18 Luglio, 2024
Richiedi gli ebook "Come Investire in Azioni di Borsa" e "Investire in Intelligenza Artificiale"Richiedi gli ebook "Come Investire in Azioni di Borsa" e "Investire in Intelligenza Artificiale"
Altro
    CriptovaluteLa bolla delle criptovalute sta scoppiando, per questi motivi

    La bolla delle criptovalute sta scoppiando, per questi motivi

    Investire in criptovalute nell’ultimo anno è stato sicuramente emozionante ma ora potrebbe essere il momento giusto per ritirarsi, la bolla sta scoppiando

    Per più di 100 anni, il mercato azionario è stato uno dei maggiori strumenti dove creare ricchezza. Le azioni sono passate in secondo piano rispetto alle abitazioni, al petrolio e all’oro per brevi periodi di tempo nel secolo scorso, ma hanno fornito i rendimenti costanti più elevati di qualsiasi strumento di investimento. Questo fino a quando le criptovalute non sono arrivate poco più di dieci anni fa.

    L’emergere di Bitcoin (BTC), Ethereum (ETH) e una miriade di altre valute digitali hanno aperto la strada a guadagni straordinari. Ad esempio, un investimento di 155 dollari in Bitcoin quando il suo valore era di 1 dollaro,  sarebbe valso oltre 1 milione di dollari quando la prima criptovaluta ha raggiunto 64.800 dollari a token a metà aprile.

    Ma nelle ultime due settimane, le criptovalute sono letteralmente crollate giù per il precipizio. Alcuni chiamerebbero questo crollo un ritiro naturale dopo l’enorme corsa degli ultimi mesi. Ma questo a potrebbe avere un nome diverso da “ritiro naturale”, potrebbe essere lo “scoppio della bolla delle criptovalute“.

    Anche se non mancano gli appassionati che credono che le valute digitali siano la cosa migliore che il mercato finanziario possa offrire, il mercato delle criptovalute stia implodendo e questo sono i 10 motivi che lo confermano.

    Scarica l'ebook su Bitcoin Scarica l'ebook su Bitcoin

    L’utilità delle criptovalute nel mondo reale è minima

    Uno dei maggiori svantaggi della valuta digitale è che è praticamente inutile al di fuori di uno scambio di criptovaluta. Sebbene abbiamo visto un piccolo numero di aziende o organizzazioni di alto profilo accettare Bitcoin o Dogecoin, la realtà è che il numero totale di aziende che accettano entrambi è microscopico. Circa 1.300 aziende in tutto il mondo hanno scelto di accettare Dogecoin dopo otto anni, mentre Fundera ha scoperto che 15.174 aziende accettano Bitcoin, a dicembre 2020. Ci sono circa 582 milioni di attività in tutto il mondo, possiamo dire quindi che l’utilità delle criptovalute nel mondo reale è veramente minima

    Le valutazioni, relative ai dati delle transazioni, non hanno senso

    Anche se la valutazione è in qualche modo soggettiva, uno sguardo ai dati delle transazioni per le tre criptovalute più popolari, relative ai colossi dell’elaborazione dei pagamenti come Visa e Mastercard, lascerebbe a bocca aperta chiunque.

    L’ultimo rapporto di Nilson ha rilevato che nel 2018 sono state elaborate quotidianamente 1,01 miliardi di transazioni di credito, 700 milioni delle quali gestite da Visa e Mastercard. In confronto, Bitcoin, Ethereum e Dogecoin elaborano ogni giorno circa 300.000, 1,4 milioni e 50.000 transazioni sui loro blockchain. Tutte le principali criptovalute combinate non possono reggere il confronto con il potenziale di elaborazione di Visa o Mastercard, ma le tre grandi criptovalute hanno un valore di mercato combinato più elevato di Visa e Mastercard e questo non ha senso.

