Le prossime decisioni della Fed condizioneranno il sentiment dei mercati a livello globale

La riunione del FOMC di questa settimana condizionerà il sentiment dei mercati a livello globale. Riteniamo che le informazioni relative alla riduzione del bilancio siano cruciali per capire quanti rialzi dei tassi la Fed potrebbe attuare quest’anno. Fornirà, inoltre, un quadro migliore se la curva dei rendimenti continuerà ad appiattirsi al ribasso o se esiste il potenziale per un leggero irripidimento.

Tuttavia, è probabile che i timori relativi a un rallentamento della crescita e all’escalation delle tensioni tra Stati Uniti e Russia manterranno compressi i rendimenti a lungo termine, ostacolando l’aumento dei rendimenti a 10 anni al 2%. In Europa, il focus degli investitori sarà sul BTPS italiano mentre il parlamento del Paese si riunirà per eleggere il nuovo Presidente della repubblica. Prevediamo un aumento della volatilità nel processo, drenando la domanda di BTPS italiani e provocando un allargamento dello spread BTPS/Bund fino a 160 pb.

 Una settimana critica per i Treasury statunitensi

La riunione della Federal Reserve di questa settimana determinerà il sentiment di tutti gli asset con l’attesa riguardo agli aumenti dei tassi di interesse per quest’anno e rispetto alle intenzioni che la banca centrale dovrebbe attuare in merito alla riduzione del suo bilancio di quasi 9 trilioni di dollari. Da marzo 2021, il mercato sta scontando quattro rialzi dei tassi di interesse.

La grande domanda è se la Fed corrisponderà, deluderà o supererà tali aspettative. Vediamo i tre scenari possibili:

  1. La Fed rispecchia le aspettative del mercato. In questo caso, l’attenzione degli investitori si sposterebbe verso il ribasso del suo bilancio. Supponiamo che ci siano indicazioni che il bilancio della Fed debba essere ridotto più rapidamente rispetto ai precedenti periodi di inasprimento a causa delle pressioni inflazionistiche. In tal caso, potremmo assistere a un sell-off concentrato su Treasury a lungo termine e asset con una duration elevata, come i titoli Tech
  2. La Fed va oltre le aspettative del mercato. Riteniamo che sia lo scenario meno probabile. In questo caso, assisteremo a un rapido appiattimento ribassista della curva dei rendimenti poiché il mercato dovrà valutare un programma di aumento dei tassi più aggressivo.
  3. La Fed delude le aspettative del mercato. In questo caso, potremmo assistere a un rialzo della curva dei rendimenti poiché la parte anteriore della curva dei rendimenti dovrà riconsiderare il numero di aumenti dei tassi di interesse quest’anno. La formulazione relativa alla riduzione del bilancio sarà fondamentale in quanto un inizio precoce e aggressivo della sua chiusura potrebbe aumentare i rendimenti a lungo termine, inasprindo ulteriormente la curva dei rendimenti.

Di tutte le opzioni di cui sopra, credo che l’ultima sia la più probabile. In effetti, la banca centrale ha espresso in diverse occasioni preoccupazioni riguardo all’attuale forma piatta della curva dei rendimenti. Pertanto, non avrebbe senso vedere un Powell eccessivamente aggressivo promettere un rapido aumento dei tassi perché ciò appiattirebbe rapidamente la curva dei rendimenti. È più probabile che la Federal Reserve cerchi di combinare aumenti dei tassi di interesse con una riduzione precoce e graduale del suo bilancio per preservare l’irripidimento della curva dei rendimenti da un lato e per stringere l’economia in modo più efficiente dall’altro. Attraverso l’attuazione delle politiche di bilancio, la banca centrale influenzerà i rendimenti a lungo termine direttamente collegati ai costi dei mutui e dei prestiti. Tuttavia, se la Fed dovesse aumentare i tassi di 50 punti base a marzo, come alcuni hanno suggerito, avrebbe scarso impatto sulle strozzature della catena di approvvigionamento o sui prezzi dell’energia. Supponiamo che mercoledì Powell sarà più propenso a combinare gli aumenti dei tassi di interesse con una riduzione del bilancio. In tal caso, il mercato potrebbe riconsiderare il numero di aumenti per il 2022 perché la banca centrale potrebbe non essere così aggressiva come previsto.

Tuttavia, dobbiamo essere preparati per un anno in cui la Federal Reserve potrebbe spostarsi e cambiare i messaggi ad ogni riunione. Mentre l’anno scorso i funzionari stavano pazientemente cercando di dimostrare che l’inflazione era transitoria, quest’anno sono stati spinti dalla Casa Bianca a combatterla. Quindi, prepariamoci ad un anno volatile dei mercati. Anche i dati economici saranno fondamentali per la prossima settimana. Giovedì gli Stati Uniti rilasceranno i dati preliminari sul prodotto interno lordo dell’ultimo trimestre. Venerdì saranno diffusi anche i dati sulle entrate e sulle spese personali di dicembre. Numeri che potrebbero mostrare come l’economia sta perdendo slancio, amplificando le preoccupazioni per un rallentamento della crescita che potrebbe mantenere compressi i rendimenti a lungo termine.

