24 Luglio, 2024
Richiedi gli ebook "Come Investire in Azioni di Borsa" e "Investire in Intelligenza Artificiale"Richiedi gli ebook "Come Investire in Azioni di Borsa" e "Investire in Intelligenza Artificiale"
Altro
    Comunicati StampaPerché investire nei mercati emergenti proprio ora?

    Perché investire nei mercati emergenti proprio ora?

    Scopri le ragioni convincenti per investire nei mercati emergenti oggi! Approfondisci il potenziale di crescita e le opportunità uniche che ti aspettano

    Perché investire nei mercati emergenti proprio ora?

    In periodi di incertezza, gli investitori potrebbero essere restii a destinare risorse in beni sensibili a variazioni di crescita globale, tassi di interesse e appetito per il rischio, come quelli provenienti dai mercati emergenti (EM).

    Tuttavia, siamo positivi riguardo alle prospettive per azioni e obbligazioni dei mercati emergenti. Identifichiamo quattro motivi per investire nei mercati emergenti in questo momento.

    La crescita dei mercati emergenti potrebbe superare quella dei mercati sviluppati grazie a un ciclo politico più avanzato

    A partire dal secondo trimestre, il consenso di mercato prevede che i tassi di crescita dei mercati emergenti accelerino rispetto ai mercati sviluppati. Gli indici PMI (Purchasing Managers’ Index) dei mercati emergenti stanno già registrando un tasso di espansione superiore rispetto ai mercati sviluppati. Molte banche centrali dei mercati emergenti hanno inoltre aumentato i tassi politici prima delle controparti dei mercati sviluppati per contrastare le crescenti pressioni inflazionistiche. Le decisioni politiche precedenti stanno dando i loro frutti. Un esempio è l’inflazione brasiliana scesa al 4,7% a marzo, la prima lettura all’interno dell’obiettivo della banca centrale da oltre due anni.

    I fattori globali dovrebbero passare da ostacoli a venti favorevoli

    I costi del debito pubblico statunitense, che influenzano la capacità degli emittenti EM di servire il debito denominato in dollari, sono diminuiti man mano che l’attenzione del mercato si sposta dall’inflazione alla crescita e alla stabilità finanziaria. I rendimenti sui titoli di Stato statunitensi a 2 e 10 anni sono rispettivamente 100 e 62 punti base al di sotto dei massimi del 2023. Prevediamo un dollaro più debole e rendimenti statunitensi stabili o leggermente inferiori a fine anno, poiché i tassi di interesse americani raggiungeranno il picco e il differenziale di crescita del paese con il resto del mondo si ridurrà. Storicamente, questi sviluppi hanno sostenuto gli asset EM.

    Come Imparare a fare Trading in 28 Giorni - Richiedi ora l'eBook Gratuito

    Il recupero economico della Cina dovrebbe tradursi in guadagni più solidi

    La crescita del PIL cinese nel primo trimestre del 4,5% ha superato sia le aspettative di mercato sia il dato del quarto trimestre del 2,9%. I dati sui consumi indicano che il recupero interno della Cina è sulla buona strada: la crescita delle vendite al dettaglio a marzo ha raggiunto un massimo di quasi due anni del 10,6% su base annua. Il settore immobiliare cinese mostra segni di miglioramento del sentimento (i PMI delle costruzioni sono aumentati) e dell’attività (i tassi di crescita delle vendite immobiliari su base annua sono ora stabili).

    La nostra previsione di crescita del PIL di almeno il 5,7% supera l’obiettivo governativo del 5%, e prevediamo una crescita complessiva degli utili del 14% per le azioni cinesi. Le aziende cinesi costituiscono il 32% dell’indice MSCI EM, quindi le azioni EM dovrebbero essere ben sostenute. Altri modi per posizionarsi in vista della ripresa cinese includono il dollaro australiano, le materie prime e alcuni beneficiari europei selezionati.

