Come capire se il Crypto Winter sta finendo? Ecco cosa osservare

Le criptovalute si riprenderanno mai o questo crypto winter durerà per sempre? Questi i tre catalizzatori da tenere d’occhio per capire quando l’inverno delle criptovalute potrebbe finire.

Gli investitori spesso guardano al mercato azionario come un analogo del mercato delle criptovalute. Quindi, nel tentativo di capire l’attuale Crypto Winter in cui ci troviamo, potrebbe avere senso tuffarsi nel mercato ribassista delle azioni in questo momento.

Sebbene entrambi i mercati stiano subendo una significativa pressione di vendita, la correlazione tra criptovalute e azioni non è perfetta. Il fatto è che il mercato delle criptovalute è molto più nuovo e semplicemente non ci sono dati sufficienti per fare confronti forti.

Tuttavia, il precedente inverno delle criptovalute è iniziato alla fine del 2017 e si è concluso nel 2020. Allo stesso modo, il mercato azionario non ha funzionato bene durante quel periodo. Di conseguenza, mentre questi due asset possono sembrare altamente correlati (e questa correlazione è stata più alta quest’anno che in passato), forse è semplicemente una coincidenza che stiamo vedendo.

Detto questo, la maggior parte degli investitori si sta chiedendo quando potrebbe finire la crisi delle criptovalute, e per capire quando ciò potrebbe accadere, è iniziata la ricerca di catalizzatori che potrebbero segnalare la fine di questo calo. Ecco tre di questi segnali che potrebbero offrire un visione più chiara sulla fine dell’inverno delle criptovalute.

Uno sguardo ai precedenti storici

Comprendere le rotazioni di qualsiasi mercato in genere richiede una comprensione delle tendenze passate disponibili nei dati storici. Ad esempio, gli investitori che cercano di comprendere le attuali condizioni del mercato ribassista dipendono fortemente dai dati passati. Tali investitori possono ragionevolmente aspettarsi che alcuni titoli difensivi che hanno ottenuto buoni risultati in precedenti ribassi, anche questa volta probabilmente andranno bene.

È un momento fantastico per gli investitori in azioni. I 27 mercati ribassisti dal 1928 sono ben documentati. In media, ciascuno è durato per un periodo di 9,6 mesi. Sarebbe un’ipotesi ragionevole anche per questo attuale mercato ribassista. Detto questo, ci sono problemi nell’affidarsi ai dati storici per determinare la durata potenziale di questo attuale inverno crittografico. Il problema è relativamente semplice: c’è una relativa mancanza di dati storici per le criptovalute. Pertanto, è difficile fare qualsiasi tipo di affermazione sulla durata o sulla profondità di questa flessione del mercato.

✅ Stai cercando un corso completo su come realizzare profitti con il trading? Questo è l’ebook che fa per te… Questa guida ti aiuterà a comprendere i concetti e le regole fondamentali per avere successo nel trading.
👉 Scarica la guida gratuita!

Un recente articolo di Forbes ha suggerito che questo inverno crittografico potrebbe durare fino al 2026. Ma tale previsione si basa sull’idea che la durata dei precedenti inverni crittografici dal 2012 al 2019 sia predittiva della situazione attuale. Sebbene i dati siano scarsi, questo è ciò con cui dobbiamo lavorare.

Segui le azioni tecnologiche

Nonostante una relativa mancanza di dati nel settore delle criptovalute, c’è una abbondanza di dati su cui fare affidamento quando si tratta del mercato azionario. Pertanto, per gli investitori che credono che la correlazione relativamente elevata che abbiamo visto tra titoli tecnologici e criptovalute continuerà, potrebbero essere tracciati alcuni parallelismi che vale la pena considerare.

Lo stesso Forbes di cui sopra ha evidenziato questa correlazione. In particolare, l’elevata correlazione tra  Bitcoin (BTC) e le azioni del settore tecnologico è qualcosa che gli esperti ritengono possa fornire alcuni segnali su quando questo inverno cripto potrebbe finire. In sostanza, la tesi è che quando i titoli tecnologici sembrano pronti ad invertire la tendenza, le criptovalute potrebbero seguirle.