Non possiamo finire di parlare di Treasury senza menzionare l’escalation delle tensioni geopolitiche tra Stati Uniti e Russia, che venerdì hanno provocato un rapido calo dei rendimenti lungo la curva dei rendimenti. Se le tensioni dovessero intensificarsi, possiamo aspettarci che i rendimenti rimarranno compressi o addirittura scenderanno durante una fuga verso la salvezza. Oggi i rendimenti sono scesi ulteriormente, con i rendimenti a 10 anni vicini a testare la resistenza all’1,70%.

✅ Stai cercando un corso completo su come realizzare profitti con il trading? Questo è l’ebook che fa per te… Questa guida ti aiuterà a comprendere i concetti e le regole fondamentali per avere successo nel trading.
👉 Scarica la guida gratuita!

I rendimenti dell’Europa rallentano la loro ascesa

In Europa, il movimento dei rendimenti statunitensi sarà al centro dell’attenzione. Se riprendessero a salire, potrebbero fornire slancio ai rendimenti dei Bund per superare nuovamente lo 0% e rimanere al di sopra di questo livello. I dati sul prodotto interno lordo per il quarto trimestre del 2021 per Germania, Francia e Spagna saranno pubblicati venerdì.

Le elezioni presidenziali in Italia

Il parlamento italiano si è riunito per votare il prossimo Presidente della Repubblica. È importante sapere che tale elezione rischia di stimolare la volatilità tra i titoli di Stato italiani. Un aumento della volatilità è stato storicamente collegato alla diminuzione dell’appetito degli investitori per le obbligazioni della periferia. Nello scenario più conservativo assistiamo ad un temporaneo allargamento dello spread BTP-Bund a 160pb. Tuttavia, se Draghi lascia il suo posto di primo ministro, il Paese rischia un vuoto politico, portando il paese ad elezioni anticipate. Non solo, ma la ripresa dell’Italia dipende anche dai fondi del fondo NextgernerationEU che non verranno erogati a meno che non siano attuate le necessarie riforme. Pertanto, la perdita di Draghi come primo ministro potrebbe essere costosa e, nel peggiore dei casi, lo spread BTPS-Bund potrebbe allargarsi di oltre 200 punti base.

Tuttavia, è importante sottolineare che rimaniamo rialzisti sullo spread BTPS-Bund a lungo termine. In effetti, sia la BCE che il nuovo governo tedesco investono su un’Europa meglio integrata, che a lungo termine provocherà una compressione degli spread nell’area dell’euro.

Calendario economico

Lunedì 24 gennaio

Australia: PMI composito della Commonwealth Bank (gennaio), PMI manifatturiera della Commonwealth Bank (gennaio), PMI dei servizi bancari del Commonwealth (gennaio)

Francia: Markit PMI manifatturiero (gennaio), Markit PMI Composite (gennaio), Markit PMI servizi (gennaio)

Germania: Markit PMI manifatturiero (gennaio), Markit PMI Composite (gennaio), Markit PMI servizi (gennaio)

Eurozona: Markit PMI manifatturiero (gennaio), Markit PMI Composite (gennaio), Markit PMI servizi (gennaio)

Regno Unito: Markit Manufacturing PMI (gennaio), Markit Services PMI (gennaio)

Stati Uniti: Indice di attività nazionale della Fed di Chicago (dic), Markit Manufacturing PMI (gennaio), Markit PMI Composite (gennaio), Markit Services PMI (gennaio), fatture a 3 e 6 mesi, asta di banconote a 2 anni

Martedì 25 gennaio

Australia: Indice dei prezzi al consumo (4° trimestre), CPI medio ridotto RBA (4° trimestre)

Germania: IFO – Business Climate (gennaio), IFO – Current Assessment (gennaio), IFO – Expectations (gennaio)

Stati Uniti: fiducia dei consumatori (gennaio), Richmond Fed Manufacturing Index (gennaio), asta di banconote a 5 anni

Mercoledì 26 gennaio

Nuova Zelanda: Bilancia commerciale

Giappone: Riassunto delle opinioni della BoJ

Germania: Asta obbligazionaria a 10 anni

Stati Uniti: Bilancia commerciale merci (dic) prel, vendite di nuove case (dic)

Canada: Rapporto sulla politica monetaria della Banca del Canada, decisione sui tassi di interesse della BoC, dichiarazione sui tassi della BoC e conferenza stampa

Stati Uniti: Decisione sui tassi di interesse della Fed, Stati di politica monetaria della Fed, conferenza stampa del FOMC

Giovedì 27 gennaio

Nuova Zelanda: Indice dei prezzi al consumo (Q4)

Giappone: investimenti in obbligazioni estere, investimenti esteri in azioni giapponesi

