marchio.
Un esempio: General Motors sta investendo miliardi per la produzione di veicoli elettrici, con un obbiettivo di produrre per dozzine di modelli nei prossimi anni. General Motors ha anche recentemente svelato un nuovo marchio di veicoli elettrici commerciali e il gigante delle consegne FedEx sarà uno dei principali clienti.

Questo guadagno di credito regolamentare per Tesla inizierà a svanire mentre altre case automobilistiche aumentano le vendite di veicoli elettrici. Tesla dovrà quindi riuscire a produrre automobili in modo redditizio.

Una valutazione estrema

La valutazione di Tesla di oltre 800 miliardi di dollari è quadrupla rispetto a quella di Toyota. Toyota ha venduto quasi 10 milioni di auto nel 2020, rispetto a mezzo milione di Tesla.

Probabilmente non importa quanto bene Tesla se la caverà nei prossimi anni perché la valutazione è così estrema che un risultato positivo per gli investitori potrebbe non bastare per mantene i prezzi delle azioni tesla ai livelli attuali. L’azienda può andare bene, anche molto bene, ma le azioni potrebbero crollare.

Ecco un esempio tratto dalla bolla delle dot-com. Le azioni di Cisco Systems hanno raggiunto il massimo storico di circa 80 dollari all’inizio del 2000. L’azienda di hardware di rete è stata valutata quasi 550 dollari miliardi al suo apice. Oggi, Cisco è il fornitore dominante di hardware di rete aziendale. La quota dell’azienda nel mercato si aggira intorno al 50% nonostante non manchi la concorrenza a basso costo. Il fatturato di Cisco è passato da circa 19 miliardi di dollari nel 2000 a quasi 50 miliardi di dollari oggi. L’utile netto è passato da 2,7 miliardi di dollari a oltre 11 miliardi di dollari. L’azienda Cisco è una storia di indiscutibile successo. Le azioni Cisco, d’altra parte, sono state un disastro assoluto. Chi ha investito in azioni Cisco al suo apice, ora si trova con una perdita oltre il 40% in più di 20 anni dopo. L’azienda vale oggi circa 200 miliardi di dollari. Avevi ragione sulla società, ma molto torto riguardo alle azioni.

Tesla sta andando bene nel lungo periodo, ma questo non garantisce in alcun modo che le sue azioni vadano bene. Puoi avere ragione sul fatto che Tesla diventi una delle migliori case automobilistiche e inizi a produrre milioni di auto all’anno con un profitto, ma una valutazione è così alta potrebbe non avere importanza.

Leggi anche: Previsioni su Azioni Tesla. I prezzi potrebbero raggiungere i 1.500 dollari

Quotazioni azioni Tesla in tempo reale

Ti potrebbe interessare Come investire in azioni Tesla

Resta aggiornato sulle nostre notizie

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite Doveinvestire su Google News, Facebook, Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Per restare aggiornati sulle notizie pubblicate sul nostro portale attiva le notifiche dal pulsante verde in alto (Seguici) o iscriviti al nostro canale Telegram di Dove Investire

Avviso esplicito sui rischi: non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali perdite o danni commerciali a causa di affidamento sulle informazioni contenute all’interno di questo sito, compresi i dati, le citazioni, i grafici e i segnali di acquisto/vendita. La negoziazione sui mercati finanziari è una delle forme più rischiose di investimento possibili. Tutti i prezzi e i segnali di acquisto/vendita sono indicativi e non adeguati ai fini di negoziazione, inoltre, non sono forniti da un cambio, ma piuttosto dai market maker, quindi potrebbero non essere precisi e possono differire dal prezzo effettivo di mercato. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali perdite commerciali nelle quali si potrebbe incorrere come conseguenza dell’utilizzo di questi dati. Il testo riportato non costituisce attività di consulenza da parte di Dove Investire né, tanto meno, offerta o sollecitazione ad acquistare o vendere strumenti finanziari. Le informazioni ivi riportate sono di pubblico dominio e sono considerate attendibili, ma il portale Dove Investire non è in grado di assicurarne l’esattezza. Tutte le informazioni sono date in buona fede sulla base dei dati disponibili, ma sono suscettibili di variazioni anche senza preavviso in qualsiasi momento dopo la pubblicazione. Si declina ogni responsabilità per qualsivoglia informazione esposta in questa pubblicazione. Si invita a fare affidamento esclusivamente sulle proprie valutazioni delle condizioni di mercato nel decidere se effettuare un’operazione finanziaria e nel valutare se essa soddisfa le proprie esigenze. La decisione di effettuare qualunque operazione finanziaria è a rischio esclusivo dei destinatari della presente informativa.

FORMAZIONE Trading a 360°. Scarica GRATIS i nuovi EBOOK sul TRADING!

I migliori Broker Forex CFD selezionati da Dove Investire

Broker Caratteristiche Inizia
NSBroker Licenza MFSA, FCA, Consob
Piattaforma di trading avanzata
Trading su criptovalute
apri ora
ActivTrades Licenza FCA, Consob
Protezione conto clienti
Formazione e affidabilità
apri ora
Roinvesting Licenza CySEC
Demo gratuita
MetaTrader 4 e App Mobile
apri ora
101investing Licenza CySEC
Sconto sullo swap fino al 50%
Piattaforma MT4 e Mobile
apri ora
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74 e l’89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

Come comportarsi per investire azioni Tesla per la pensione

Pensi che Tesla possa aiutarti ad andare in pensione più serenamente? Ecco cosa devi fare per investire in azioni Tesla in questo momento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.