Le banche centrali sanno che si arriverà ad un rallentamento e probabile recessione

Nelle ultime sedute, i mercati si sono convinti oramai, che i rialzi del costo del denaro proseguiranno imperterriti nelle settimane a venire e un po’ tutte le autorità monetarie si stanno adeguando alla prospettiva di aumentare i tassi al solo scopo di avere la possibilità futura di riabbassarli quando la congiuntura globale arriverà a trasformarsi in recessione.

Anche il Giappone, paese in cui l’inflazione era sotto all’1% fino a due mesi orsono, si comincia ad arrendere all’evidenza che l’aumento dei prezzi comincia ad accelerare, avendo raggiunto il 2.5% anche nel paese del sol levante. L’Asia, che fino ad ora era rimasta indenne all’aumento dei prezzi, mostrando peraltro i segni di un rapido decadimento dei principali aggregati macro, sta rapidamente sperimentando l’aumento dell’inflazione in un contesto di rallentamento economico e dovrà ben presto agire sulla falsariga di quanto avviene già in occidente.

E i mercati azionari hanno cominciato a ripiegare al ribasso anche nei diversi paesi del sud est asiatico. Sembra quindi configurarsi, uno scenario di rialzo dei tassi preventivo, chiamiamolo così, anche se di fatto le banche centrali sono in deciso ritardo e avrebbero dovuto avere questa aggressività nel maggio 2021, quando l’inflazione era intorno al 5%. Ora sembra tardi ma non possono fare altrimenti. Sanno benissimo, i banchieri, che si arriverà ad un rallentamento e probabile recessione, ma insistono comunque nell’affermare che il rialzo del costo del denaro non porterà alla recessione globale.

Sul fronte dei mercati, l’azionario sembra confermare un ribasso più strutturale e obiettivamente ha ancora molto spazio di discesa. E se scende l’azionario, anche gli altri mercati cominceranno ad avere paura.

Sul fronte del nostro mercato, quello valutario, il dollaro l’ha fatta da padrone, ma ora sembra ripiegare. Si tratta di capire se questa correzione del biglietto verde, sia solo temporanea oppure se partirà un movimento di risk off reale, in cui le valute a basso tasso, Euro, Jpy e Chf in testa, torneranno ad assumere quel ruolo classico di valuta rifugio che dovrebbero avere, oppure se il biglietto verde, unica valuta rifugio in caso di guerra, manterrà da solo questo status schiacciando le divise concorrenti.

Se osserviamo le nuove posizioni del Cot, ovvero dei futures a Chicago, gli istituzionali sono rimasti short 9 miliardi di sterline la settimana precedente a quella scorsa, diminuendo solo di 500 milioni, le posizioni short valuta britannica, che peraltro ha guadagnato circa 250 270 pips nella settimana appena conclusa. Sul fronte dell’Euro, le posizioni sono invece long di 2.5 miliardi e mezzo, in leggero aumento rispetto alla settimana precedente. Colpisce il fatto che i big players restino short sterline, dato che la Boe ha prospettive di rialzo dei tassi superiori alla Bce e i dati sui prezzi del Regno Unito sono di gran lunga superiori a quelli europei. Ma tant’è, queste sono le posizioni a martedì scorso. Bisogna vedere se la prossima settimana vedrà un cambiamento delle posizioni (che si riferiranno ai giorni mercoledì giovedì e venerdì della scorsa settimana) alla luce dei movimenti che abbiamo avuto la settimana scorsa sulle principali coppie valutarie. A rigor di logica, la salita del Cable dovrebbe aver alimentato qualche chiusura di posizioni short dei big sulla valuta britannica. Interessante anche il fatto che il mercato degli istituzionali sia ancora long dollar index per circa 4.4 miliardi e sia short Aud e Nzd rispettivamente di 5.5 e 2.2 miliardi. In ogni caso, al di là di questo, segnaliamo il fatto che il mercato pare correggere contro dollaro ma non sappiamo ancora se si tratta di una correzione passeggera e di breve durata oppure di una inversione.

Anche sulle commodities, petrolio che ha provato in settimana a scendere ma si è scontrato con supporti invalicabili per il momento in area 102 tornando a 109, anche se sotto le resistenze chiave a 112. UsdCad però non cede più di tanto e rimane sopra 1.2800 a ridosso delle resistenze chiave a 1.2860 70. Ci piace osservare un mercato che offre sempre grandi spunti sui cross, in particolar modo GbpCad che sembra invertire di medio termine e l’eventuale rottura di 1.6070 80 aprirebbe la strada ad un movimento anche verso 1.6450. Attenzione anche allo Jpy perché una discesa delle borse farebbe partire un sell off su UsdJpy di quelli da ricordare con target che onestamente sono aperti a qualsiasi obiettivo. Usare Fibonacci sui ritracciamenti della salita da 102.50 del gennaio 2021, potrebbe darci gli obiettivi potenziali, che sono oggettivamente molto ambiziosi. Ci piace anche osservare CadJpy così come gli altri cross della sterlina GbpAud e GbpNzd, molto interessanti tecnicamente nel medio termine.

Sul fronte dati, questa è la settimana delle minute della Fed, unitamente alla decisione sui tassi della Rbnz. Infine, non dimentichiamo che un’eventuale termine del conflitto Russia Ucraina, le cui diplomazie lavorano sotto traccia, potrebbe ulteriormente modificare tale scenario.

Saverio Berlinzani per ActivTrades.

Profilo dell’analista

Saverio Berlinzani

Nel 1989 inizia il suo percorso lavorativo nel mercato valutario come spot trader per il Banco Lariano. Dal ’91 per la Banque San Paolo di Parigi come trader su lira e franco francese. Dal ‘92 presso il Banco Lariano di Milano spot trader su tutte le valute SME. Dal ’95 per Swiss Bank Corporation capo cambista – Lugano, Ginevra, Londra.

