Trimestrali USA. Sarà la stagione dei guadagni più eccitanti degli ultimi anni

Le aspettative di guadagno sono ancora in aumento ma stanno attualmente rallentando perché l’economia va a rilento a causa dei vincoli di fornitura, della crisi immobiliare cinese e della crisi energetica globale. La stagione dei guadagni del Q3 sarà tutta incentrata sull’aumento dei costi di produzione e su come questo stia portando a pressioni sui margini che potrebbero portare a dei cambiamenti sui profitti. Questa sarà probabilmente una delle stagioni dei guadagni più eccitanti degli ultimi anni.

Nonostante le aspettative di crescita siano minori a causa dei problemi di approvvigionamento in Asia provocate dalle epidemie di Covid-19, dalla crisi del mercato immobiliare cinese e dalla crisi energetica globale in corso, gli analisti sell-side hanno aumentato la loro aspettativa di EPS a 12 mesi per S&P 500 del 6,3% nel terzo trimestre. Questo è il ritmo più lento di crescita degli utili previsti da quando hanno toccato il fondo a maggio dello scorso anno.

Stiamo entrando nella stagione delle trimestrali con valutazioni azionarie elevate e margini di profitto ai massimi storici. C’è una serie crescente di stress test per le aziende a partire dalle pressioni salariali, dai vincoli di fornitura che spingono i prezzi verso l’alto e ora, ultimamente, anche costi energetici sempre più alti. Aziende come FedEx, Nike e Bed Bath & Beyond hanno già lanciato l’allarme sull’aumento dei costi di produzione e sulla pressione sui margini. Si pensava che questi temi sarebbero stati centrali a partire dal prossimo gennaio ma, in realtà, molti investitori potrebbero essere sorpresi da come impatteranno anche su queste trimestrali.

L’aumento dei costi di produzione metterà ancora una volta sotto pressione le aziende dei settori industriali, dei beni di prima necessità e dei beni legati al benessere della persona. Ci aspettiamo, invece, che le aziende digitali rilascino buoni risultati, poiché generano una maggiore quantità di entrate e profitti per consumo energetico utilizzato e spesso forniscono i loro servizi su Internet, rendendoli più immuni alle interruzioni dell’approvvigionamento globale. Insomma siamo davanti ad un altro trimestre che dimostra una volta di più agli investitori che scommettere sulle aziende digitali fa bene ai rendimenti. Il corollario sarà un aumento della pressione per cercare di tassare le aziende digitali.

La lista qui sotto riporta le più importanti trimestrali da tenere d’occhio in questi giorni:

  • Oggi: Delta Air Lines, JPMorgan Chase, BlackRock, First Republic Bank
  • Giovedì: Fast Retailing, Bank of America, Wells Fargo, Walgreens Boots Alliance, Morgan Stanley, Citigroup, UnitedHealth, US Bancorp, Progressive, Domino’s Pizza
  • Venerdì: Zijin Mining, BOC Hong Kong, PNC Financial Services, Goldman Sachs, Charles Schwab, Truist Financial

Delta Air Lines dovrebbe archiviare un fatturato Q3 di 8.4 miliardi di dollari, in crescita del 175% a/a e il suo primo trimestre redditizio dall’inizio della pandemia, con un EPS atteso a 0.18 dollari e un EBITDA di 945 milioni di dollari che si traduce in un sano margine operativo del 11.2%. Il focus è naturalmente l’aumento dei costi del carburante associato alla crisi energetica globale in corso, ma anche la difficile gestione dei passeggeri nel mondo post pandemico.

Tra le banche e le banche d’investimento ci concentriamo su JPMorgan Chase per il quadro completo, e Bank of America per capire le dinamiche del credito sottostante e la situazione della domanda di prestiti negli Stati Uniti, mentre Citigroup è interessante per la sua inclinazione ai mercati emergenti. Morgan Stanley e Goldman Sachs spesso non sono interessanti dato che JPMorgan Chase è il più delle volte un buon indicatore sull’investment banking per il trimestre. Gli analisti si aspettano un trimestre difficile per le banche USA q/q in quanto l’attività si sta normalizzando nel consumer e commercial banking. L’attenzione chiave per le banche si concentra sulla loro prospettiva in relazione ai tassi di interesse e a qualsiasi dato sull’inflazione e su come essa influenza i clienti.

