Home / Mercati finanziari / Fed “scuote” i mercati valutari

Fed “scuote” i mercati valutari

Per la prima volta quest’anno sui mercati sembra nascere un movimento strutturale. E a causarlo, guarda caso, è stata la Fed che spariglia le carte in tavola e decide di giocare quella della colomba, quando forse in molti si attendevano che provasse a vincere la posta grazie ancora a quella del falco.

Forse la Fed sa qualcosa che non sappiamo, legato al probabile calo del Pil nel primo trimestre del 2019, che verrà pubblicato prossimamente, in ragione degli effetti negativi che lo shutdown governativo ha probabilmente causato sui conti e sulla crescita, ma è un fatto che ieri l’autorità monetaria più importante del mondo, abbia cambiato il paradigma che fin qui aveva presentato nei mesi scorsi. Ma cerchiamo di andare con ordine.

I Fed Funds sono rimasti nella forbice 2.25%-2.50% come da attese. Il Fomc, nel comunicato che ha fatto seguito alla decisione, ha ribadito la volontà di ridurre il bilancio, rinunciando ad investire circa 50 miliardi di titoli in scadenza ogni mese, il che di fatto significa non immettere liquidità nel sistema e qualcuno potrebbe anche considerarlo una manovra da falco, ma poi ecco la sorpresa.

La Fed ha rimosso il riferimento al ricorso all’aumento graduale dei tassi, che fin qui aveva caratterizzato i comunicati, e ha sostanzialmente affermato che da oggi in poi sarà paziente nei futuri aggiustamenti, che saranno legati alla congiuntura e ai dati. Ma, ed è qui la grande novità, Powell, in conferenza stampa, ha dichiarato che ora i tassi hanno raggiunto la neutralità per cui da oggi in poi di fatto, i prossimi movimenti potranno si essere ancora al rialzo, ma anche al ribasso. E’ questo il cambio di paradigma, e a nostro avviso, la vera ragione del primo movimento deciso di certi tassi di cambio, in particolar modo le oceaniche che, proprio in ragione del fatto che le aspettative sui tassi, sembrerebbero cambiare in ragione di prossimi e futuri rialzi dopo il dato sull’inflazione in ripresa, hanno mostrato i muscoli al dollaro, guadagnando oltre l’1% sul biglietto verde, rispettivamente salendo a 0,7270 AudUsd e 0,6920 NzdUsd.
Detto ciò, ricordiamoci che appena due giorni orsono, il dato sull’occupazione del settore privato negli Usa, aveva fatto registrare un altro record, l’ennesimo, con 213 mila unità di nuovi occupati rispetto ad un consensus intorno ai 180 mila. E domani sarà pure giorno dei payrolls, che alimenteranno ulteriore volatilità. Senza dimenticare che siamo ancora in attesa di qualche risposta proveniente dall’incontro tra le delegazioni Usa e Cina sui dazi. Pertanto l’incertezza, rimane, almeno fino a prova contraria, sempre attuale.

Intanto anche l’Euro ha rotto quota 1,1450 ed ora parrebbe pronto al test di qualche livello importante in area 1,1560, dove passa la media esponenziale a 200 periodi sui grafici giornalieri. Per quanto riguarda la moneta unica, nessuno nega che l’Europa viva una situazione congiunturale difficile e altrettanto complicata nei rapporti tra stati membri fondatori dell’Unione, ma in questo momento, la salita della moneta unica è da considerare maggiormente come debolezza dollaro piuttosto che forza di Euro. E proprio per questa ragione potrebbe anche proseguire, almeno fino ai target individuabili nelle aree di 1,1560 70 e, nel caso di superamento di tale livello, tutta l’area compresa tra 1,1720 e 1,1770. Senza un intervento deciso della Bce, a ribadire la necessità di estensione del Qe, questo rialzo della moneta unica potrebbe non essere concluso.

Non c’è molto da dire sulle altre coppie e neppure sui cross, perché quello che sembra partito appare come un movimento contro dollaro in un mercato dollaro centrico, pertanto cambi come EurAud, EurCad, ed EurNzd, o come AudJpy e NzdJpy, tendono ad essere dei demoltiplicatori di volatilità legati al fatto che se sale Eurusd, sale anche AudUsd per esempio, pertanto il cross tende a muoversi della differenza di movimento dei due cambi originali e tendenzialmente meno dei suoi genitori, intesi come cambi originali da cui i cross sono derivati.