    Puoi approfondire qui: Le criptovalute sono in una bolla enorme e questo dato lo conferma

    Le aziende sono lente nell’adottare la blockchain

    Sulla carta, blockchain suona alla grande. Dal punto di vista finanziario dell’equazione, è un modo per accelerare la convalida e il regolamento dei pagamenti. Anziché attendere fino a una settimana per il regolamento dei pagamenti transfrontalieri, potrebbero essere risolti in pochi secondi o minuti. Blockchain ha anche applicazioni non finanziarie. La blockchain basata su contratti intelligenti di Ethereum potrebbe essere la chiave per sbloccare un giorno i colli di bottiglia della catena di approvvigionamento.

    Tuttavia, ciò che suona bene sulla carta non si traduce sempre in un successo nel mondo reale. Blockchain continua a soffrire di un Catch-22. Le aziende non lo adotteranno fino a quando la tecnologia non sarà provata su larga scala, ma nessuna azienda abbandonerà la propria infrastruttura esistente (e collaudata) per essere effettivamente la cavia. Fino a quando la blockchain non maturerà, le grandi imprese manterranno le distanze.

    Non ci sono praticamente barriere all’ingresso

    A parte l’utilità minima, la mia più grande lamentela personale con la crittografia è che non ci sono barriere all’ingresso. Chiunque abbia il tempo di programmare può sviluppare una blockchain e, potenzialmente, un token legato. Secondo CoinMarketCap, ci sono quasi 10.000 diverse criptovalute nel suo sistema. Anche se molti non scambiano molto, se non del tutto, questo è un numero folle di potenziali concorrenti di Bitcoin, Dogecoin ed Ethereum, con la probabilità che ne arriveranno molti altri.

    In breve, lo spazio crittografico viene costantemente diluito da una quantità illimitata di concorrenza.

    Scarica l'ebook su Bitcoin Scarica l'ebook su Bitcoin

    La centralizzazione rimane un problema

    Uno dei tanti obiettivi delle criptovalute è il decentramento. Questo per garantire che nessuna persona o piccolo gruppo di persone controlli una rete. Tuttavia, secondo i dati di BitInfoCharts.com, la proprietà di Bitcoin e Dogecoin è abbastanza centralizzata. Solo 2.155 indirizzi possiedono quasi il 42% di tutti i Bitcoin, mentre il 66,6% di tutti i Dogecoin in circolazione è di proprietà di soli 99 indirizzi. È possibile che le persone si stiano rendendo conto del fatto che questi esperimenti finanziari non sono decentralizzati come avrebbero dovuto essere.

    Elon Musk sta tirando le corde

    Un altro motivo per cui la bolla delle criptovalute sta esplodendo è che è stata artificialmente guidata dai tweet del CEO di Tesla Elon Musk.

    All’inizio, Musk era tutto a favore di Bitcoin. Ha acquistato 1,5 miliardi di dollari di Bitcoin per il bilancio di Tesla a febbraio e ha annunciato che la società avrebbe iniziato ad accettare Bitcoin per gli acquisti di veicoli elettrici un mese dopo. Quindi, dopo 49 giorni, ha twittato che Tesla non avrebbe più accettato Bitcoin a causa degli impatti ambientali negativi dell’estrazione. Da allora ha rivolto la sua attenzione a Dogecoin.

    Il fatto che i tweet con poca o nessuna sostanza stiano creando e cancellando centinaia di miliardi di dollari di valore di mercato criptato sembrerebbe indicare che una bolla è in fermento da tempo.

    Non tutti i governi sono d’accordo con le criptovalute

    La bolla crittografica sta scoppiando anche perché alcuni governi non sono d’accordo nel consentire alle criptovalute di minare le proprie valute sostenute dalla banca centrale. La scorsa settimana, la Cina ha mandato in tilt il mercato delle criptovalute dopo aver vietato alle banche e ai canali di pagamento online nel paese di offrire servizi relativi al settore delle criptovalute. Va notato che gran parte del mining di Bitcoin avviene in Cina.

