Home / Mercato Azionario / Guadagni Amazon, che cosa aspettarsi sui risultati del primo trimestre del 2021?

Guadagni Amazon, che cosa aspettarsi sui risultati del primo trimestre del 2021?

Gli investitori scopriranno presto in che modo la pandemia COVID-19 ha influenzato i risultati finanziari di Amazon per il primo trimestre del 2021.

Amazon ha annunciato che rilascerà i risultati del primo trimestre 2021 dopo la chiusura del mercato giovedì 29 aprile. Una teleconferenza con gli analisti è prevista per lo stesso giorno alle 17:30. EDT (ore 23:30 in Italia)

La maggior parte degli investitori è ottimista riguardo al rapporto del gigante dell’e-commerce e della tecnologia. L’azienda ha una solida esperienza di battere facilmente, spesso in modo schiacciante, la propria guida e le stime di consenso di Wall Street.

Negli ultimi tre trimestri del 2020, i guadagni di Amazon hanno superato le aspettative degli analisti di un enorme 606% (secondo trimestre), 67% (terzo trimestre) e 95% (quarto trimestre).

Come per tutti e quattro i trimestri dello scorso anno, gli investitori possono aspettarsi che la pandemia COVID-19 abbia fornito una spinta alle entrate del primo trimestre dell’azienda e probabilmente un certo grado di vento contrario ai suoi profitti.

Le azioni Amazon (NASDAQ: AMZN) hanno guadagnato oltre il 50% nel periodo di un anno fino al 27 aprile, superando il rendimento del 46% dell’indice S&P 500.

Cosa guardare nel prossimo rapporto Q1 di Amazon

La direzione prevede che l’utile operativo del primo trimestre varierà da 3 miliardi a 6,5 miliardi di dollari, rispetto ai 4 miliardi nello stesso periodo di un anno fa. Questa prospettiva ipotizza circa 2 miliardi di dollari di costi legati alla pandemia. Questo intervallo indicativo rappresenta un reddito operativo in calo del 25% fino a un aumento del 63% su base annua.

Per quanto riguarda il contesto dei ricavi, nel primo, secondo, terzo e quarto trimestre dello scorso anno, la crescita del fatturato di Amazon su base annua è stata rispettivamente del 26%, 40%, 37% e 44%. I risultati del terzo trimestre sottovalutano la performance sottostante dell’azienda, mentre è vero il contrario per il quarto trimestre. Ciò è dovuto all’evento annuale Prime Day che si è tenuto nel quarto trimestre del 2020, piuttosto che nel suo solito terzo trimestre, a causa della pandemia.

Amazon nel primo trimestre del 2020 ha registrato un EPS (parte dell’utile netto di una società quotata concessa a ciascuna delle azioni ordinarie in circolazione) in calo del 29% anno su anno. Il calo è dovuto al fatto che la società ha sostenuto grosse spese all’inizio della pandemia e ai consumatori concentrati esclusivamente sull’acquisto di beni di prima necessità con margini inferiori nelle prime fasi della crisi.

Nell’ultimo trimestre, le entrate di Amazon sono aumentate del 44% anno su anno a 125,6 miliardi dollari. I ricavi nei segmenti Nord America, internazionale e Amazon Web Services sono aumentati rispettivamente del 40%, 57% e 28%. Il risultato di punta ha superato i 119,7 miliardi di dollari che Wall Street si aspettava, così come l’intervallo di previsione della società da 112 miliardi di dollari a 121 miliardi di dollari. L’EPS è salito del 118% a 14,09 dollari, schiacciando la stima di consenso di 7,19 dollari.

Previsioni per il secondo trimestre 2021

Il mercato azionario guarda avanti, quindi qualsiasi movimento in seguito ai risultati finanziari per le azioni Amazon dipenderà probabilmente più dalle previsioni del secondo trimestre della società rispetto ai risultati del primo trimestre.

Amazon fornisce una guida sui ricavi e il reddito operativo, ma non per i guadagni. Tuttavia, le sue previsioni sul reddito operativo offrono agli investitori un’idea di riferimento su quale variazione percentuale anno su anno la società si aspetta sulla linea di fondo.

Per il secondo trimestre del 2021, gli analisti prevedono che i ricavi aumenteranno del 21% anno su anno a 107,9 miliardi di dollari e l’EPS rettificato aumenterà di circa il 5% a 10,78 dollari.

