Home / Mercati finanziari / L’eccessiva forza del dollaro schiaccia tutte le valute ma preoccupa Trump

L’eccessiva forza del dollaro schiaccia tutte le valute ma preoccupa Trump

La giornata di ieri era cominciata al solito modo, con un dollaro forte che schiacciava inesorabilmente tutte le valute concorrenti, un dollar index che sembrava avviato al test di quota 100, in una giornata di passione soprattutto per Aud, Nzd e sterlina, con l’Euro che scivolava lentamente sotto quota 1.0900, avviatosi anch’esso verso il cosiddetto gap Macron, mai chiuso dal 2017 (ovvero quell’area compresa tra 1.0780 e 1.0830 dell’aprile 2017). Il dollaro australiano, dopo la decisione della Rba di tagliare il costo del denaro a 0.75% dall’1% aveva provocato un piccolo terremoto, dato che AudUsd era sceso di 100 pips da 0.6770 a 0.6670 ovvero l’1.5%. E tutto faceva pensare che si potesse scendere ancora, con NzdUsd a ruota vicino a 0.6200 e Cable a ridosso di 1.2200. Poi nel pomeriggio, è uscito il dato Usa sull’Ism del settore manifatturiero che ha evidenziato un calo a 47.8 da 50.4 atteso e 49.1 del dato precedente e il mercato, improvvisamente. ha cominciato a girarsi chiudendo poi con un recupero di circa 0.50% dai minimi. Niente di che, direte voi, è vero, ma la price action pre-dato era semplicemente qualcosa di asfissiante, degna di un possibile flash crash. Le abbiamo viste tante volte questo genere di price actions ovvero, prezzi sui minimi (o sui massimi è indifferente) che non riescono a swingare e le correzioni si limitano a 5-6 pips prima di ricominciare a muoversi nella direzione del trend. E quando è così la ragione tendenzialmente è legata ad esposizioni e percentuali di posizioni retails contrarie al trend molto importanti e posizioni dei grandi speculatori altrettanto importanti ma a favore del trend. Quando lo sbilanciamento è così forte si arriva quasi sempre allo spoof finale, un movimento di accelerazione violenta nella direzione del trend che va a pulire un mercato ingessato nelle posizioni nei quali la parte debole spesso viene spazzata via dagli stop loss.
Queste spesso sono le condizioni ideali per un flash crash, ovvero mancanza di liquidità improvvisa che va ad esacerbare un movimento che porta via le posizioni deboli o quella che in gergo viene definita liquidità buona. Dopo il dato Usa è uscita una dichiarazione del Presidente Trump che candidamente, ha ammesso che il dato negativo è dipeso dall’eccessiva forza del dollaro, una ammissione che conferma quanto abbiamo più volte ribadito anche in queste pagine, ovvero la necessità di cambiare strategia da parte del Presidente Usa.
Ora, la nostra opinione è che il Presidente si trovi in un imbuto dal quale non è facile uscire. Egli ha voluto combattere questa battaglia sui dazi, che ha portato ad ora dei benefici, ma non perché siano stati applicati, dato che tra proroghe e sospensioni, solo una piccola parte è stata per ora applicata, ma perché il solo timore di una applicazione diffusa delle tariffe ha creato una situazione nelle quali le grandi aziende, invece di fare gli investimenti programmati, hanno deciso di aspettare l’accordo tra Cina e Usa, per evitare errori nelle strategie di investimento nel caso la guerra commerciale avesse vissuto una escalation. E questo ha colpito i paesi concorrenti più degli Stati Uniti stessi. Ciò però ha provocato un rafforzamento strutturale del biglietto verde, inesorabile e pericoloso. A questo punto, ci troviamo di fronte ad un contagio della congiuntura globale anche negli Usa. E con il dollaro troppo forte, il rischio che tutto quanto di buono il Presidente Usa è riuscito a fare, in termini di defiscalizzazione e di crescita conseguente negli ultimi due anni, potrebbe venir vanificato da un dollaro eccessivamente forte ed una conclusione della guerra sui dazi che risultasse un compromesso.

Il dollaro rimane la valuta contemporaneamente di rifugio e da investimento e, di fatto, per deprezzarlo c’è un solo modo: aspettare che la congiuntura rallenti anche negli Usa e sperare nella Fed. E non crediamo che sia ciò che desidera il Presidente, che vorrebbe invece un taglio dei tassi in una congiuntura ancora favorevole. Un pò troppo, non vi pare? Vedremo. La guerra valutaria non è ancora terminata, sembra di rivivere il periodo degli accordi del Plaza con un dollaro che schiacciava tutto e tutti e si dovette arrivare ad un intervento concertato all’Hotel Plaza di New York nel settembre del 1985 per deprezzarlo. Sarà così anche questa volta?

