Home / Mercati finanziari / L’eccessiva forza del dollaro domina il mercato valutario

L’eccessiva forza del dollaro domina il mercato valutario

L’unica valuta appetibile, in questo momento sui mercati, pare proprio essere il biglietto verde. Questa è la sentenza che sembra uscire dalla seduta di ieri, nella quale abbiamo assistito ad una salita, persistente, e talvolta asfissiante, del dollaro nei confronti di tutte le valute concorrenti ad eccezione del UsdJpy.

La tensione sul mercato dei cambi è palpabile, c’è ben poco da dire, quasi che il tema dominante a livello globale fosse un risk off generalizzato che spingesse al ribasso tutti i cross dello Jpy, a cominciare da AudJpy, NzdJpy e CadJpy, in ragione di una avversione al rischio legata in parte alle situazioni geopolitiche, tra cui la Libia, ma anche l’Opec e la stabilizzazione del prezzo del petrolio dopo l’ennesimo embargo Usa contro l’Iran, che ora sembra il grande nemico contro cui scagliarsi. Ma in realtà, è sufficiente girare lo sguardo e guardare ai mercati azionari, che il panorama cambia radicalmente, e diventa un mondo fatto di persistenti profitti e di nuovi massimi, senza soluzione di continuità, che viene confermata anche dalla discesa dell’oro, che continua a premere al ribasso con i livelli a 1.266 per ora a fare da baluardo per evitarne una ulteriore caduta.

Una situazione quindi duplice, in cui le correlazioni intermarket sembrano non funzionare e questa pare la vera sorpresa di questa prima parte del 2019. Ci si deve chiedere, quindi, il perché di questa tensione sul mercato valutario, il perché gli investitori si stiano spostando sul biglietto verde, anche a livelli per certi versi abbastanza tirati, almeno sulle oceaniche e sul dollaro canadese, ma in fondo anche contro euro e sterlina. La ragione probabilmente, è da ricercare nella mancanza di alternative credibili ad un dollaro che offre rendimenti più alti, c’è ben poco da dire, perché il delta tasso ripaga i buyers e il fatto che le aspettative sui tassi sembrano ancora far pendere la bilancia da questa parte.

Sebbene i dati australiani e neozelandesi non evidenzino certo la presenza di una recessione, sono bastati due dati sull’inflazione in leggero calo a far scendere Aud e Nzd di quasi il 3 per cento nel giro di poche sedute, e così anche sul dollaro canadese, tornato a 1.3500, dati sufficienti a far pensare ad un prossimo taglio del costo del denaro da parte delle rispettive banche centrali.
Tecnicamente siamo in una fase di massimo momentum ribassista per queste valute, e ci attendiamo correzioni a breve, ma certamente il movimento pare avere ancora un po’ di spazio, almeno un 1%-2% prima di vedere una inversione. Lo dimostra anche il breakout evidente del Dollar Index che, dopo aver violato l’area di 97.25, sembra orientato ad accelerazioni anche fino a 98.80 99.00, quindi un altro 1.5% circa dai livelli attuali. È chiaro però che cominciamo ad intravedere livelli ed eccessi interessanti in questi movimenti, tali da far percepire come possibili movimenti contrari correttivi anche di una certa rilevanza.
Sarà interessante ascoltare Trump, che sappiamo essere sempre stato contro una eccessiva forza del dollaro, con critiche anche aspre nei confronti della Fed, impegnata a tenere la barra dritta anche se con meno certezze, almeno in questa fase, perché i dati sono sì in leggero rallentamento, ma neppure così marcato. Anche lo Jpy non è molto diverso dalle altre divise, nel senso che il dollaro spinge anche contro la valuta giapponese, nonostante, nelle ultime ore non crollasse come le altre, data la tensione latente che si percepiva sul mercato. Di fatto resta stabile con la possibilità di vedere anche dei rialzi contro dollaro se il risk off dovesse ancora essere presente sui suoi cross. La Boj ha lasciato invariati i tassi questa notte, ed è sempre pronta a rinnovare il Qqe, anche se a tenere stabile lo Jpy intervengono gli esportatori giapponesi, perennemente sull’ask a vendere dollari. Infine, l’Euro, che comincia a risentire delle aspettative negative che si hanno con riferimento alle prossime elezioni del Parlamento Europeo, che si terranno nel prossimo mese di maggio e che potrebbero causare un persistente quanto lento scivolamento della moneta unica anche sotto 1.1000.

Saverio Berlinzani per ActivTrades.