    Le valutazioni tra azioni e reddito fisso sottovalutano i fondamentali migliorati
    Le azioni EM sono negoziate a 11,6x gli utili previsti a 12 mesi, al di sotto della media decennale e con uno sconto significativo rispetto alle azioni statunitensi, un mercato meno preferito dal CIO, a 18x per l’S&P 500, il massimo di circa un anno. Nel frattempo, le prospettive di utili futuri per le azioni EM dovrebbero continuare a migliorare, guidando una performance positiva nei prossimi 6-12 mesi.

    La nostra posizione più preferita sulle obbligazioni EM è sostenuta da rendimenti iniziali più elevati (8,8% per il debito sovrano denominato in dollari) e valutazioni interessanti. Il differenziale di rendimento odierno di quasi 500 punti base rispetto alla curva dei titoli di Stato statunitensi può contribuire in modo significativo alla capacità degli investitori di generare reddito nel portafoglio, specialmente se mantenuto per orizzonti di investimento più lunghi.

    Le obbligazioni EM appaiono anche eque o interessanti dal punto di vista del valore quando aggiustate per la qualità del credito e i probabili valori di recupero. Su questa base, il premio di rischio odierno di 225 punti base per le obbligazioni sovrane EM rispetto ai titoli di Stato statunitensi – circa 25 punti base al di sopra della media decennale – implica che gli investitori siano più che compensati per i rischi di credito sottostanti. Storicamente, l’acquisto di obbligazioni sovrane EM quando i premi di rischio sono elevati ha portato a rendimenti superiori alla media in un orizzonte di investimento di 6-12 mesi.

    Guadagna fino al 5% di interessi sui fondi non investiti

    Ciò che ha attirato la nostra attenzione

    Preoccupazioni nel settore bancario

    L’S&P 500 è sceso dell’1,5% e i rendimenti dei titoli di Stato a due anni sono diminuiti di 18,7 punti base mercoledì, a causa delle continue preoccupazioni sulle banche regionali e un rinnovato interesse sul tetto del debito degli Stati Uniti. Un articolo del WSJ citava il presidente della Fed di Dallas, Robert Kaplan, che metteva in guardia sul fatto che le banche più piccole potrebbero restringere il prestito alle piccole e medie imprese e che la Fed non comprendeva “appieno” i rischi del settore bancario in arrivo. La segretaria al Tesoro degli Stati Uniti, Janet Yellen, ha separatamente avvertito di un “catastrofe economica” se il Congresso non riuscisse ad aumentare il tetto del debito del governo. Sul fronte dei dati, l’indice di fiducia dei consumatori statunitensi è sceso ad un minimo di nove mesi ad aprile, con un peggioramento delle aspettative a breve termine e i consumatori che rinunciano ai piani di spesa per vacanze ed elettrodomestici.

    Il nostro punto di vista: Abbiamo avvertito che condizioni di credito più restrittive colpiranno probabilmente la crescita negli Stati Uniti, e su base settoriale, riteniamo che una visione meno preferita sul settore finanziario americano rimanga appropriata. In generale, condizioni finanziarie più rigide, un calo previsto degli utili aziendali e valutazioni relativamente alte suggeriscono prospettive difficili per le azioni statunitensi. Vediamo un miglior rapporto rischio-rendimento nei titoli di debito di alta qualità rispetto agli indici azionari statunitensi.

    Avanzamenti europei sulle emissioni

    Le economie dell’UE questa settimana hanno approvato cambiamenti nel sistema di scambio di emissioni e nelle regole sulle emissioni a livello regionale, inasprendo le restrizioni sull’inquinamento industriale e aumentando i fondi per accelerare la transizione energetica del blocco. Il Sistema di scambio di quote di emissione dell’UE (ETS) eliminerà gradualmente i permessi gratuiti, estenderà la copertura alle imprese di spedizioni e accelererà il declino complessivo previsto delle emissioni totali dell’UE per il 2030. Sottolineando l’attenzione dell’Europa sulle emissioni, il governatore della Banca di Francia, François Villeroy de Galhau, all’inizio di questa settimana ha affermato che affrontare i rischi legati al clima è un “core business e core duty” per le istituzioni finanziarie.

