Le scelte delle Banche Centrali scuotono i Mercati Finanziari

Ricominciamo un’altra settimana con la consapevolezza che quella appena trascorsa sia stata probabilmente la più importante dell’anno, in ragione degli avvenimenti che si sono succeduti, a cominciare dalle decisioni delle banche centrali americana, inglese e giapponese, per finire poi con la significativa reazione dei mercati.

Ricorderete tutti che la settimana ancora precedente la Bce aveva deciso di lasciare i tassi invariati, pur nella consapevolezza che dovrà necessariamente cominciare ad alzarli, prima o poi, a causa di una inflazione che continua a crescere, nonostante la congiuntura sia in deciso rallentamento. La settimana scorsa abbiamo avuto la conferma che, diversa condizione vale per la Fed, e per la Boe, mentre la Boj ha ricalcato le orme della Bce, lasciando il costo del denaro invariato, con l’inflazione che, nel paese del sol levante, resta di gran lunga inferiore a quella europea (+2.5%). La Fed, dal canto suo, ha alzato il costo del denaro di 75 basis points, portando i Fed funds all’1.75% e ha assicurato che dovrà proseguire nella politica di normalizzazione dei tassi, alzandoli almeno fino al 3%. La Boe ha alzato anch’essa di 25 punti base, portandoli all’1.25%, e ha scritto, nello statement relativo alla decisione, che nonostante una congiuntura in rallentamento, dovrà anch’essa proseguire nella politica restrittiva. La Boj invece ha lasciato i tassi invariati dichiarando che proseguirà invece nella propria politica di espansione monetaria che ha come obiettivo la crescita del Pil e il recupero della congiuntura economica, in un contesto inflattivo che non preoccupa come nei paesi occidentali.

In questo quadro, per la verità molto variegato, non tanto nelle decisioni, quanto nelle dichiarazioni delle banche, assai diverse tra di loro in termini di sentiment verso gli effetti di queste decisioni e verso la congiuntura economica, le valute si sono mosse in modo erratico, ma tutto sommato abbastanza laterale e nei trading range delle ultime settimane, mentre i mercati azionari sono scesi prepotentemente. Insieme ad essi anche le crypto hanno perso quota con il Bitcoin sotto i 18 mila dollari. Il petrolio dal canto suo, è l’unico che sembra aver trovato le condizioni, (non macroeconomiche però), per una correzione tecnica, avendo realizzato un massimo inferiore rispetto al primo massimo del mese di marzo a 128.30, con il Wti cash che ha di fatto realizzato un massimo inferiore a 123 per poi scendere finalmente sotto quota 110. La strada verso una normalizzazione sembra ancora lunga, ma le premesse sembrano decisamente buone. Ma solo sotto 93.00 area, potremo parlare di possibile inversione. Prima saranno solo correzioni di un trend decisamente one way.

Tornando al mercato valutario, segnaliamo un EurUsd che tecnicamente sembra essere entrato un una fase di accumulazione, lenta, ma a minimi crescenti, che si nota anche sul grafico daily, e con il nuovo minimo superiore, anche se di poco, posizionato a 1.0350. E’ chiaro che ogni salita, almeno per il momento, l’Euro troverà venditori in ragione di un delta tasso che fa venire in mente il ritorno storico dei carry trades, dopo anni e anni d tassi a zero, e un differenziale (termine improprio ma che rende l’idea) favorevole decisamente alla divisa americana (+1.75% ora), che a tendere dovrebbe anche acuirsi ulteriormente, specie se i tassi Usa arriveranno a fine anno al 3%. Ma di fronte a questo scenario, tutte le notizie negative sull’Euro, dai tassi alla congiuntura, sembrano già digerite dal mercato e nei prezzi attuali, mentre quelle sul dollaro, in particolar modo sull’eventualità di una recessione che qualche analista comincia finalmente ad intravedere, non lo sembrano ancora. E questo potrebbe generare una correzione anche abbastanza significativa, della moneta unica.

