Home / Mercati finanziari / Il terremoto provocato sulla Sterlina probabilmente non si è ancora esaurito

Il terremoto provocato sulla Sterlina probabilmente non si è ancora esaurito

Rieccoci, cari amici, un’altra settimana insieme, per analizzare un mercato dei cambi che pare ancora incerto e indeciso sulle direzioni da prendere. L’unico movimento che è parso meno tentennante di altri, la settimana scorsa, è stato quello sulla sterlina, alle prese con la estenuante questione della Brexit, che ha visto scrivere un altro capitolo da parte del Presidente del Consiglio Johnson e del suo Governo, che ha di fatto promulgato una legge interna sui rapporti tra Irlanda del Nord e Gran Bretagna, scavalcando, almeno sul tema dei rapporti tra i due paesi, l’accordo firmato tra Ue e Uk lo scorso dicembre.
Il terremoto provocato sulla divisa britannica, con un ribasso che dall’inizio di settembre è stato di circa 700 pip in circa 10 sedute operative, probabilmente non si è ancora esaurito perché da qui alla deadline richiamata dallo stesso Presidente, il 15 ottobre, potremmo vedere movimenti altrettanto significativi, sia al rialzo, sia al ribasso, data la volatilità attuale.

Il mercato ha cercato di seguire il movimento della valuta inglese, con un recupero del biglietto verde, accompagnato da un leggero quanto insignificante pullback dell’azionario, che ha corretto parzialmente i guadagni precedenti, ma senza approfondire più di tanto. Non si è trattato di un vero e proprio risk off però, se osserviamo l’andamento dei cambi più sensibili a questo tipo di situazione, ovvero EurAud, EurNzd oppure AudJpy e NzdJpy, che sono rimasti stabili nei precedenti trading range e non hanno seguito la correzione dei mercati azionari. Considerando le correlazioni, siamo entrati in modalità correlazione specifica Gbp, mentre per le altre coppie valgono i valori dei trading range delle settimane precedenti e non sembrano esserci grandi possibilità di vedere accelerazioni nel breve termine, tra ripresa del trend contro il dollaro e un suo eventuale recupero strutturale.

Se osservassimo i dati del Cot, vedremmo come l’interesse dei large traders si rivolge esclusivamente all’Euro, mentre sulle altre coppie di valute, vi è un generale disinteresse, eccezion fatta per qualche piccolo aumento proprio sul pound, o meglio un interessa relativo, date le dimensioni di posizioni, estremamente ridotte rispetto al solito. Il solo Euro, vede i grandi players essere ancora long di quasi 200 mila contratti, invariati rispetto alla settimana precedente, pari a circa 25 miliardi di euro, un numero che per il future è assai rilevante. I grandi investitori quindi sono ancora detentori di Euro, per ora ci restano e non hanno intenzione di tagliare le posizioni o prendere anche parzialmente profitto. L’idea è che probabilmente potrebbero tenere le posizioni fino almeno all’area 1.2400-1.2500 che potrebbe rappresentare il vero target della moneta unica, Lagarde e Bce permettendo ovviamente. E forse è proprio questo che si aspetta, prima eventualmente di arrivare a prese di beneficio. Se la Bce rilasciasse dichiarazioni allo scopo di evitare eccessi di rafforzamento della moneta unica, in quel caso potremmo vedere la fine di questo trend, almeno per ora, ma per ora non ci pare che le autorità monetarie europee abbiano detto più di tanto, nel senso che hanno dichiarato di osservare il tasso di cambio ma senza specificare né se hanno intenzione di fermarlo, tantomeno di indicarne un livello di equilibrio. Il che ci pare anche corretto dato che le valute, da sempre, devono essere lasciate libere di fluttuare senza condizionamenti di sorta.

Oggi è lunedì che per molti mercati è diventato un semi-festivo. Non vi sono dati macro di rilievo, ad eccezione della produzione industriale europea, che però non pensiamo sia in grado di muovere i prezzi, pertanto il mercato aspetterà notizie sulla Brexit o altro per evidenziare un aumento della volatilità di breve termine.

Buon trading!

Saverio Berlinzani per ActivTrades.