    Il nostro punto di vista: Riteniamo che imporre un costo reale sul carbonio sia fondamentale per ridurre le emissioni, e prevediamo che ulteriori progressi legislativi e generosi sussidi industriali offriranno venti favorevoli per le aziende coinvolte nella produzione di energia, come l’efficienza energetica, la riduzione dell’inquinamento atmosferico e del carbonio e le energie rinnovabili. Con forti impegni di capitale da parte di governi e aziende, continuiamo a credere che la sostenibilità debba essere un fattore chiave di lungo termine per i rendimenti degli investimenti.

    Report di Mark Haefele, Global Wealth Management Chief Investment Officer, UBS AG

    Appendice

    Le opinioni d’investimento di UBS Chief Investment Office («CIO») sono elaborate e pubblicate dalla divisione Global Wealth Management di UBS Switzerland AG (disciplinata dalla FINMA in Svizzera) o da una sua affiliata («UBS»). Le opinioni d’investimento sono state formulate in conformità delle norme di legge volte a promuovere una ricerca d’investimento indipendente.

    Ricerca d’investimento generica – Informazioni sui rischi: Questa pubblicazione viene distribuita solo a fini informativi e non rappresenta un’offerta né una sollecitazione di offerta diretta per l’acquisto o la vendita di prodotti d’investimento o di altri prodotti specifici. L’analisi contenuta nella presente pubblicazione non costituisce una raccomandazione personale né tiene conto degli obiettivi d’investimento, delle strategie d’investimento, della situazione finanziaria o delle esigenze particolari di un determinato destinatario. Si basa su numerosi presupposti. Presupposti diversi potrebbero dare risultati sostanzialmente diversi. Alcuni prodotti e servizi sono soggetti a restrizioni legali e non possono essere offerti in tutto il mondo in modo incondizionato e/o potrebbero non essere idonei alla vendita a tutti gli investitori. Tutte le informazioni e le opinioni espresse in questo documento sono state ottenute da fonti ritenute attendibili e in buona fede; tuttavia, si declina qualsiasi responsabilità, contrattuale o tacita, per l’eventuale mancanza di correttezza o completezza (a eccezione della divulgazione di informazioni relative a UBS). Tutte le informazioni e le opinioni così come le previsioni, le stime e i prezzi di mercato indicati si riferiscono unicamente alla data della presente pubblicazione e sono soggetti a cambiamenti senza preavviso. Le opinioni qui espresse possono discostarsi o essere contrarie alle opinioni espresse da altri dipartimenti o divisioni di UBS a seguito dell’utilizzo di presupposti e/o criteri diversi.
    Il presente documento e le informazioni ivi contenute (tra cui previsioni, valori, indici o altri importi calcolati («Valori»)) non possono in alcun caso essere utilizzati per i seguenti scopi: (i) a fini di valutazione o di contabilità; (ii) per stabilire gli importi dovuti o da versare, il prezzo o il valore di uno strumento finanziario o di un contratto finanziario; o (ii) per misurare la performance di uno strumento finanziario, anche, tra l’altro, con l’obiettivo di monitorare il rendimento o la performance di un Valore o di definire l’asset allocation di un portafoglio oppure di calcolare le commissioni di performance. Ricevendo il presente documento e le informazioni ivi contenute si ritiene che dichiariate e assicuriate a UBS che non userete questo documento e che non farete diversamente affidamento sulle informazioni ivi contenute per gli scopi di cui sopra.UBS e ogni suo dirigente o dipendente possono in ogni momento essere autorizzati a detenere posizioni lunghe o corte in strumenti d’investimento menzionati in questa pubblicazione, effettuare operazioni che coinvolgono tali strumenti d’investimento in conto proprio o in conto terzi o fornire qualsiasi altro servizio o avere funzionari che operano in qualità di dirigenti nei confronti dell’emittente, dello strumento d’investimento stesso o di una società commercialmente o finanziariamente collegata a tali emittenti. In ogni momento, le decisioni d’investimento (compresa la scelta di acquistare, vendere o detenere titoli) prese da UBS e dai suoi dipendenti possono differire o essere contrarie alle opinioni espresse nelle pubblicazioni di ricerca di UBS. Alcuni investimenti possono non essere immediatamente realizzabili, dal momento che lo specifico mercato può essere illiquido, e di conseguenza la valutazione dell’investimento e la determinazione del rischio possono essere difficili da quantificare. UBS fa affidamento su barriere all’informazione per controllare il flusso di informazioni contenute in una o più aree di