Saverio Berlinzani per ActivTrades.

ActivTrades

Profilo dell’analista

Saverio Berlinzani

Nel 1989 inizia il suo percorso lavorativo nel mercato valutario come spot trader per il Banco Lariano. Dal ’91 per la Banque San Paolo di Parigi come trader su lira e franco francese. Dal ‘92 presso il Banco Lariano di Milano spot trader su tutte le valute SME. Dal ’95 per Swiss Bank Corporation capo cambista – Lugano, Ginevra, Londra.

In questi anni, oltre alla specializzazione sul mercato dello spot come market maker, ha sviluppato conoscenze del mercato dei derivati come trader di posizionamento per l’Istituto (Opzioni vanilla ed esotiche), nonché conoscenza diretta delle valute legate ai paesi emergenti (carry trades).

Dal ’98 è rientrato in Italia come Libero professionista in qualità di Consulente Finanziario e Patrimoniale – Presidente e socio fondatore di una società broker in forex. Dal 2009 ad oggi, trader indipendente nel mercato valutario fondatore del sito www.saveforex.it, community di traders con cui condivide quotidianamente in tempo reale la sua operatività forex attraverso una chat e un webinar live.

Chi è ActivTrades

ActivTrades (www.activtrades.com/it) è un Broker specializzato nella negoziazione di Forex e CFD. Fondata nel 2001, è oggi una delle società leader del settore.
Il suo obbiettivo è quello di massimizzare le attività di trading dei propri clienti, offrendo ad essi una combinazione unica di elementi quali una vasta gamma di strumenti finanziari, spread competitivi e un eccezionale servizio di assistenza.

Dal suo quartier generale, situato nella City di Londra, ActivTrades offre i suoi servizi a una vasta clientela globale che, negli anni, ha potuto apprezzarne l’innovazione continua, l’eccellente ambiente di trading e un’efficace gestione del rischio.

Il Servizio di assistenza ai clienti di ActivTrades è disponibile 24 ore al giorno, da domenica sera a venerdì sera, in 14 lingue tra cui Italiano, Inglese, Francese, Spagnolo, Cinese e Arabo.

La società ActivTrades Plc è autorizzata e regolamentata dalla Financial Conduct Authority. Registrazione presso la FCA n. 434413. Iscritta all’Albo delle imprese di investimento comunitarie con succursale al n. 97. ActivTrades Corp è autorizzata e regolata dalla Securities Commission of The Bahamas. ActivTrades Corp è una azienda commerciale internazionale registrata nel Commonwealth delle Bahamas, con numero di registrazione 199667 B.

I vantaggi di fare trading con ActivTrades

Il Broker londinese ActivTrades offre le migliori condizioni di trading confermate dai più prestigiosi riconoscimenti e sostenuta da trader di tutto il mondo

Miglior esecuzione

Trading con precisione a partire da 0,5 pip su EURUSD, senza requote o costi nascosti.

Supporto Clienti Pluripremiato

Assistenza 24/5, via email, chat e telefono in oltre 14 lingue.

Protezione dei fondi

Assicurazione integrativa per proteggerti fino a 1.000.000£

Il trading mobile

Fai trading ovunque tu sia, con la nostra piattaforma web o mobile.

  • No commissioni nè costi nascosti per aprire o chiudere un ordine;
  • Trading a partire da un micro lotto e massimizza la flessibilità del tuo trading con leva;
  • Supporto clienti italiano rapido e disponibile;
  • Le migliori piattaforme di trading;
  • Webinar settimanali e formazione personalizzata con formatori specializzati;
  • Demo gratuita.
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Il 71% di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con ActivTrades. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Migliori Broker Forex e CFD

Broker Caratteristiche Inizia
Itrader Licenza CONSOB, CySEC
Conto clienti protetto
Broker ECN
apri ora
24Option Licenza CONSOB, CySEC
Supporto clienti
Formazione professionale
apri ora
activtrades Licenza CONSOB, FCA
Protezione conto clienti
Formazione e affidabilità
apri ora
GMO Trading Licenza CySEC
Demo gratuita
MetaTrader 4 e App Mobile
apri ora
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 68 e l’89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti sui indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

La forza del biglietto verde domina il mercato dei cambi

Lo yoyo delle dichiarazioni relative all’accordo commerciale Usa Cina contribuiscono a creare incertezza e incognite nel mercato dei cambi, che non sa letteralmente dove andare

Regolamento dei commenti di Dove Investire

Puoi commentare anche come ospite secondo le finalità della Privacy Policy e della normativa privacy Disqus.

Leggi il nostro REGOLAMENTO dei commenti prima di commentare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.