Home / Mercati finanziari / Si riduce la volatilità sui mercati, ma ci sono comunque opportunità di breve termine

Si riduce la volatilità sui mercati, ma ci sono comunque opportunità di breve termine

Poche le novità sul mercato valutario, in una fase che, come abbiamo ricordato anche ieri, non offre grandi spunti e occasioni per chi lavora in trend, mentre resta assai interessante per chi opera nel breve termine e riesce a sfruttare anche le fasi laterali.

La volatilità è scesa nelle ultime sedute, proprio perché dopo tanta attesa per le elezioni Usa e per la Brexit, il fatto di non avere ancora una soluzione a portata di mano, ha allentato la tensione e l’interesse dei grandi players, che molto probabilmente stanno tirando i remi in barca per l’anno in corso. In effetti, o i risultati sono stati già fatti, oppure è assai improbabile riuscire a farli da qui a fine dell’anno. Ma ci sono comunque opportunità di breve termine che secondo noi, una volatilità sufficiente, offre a chi opera.

Nelle ultime ore, il tema dominante è rappresentato dalle oscillazioni della sterlina, che ha trovato resistenze importanti in area 1.3300 rispetto al dollaro ma soprattutto l’area di 0.8860-70 sul cross contro l’Euro, livello nel quale si sono concentrati dei flussi di acquisto importanti, che hanno contribuito a riportare il cross vicino alle prime resistenze chiave poste tra 0.9020 e 0.9050, quindi non molto lontane dai livelli attuali posti in area 0.9000. La ragione è legata allo spostamento probabile, l’ennesimo, dei colloqui che mirano a trovare un accordo sulla Brexit, dopo tanti anni di notizie di ogni tipo, che hanno causato una incertezza enorme sulla valuta inglese. Detto ciò, siamo vicini ad un accordo che bene o male, a nostro avviso, dovrebbe arrivare tra fine novembre e la prima quindicina di dicembre.

A livello macro, il Governatore Bailey non ha ancora del tutto escluso di portare i tassi sotto la soglia dello zero, mentre i dati macro hanno evidenziato un buon recupero nel terzo trimestre con il Pil cresciuto del 15.5% su base trimestrale. Su base annuale però, il prodotto interno lordo fa segnare ancora un -9.6% che preoccupa, specie in relazione al fatto che ancora siamo alle prese con possibili lockdown mirati e una situazione pandemica non ancora risolta, anzi. La bilancia commerciale è uscita, per quanto riguarda i beni, in passivo di 9.3 miliardi di sterline, mentre la produzione industriale su base annua, fa segnare un -6.3% nonostante un incremento mensile dello 0.5%. Insomma situazione ancora ingarbugliata con la valuta che tutto sommato tiene i supporti per ora e regge l’urto della speculazione, sempre pronta a vendere valuta su ogni rialzo. La Boe però non molla e si dice pronta a tagliare nuovamente il costo del denaro, se ce ne fosse bisogno, aumentando ancora l’Asset Purchase ovvero il Qe. Ma questa è una tendenza generalizzata che però vede qualche segnale di cambiamento nella decisione della Rbnz, la banca centrale neozelandese, la quale, come sappiamo, ha cambiato orientamento escludendo la possibilità che i tassi vadano sottozero. Ebbene, questa decisione non è da sottovalutare perché rappresenta un primo segnale di quel che faranno le altre banche centrali, nel momento in cui la pandemia, dovesse finalmente essere sconfitta dal vaccino, che non è poi così lontano. In quel momento, non possiamo escludere un cambiamento dell’orientamento generale, che sarà un tapering strutturale per drenare gli eccessi di liquidità che sono stati immessi nel sistema. E non pensiate che questo evento sia poi così lontano come potrebbe sembrare.

Cominciamo a prepararci, nel 2021 (magari nel secondo semestre) a vedere una differenziazione delle politiche monetarie tra le diverse istituzioni finanziarie e a qualche sparuto rialzo dei tassi, prima o poi. Per noi sarebbe una manna, perché potremmo ricominciare a tradare i carry trades e le correlazioni si stabilizzerebbero. Le uniche incognite deriverebbero dalla mancanza di nuova benzina per i mercati azionari, non dimentichiamolo.

Saverio Berlinzani per ActivTrades.

Profilo dell’analista

Saverio Berlinzani

Nel 1989 inizia il suo percorso lavorativo nel mercato valutario come spot trader per il Banco Lariano. Dal ’91 per la Banque San Paolo di Parigi come trader su lira e franco francese. Dal ‘92 presso il Banco Lariano di Milano spot trader su tutte le valute SME. Dal ’95 per Swiss Bank Corporation capo cambista – Lugano, Ginevra, Londra.