UBS verso altre aree, unità, divisioni o affiliate di UBS. Le operazioni su future e opzioni non sono idonee a tutti gli investitori poiché comportano un elevato rischio di perdita e possono generare perdite superiori all’investimento iniziale. I risultati passati di un investimento non rappresentano una garanzia dei suoi rendimenti futuri. Maggiori informazioni saranno rese disponibili su richiesta. Alcuni investimenti possono essere soggetti a improvvise e consistenti perdite di valore e allo smobilizzo dell’investimento è anche possibile ricevere una somma inferiore a quella inizialmente investita o dover effettuare un versamento integrativo. Le variazioni dei corsi di cambio possono avere un effetto negativo sul prezzo, sul valore o sul rendimento di un investimento. L’analista/Gli analisti responsabile/i della preparazione di questo rapporto può/possono interagire con il personale del trading desk, il personale di vendita e altre unità allo scopo di raccogliere, sintetizzare e interpretare informazioni di mercato.
    Il trattamento fiscale dipende dalla situazione personale e potrebbe subire variazioni in futuro. UBS non fornisce consulenza legale o fiscale e non rilascia alcuna dichiarazione circa il trattamento fiscale degli attivi o dei loro rendimenti d’investimento, né a titolo generale né in riferimento alla situazione e alle esigenze specifiche del cliente. Ci è impossibile tenere conto degli obiettivi d’investimento, della situazione finanziaria e delle esigenze particolari di ogni singolo cliente e pertanto vi raccomandiamo di rivolgervi a un consulente finanziario e/o fiscale per discutere le implicazioni, comprese quelle fiscali, dell’investimento in qualunque prodotto menzionato nel presente materiale.
    È vietata la riproduzione o la distribuzione di copie di questo materiale senza la preventiva autorizzazione di UBS. Se non diversamente convenuto per iscritto, UBS vieta espressamente la distribuzione e il trasferimento di questo materiale a terzi per qualsiasi ragione. UBS non accetta alcuna responsabilità per eventuali pretese o azioni legali di terzi derivanti dall’uso o dalla distribuzione di questo materiale. Questo materiale è destinato alla distribuzione solo secondo le circostanze permesse dal diritto applicabile. Per informazioni circa le modalità con cui il CIO gestisce i conflitti e mantiene l’indipendenza delle opinioni d’investimento e della sua gamma di pubblicazioni, e circa le metodologie di ricerca e di rating, si rimanda a www.ubs.com/research-methodology. Per ulteriori informazioni circa gli autori della presente pubblicazione e di altre pubblicazioni del CIO eventualmente citate nel presente documento e per richiedere copie di studi passati sullo stesso argomento si prega di rivolgersi al proprio consulente alla clientela.
    Le opzioni e i futures non sono idonei a tutti gli investitori; le operazioni in questi strumenti sono considerate rischiose e possono essere adeguate solo per gli investitori sofisticati. Prima di acquistare o vendere un’opzione, e per conoscere tutti i rischi relativi alle opzioni, è necessario ricevere una copia del documento «Caratteristiche e rischi delle opzioni standardizzate», disponibile all’indirizzo https://www.theocc.com/about/publications/ character-risks.jsp o presso il proprio consulente finanziario. Gli investimenti in prodotti strutturati comportano rischi significativi. Per maggiori informazioni sui rischi legati all’investimento in un determinato prodotto strutturato, leggere i documenti d’offerta relativi a tale prodotto. I prodotti strutturati sono obbligazioni non garantite di un determinato emittente i cui rendimenti sono collegati alla performance di uno strumento sottostante. A seconda delle condizioni dell’investimento, gli investitori potrebbero perdere la totalità o una parte consistente del capitale investito in base alla performance dello strumento sottostante. Gli investitori potrebbero anche perdere l’intero capitale investito in caso d’insolvenza dell’emittente. UBS non garantisce in alcun modo gli obblighi o la condizione finanziaria di qualsiasi emittente né la correttezza delle informazioni finanziarie fornite da qualsiasi emittente. I prodotti strutturati non sono strumenti d’investimento tradizionali e un investimento in un prodotto strutturato non equivale a un investimento diretto nello strumento sottostante. I prodotti strutturati possono avere una liquidità limitata o nulla e gli investitori devono essere preparati a detenere l’investimento fino alla scadenza. Il rendimento dei prodotti strutturati può essere limitato da un determinato guadagno massimo, da un tasso di