Profilo dell’analista

Saverio Berlinzani

Nel 1989 inizia il suo percorso lavorativo nel mercato valutario come spot trader per il Banco Lariano. Dal ’91 per la Banque San Paolo di Parigi come trader su lira e franco francese. Dal ‘92 presso il Banco Lariano di Milano spot trader su tutte le valute SME. Dal ’95 per Swiss Bank Corporation capo cambista – Lugano, Ginevra, Londra.

In questi anni, oltre alla specializzazione sul mercato dello spot come market maker, ha sviluppato conoscenze del mercato dei derivati come trader di posizionamento per l’Istituto (Opzioni vanilla ed esotiche), nonché conoscenza diretta delle valute legate ai paesi emergenti (carry trades).

Dal ’98 è rientrato in Italia come Libero professionista in qualità di Consulente Finanziario e Patrimoniale – Presidente e socio fondatore di una società broker in forex. Dal 2009 ad oggi, trader indipendente nel mercato valutario fondatore del sito www.saveforex.it, community di traders con cui condivide quotidianamente in tempo reale la sua operatività forex attraverso una chat e un webinar live.

Chi è ActivTrades

ActivTrades (www.activtrades.eu/it) è un Broker specializzato nella negoziazione di Forex e CFD. Fondata nel 2001, è oggi una delle società leader del settore.
Il suo obbiettivo è quello di massimizzare le attività di trading dei propri clienti, offrendo ad essi una combinazione unica di elementi quali una vasta gamma di strumenti finanziari, spread competitivi e un eccezionale servizio di assistenza.

Dal suo quartier generale, situato nella City di Londra, ActivTrades offre i suoi servizi a una vasta clientela globale che, negli anni, ha potuto apprezzarne l’innovazione continua, l’eccellente ambiente di trading e un’efficace gestione del rischio.

Il Servizio di assistenza ai clienti di ActivTrades è disponibile 24 ore al giorno, da domenica sera a venerdì sera, in 14 lingue tra cui Italiano, Inglese, Francese, Spagnolo, Cinese e Arabo.

La società ActivTrades Plc è autorizzata e regolamentata dalla Financial Conduct Authority. Registrazione presso la FCA n. 434413. Iscritta all’Albo delle imprese di investimento comunitarie con succursale al n. 97. ActivTrades Corp è autorizzata e regolata dalla Securities Commission of The Bahamas. ActivTrades Corp è una azienda commerciale internazionale registrata nel Commonwealth delle Bahamas, con numero di registrazione 199667 B.

I vantaggi di fare trading con ActivTrades

Il Broker londinese ActivTrades offre le migliori condizioni di trading confermate dai più prestigiosi riconoscimenti e sostenuta da trader di tutto il mondo

Miglior esecuzione

Trading con precisione a partire da 0,5 pip su EURUSD, senza requote o costi nascosti.

Supporto Clienti Pluripremiato

Assistenza 24/5, via email, chat e telefono in oltre 14 lingue.

Protezione dei fondi

Assicurazione integrativa per proteggerti fino a 1.000.000£

Il trading mobile

Fai trading ovunque tu sia, con la nostra piattaforma web o mobile.

  • No commissioni nè costi nascosti per aprire o chiudere un ordine;
  • Trading a partire da un micro lotto e massimizza la flessibilità del tuo trading con leva;
  • Supporto clienti italiano rapido e disponibile;
  • Le migliori piattaforme di trading;
  • Webinar settimanali e formazione personalizzata con formatori specializzati;
  • Demo gratuita.
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Il 76% di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con ActivTrades. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

I migliori Broker Forex CFD selezionati da Dove Investire

Broker Caratteristiche Inizia
Markets.com Licenza CySEC, FSCA
Strumenti di trading avanzati
Strategie personalizzate
apri ora
ActivTrades Licenza FCA, Consob
Protezione conto clienti
Formazione e affidabilità
apri ora
FXCM Licenza FCA, Consob
Zero commissioni
Strumenti di trading esclusivi
apri ora
GMO Trading Licenza CySEC
Demo gratuita
MetaTrader 4 e App Mobile
apri ora
101investing Licenza CySEC
Sconto sullo swap fino al 50%
Piattaforma MT4 e Mobile
apri ora
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 68 e l’89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

Grande attesa della Fed. Cosa aspettarci dalla riunione di questa sera?

I cambi valutari più importanti rimangono in congestione questa mattina, mentre gli operatori attendono con grande interesse la decisione della Fed questa sera alle ore 20.00

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.