Stesso discorso vale per la sterlina, le cui prospettive pessimistiche sulla crescita (che secondo alcuni analisti l’anno prossimo dovrebbe essere la peggiore tra i paesi del G20), sembrano già nei prezzi attuali. Pertanto non ci meraviglieremmo se, nelle prossime settimane, le price action dovessero spingere il dollaro leggermente al ribasso, specie se le borse continueranno a muoversi verso sud. Il UsdJpy per contro, dopo aver visto giovedì scorso un ribasso di 300 pips nella speranza di un segnale hawkish dalla Boj, poi delusa, è tornato prepotentemente verso i massimi a ridosso di 135.30, dove per ora si è fermato. Sulle altre coppie segnaliamo la salita di UsdCad, generatasi per effetto del ribasso del petrolio, con obiettivi, specie se l’oro nero dovesse rompere i supporti richiamati, anche in area 1.3400. Venendo ora alla settimana entrante, aspettiamoci ancora dichiarazioni dei banchieri centrali, compresa l’audizione di Powell al Senato e al Comitato dei servizi finanziari.

Sul fronte dati, Pmi per l’occidente, oltre a Giappone e Australia, e inflazione in Uk e Canada. Sul fronte price action, i mercati resteranno presumibilmente volatili, up and down, offrendo opportunità di breve termine, mentre per il medio, occorre attendere ancora le parole dei banchieri centrali, su quanti saranno ancora i prossimi rialzi. Abbiamo il timore che stiano sottovalutando la crescita, che appare decisamente in calo nelle settimane a venire, e se continueranno a reiterare la necessità di rialzi del costo del denaro per contrastare una inflazione da costi ed esogena, potremmo ben presto vedere recessione in tante aree unita ad una inflazione ancora forte, ovvero quella stagflazione tanto temuta.

Saverio Berlinzani per ActivTrades.

Profilo dell’analista

Saverio Berlinzani

Nel 1989 inizia il suo percorso lavorativo nel mercato valutario come spot trader per il Banco Lariano. Dal ’91 per la Banque San Paolo di Parigi come trader su lira e franco francese. Dal ‘92 presso il Banco Lariano di Milano spot trader su tutte le valute SME. Dal ’95 per Swiss Bank Corporation capo cambista – Lugano, Ginevra, Londra.

In questi anni, oltre alla specializzazione sul mercato dello spot come market maker, ha sviluppato conoscenze del mercato dei derivati come trader di posizionamento per l’Istituto (Opzioni vanilla ed esotiche), nonché conoscenza diretta delle valute legate ai paesi emergenti (carry trades).

Dal ’98 è rientrato in Italia come Libero professionista in qualità di Consulente Finanziario e Patrimoniale – Presidente e socio fondatore di una società broker in forex. Dal 2009 ad oggi, trader indipendente nel mercato valutario fondatore del sito www.saveforex.it, community di traders con cui condivide quotidianamente in tempo reale la sua operatività forex attraverso una chat e un webinar live.

Chi è ActivTrades

ActivTrades (www.activtrades.eu/it) è un Broker specializzato nella negoziazione di Forex e CFD. Fondata nel 2001, è oggi una delle società leader del settore.
Il suo obbiettivo è quello di massimizzare le attività di trading dei propri clienti, offrendo ad essi una combinazione unica di elementi quali una vasta gamma di strumenti finanziari, spread competitivi e un eccezionale servizio di assistenza.

Dal suo quartier generale, situato nella City di Londra, ActivTrades offre i suoi servizi a una vasta clientela globale che, negli anni, ha potuto apprezzarne l’innovazione continua, l’eccellente ambiente di trading e un’efficace gestione del rischio.

Il Servizio di assistenza ai clienti di ActivTrades è disponibile 24 ore al giorno, da domenica sera a venerdì sera, in 14 lingue tra cui Italiano, Inglese, Francese, Spagnolo, Cinese e Arabo.