    E la Cina è tutt’altro che sola. La Turchia ha recentemente emanato un divieto sui pagamenti in criptovaluta. Nel frattempo, paesi come Bolivia, Ecuador, Nigeria e Algeria hanno effettivamente vietato le valute digitali. Questa tendenza rende improbabile il caso d’uso globale delle criptovalute.

    Non esistono correlazioni identificabili nel mondo reale

    Ancora un altro problema con la crittografia è che non ci sono correlazioni prontamente identificabili nel mondo reale.

    Ad esempio, sappiamo che l’oro e il dollaro USA hanno una relazione inversa tra loro. Quando il valore del dollaro diminuisce, è molto probabile che l’oro aumenti di valore. Questa è una correlazione stabilita in un lungo periodo di tempo.

    Bitcoin, Ethereum e Dogecoin non hanno queste correlazioni. Agli appassionati piace sottolineare come la crittografia sia una copertura contro l’inflazione, ma dimenticano che Bitcoin è aumentato e diminuito quando l’offerta di moneta si è espansa rapidamente o lentamente. Crypto è guidato dalle emozioni e dall’analisi tecnica, principalmente perché non ha correlazioni con il mondo reale.

    La leva sta perseguitando il mercato delle criptovalute

    L’implosione della criptovaluta può anche essere attribuita agli investitori che sono eccessivamente indebitati. Alcuni degli scambi di criptovaluta più popolari consentiranno ai clienti di utilizzare da 50 a 125 volte la leva finanziaria sul proprio patrimonio effettivo del conto. Anche se questa non è una quantità insolita di leva finanziaria nel Forex, dove le valute si muovono in frazioni di centesimo, è assolutamente ridicola per le criptovalute, che possono muoversi del 3% in un batter d’occhio.

    Secondo i dati di Bybt.com, tramite Bloomberg, oltre 887.000 account per un totale di 9,4 miliardi di dollari di asset crittografici aggregati sono stati liquidati a seguito di richieste di margini basate sulla leva il 19 maggio.

    Gli investitori sovrascrivono sempre la nuova tecnologia

    Infine, gli investitori spesso sovrastimano l’adozione di nuove tecnologie. Sebbene non vi sia carenza di persone esaltate sulla blockchain, sono passati più di mezzo decennio e il brusio della blockchain non si è materializzato in un utilizzo aziendale significativo. Ci vuole tutto il tempo della prossima grande tecnologia per maturare e la crittografia non sarà diversa.

    Scarica l'ebook su Bitcoin Scarica l'ebook su Bitcoin

    Conclusioni

    Le criptovalute stanno crollando, per alcuni potrebbe esse un buon momento di investire e sfruttare i rimbalzi, ma la tendenza rialzista che ha dominato il mercato fino ad alcune settimane fa, è stato spazzata via completamente. Speculare sui prezzi delle criptovalute è oggi l’unica soluzione per trarre vantaggio su questo mercato. Per un investimento a lungo termine non è assolutamente il caso di investire in criptovalute.

    Detto questo, se vuoi ancora investire in questa tipologia di asset, investi solamente soldi che puoi permettere di perdere.

    Ti potrebbe interessare:

    Resta aggiornato sulle nostre notizie

    Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite Doveinvestire su Google News, Facebook, Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

    Per restare aggiornati sulle notizie pubblicate sul nostro portale attiva le notifiche dal pulsante verde in alto (Seguici) o iscriviti al nostro canale Telegram di Dove Investire

