Flop NFP (non-farm payrolls). I dato nettamente inferiore rispetto alle stime

L’indice statunitense dei libri paga non agricoli, non-farm payrolls USA, registra un guadagno di appena 194.000, nettamente inferiore rispetto alle stime.

L’economia degli Stati Uniti ha creato nuovi posti di lavoro a un ritmo molto più lento del previsto a settembre, un segnale pessimistico sullo stato dell’economia, sebbene il totale sia stato sostanzialmente frenato da un forte calo dell’occupazione pubblica.

I non-farm payrolls USA sono aumentati di appena 194.000 nel mese, rispetto alla stima Dow Jones di 500.000, secondo quanto riferito dal Dipartimento del Lavoro. Il tasso di disoccupazione è sceso al 4,8%, migliore delle attese per il 5,1% e il più basso da febbraio 2020

Crescita del lavoro negli Stati Uniti

Totale buste paga non agricole, variazione rispetto al mese precedente

Il numero del titolo è stato danneggiato da un calo di 123.000 nei libri paga del governo, mentre i libri paga privati ​​sono aumentati di 317.000.

Il calo del tasso di disoccupazione è avvenuto quando il tasso di partecipazione alla forza lavoro è diminuito, il che significa che più persone che sono state emarginate durante la pandemia di coronavirus sono tornate alla forza lavoro. Un numero più ampio che include anche i cosiddetti lavoratori scoraggiati e coloro che svolgono lavori part-time per motivi economici è sceso all′8,5%, anche questo un minimo dell’era della pandemia.

Tuttavia, i mercati hanno reagito debolmente alla notizia, con i futures Dow intorno alla parità così come i rendimenti dei titoli di stato.

Tasso di disoccupazione negli Stati Uniti

Nonostante il dato dei posti di lavoro deboli, i salari sono aumentati notevolmente. Il guadagno mensile dello 0,6% ha spinto l’aumento anno su anno al 4,6% poiché le aziende utilizzano gli aumenti salariali per combattere la persistente carenza di manodopera. La forza lavoro disponibile è diminuita di 183.000 a settembre ed è inferiore a 3,1 milioni rispetto a febbraio 2020, poco prima della dichiarazione di pandemia.

Il tempo libero e il turismo hanno nuovamente guidato la creazione di posti di lavoro, aggiungendo 74.000 posti, poiché il tasso di disoccupazione per il settore è sceso al 7,7% dal 9,1%. I servizi professionali e alle imprese hanno contribuito con 60.000 unità mentre la vendita al dettaglio è aumentata di 56.000.

I guadagni di lavoro sono stati distribuiti in una varietà di altri settori: trasporti e magazzinaggio (47.000), informazione (32.000), assistenza sociale (30.000), produzione (26.000), edilizia (22.000) e commercio all’ingrosso (17.000).

La settimana del sondaggio del 12 settembre è arrivata proprio mentre i casi di Covid stavano raggiungendo il picco negli Stati Uniti. La diffusione della variante delta da allora si è raffreddata, con i casi che di recente sono scesi al di sotto di una media di 100.000 al giorno.

La disoccupazione per i neri è scesa al 7,9% dall′8,8%, in gran parte a causa di un calo al 66% dal 66,7% del tasso di partecipazione alla forza lavoro per i maschi.

C’erano alcune buone notizie nel rapporto NFP dei mesi precedenti.

I già forti guadagni di luglio sono stati rivisti al rialzo di 38.000 a 1,0913 milioni, mentre anche la grande delusione di agosto è stata rivista al rialzo, a 366.000 dai 235.000 inizialmente riportati.

L’occupazione a livello di popolazione è aumentata al 58,7%, il livello più alto da marzo 2020.

Il rapporto arriva in un momento critico per l’economia, con dati recenti che mostrano una solida spesa dei consumatori nonostante l’aumento dei prezzi, la crescita nel settore manifatturiero e dei servizi e l’aumento dei costi delle abitazioni.