ActivTrades

Profilo dell’analista

Saverio Berlinzani

Nel 1989 inizia il suo percorso lavorativo nel mercato valutario come spot trader per il Banco Lariano. Dal ’91 per la Banque San Paolo di Parigi come trader su lira e franco francese. Dal ‘92 presso il Banco Lariano di Milano spot trader su tutte le valute SME. Dal ’95 per Swiss Bank Corporation capo cambista – Lugano, Ginevra, Londra.

In questi anni, oltre alla specializzazione sul mercato dello spot come market maker, ha sviluppato conoscenze del mercato dei derivati come trader di posizionamento per l’Istituto (Opzioni vanilla ed esotiche), nonché conoscenza diretta delle valute legate ai paesi emergenti (carry trades).

Dal ’98 è rientrato in Italia come Libero professionista in qualità di Consulente Finanziario e Patrimoniale – Presidente e socio fondatore di una società broker in forex. Dal 2009 ad oggi, trader indipendente nel mercato valutario fondatore del sito www.saveforex.it, community di traders con cui condivide quotidianamente in tempo reale la sua operatività forex attraverso una chat e un webinar live.

Chi è ActivTrades

ActivTrades (www.activtrades.eu/it) è un Broker specializzato nella negoziazione di Forex e CFD. Fondata nel 2001, è oggi una delle società leader del settore.
Il suo obbiettivo è quello di massimizzare le attività di trading dei propri clienti, offrendo ad essi una combinazione unica di elementi quali una vasta gamma di strumenti finanziari, spread competitivi e un eccezionale servizio di assistenza.

Dal suo quartier generale, situato nella City di Londra, ActivTrades offre i suoi servizi a una vasta clientela globale che, negli anni, ha potuto apprezzarne l’innovazione continua, l’eccellente ambiente di trading e un’efficace gestione del rischio.

Il Servizio di assistenza ai clienti di ActivTrades è disponibile 24 ore al giorno, da domenica sera a venerdì sera, in 14 lingue tra cui Italiano, Inglese, Francese, Spagnolo, Cinese e Arabo.

ActivTrades Plc è autorizzata e regolamentata dalla Financial Conduct Authority. Registrazione presso la FCA n. 434413. Iscritta all’Albo delle imprese di investimento comunitarie con succursale al n. 97.
ActivTrades Corp è autorizzata e regolata dalla Securities Commission of The Bahamas. ActivTrades Corp è una azienda commerciale internazionale registrata nel Commonwealth delle Bahamas, con numero di registrazione 199667 B.

I vantaggi di fare trading con ActivTrades

ActivTrades offre le migliori condizioni di trading confermate dai più prestigiosi riconoscimenti e sostenuta da trader di tutto il mondo

Miglior esecuzione

Fai trading con precisione a partire da 0,5 pip su EURUSD, senza requote o costi nascosti.

Supporto Clienti Pluripremiato

Assistenza 24/5, via email, chat e telefono in oltre 14 lingue.

Protezione dei fondi

Assicurazione integrativa per proteggerti fino a 1.000.000£

Il trading mobile

Fai trading ovunque tu sia, con la nostra piattaforma web o mobile.

  • Trading senza commissioni nè costi nascosti per aprire o chiudere un ordine;
  • Trading a partire da un micro lotto e massimizza la flessibilità del tuo trading con leva;
  • Supporto clienti italiano rapido e disponibile;
  • Le migliori piattaforme di trading;
  • Webinar settimanali e formazione personalizzata con formatori specializzati;
  • Demo gratuita.
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Il 75,7% di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con ActivTrades. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

I migliori Broker Forex CFD selezionati da Dove Investire

Broker Caratteristiche Inizia
FXCM Licenza FCA, Consob
Protezione conto clienti
Sicurezza dei fondi
apri ora
ActivTrades Licenza FCA, Consob
Protezione conto clienti
Formazione e affidabilità
apri ora
GMO Trading Licenza CySEC
Demo gratuita
MetaTrader 4 e App Mobile
apri ora
Plus500 Licenza ‎ASiC, CySEC, FCA
Il fornitore più quotato di CFD
Piattaforma WebTrader
apri ora
101investing Licenza CySEC
Sconto sullo swap fino al 50%
Piattaforma MT4 e Mobile
apri ora
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 68 e l’89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

Analisi dei mercati finanziari del 6 Luglio | ActivTrades Markets Commentary

L'ottimismo domina i mercati in questo inizio di settimana. I dati macroeconomici positivi e gli sviluppi di una possibile cura contro Covid-19 hanno aumentato la fiducia degli investitori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.