Home / Mercati finanziari / Mercati finanziari in questo inizio di settimana tra politica italiana, banche europee e volatilità

Mercati finanziari in questo inizio di settimana tra politica italiana, banche europee e volatilità

Lo yen ha perso terreno nei confronti del dollaro dopo che Kuroda ha affermato che il target di inflazione resta lontano, facendo intendere che la politica monetaria resterà molto accomodante ancora a lungo.
Un po’ di baraonda ce l’abbiamo con qualche missile volante nel medio oriente, che per adesso il mercato guarda con curiosità ma senza preoccupazione.
Ci sono poi voci di alleanza Putin/Trump per cercare di normalizzare la situazione coreana, con una mano esterna da parte del Giappone che ha emanato sanzioni restrittive nei confronti del regime di Kim congelando gli asset di 35 gruppi e di esponenti vicini al dittatore.

Ottobre si è chiuso confermando una volatilità ristretta, che però sulle valute sta creando delle compressioni interessanti e che seguirò molto da vicino perché potrebbero emergere nuovi pattern più direzionali. Ad esempio, sto studiando il cambio euro/sterlina sul prezzo di equilibrio di 0,8845.

In Italia pare che le elezioni siciliane facciano registrare una nuova debacle del partito di maggioranza governativa, segnale questo che manda nuove prospettive di instabilità per il nostro paese, e che potrebbero – sia pure in misura ridotta – riversarsi in negativo sulla recente contrazione dello spread Bund/Btp e sulle prospettive future del settore bancario, atteso in questa settimana a importanti messaggi delle trimestrali in uscita.
In tal senso Intesa sarà ovviamente in prima fila ad essere seguita.

Uno sguardo ai principali pattern di prezzo sui listini strumenti finanziari da me monitorati indica che siamo anche in prossimità di livelli psicologici, oltre che tecnici, quali ad esempio:

  • 13.500 per il Dax
  • 23.000 su Piazza Affari
  • 2.600 per SP 500
  • 6.300 per Nasdaq
  • 1.500 per Russell

Anche in questo caso la compressione di volatilità suggerisce comportamenti attenti e cauti, quantunque permanga la sensazione – ma direi più che altro la visibile evidenza – che non ci troviamo in presenza di borse pronte e abilitate per il ribasso sempre più desiderato dalla maggior parte dei traders.

Il Vix ha chiuso sotto 11 e quindi bisogna individuare i temi, più che guardare la situazione globale.
L’apertura odierna è debole sulle banche europee, e quindi questo potrebbe essere un settore da monitorare attentamente per le sue più dirette correlazioni con l’Eurostoxx e in parte con Ftse100. Quest’ultimo è stato finora favorito dalla debolezza recente della sterlina, che si trova a combattere con il prezzo tondo di 1,30.

Il dollaro è però forte; una robustezza secondo me più che altro attribuibile alla leadership di Trump piuttosto che alle previsioni sul rialzo dei tassi di interesse, che il mercato credo abbia già abbastanza scontato.
Il nuovo chairman della Fed, Powell, viene visto come segno di continuità con i desideri del presidente e anche questo è un segnale generico di Buy America, e conferma di una Fed attenta a non esasperare le leve dell’economia come vediamo anche dalle quotazioni odierne del T Bond.
Sotto quest’aspetto resto dell’idea più volte espressa, e cioè che alla prima Banca centrale del mondo ciò che maggiormente interessa è pilotare una eventuale (ripeto, eventuale) discesa delle borse da questi livelli in modo molto morbido, non avventato, senza indurre panico nei risparmiatori.
Paradossalmente, titoli di Stato sempre molto cari sterilizzano le attese di forti tracolli sui mercati azionari, proprio perché con questi bassi rendimenti riducono l’appetibilità di eventuali alternative a comprare azioni.
In dettaglio ecco i livelli di equilibrio/top/bottom – calcolati per la seduta odierna – dei principali strumenti finanziari da me monitorati:

  • Dax: 13.470- top a 13.560, bottom 13.380
  • Eurostoxx: 3680- top a 3703, bottom 3654
  • Bund: 162.82- top a 163.23, bottom 162.42
  • FtseMib40: 22.950 – top 23.100, bottom 22780
  • Sp500: 2580, top 2593 bottom 2567
  • Nasdaq: 6276, top 6340, bottom 6225
  • Dow Jones: 23.443, top 23.557, bottom 23.316

Buon trading a tutti

Giovanni Lapidari per ActivTrades

I vantaggi di fare trading con ActivTrades

  • Fai trading con ActivTrades, no commissioni nè costi nascosti per aprire o chiudere un ordine;
  • Stabilisci il tuo rischio, negozia a partire da un micro lotto e massimizza la flessibilità del tuo trading con la leva fino a 1:400;
  • Puoi fare trading 24 ore al giorno, ActivTrades ti fornisce assistenza dalle 11 p.m. della domenica fino alle 11 p.m. del venerdì;
  • Metti in pratica le tue capacità con le migliori piattaforma di trading;
  • Webinar settimanali e formazione personalizzata con formatori specializzati;
  • Prova la demo gratuita oggi stesso – REGISTRATI QUI

I prodotti finanziari negoziati in marginazione presentano un elevato rischio per il tuo capitale.
ActivTrades PLC è autorizzata e regolata dalla Financial Conduct Authority. Registrazione presso la FCA n. 434413.
ActivTrades Plc. Via Borgonuovo 14/16 20121 Milano – iscritta all’Albo delle imprese di investimento comunitarie con succursale al numero 97.
I livelli di prezzo utilizzati in questa analisi, si riferiscono ai contratti CFD presenti nell’offerta di Activtrades.
Qualsiasi previsione ivi fornita non è un indicatore affidabile di risultati futuri. I pensieri e le opinioni espresse sono esclusivamente quelle dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni di ActivTrades Plc. Questa analisi è solo a scopo informativo e non deve essere considerata una consulenza finanziaria. La decisione di agire in base alle idee ed ai suggerimenti presentati è a sola discrezione del lettore.
Broker Caratteristiche Inizia
ATFX Licenza FCA
Spread competitivi
Zero commissioni
apri ora
ActivTrades Licenza FCA, Consob
Protezione conto clienti
Formazione e affidabilità
apri ora
ETFinance Licenza CySEC, Consob
Spread stretti
Piattaforma MT4
apri ora
GMO Trading Licenza CySEC
Demo gratuita
MetaTrader 4 e App Mobile
apri ora
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 68 e l’89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

Notizie e analisi di mercato affidabili, dove trovarle

Trovare una fonte affidabile di notizie e di analisi sui mercati è un passo essenziale per diventare un trader di successo. Queste le fonti dove trovare informazioni di mercato e notizie di qualità

Regolamento dei commenti di Dove Investire

Puoi commentare anche come ospite secondo le finalità della Privacy Policy e della normativa privacy Disqus.

Leggi il nostro REGOLAMENTO dei commenti prima di commentare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.