I funzionari della Federal Reserve stanno osservando da vicino i numeri dei posti di lavoro. La banca centrale ha recentemente indicato che è pronta a iniziare a ritirare alcuni degli aiuti straordinari forniti durante la crisi pandemica, principalmente perché l’inflazione ha raggiunto e superato l’obiettivo del 2% della Fed.

Tuttavia, i funzionari della Fed hanno affermato di vedere il mercato del lavoro ancora ben lontano dalla piena occupazione, un prerequisito per gli aumenti dei tassi di interesse. I prezzi di mercato attualmente indicano che il primo aumento dei tassi probabilmente avverrà nel novembre 2022.

Dopo essere sembrato quasi un affare fatto, il dato del numero di posti di lavoro di oggi ha gettato nel caos le aspettative della banca centrale americana. La Fed non sembra aver bisogno di molto per convincerla che il tapering dovrebbe iniziare imminentemente, ma a soli 194.000, i numeri sui posti di lavoro suggeriscono che il mercato del lavoro è più lontano dal raggiungere l’obiettivo di progresso sostanziale di quanto si aspettassero.

Resta aggiornato sulle nostre notizie

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite Doveinvestire su Google News, Facebook, Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Per restare aggiornati sulle notizie pubblicate sul nostro portale attiva le notifiche dal pulsante verde in alto (Seguici) o iscriviti al nostro canale Telegram di Dove Investire

Avviso esplicito sui rischi: non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali perdite o danni commerciali a causa di affidamento sulle informazioni contenute all’interno di questo sito, compresi i dati, le citazioni, i grafici e i segnali di acquisto/vendita. La negoziazione sui mercati finanziari è una delle forme più rischiose di investimento possibili. Tutti i prezzi e i segnali di acquisto/vendita sono indicativi e non adeguati ai fini di negoziazione, inoltre, non sono forniti da un cambio, ma piuttosto dai market maker, quindi potrebbero non essere precisi e possono differire dal prezzo effettivo di mercato. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali perdite commerciali nelle quali si potrebbe incorrere come conseguenza dell’utilizzo di questi dati. Il testo riportato non costituisce attività di consulenza da parte di Dove Investire né, tanto meno, offerta o sollecitazione ad acquistare o vendere strumenti finanziari. Le informazioni ivi riportate sono di pubblico dominio e sono considerate attendibili, ma il portale Dove Investire non è in grado di assicurarne l’esattezza. Tutte le informazioni sono date in buona fede sulla base dei dati disponibili, ma sono suscettibili di variazioni anche senza preavviso in qualsiasi momento dopo la pubblicazione. Si declina ogni responsabilità per qualsivoglia informazione esposta in questa pubblicazione. Si invita a fare affidamento esclusivamente sulle proprie valutazioni delle condizioni di mercato nel decidere se effettuare un’operazione finanziaria e nel valutare se essa soddisfa le proprie esigenze. La decisione di effettuare qualunque operazione finanziaria è a rischio esclusivo dei destinatari della presente informativa.

FORMAZIONE Trading a 360°. Scarica GRATIS i nuovi EBOOK sul TRADING!

I migliori Broker Forex CFD selezionati da Dove Investire

Broker Caratteristiche Inizia
ActivTrades Licenza FCA, Consob
Protezione conto clienti
Formazione e affidabilità
apri ora
Capixal Licenza CySEC
Piattaforma MT4 e Mobile
Oltre 350 CFD disponibili
apri ora
eToro Licenza CySEC, FCA
Social Trading
Protezione dei fondi
apri ora
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 67 e l’89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

Il Dollaro Usa domina il mercato Forex. Sale l’attesa dei Payrolls di domani

In attesa dell'importante dato macro di domani relativo ai Payrolls Usa, il dollaro si è rafforzato nei confronti delle principali valute. Questa la situazione sui mercati Forex

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.