Home / Mercati finanziari / Domina la prudenza sui principali mercati azionari

Domina la prudenza sui principali mercati azionari

Gli scambi della nottata asiatica e l’apertura delle contrattazioni in Europa mostrano debolezza sul dollaro, in primo luogo verso le valute rifugio quali lo Yen. Certamente non hanno aiutato le dichiarazioni di Trump, ma i grafici della divisa americana sono imbottiti già da alcune sedute.

Lo spostamento di asset finanziari dal rischio verso la protezione pare proseguire, nonostante lo scivolone dei titoli di stato delle ultime due sedute.

Bund venerdì aveva realizzato una brutta discesa, quantunque temperata – dopo la rottura dei minimi di lunedì 6 – dall’incontro col pivot di supporto n. 3, sul quale poi si è notato un tentativo di contenimento delle vendite da parte delle mani “non deboli”, che stamattina ha creato apertura in lap up. In termini di correlazioni, i cambi verso yen mostrano forza della divisa giapponese, con il conseguente Nikkei in declino e così pure dicasi per gli scambi sulle piazze cinesi.

Ricordiamoci anche che comunque la chiusura di venerdì sui principali listini americani, sia pure temperata da un rimbalzo nel finale, non è stata all’insegna della forza: alcune voci dicono che Wall Street è stata spinta a ribasso da ordini pervenuti da programmi automatici, ma non possiamo in ogni caso non rilevare che la price action delle ultime sedute ha confermato la poca volontà di acquistare azionario in tutto il mondo sulla forza.
Ragione, questa, per la quale poco c’è da stupirsi che stamattina si inizi la settimana con debolezza. Del resto il recupero di quota 1.205 per il Gold, livello di prezzo già segnalato, avrebbe già dovuto allertarci attenzione in ogni caso sul metallo giallo, perché stamattina siamo pervenuti in zona di triplo massimo sul pivot r1 a 1.217. Altro fattore tecnico che non aiuta le borse è il superamento di quota 1,0680 per Euro dollaro; lo candiderei a supporto della seduta odierna sul cross.

Fai trading su Forex e CFD con un Broker affermato, Supporto Clienti Pluripremiato, Protezione dei fondi, Conto demo gratuito

Il 76% di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con ActivTrades. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Come sensazione generale credo che sia ormai acclarato il mood di prudenza e accortezza tattica sui principali mercati azionari, che mi paiono comprati solo su debolezze importanti e non più sulla rottura delle resistenze. Questa modalità operativa la vedo anche applicarsi su molti altri tipi di strumenti: c’è attività solo in presenza di zone di volumi realizzati in precedenza, e con il conforto di visibilissime divergenze prezzi/indicatori.

Sul mercato italiano parrebbe essersi creata a partire dalla metà di dicembre una configurazione di testa e spalle. È questo un pattern grafico molto potente, ma discrezionale e lento nel suo eventuale crearsi. Il mio suggerimento è di osservarlo senza alimentare soverchie aspettative: proprio perché figura complessa, contiene al suo interno altre strutture (ad esempio, e nel nostro caso, una flag) che potrebbero essere anche di continuazione.
Sorveglieremo pertanto i supporti di 19.100-19.000-18.885, mentre per la settimana ovviamente i massimi raggiunti sugli ultimi strappi in area 19.500 saranno da monitorare attentamente in caso di nuovo ritorno verso l’alto e di ennesimo tentativo di rottura.

Giovanni Lapidari per ActivTrades

I prodotti finanziari negoziati in marginazione presentano un elevato rischio per il tuo capitale.
ActivTrades PLC è autorizzata e regolata dalla Financial Conduct Authority. Registrazione presso la FCA n. 434413.
ActivTrades Plc. Via Borgonuovo 14/16 20121 Milano – iscritta all’Albo delle imprese di investimento comunitarie con succursale al numero 97.
I livelli di prezzo utilizzati in questa analisi, si riferiscono ai contratti CFD presenti nell’offerta di Activtrades.
Qualsiasi previsione ivi fornita non è un indicatore affidabile di risultati futuri

FORMAZIONE Trading a 360°. Scarica GRATIS i nuovi EBOOK sul TRADING!

I migliori Broker Forex CFD selezionati da Dove Investire

Broker Caratteristiche Inizia
FXCM Licenza FCA, Consob
Protezione conto clienti
Sicurezza dei fondi
apri ora
ActivTrades Licenza FCA, Consob
Protezione conto clienti
Formazione e affidabilità
apri ora
GMO Trading Licenza CySEC
Demo gratuita
MetaTrader 4 e App Mobile
apri ora
Plus500 Licenza ‎ASiC, CySEC, FCA
Il fornitore più quotato di CFD
Piattaforma WebTrader
apri ora
101investing Licenza CySEC
Sconto sullo swap fino al 50%
Piattaforma MT4 e Mobile
apri ora
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 68 e l’89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

Il risk on continua a dominare i mercati finanziari. Il dollaro Usa prosegue la sua lenta discesa

L'ottimismo domina i mercati finanziari ed è molto difficile vedere per ora un ritorno del risk off. L'azionario protagonista, il dollaro Usa rimane debole, occhi puntati sul dollaro australiano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.