Amazon ha raggiunto i 200 milioni di utenti Prime

Nella lettera agli azionisti datata 15 aprile, il CEO di Amazon Jeff Bezos ha annunciato, tra le altre cose, che la società ha raggiunto i 200 milioni di utenti Prime. Un’impresa straordinaria, senza dubbio. La pandemia di coronavirus ha sicuramente avuto un ruolo fondamentale nell’accelerare le iscrizioni a Prime.

Amazon ha riportato l’ultima volta il totale degli abbonamenti nel gennaio 2020, rivelando che aveva 150 milioni. Ciò significherebbe che Amazon ha aggiunto 50 milioni di abbonati in poco più di 12 mesi. Ecco perché è importante per gli azionisti e per coloro che sono interessati al titolo.

Oltre a pagare una quota di abbonamento mensile o annuale, i membri Prime acquistano più spesso e spendono più dei non abbonati. Secondo Statista, nel 2018, i membri Prime hanno fatto acquisti su Amazon il doppio delle volte rispetto a quelli con account gratuiti. Amazon ha ora una base di 200 milioni di membri di acquirenti di alto valore. Ciò, a sua volta, attirerà aziende di terze parti sul suo sito, il che crea più valore per gli utenti attraverso una maggiore selezione di articoli. L’effetto di rete è potente e renderà difficile per i concorrenti sottrarre clienti da Amazon, creando un vantaggio competitivo sostenibile.

Come parte del loro abbonamento, le persone iscritte ad Amazon Prime ricevono la spedizione rapida e gratuita su milioni di articoli e l’accesso al servizio di streaming Prime Video di Amazon, tra le altre cose, il tutto a un prezzo che è in genere inferiore a un abbonamento a Netflix.

I ricavi degli abbonamenti, che includono le tariffe pagate per gli abbonamenti Prime, sono aumentati del 34% nell’ultimo trimestre, raggiungendo i 7 miliardi di dollari. Questa cifra in crescita ha subito un’accelerazione in ogni trimestre del 2020. L’aumento del tasso di crescita dei ricavi nel segmento potrebbe indicare che l’adozione dell’abbonamento a Prime ha subito un’accelerazione nel corso dell’anno.

Le persone che hanno sottoscritto un abbonamento Prime potrebbero mantenere le abitudini di acquisto sviluppate durante la pandemia e questo potrebbe alleviare la preoccupazione degli investitori che i clienti tornino a spendere nei negozi fisici all’indomani della pandemia. Oltre a offrire sicurezza ai consumatori, fare acquisti su Amazon offre comodità. Il desiderio di tale comodità potrebbe diventare ancora più forte, in quanto le persone che hanno iniziato a utilizzare Amazon durante la pandemia hanno poca intenzione di tornare a fare acquisti di persona in qualsiasi momento presto, e questo potrebbe aumentare entrate e profitti per diversi anni.

Ti potrebbe interessare: Come investire in azioni Amazon

Grafico azioni Amazon in tempo reale

Ti potrebbe interessare:

Come investire in azioni

Gli investimenti in azioni sono un modo per generare reddito, risparmiare per il futuro e speculare su singole aziende, su diversi settori e sull’intero mercato azionario. Naturalmente il valore di questi investimenti può calare così come aumentare. In questa breve guida in 7 passaggi, presenteremo le nozioni di base degli investimenti.

Il modo più semplice per investire in azioni è quello di aprire un conto per la negoziazione di azioni. Puoi farlo QUI. È una procedura piuttosto semplice e in pochi minuti potresti essere pronto a costruire il tuo portafoglio azionario personale.

Potrai scegliere singole azioni o scegliere di investire in panieri più ampi di azioni che ti offrono un’esposizione a diverse aree dell’economia. Esempio: azioni Microsoft e Amazon.

Dove investire su azioni

Investire in azioni di borsa è tra le attività preferite di moltissime persone che sognano di guadagnare soldi con pochi sforzi e grazie alle proprie previsioni. Oggi, grazie al trading su CFD, chiunque può accedere facilmente ai mercati finanziari e comprare azioni, anche con un piccolo capitale di partenza.