In questi anni, oltre alla specializzazione sul mercato dello spot come market maker, ha sviluppato conoscenze del mercato dei derivati come trader di posizionamento per l’Istituto (Opzioni vanilla ed esotiche), nonché conoscenza diretta delle valute legate ai paesi emergenti (carry trades).

Dal ’98 è rientrato in Italia come Libero professionista in qualità di Consulente Finanziario e Patrimoniale – Presidente e socio fondatore di una società broker in forex. Dal 2009 ad oggi, trader indipendente nel mercato valutario fondatore del sito www.saveforex.it, community di traders con cui condivide quotidianamente in tempo reale la sua operatività forex attraverso una chat e un webinar live.

Chi è ActivTrades

ActivTrades (www.activtrades.eu/it) è un Broker specializzato nella negoziazione di Forex e CFD. Fondata nel 2001, è oggi una delle società leader del settore.
Il suo obbiettivo è quello di massimizzare le attività di trading dei propri clienti, offrendo ad essi una combinazione unica di elementi quali una vasta gamma di strumenti finanziari, spread competitivi e un eccezionale servizio di assistenza.

Dal suo quartier generale, situato nella City di Londra, ActivTrades offre i suoi servizi a una vasta clientela globale che, negli anni, ha potuto apprezzarne l’innovazione continua, l’eccellente ambiente di trading e un’efficace gestione del rischio.

Il Servizio di assistenza ai clienti di ActivTrades è disponibile 24 ore al giorno, da domenica sera a venerdì sera, in 14 lingue tra cui Italiano, Inglese, Francese, Spagnolo, Cinese e Arabo.

ActivTrades Europe SA è autorizzata e regolata dalla Commission de Surveillance du Secteur Financier (CSSF) in Lussemburgo. ActivTrades Europe SA è una società registrata in Lussemburgo, numero di registrazione B232167. ActivTrades Europe SA è una sussidiaria di ActivTrades PLC, autorizzata e regolata dalla Financial Conduct Authority, con numero di registrazione 434413. ActivTrades PLC è una società registrata in Inghilterra e Galles, numero di registrazione 05367727.

Per conoscere in dettaglio i prodotti e i servizi offerti visita il sito www.activtrades.eu/it. Vedi qui la nostra recensione e opinioni su ActivTrades.

I vantaggi di fare trading con ActivTrades

Il Broker londinese ActivTrades offre le migliori condizioni di trading confermate dai più prestigiosi riconoscimenti e sostenuta da trader di tutto il mondo

Miglior esecuzione

Trading con precisione a partire da 0,5 pip su EURUSD, senza requote o costi nascosti.

Supporto Clienti Pluripremiato

Assistenza 24/5, via email, chat e telefono in oltre 14 lingue.

Protezione dei fondi

Assicurazione integrativa per proteggerti fino a 1.000.000£

Il trading mobile

Fai trading ovunque tu sia, con la nostra piattaforma web o mobile.

  • No commissioni nè costi nascosti per aprire o chiudere un ordine;
  • Trading a partire da un micro lotto e massimizza la flessibilità del tuo trading con leva;
  • Supporto clienti italiano rapido e disponibile;
  • Le migliori piattaforme di trading;
  • Webinar settimanali e formazione personalizzata con formatori specializzati;
  • Demo gratuita.
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Il 68% di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con ActivTrades. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Resta aggiornato sulle nostre notizie

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite Doveinvestire su Google News, Facebook, Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Per restare aggiornati sulle notizie pubblicate sul nostro portale attiva le notifiche dal pulsante verde in alto (Seguici) o iscriviti al nostro canale Telegram di Dove Investire

Disclaimer: L’opinione qui espressa non è un consiglio di investimento, ma viene fornita solo a scopo informativo. Non riflette necessariamente l’opinione di doveinvestire.com. Ogni investimento e ogni trading comporta dei rischi, quindi dovresti sempre eseguire le tue ricerche prima di prendere decisioni. Non consigliamo di investire denaro che non puoi permetterti di perdere. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali perdite o danni commerciali a causa di affidamento sulle informazioni contenute all’interno di questo sito, compresi i dati, le citazioni, i grafici e i segnali di acquisto/vendita. Il testo riportato non costituisce attività di consulenza da parte di Dove Investire né, tanto meno, offerta o sollecitazione ad acquistare o vendere strumenti finanziari. Le informazioni ivi riportate sono di pubblico dominio e sono considerate attendibili, ma il portale Dove Investire non è in grado di assicurarne l’esattezza. Si invita a fare affidamento esclusivamente sulle proprie valutazioni delle condizioni di mercato nel decidere se effettuare un’operazione finanziaria e nel valutare se essa soddisfa le proprie esigenze. La decisione di effettuare qualunque operazione finanziaria è a rischio esclusivo dei destinatari della presente informativa.

I migliori Broker Forex CFD selezionati da Dove Investire

Broker Caratteristiche Inizia
ActivTrades Licenza FCA, CSSF
Protezione conto clienti
Formazione e affidabilità
apri ora
XTB Licenza FCA, CySEC, KNF
Piattaforma professionale
Affidabilità e supporto
apri ora
IG Licenza FCA, BaFin, Consob
Oltre 45 anni di esperienza
Trading su CFD e Turbo24
apri ora
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 62 e l’89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

L’eccessiva debolezza dello Jpy deprime l’economia del sol levante

Lo Jpy rimane al centra dell'attenzione dei mercati valutare con il cambio UsdJpy che sembra destinato a rinfrescare il massimo degli ultimi 24 anni sopra 136,00

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.