ActivTrades Europe SA è autorizzata e regolata dalla Commission de Surveillance du Secteur Financier (CSSF) in Lussemburgo. ActivTrades Europe SA è una società registrata in Lussemburgo, numero di registrazione B232167. ActivTrades Europe SA è una sussidiaria di ActivTrades PLC, autorizzata e regolata dalla Financial Conduct Authority, con numero di registrazione 434413. ActivTrades PLC è una società registrata in Inghilterra e Galles, numero di registrazione 05367727.

Per conoscere in dettaglio i prodotti e i servizi offerti visita il sito www.activtrades.eu/it. Vedi qui la nostra recensione e opinioni su ActivTrades.

I vantaggi di fare trading con ActivTrades

Il Broker londinese ActivTrades offre le migliori condizioni di trading confermate dai più prestigiosi riconoscimenti e sostenuta da trader di tutto il mondo

Miglior esecuzione

Trading con precisione a partire da 0,5 pip su EURUSD, senza requote o costi nascosti.

Supporto Clienti Pluripremiato

Assistenza 24/5, via email, chat e telefono in oltre 14 lingue.

Protezione dei fondi

Assicurazione integrativa per proteggerti fino a 1.000.000£

Il trading mobile

Fai trading ovunque tu sia, con la nostra piattaforma web o mobile.

  • No commissioni nè costi nascosti per aprire o chiudere un ordine;
  • Trading a partire da un micro lotto e massimizza la flessibilità del tuo trading con leva;
  • Supporto clienti italiano rapido e disponibile;
  • Le migliori piattaforme di trading;
  • Webinar settimanali e formazione personalizzata con formatori specializzati;
  • Demo gratuita.
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Il 68% di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con ActivTrades. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Resta aggiornato sulle nostre notizie

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite Doveinvestire su Google News, Facebook, Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Per restare aggiornati sulle notizie pubblicate sul nostro portale attiva le notifiche dal pulsante verde in alto (Seguici) o iscriviti al nostro canale Telegram di Dove Investire

Disclaimer: L’opinione qui espressa non è un consiglio di investimento, ma viene fornita solo a scopo informativo. Non riflette necessariamente l’opinione di doveinvestire.com. Ogni investimento e ogni trading comporta dei rischi, quindi dovresti sempre eseguire le tue ricerche prima di prendere decisioni. Non consigliamo di investire denaro che non puoi permetterti di perdere. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali perdite o danni commerciali a causa di affidamento sulle informazioni contenute all’interno di questo sito, compresi i dati, le citazioni, i grafici e i segnali di acquisto/vendita. Il testo riportato non costituisce attività di consulenza da parte di Dove Investire né, tanto meno, offerta o sollecitazione ad acquistare o vendere strumenti finanziari. Le informazioni ivi riportate sono di pubblico dominio e sono considerate attendibili, ma il portale Dove Investire non è in grado di assicurarne l’esattezza. Si invita a fare affidamento esclusivamente sulle proprie valutazioni delle condizioni di mercato nel decidere se effettuare un’operazione finanziaria e nel valutare se essa soddisfa le proprie esigenze. La decisione di effettuare qualunque operazione finanziaria è a rischio esclusivo dei destinatari della presente informativa.

I migliori Broker Forex CFD selezionati da Dove Investire

Broker Caratteristiche Inizia
ActivTrades Licenza FCA, CSSF
Protezione conto clienti
Formazione e affidabilità
apri ora
XTB Licenza FCA, CySEC, KNF
Piattaforma professionale
Affidabilità e supporto
apri ora
IG Licenza FCA, BaFin, Consob
Oltre 45 anni di esperienza
Trading su CFD e Turbo24
apri ora
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 62 e l’89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

L’eccessiva debolezza dello Jpy deprime l’economia del sol levante

Lo Jpy rimane al centra dell'attenzione dei mercati valutare con il cambio UsdJpy che sembra destinato a rinfrescare il massimo degli ultimi 24 anni sopra 136,00

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.