In questi anni, oltre alla specializzazione sul mercato dello spot come market maker, ha sviluppato conoscenze del mercato dei derivati come trader di posizionamento per l’Istituto (Opzioni vanilla ed esotiche), nonché conoscenza diretta delle valute legate ai paesi emergenti (carry trades).

Dal ’98 è rientrato in Italia come Libero professionista in qualità di Consulente Finanziario e Patrimoniale – Presidente e socio fondatore di una società broker in forex. Dal 2009 ad oggi, trader indipendente nel mercato valutario fondatore del sito www.saveforex.it, community di traders con cui condivide quotidianamente in tempo reale la sua operatività forex attraverso una chat e un webinar live.

Chi è ActivTrades

ActivTrades (www.activtrades.eu/it) è un Broker specializzato nella negoziazione di Forex e CFD. Fondata nel 2001, è oggi una delle società leader del settore.
Il suo obbiettivo è quello di massimizzare le attività di trading dei propri clienti, offrendo ad essi una combinazione unica di elementi quali una vasta gamma di strumenti finanziari, spread competitivi e un eccezionale servizio di assistenza.

Dal suo quartier generale, situato nella City di Londra, ActivTrades offre i suoi servizi a una vasta clientela globale che, negli anni, ha potuto apprezzarne l’innovazione continua, l’eccellente ambiente di trading e un’efficace gestione del rischio.

Il Servizio di assistenza ai clienti di ActivTrades è disponibile 24 ore al giorno, da domenica sera a venerdì sera, in 14 lingue tra cui Italiano, Inglese, Francese, Spagnolo, Cinese e Arabo.

ActivTrades Europe SA è autorizzata e regolata dalla Commission de Surveillance du Secteur Financier (CSSF) in Lussemburgo. ActivTrades Europe SA è una società registrata in Lussemburgo, numero di registrazione B232167. ActivTrades Europe SA è una sussidiaria di ActivTrades PLC, autorizzata e regolata dalla Financial Conduct Authority, con numero di registrazione 434413. ActivTrades PLC è una società registrata in Inghilterra e Galles, numero di registrazione 05367727.

Per conoscere in dettaglio i prodotti e i servizi offerti visita il sito www.activtrades.eu/it. Vedi qui la nostra recensione e opinioni su ActivTrades.

I vantaggi di fare trading con ActivTrades

Il Broker londinese ActivTrades offre le migliori condizioni di trading confermate dai più prestigiosi riconoscimenti e sostenuta da trader di tutto il mondo

Miglior esecuzione

Trading con precisione a partire da 0,5 pip su EURUSD, senza requote o costi nascosti.

Supporto Clienti Pluripremiato

Assistenza 24/5, via email, chat e telefono in oltre 14 lingue.

Protezione dei fondi

Assicurazione integrativa per proteggerti fino a 1.000.000£

Il trading mobile

Fai trading ovunque tu sia, con la nostra piattaforma web o mobile.

  • No commissioni nè costi nascosti per aprire o chiudere un ordine;
  • Trading a partire da un micro lotto e massimizza la flessibilità del tuo trading con leva;
  • Supporto clienti italiano rapido e disponibile;
  • Le migliori piattaforme di trading;
  • Webinar settimanali e formazione personalizzata con formatori specializzati;
  • Demo gratuita.
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Il 77% di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con ActivTrades. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

I migliori Broker Forex CFD selezionati da Dove Investire

Broker Caratteristiche Inizia
Plus500 Licenza ‎ASiC, CySEC, FCA
Il fornitore più quotato di CFD
Piattaforma WebTrader
apri ora
ActivTrades Licenza FCA, Consob
Protezione conto clienti
Formazione e affidabilità
apri ora
Markets.com CySEC, FSCA, FCA e ASIC
Tecnologie all’avanguardia
Strumenti di trading
apri ora
Roinvesting Licenza CySEC
Demo gratuita
MetaTrader 4 e App Mobile
apri ora
GKFX Licenza MFSA, Consob
Fondi dei clienti protetti
Segnali di trading in piattaforma
apri ora
101investing Licenza CySEC
Sconto sullo swap fino al 50%
Piattaforma MT4 e Mobile
apri ora
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74 e l’89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

Sul mercato valutario si guarda con attenzione alla discesa del cambio NzdUsd

Il cambio NzdUsd ha subito una brusca correzione da ieri sera, dopo la decisione del Governo di implementare nuove misure per calmierare i prezzi del mercato immobiliare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.