partecipazione o da altre caratteristiche. I prodotti strutturati possono prevedere la facoltà di rimborso anticipato; se un prodotto strutturato viene richiamato in anticipo, gli investitori non possono conseguire ulteriori rendimenti e potrebbero non essere in grado di reinvestire in strumenti simili con condizioni simili. I prodotti strutturati sono soggetti a costi e commissioni che in genere sono incorporati nel prezzo dell’investimento. Il trattamento fiscale di un prodotto strutturato può essere complesso e può differire da quello di un investimento diretto nello strumento sottostante. UBS e i suoi collaboratori non forniscono consulenza fiscale. Prima di investire in qualsiasi strumento, gli investitori sono invitati a rivolgersi al proprio consulente fiscale per conoscere la propria situazione fiscale.
    Informazioni importanti sulle strategie basate sugli investimenti sostenibili: le strategie basate sugli investimenti sostenibili mirano a prendere in considerazione e integrare i fattori ambientali, sociali e di governance (ESG) nel processo d’investimento e nella costruzione del portafoglio. Le strategie più varie in termini di orientamento geografico e stile d’investimento possono effettuare analisi ESG e integrarne i risultati in diversi modi. L’inclusione dei fattori ESG o delle considerazioni alla base degli investimenti sostenibili può impedire al gestore di partecipare a certe opportunità d’investimento che altrimenti sarebbero in linea con il suo obiettivo d’investimento e con altre strategie d’investimento tradizionali. I rendimenti di un portafoglio composto essenzialmente da investimenti sostenibili possono essere superiori o inferiori a quelli di un portafoglio il cui gestore non tiene conto dei fattori ESG, non opera esclusioni e non considera altri aspetti della sostenibilità, e le opportunità d’investimento a disposizione di tali portafogli possono essere diverse. Le società possono non soddisfare necessariamente elevati standard di performance per tutti gli aspetti ESG o tutti i temi degli investimenti sostenibili; inoltre, non si garantisce che le società soddisfino le aspettative negli ambiti della responsabilità aziendale, della sostenibilità e/o della performance in termini d’impatto.
    Gestori patrimoniali esterni / Consulenti finanziari esterni: qualora la presente ricerca o pubblicazione sia fornita a un gestore patrimoniale esterno o a un consulente finanziario esterno, UBS vieta espressamente che questa sia ridistribuita dal gestore patrimoniale esterno o dal consulente finanziario esterno e che sia resa disponibile ai rispettivi clienti e/o terzi.
    Stati Uniti d’America: distribuito a soggetti statunitensi da UBS Financial Services Inc. o UBS Securities LLC, consociate di UBS SA. UBS Switzerland AG, UBS Europe SE, UBS Bank, S.A., UBS Brasil Administradora de Valores Mobiliarios Ltda, UBS Asesores Mexico, S.A. de C.V., UBS SuMi TRUST Wealth Management Co., Ltd., UBS Wealth Management Israel Ltd e UBS Menkul Degerler AS sono consociate di UBS SA. UBS Financial Services Inc. accetta la responsabilità dei contenuti di un documento predisposto da un’affiliata non statunitense quando distribuisce documenti a soggetti statunitensi. Tutte le transazioni di soggetti statunitensi nei titoli citati nel presente documento devono essere effettuate tramite un broker/dealer registrato negli Stati Uniti e affiliato a UBS e non tramite un’affiliata non statunitense. Il contenuto del presente documento non è stato e non sarà approvato da alcuna autorità per gli strumenti finanziari o per gli investimenti negli Stati Uniti o altrove. UBS Financial Services Inc. non agisce in veste di consulente municipale a favore di enti municipali o di persone obbligate nell’accezione della Section 15B del Securities Exchange Act (la «Municipal Advisor Rule») e le opinioni e i giudizi espressi nel presente documento non devono essere intesi come una consulenza, né costituiscono una consulenza, nell’accezione della Municipal Advisor Rule.
    Per maggiori dettagli sul singolo paese, consultare il sito ubs.com/cio-country-disclaimer-gr o chiedere al vostro consulente finanziario le relative informazioni sui rischi. Versione A/2023. CIO82652744 © UBS 2023. Il simbolo della chiave e UBS figurano tra i marchi registrati e non registrati di UBS. Tutti i diritti riservati
    Doveinvestire
    Doveinvestire
    Amministratore e CEO del portale www.doveinvestire.com, Simone Mordenti è anche analista finanziario, trader con oltre 20 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e azioni, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.
    ARTICOLI CORRELATI