Broker online come per esempio Markets.com (vedi qui la recensione di Markets.com) mette a disposizione una serie di strumenti per investire su principali mercati in modo semplice e sicuro grazie a piattaforme di trading all’avanguardia utilizzabili da qualsiasi PC o smartphone.

Markets.com è uno dei Broker Forex CFD tra i più conosciuti al mondo. Ha sede in Europa e gode di tutte le regolamentazioni necessarie per operare con la massima tranquillità e sicurezza. Markets.com è un brand gestito da Safecap Investments Limited (“Safecap”) Regolamentato dalla CySEC con licenza numero 092/08 e dalla FSCA con licenza numero 43906.

Markets.com offre una commissione flat per il trading di azioni. Non sono previste spese iniziali e per i primi tre mesi potrai acquistare e vendere azioni con lo 0% di commissioni.

Registrandoti su Markets.com potrai provare gratuitamente Marketsx la piattaforma di investimento all’avanguardia che include gli spread più bassi nel settore e una suite completa di potenti strumenti di gestione del rischio. Sono inclusi una serie di strumenti fondamentali, tecnici e del sentiment che ti consentono di prendere decisioni più informate.

Per conoscere l’offerta di Markets.com visita il sito https://markets.com/it/

Resta aggiornato sulle nostre notizie

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite Doveinvestire su Google News, Facebook, Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Per restare aggiornati sulle notizie pubblicate sul nostro portale attiva le notifiche dal pulsante verde in alto (Seguici) o iscriviti al nostro canale Telegram di Dove Investire

Avviso esplicito sui rischi: non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali perdite o danni commerciali a causa di affidamento sulle informazioni contenute all’interno di questo sito, compresi i dati, le citazioni, i grafici e i segnali di acquisto/vendita. La negoziazione sui mercati finanziari è una delle forme più rischiose di investimento possibili. Tutti i prezzi e i segnali di acquisto/vendita sono indicativi e non adeguati ai fini di negoziazione, inoltre, non sono forniti da un cambio, ma piuttosto dai market maker, quindi potrebbero non essere precisi e possono differire dal prezzo effettivo di mercato. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali perdite commerciali nelle quali si potrebbe incorrere come conseguenza dell’utilizzo di questi dati. Il testo riportato non costituisce attività di consulenza da parte di Dove Investire né, tanto meno, offerta o sollecitazione ad acquistare o vendere strumenti finanziari. Le informazioni ivi riportate sono di pubblico dominio e sono considerate attendibili, ma il portale Dove Investire non è in grado di assicurarne l’esattezza. Tutte le informazioni sono date in buona fede sulla base dei dati disponibili, ma sono suscettibili di variazioni anche senza preavviso in qualsiasi momento dopo la pubblicazione. Si declina ogni responsabilità per qualsivoglia informazione esposta in questa pubblicazione. Si invita a fare affidamento esclusivamente sulle proprie valutazioni delle condizioni di mercato nel decidere se effettuare un’operazione finanziaria e nel valutare se essa soddisfa le proprie esigenze. La decisione di effettuare qualunque operazione finanziaria è a rischio esclusivo dei destinatari della presente informativa.
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Il 75,6% di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con Markets.com. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

FORMAZIONE Trading a 360°. Scarica GRATIS i nuovi EBOOK sul TRADING!

I migliori Broker Forex CFD selezionati da Dove Investire

Broker Caratteristiche Inizia
Plus500 Licenza ‎ASiC, CySEC, FCA
Il fornitore più quotato di CFD
Piattaforma WebTrader
apri ora
ActivTrades Licenza FCA, Consob
Protezione conto clienti
Formazione e affidabilità
apri ora
Markets.com CySEC, FSCA, FCA e ASIC
Tecnologie all’avanguardia
Strumenti di trading
apri ora
Roinvesting Licenza CySEC
Demo gratuita
MetaTrader 4 e App Mobile
apri ora
GKFX Licenza MFSA, Consob
Fondi dei clienti protetti
Segnali di trading in piattaforma
apri ora
101investing Licenza CySEC
Sconto sullo swap fino al 50%
Piattaforma MT4 e Mobile
apri ora
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74 e l’89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

Cosa c’è dietro la caduta di martedì del Nasdaq?

Nasdaq in forte calo, investitori vendono azioni tech a grande capitalizzazione, cosa c'è dietro e come ti devi comportare se il mercato azionario dovesse continuare a scendere?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.