    Avviso esplicito sui rischi: non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali perdite o danni commerciali a causa di affidamento sulle informazioni contenute all’interno di questo sito, compresi i dati, le citazioni, i grafici e i segnali di acquisto/vendita. La negoziazione sui mercati finanziari è una delle forme più rischiose di investimento possibili. Tutti i prezzi e i segnali di acquisto/vendita sono indicativi e non adeguati ai fini di negoziazione, inoltre, non sono forniti da un cambio, ma piuttosto dai market maker, quindi potrebbero non essere precisi e possono differire dal prezzo effettivo di mercato. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali perdite commerciali nelle quali si potrebbe incorrere come conseguenza dell’utilizzo di questi dati. Il testo riportato non costituisce attività di consulenza da parte di Dove Investire né, tanto meno, offerta o sollecitazione ad acquistare o vendere strumenti finanziari. Le informazioni ivi riportate sono di pubblico dominio e sono considerate attendibili, ma il portale Dove Investire non è in grado di assicurarne l’esattezza. Tutte le informazioni sono date in buona fede sulla base dei dati disponibili, ma sono suscettibili di variazioni anche senza preavviso in qualsiasi momento dopo la pubblicazione. Si declina ogni responsabilità per qualsivoglia informazione esposta in questa pubblicazione. Si invita a fare affidamento esclusivamente sulle proprie valutazioni delle condizioni di mercato nel decidere se effettuare un’operazione finanziaria e nel valutare se essa soddisfa le proprie esigenze. La decisione di effettuare qualunque operazione finanziaria è a rischio esclusivo dei destinatari della presente informativa.
    Doveinvestire
    Doveinvestire
    Amministratore e CEO del portale www.doveinvestire.com, Simone Mordenti è anche analista finanziario, trader con oltre 20 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e azioni, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.
    ARTICOLI CORRELATI

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Zero commissioni di investimento
    Copia automaticamente gli investimenti dei trader di maggior successo
    Segui Doveinvestire su Telegram

    Ultimi articoli

    Da non perdere

    Migliori Azioni di Semiconduttori: 5 Titoli per Cavalcare il Boom dell'AI

    Migliori Azioni di Semiconduttori: 5 Titoli per Cavalcare il Boom dell’AI

    Sei pronto a capitalizzare sulla crescita dell'intelligenza artificiale? Scopri quali sono le migliori azioni di semiconduttori che possono rivoluzionare il tuo portafoglio
    Investire Oggi: Le 20 Azioni Più Redditizie per il Lungo Termine

    Investire Oggi: Le 20 Azioni Più Redditizie per il Lungo Termine

    Vuoi costruire un portafoglio di investimenti a lungo termine e ottenere rendimenti stabili? Scopri le 20 azioni più redditizie che possono fare la differenza per il tuo futuro finanziario
    Le 10 Migliori Azioni di Intelligenza Artificiale (AI) da Non Vendere Mai

    Le 10 Migliori Azioni di Intelligenza Artificiale (AI) da Non Vendere Mai

    Scopri le migliori azioni di intelligenza artificiale: da Microsoft a Nvidia, ecco dove gli esperti vedono il maggior potenziale di crescita nel settore tecnologico
    Investire in Intelligenza Artificiale: I Top 5 Titoli che Guidano l'S&P 500

    Investire in Intelligenza Artificiale: I Top 5 Titoli che Guidano l’S&P 500

    Scopri i titoli di intelligenza artificiale che stanno cambiando l'S&P 500. Sono queste le azioni tecnologiche legate all'IA con potenziale di crescita esplosivo
    Come Investire in Intelligenza Artificiale

    Come Investire in Intelligenza Artificiale. Le Migliori azioni di IA

    Scopri come investire in intelligenza artificiale, le migliori azioni di IA e perché investire in questo settore in crescita esponenziale
    Intelligenza Artificiale: 5 Azioni IA da Comprare Ora e Tenere per Sempre

    Intelligenza Artificiale: 5 Azioni IA da Comprare Ora e Tenere per Sempre

    Investire nell'intelligenza artificiale può offrire rendimenti elevati a lungo termine. Ma dove investire per cavalcare il trend? Scopri qui le azioni IA più promettenti del mercato

    MIGLIORI BROKER

    XTBIGMigliori Broker