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Zero commissioni di investimento
    Copia automaticamente gli investimenti dei trader di maggior successo
    Segui Doveinvestire su Telegram

    Ultimi articoli

    Da non perdere

    Investimenti a lungo termine: Dove investire per pianificare un futuro sicuro

    Investimenti a lungo termine: Dove investire per pianificare un futuro sicuro

    Pianifica un futuro sicuro attraverso investimenti a lungo termine. Approfondisci le migliori strategie e broker per costruire un portafoglio solido e diversificato
    Migliori Azioni di Semiconduttori: 5 Titoli per Cavalcare il Boom dell'AI

    Migliori Azioni di Semiconduttori: 5 Titoli per Cavalcare il Boom dell’AI

    Sei pronto a capitalizzare sulla crescita dell'intelligenza artificiale? Scopri quali sono le migliori azioni di semiconduttori che possono rivoluzionare il tuo portafoglio
    Investire Oggi: Le 20 Azioni Più Redditizie per il Lungo Termine

    Investire Oggi: Le 20 Azioni Più Redditizie per il Lungo Termine

    Vuoi costruire un portafoglio di investimenti a lungo termine e ottenere rendimenti stabili? Scopri le 20 azioni più redditizie che possono fare la differenza per il tuo futuro finanziario
    Le 10 Migliori Azioni di Intelligenza Artificiale (AI) da Non Vendere Mai

    Le 10 Migliori Azioni di Intelligenza Artificiale (AI) da Non Vendere Mai

    Scopri le migliori azioni di intelligenza artificiale: da Microsoft a Nvidia, ecco dove gli esperti vedono il maggior potenziale di crescita nel settore tecnologico
    Investire in Intelligenza Artificiale: I Top 5 Titoli che Guidano l'S&P 500

    Investire in Intelligenza Artificiale: I Top 5 Titoli che Guidano l’S&P 500

    Scopri i titoli di intelligenza artificiale che stanno cambiando l'S&P 500. Sono queste le azioni tecnologiche legate all'IA con potenziale di crescita esplosivo
    Come Investire in Intelligenza Artificiale

    Come Investire in Intelligenza Artificiale. Le Migliori azioni di IA

    Scopri come investire in intelligenza artificiale, le migliori azioni di IA e perché investire in questo settore in crescita esponenziale

    MIGLIORI BROKER

    XTBIGMigliori Broker