Home / Mercato Azionario / Ci sarà presto un crollo del mercato azionario? La risposta che non ti aspetti

Ci sarà presto un crollo del mercato azionario? La risposta che non ti aspetti

Analizzando la situazione attuale e lo studio dell’andamento storico dei prezzi, possiamo dire che per ora non c’è da preoccuparsi di un’altro crollo del mercato azionario.

A quasi un anno dall’inizio della pandemia, il mercato azionario è letteralmente decollato. L’indice di riferimento S&P 500 è cresciuto del 18%, ma ci sono numerosissime azioni che hanno sovraperformato l’indice con rendimenti in molti casi superiore al 100% e per alcuni addirittura oltre il 1000%. Ma la domanda sorge spontanea, con i prezzi delle azioni ai massimi storici e una pandemia ancora in corso, dovremmo aspettarci un imminente crollo del mercato azionario? Probabilmente NO.

È previsto un periodo di volatilità, ma il comportamento del mercato nell’ultimo anno non è privo di precedenti storici. Per adattarti a questa situazione non dovrai fare molto, apporta alcune modifiche in base ai tuoi obiettivi (se sono cambiati), ma l’investitore medio dovrebbe semplicemente tenere la testa bassa, continuare a investire e godersi la prossima espansione economica per i prossimi anni.

Che cosa si intende per crollo del mercato azionario?

Un crollo del mercato azionario è definito come un calo percentuale a due cifre dei prezzi delle azioni nel corso di pochi giorni. Diverse sono invece le correzioni di mercato, che possono richiedere più tempo e sono in realtà abbastanza comuni. Dall’inizio del 1900, l’indice S&P 500 ha avuto la tendenza a scendere del 5% rispetto ai massimi recenti alcune volte all’anno e ha registrato un calo più ripido del 10% o più circa una volta ogni anno e mezzo. Questi eventi sono generalmente temporanei e invertono rapidamente la rotta.

Ma quando molti investitori parlano di un crollo, pensano a un calo maggiore del 20% o più, o anche a un mercato ribassista in cui le azioni scendono e rimangono al ribasso per un periodo di tempo prolungato. Questi cali del 20% sono più rari (circa ogni sette anni in media). Normalmente, un crollo del mercato azionario e il conseguente mercato ribassista corrispondono all’inizio di una recessione economica, come quella verificatasi la scorsa primavera all’inizio della pandemia. Pertanto, storicamente parlando, il crollo che molti investitori stanno cercando è probabilmente già avvenuto.

Per farla breve, anche se la storia si ripete, è un errore aspettarsi che ciò che è appena accaduto nel recente passato si ripeta ancora. Un grande crollo del mercato azionario come quello accaduto all’inizio del 2020 non è scontato solo perché da allora il mercato è salito.

Ti potrebbe interessare: Il segreto per superare la paura di un crollo del mercato azionario

Questo rally del mercato azionario è del tutto normale

Ma è davvero normale che il mercato azionario si riprenda cosi velocemente come nell’ultimo anno, soprattutto considerando la realtà dei fatti che succedendo fuori? Molte piccole imprese e famiglie, anche alcune grandi imprese di vendita al dettaglio, viaggi e ristoranti, sono state profondamente colpite da COVID-19. Tuttavia, un rally del mercato azionario anche nel mezzo di una crisi in corso è in realtà normale.

Prendiamo l’ultimo grande crollo nel 2008-2009 durante la Grande Recessione. Dopo essere crollato un’ultima volta nel marzo 2009 (dopo un terribile 2008 in cui il mercato è sceso del 37%), l’S&P 500 ha continuato a rimbalzare e ha chiuso l’anno con un rialzo del 26%.

Certo, non esistono due crisi uguali, ma il mercato si è comportato in modo simile nell’ultimo anno. Proprio come le azioni hanno iniziato a tornare alla ribalta mentre la recessione indotta dalla crisi finanziaria infuriava ancora nel 2009, così è durante l’attuale recessione causata dalla pandemia.

I prezzi delle azioni sono guidati dalle aspettative future, non da ciò che sta accadendo in questo momento. E le aziende si stanno adattando e stanno tornando alla salute finanziaria pre-pandemica ed alcune stanno effettivamente prosperando. Il risultato finale è un mercato azionario in ripresa che è apparentemente distaccato dalla realtà.

Ma le azioni sono troppo ‘costose’ oggi? Tieni presente che la valutazione delle azioni è soggettiva, ma è vero che il mercato azionario (nuovamente misurato dall’S & P 500) viene scambiato a un livello storicamente elevato di prezzo / utili. Non è solo guidato dalla parte ‘prezzo’ dell’equazione (vale a dire, scorte in aumento). I rapporti P / E vengono calcolati anche utilizzando i guadagni o la redditività dell’azienda. E molte aziende stanno ancora operando in perdita o stanno appena iniziando a dedicarsi alla redditività. Man mano che i loro dati finanziari migliorano nel tempo, i rapporti P / E si modereranno, proprio come facevano oltre un decennio fa.

Ti potrebbe interessare: Metriche di valutazione delle Azioni. Guida all’utilizzo per gli investimenti

I piani di stimolo sostengono l’attività economica, soprattutto le società tecnologiche

Di solito una recessione, un evento economico che causa i crolli davvero grandi, è causata da un improvviso rallentamento della spesa. E proprio al momento, ci sono molti soldi in giro per l’economia e altri in arrivo. La Federal Reserve ha anche promesso di mantenere i tassi di interesse a breve termine vicini allo zero per un paio d’anni per garantire che tutto il contante continui a circolare nel sistema finanziario (in termini semplici, i tassi di interesse bassi incoraggiano la spesa). Non vedo alcuna contrazione improvvisa dell’attività economica all’orizzonte. Al contrario, l’attività economica dovrebbe continuare ad aumentare nei prossimi anni con la diminuzione degli effetti della pandemia.