Australia: Westpac Leading Index, Export e Import Price Index

Germania: sondaggio Gfk sulla fiducia dei consumatori (febbraio)

Svizzera: bilancia commerciale

Spagna: Indagine sulla disoccupazione

Italia: Vendite Industriali

Stati Uniti: Spese per consumi personali principali, ordini di beni durevoli (dic), prodotto interno lordo annualizzato (4° trimestre), richieste iniziali di sussidi di disoccupazione, beni strumentali non per la difesa ex aeromobili (4° trimestre) prel, prezzi delle spese per consumi personali (4° trimestre) prel, in attesa di inizio Vendite (dicembre), asta di banconote di 4 settimane, asta di banconote di 7 anni

Venerdì 28 gennaio

Giappone: Indice dei prezzi al consumo di Tokyo (gennaio),

Australia: Indice dei prezzi alla produzione

Francia: prodotto interno lordo (Q4) prel, spesa dei consumatori (dic), prezzi alla produzione

Svizzera: KOF Leading Indicator (gennaio)

Italia: fiducia delle imprese (gennaio), fiducia dei consumatori (gennaio)

Eurozona: Offerta di moneta M3 (dicembre), clima aziendale (gennaio), fiducia dei consumatori (gennaio), indicatore del sentimento economico (gennaio), fiducia industriale (gennaio), sentimento dei servizi (gennaio)

Stati Uniti: Spese per consumi personali principali (dic), Reddito personale (dic), Spesa personale (dic), Indice del sentimento dei consumatori del Michigan (gennaio)

Articolo redatto da Althea Spinozzi, Senior Fixed Income Strategist per per BG Saxo. Altre informazioni su www.bgsaxo.it

Nessuna delle informazioni e analisi qui contenute costituisce un consiglio di investimento o un’offerta o sollecitazione ad acquistare o vendere qualsiasi valuta, prodotto o strumento finanziario, effettuare investimenti o partecipare a una particolare strategia di trading. L’investitore si assume la responsabilità di valutare, in modo indipendente, la precisione e la completezza delle informazioni e il relativo utilizzo. La presente comunicazione di marketing non è assimilabile ad alcuna forma di produzione o diffusione di ricerca in materia di investimenti e pertanto non è stata preparata conformemente ai requisiti giuridici volti a promuovere l’indipendenza della ricerca. Eventuali informazioni riportate che si riferiscano a rendimenti, non devono essere interpretate come indicazioni di rendimenti futuri o di garanzia di conservazione del capitale investito ma come indicazioni di rendimenti realizzati in passato. Con strumenti finanziari “più negoziati in piattaforma” si fa riferimento al controvalore nominale negoziato su tutte le piattaforme del Gruppo Saxo.

Resta aggiornato sulle nostre notizie

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite Doveinvestire su Google News, Facebook, Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Per restare aggiornati sulle notizie pubblicate sul nostro portale attiva le notifiche dal pulsante verde in alto (Seguici) o iscriviti al nostro canale Telegram di Dove Investire

Disclaimer: L’opinione qui espressa non è un consiglio di investimento, ma viene fornita solo a scopo informativo. Non riflette necessariamente l’opinione di doveinvestire.com. Ogni investimento e ogni trading comporta dei rischi, quindi dovresti sempre eseguire le tue ricerche prima di prendere decisioni. Non consigliamo di investire denaro che non puoi permetterti di perdere. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali perdite o danni commerciali a causa di affidamento sulle informazioni contenute all’interno di questo sito, compresi i dati, le citazioni, i grafici e i segnali di acquisto/vendita. Il testo riportato non costituisce attività di consulenza da parte di Dove Investire né, tanto meno, offerta o sollecitazione ad acquistare o vendere strumenti finanziari. Le informazioni ivi riportate sono di pubblico dominio e sono considerate attendibili, ma il portale Dove Investire non è in grado di assicurarne l’esattezza. Si invita a fare affidamento esclusivamente sulle proprie valutazioni delle condizioni di mercato nel decidere se effettuare un’operazione finanziaria e nel valutare se essa soddisfa le proprie esigenze. La decisione di effettuare qualunque operazione finanziaria è a rischio esclusivo dei destinatari della presente informativa.

FORMAZIONE Trading a 360°. Scarica GRATIS i nuovi EBOOK sul TRADING!

I migliori Broker Forex CFD selezionati da Dove Investire

Broker Caratteristiche Inizia
ActivTrades Licenza FCA, CSSF
Protezione conto clienti
Formazione e affidabilità
apri ora
XTB Licenza FCA, CySEC, KNF
Piattaforma professionale
Affidabilità e supporto
apri ora
IG Licenza FCA, BaFin, Consob
Oltre 45 anni di esperienza
Trading su CFD e Turbo24
apri ora
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 62 e l’89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

Fed alle strette dopo i sorprendenti dati sull’inflazione Usa

I dati sull'inflazione statunitense pubblicati la scorsa settimana hanno scosso i mercati che a sua volta ha portato ad una calo della propensione al rischio da parte degli investitori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.