Articolo redatto da Peter Garnry, Head of Equity Strategy per BG SAXO. Altre informazioni su www.bgsaxo.it

Nessuna delle informazioni e analisi qui contenute costituisce un consiglio di investimento o un’offerta o sollecitazione ad acquistare o vendere qualsiasi valuta, prodotto o strumento finanziario, effettuare investimenti o partecipare a una particolare strategia di trading. L’investitore si assume la responsabilità di valutare, in modo indipendente, la precisione e la completezza delle informazioni e il relativo utilizzo. La presente comunicazione di marketing non è assimilabile ad alcuna forma di produzione o diffusione di ricerca in materia di investimenti e pertanto non è stata preparata conformemente ai requisiti giuridici volti a promuovere l’indipendenza della ricerca. Eventuali informazioni riportate che si riferiscano a rendimenti, non devono essere interpretate come indicazioni di rendimenti futuri o di garanzia di conservazione del capitale investito ma come indicazioni di rendimenti realizzati in passato. Con strumenti finanziari “più negoziati in piattaforma” si fa riferimento al controvalore nominale negoziato su tutte le piattaforme del Gruppo Saxo.

Resta aggiornato sulle nostre notizie

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite Doveinvestire su Google News, Facebook, Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Per restare aggiornati sulle notizie pubblicate sul nostro portale attiva le notifiche dal pulsante verde in alto (Seguici) o iscriviti al nostro canale Telegram di Dove Investire

Avviso esplicito sui rischi: non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali perdite o danni commerciali a causa di affidamento sulle informazioni contenute all’interno di questo sito, compresi i dati, le citazioni, i grafici e i segnali di acquisto/vendita. La negoziazione sui mercati finanziari è una delle forme più rischiose di investimento possibili. Tutti i prezzi e i segnali di acquisto/vendita sono indicativi e non adeguati ai fini di negoziazione, inoltre, non sono forniti da un cambio, ma piuttosto dai market maker, quindi potrebbero non essere precisi e possono differire dal prezzo effettivo di mercato. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali perdite commerciali nelle quali si potrebbe incorrere come conseguenza dell’utilizzo di questi dati. Il testo riportato non costituisce attività di consulenza da parte di Dove Investire né, tanto meno, offerta o sollecitazione ad acquistare o vendere strumenti finanziari. Le informazioni ivi riportate sono di pubblico dominio e sono considerate attendibili, ma il portale Dove Investire non è in grado di assicurarne l’esattezza. Tutte le informazioni sono date in buona fede sulla base dei dati disponibili, ma sono suscettibili di variazioni anche senza preavviso in qualsiasi momento dopo la pubblicazione. Si declina ogni responsabilità per qualsivoglia informazione esposta in questa pubblicazione. Si invita a fare affidamento esclusivamente sulle proprie valutazioni delle condizioni di mercato nel decidere se effettuare un’operazione finanziaria e nel valutare se essa soddisfa le proprie esigenze. La decisione di effettuare qualunque operazione finanziaria è a rischio esclusivo dei destinatari della presente informativa.

FORMAZIONE Trading a 360°. Scarica GRATIS i nuovi EBOOK sul TRADING!

I migliori Broker Forex CFD selezionati da Dove Investire

Broker Caratteristiche Inizia
ActivTrades Licenza FCA, Consob
Protezione conto clienti
Formazione e affidabilità
apri ora
Capixal Licenza CySEC
Piattaforma MT4 e Mobile
Oltre 350 CFD disponibili
apri ora
eToro Licenza CySEC, FCA
Social Trading
Protezione dei fondi
apri ora
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 67 e l’89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.