C’è anche una nuova sorta di stimolo che fa muovere il denaro nell’economia: la tecnologia. I grandi gruppi tecnologici appartenenti alle FAANG (Facebook (NASDAQ: FB), Apple (NASDAQ: AAPL), Amazon (NASDAQ: AMZN), Netflix (NASDAQ: NFLX), Google (NASDAQ: GOOGL)) stanno spendono molto per promuovere la crescita piuttosto che preoccuparsi di massimizzare i profitti.

Le aziende tecnologiche più piccole spendono intenzionalmente più di quanto guadagnano in vendite (utilizzando una parte del denaro in bilancio) in ricerca, sviluppo, vendite e marketing. Il contesto di bassi tassi di interesse sta aumentando questo tasso di investimenti nella tecnologia. Centinaia di miliardi di dollari vengono spesi ogni anno in questo modo e questo fa sì che il denaro circoli nell’economia.

Questo non vuol dire che queste aree del mercato non crolleranno. C’è una differenza tra un’azienda tecnologica che opera intenzionalmente con un profitto minimo o addirittura in perdita (come Amazon, ad esempio, o molte società di cloud computing più piccole) e un’azienda che opera in perdita perché non genera entrate sufficienti per pagare le bollette (società di veicoli elettrici che cercano di incassare il successo di Tesla (NASDAQ: TSLA), per esempio). Diffida della differenza tra i due. I titoli che aumentano notevolmente di valore senza una crescita finanziaria effettiva potrebbero trasformarsi in una bolla.

Conclusioni

Crolli e ritracciamenti del mercato azionario ci sono e ci saranno sempre. La storia insegna, ma ciò non significa che il mercato in generale seguirà i precedenti esempi.

Ci saranno ostacoli lungo il percorso di crescita delle azioni, ma è più che probabile che siano temporanei nella migliore delle ipotesi, data la quantità di stimoli pompati nell’economia e il livello di innovazione in atto. Non è il momento di aspettarci crollo del mercato azionario.

Resta aggiornato sulle nostre notizie

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite Doveinvestire su Google News, Facebook, Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Per restare aggiornati sulle notizie pubblicate sul nostro portale attiva le notifiche dal pulsante verde in alto (Seguici) o iscriviti al nostro canale Telegram di Dove Investire

Avviso esplicito sui rischi: non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali perdite o danni commerciali a causa di affidamento sulle informazioni contenute all’interno di questo sito, compresi i dati, le citazioni, i grafici e i segnali di acquisto/vendita. La negoziazione sui mercati finanziari è una delle forme più rischiose di investimento possibili. Tutti i prezzi e i segnali di acquisto/vendita sono indicativi e non adeguati ai fini di negoziazione, inoltre, non sono forniti da un cambio, ma piuttosto dai market maker, quindi potrebbero non essere precisi e possono differire dal prezzo effettivo di mercato. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali perdite commerciali nelle quali si potrebbe incorrere come conseguenza dell’utilizzo di questi dati. Il testo riportato non costituisce attività di consulenza da parte di Dove Investire né, tanto meno, offerta o sollecitazione ad acquistare o vendere strumenti finanziari. Le informazioni ivi riportate sono di pubblico dominio e sono considerate attendibili, ma il portale Dove Investire non è in grado di assicurarne l’esattezza. Tutte le informazioni sono date in buona fede sulla base dei dati disponibili, ma sono suscettibili di variazioni anche senza preavviso in qualsiasi momento dopo la pubblicazione. Si declina ogni responsabilità per qualsivoglia informazione esposta in questa pubblicazione. Si invita a fare affidamento esclusivamente sulle proprie valutazioni delle condizioni di mercato nel decidere se effettuare un’operazione finanziaria e nel valutare se essa soddisfa le proprie esigenze. La decisione di effettuare qualunque operazione finanziaria è a rischio esclusivo dei destinatari della presente informativa.

FORMAZIONE Trading a 360°. Scarica GRATIS i nuovi EBOOK sul TRADING!

I migliori Broker Forex CFD selezionati da Dove Investire

Broker Caratteristiche Inizia
Plus500 Licenza ‎ASiC, CySEC, FCA
Il fornitore più quotato di CFD
Piattaforma WebTrader
apri ora
ActivTrades Licenza FCA, Consob
Protezione conto clienti
Formazione e affidabilità
apri ora
Markets.com CySEC, FSCA, FCA e ASIC
Tecnologie all’avanguardia
Strumenti di trading
apri ora
Roinvesting Licenza CySEC
Demo gratuita
MetaTrader 4 e App Mobile
apri ora
GKFX Licenza MFSA, Consob
Fondi dei clienti protetti
Segnali di trading in piattaforma
apri ora
101investing Licenza CySEC
Sconto sullo swap fino al 50%
Piattaforma MT4 e Mobile
apri ora
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74 e l’89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

Analisi dei mercati finanziari del 28 aprile | ActivTrades Markets Commentary

È il grande giorno della Fed. Le decisioni della banca centrale americana che saranno rese note questa sera, potrebbero rappresentare un punto di svolta per tutto l’anno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.