Ecco il problema. Sapere con precisione quando i titoli tecnologici stanno “svoltando l’angolo” o toccando il minimo è difficile da prevedere. Molti credono che il mercato azionario abbia toccato il fondo, mentre alcuni esperti ipotizzano che se questa bolla tecnologica dovesse esplodere, potrebbe essere peggio della bolla delle dot-com della fine degli anni ’90. Durante quel crollo, l’intero settore tecnologico ha perso quasi l’80% del suo valore. Inoltre, questo mercato ribassista ha impiegato anni per raggiungere il fondo. Se la performance dell’indice Nasdaq, ricco di tecnologia, è predittiva, allora questo inverno crittografico potrebbe avere ancora molta strada da fare. Questo perché il Nasdaq è in calo solo del 27% circa nell’attuale mercato ribassista.

Osserva le mosse della Federal Reserve

Data l’elevata correlazione che stiamo vedendo tra i titoli tecnologici e le criptovalute come il Bitcoin, è importante pensare a cosa sta causando questa correlazione. Molti esperti ritengono che i tassi di interesse possano essere il collegamento tra i due asset.

In effetti, l’aumento dei tassi di interesse ha preceduto, e molti credono abbia causato, i precedenti crolli del mercato azionario. Questo perché la liquidità a basso costo che ha sostenuto gli asset a rischio durante i periodi precedenti il ​​crollo delle dot-com e la Grande Recessione ha fornito la marea che ha sollevato tutte le barche. Tuttavia, quando il capitale è diventato più costoso, come lo è ora, gli investitori hanno cercato asset più difensive e alternative come le obbligazioni.

Di conseguenza, molti sono scettici sulla capacità del mercato delle criptovalute di riprendersi presto. È chiaro che la Federal Reserve continuerà ad essere aggressiva dopo i dati sull’inflazione di agosto. La Federal Reserve ha appena annunciato un altro aumento del tasso di 75 punti base (0,75%) per arginare l’inflazione, pertanto, il denaro è più costoso e la liquidità alla ricerca di attività di crescita a rischio più elevato potrebbe diventare più scarsa.

Se dovesse prendere piede un pivot della Fed, forse sia i titoli tecnologici che le criptovalute potrebbero trovare un fondo, ma fino a quando ciò non accadrà, le aspettative sono che l’inverno delle criptovalute potrebbe trascinarsi ancora per qualche tempo.

Resta aggiornato sulle nostre notizie

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite Doveinvestire su Google News, Facebook, Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Per restare aggiornati sulle notizie pubblicate sul nostro portale attiva le notifiche dal pulsante verde in alto (Seguici) o iscriviti al nostro canale Telegram di Dove Investire

Disclaimer: L’opinione qui espressa non è un consiglio di investimento, ma viene fornita solo a scopo informativo. Non riflette necessariamente l’opinione di doveinvestire.com. Ogni investimento e ogni trading comporta dei rischi, quindi dovresti sempre eseguire le tue ricerche prima di prendere decisioni. Non consigliamo di investire denaro che non puoi permetterti di perdere. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali perdite o danni commerciali a causa di affidamento sulle informazioni contenute all’interno di questo sito, compresi i dati, le citazioni, i grafici e i segnali di acquisto/vendita. Il testo riportato non costituisce attività di consulenza da parte di Dove Investire né, tanto meno, offerta o sollecitazione ad acquistare o vendere strumenti finanziari. Le informazioni ivi riportate sono di pubblico dominio e sono considerate attendibili, ma il portale Dove Investire non è in grado di assicurarne l’esattezza. Si invita a fare affidamento esclusivamente sulle proprie valutazioni delle condizioni di mercato nel decidere se effettuare un’operazione finanziaria e nel valutare se essa soddisfa le proprie esigenze. La decisione di effettuare qualunque operazione finanziaria è a rischio esclusivo dei destinatari della presente informativa.

FORMAZIONE Trading a 360°. Scarica GRATIS i nuovi EBOOK sul TRADING!

I migliori Broker Forex CFD selezionati da Dove Investire

Broker Caratteristiche Inizia
ActivTrades Licenza Consob, FCA, CSSF
Protezione conto clienti
Formazione e affidabilità
apri ora
XTB Licenza FCA, CySEC, KNF
Piattaforma professionale
Affidabilità e supporto
apri ora
IG Licenza FCA, BaFin, Consob
Oltre 45 anni di esperienza
Trading su CFD e Turbo24
apri ora
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 62 e l’89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

Quanto varrebbe oggi il tuo investimento in Bitcoin un anno fa?

Se avessi investito 1.000 euro in Bitcoin quando i prezzi hanno raggiunto il picco nel novembre 2021, il tuo investimento oggi sarebbe di circa .... euro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.