Sulla sterlina c’’è poco da segnalare, nonostante le tensioni presenti in Uk per la questione Brexit, ancora in alto mare nonostante gli sforzi della May di trovare un accordo con il Dup e con i brexiteers per riprovare a negoziare con la Ue, peraltro restia a farlo, mantiene una certa forza anche se per ora non riesce a superare le vere resistenze chiave poste tutte tra 1,3180 e 1,3300. Anche il UsdJpy è sceso pur restando lontano dai supporti chiave posti intorno a 108.00. Sul fronte dati, attenzione al Pil italiano stamani alle 11.00, che per qualcuno potrebbe evidenziare già recessione, e al Pil di Eurozona, atteso intorno a +1.2% su base annua. Nel pomeriggio, attenzione ai dati sul Pil Canada.

Saverio Berlinzani per ActivTrades.

I vantaggi di fare trading con ActivTrades

ActivTrades offre le migliori condizioni di trading confermate dai più prestigiosi riconoscimenti e sostenuta da trader di tutto il mondo

Miglior esecuzione

Fai trading con precisione a partire da 0,5 pip su EURUSD, senza requote o costi nascosti.

Supporto Clienti Pluripremiato

Assistenza 24/5, via email, chat e telefono in oltre 14 lingue.

Protezione dei fondi

Assicurazione integrativa per proteggerti fino a 1.000.000£

Il trading mobile

Fai trading ovunque tu sia, con la nostra piattaforma web o mobile.

  • Trading senza commissioni nè costi nascosti per aprire o chiudere un ordine;
  • Trading a partire da un micro lotto e massimizza la flessibilità del tuo trading con leva;
  • Supporto clienti italiano rapido e disponibile;
  • Le migliori piattaforme di trading;
  • Webinar settimanali e formazione personalizzata con formatori specializzati;
  • Demo gratuita.

Profilo dell’analista

Saverio Berlinzani

Nel 1989 inizia il suo percorso lavorativo nel mercato valutario come spot trader per il Banco Lariano. Dal ’91 per la Banque San Paolo di Parigi come trader su lira e franco francese. Dal ‘92 presso il Banco Lariano di Milano spot trader su tutte le valute SME. Dal ’95 per Swiss Bank Corporation capo cambista – Lugano, Ginevra, Londra.

In questi anni, oltre alla specializzazione sul mercato dello spot come market maker, ha sviluppato conoscenze del mercato dei derivati come trader di posizionamento per l’Istituto (Opzioni vanilla ed esotiche), nonché conoscenza diretta delle valute legate ai paesi emergenti (carry trades).

Dal ’98 è rientrato in Italia come Libero professionista in qualità di Consulente Finanziario e Patrimoniale – Presidente e socio fondatore di una società broker in forex. Dal 2009 ad oggi, trader indipendente nel mercato valutario fondatore del sito www.saveforex.it, community di traders con cui condivide quotidianamente in tempo reale la sua operatività forex attraverso una chat e un webinar live.

Profilo ActivTrades

ActivTrades (www.activtrades.eu/it), fondata nel 2001, è un broker specializzato nella negoziazione di Forex e CFD, tra I leader del settore. La società mira a massimizzare le attività di trading dei propri clienti, offrendo ad essi una combinazione unica di elementi quali una vasta gamma di strumenti finanziari, spread competitivi e un eccezionale servizio di assistenza.

Dal suo quartier generale, situato nella City di Londra, ActivTrades offre i suoi servizi a una vasta clientela globale che, negli anni, ha potuto apprezzarne l’innovazione continua, l’eccellente ambiente di trading e un’efficace gestione del rischio.

Il Servizio di assistenza ai clienti di ActivTrades è disponibile 24 ore al giorno, da domenica sera a venerdì sera, in 14 lingue tra cui Italiano, Inglese, Francese, Spagnolo, Cinese e Arabo.

ActivTrades PLC è autorizzata e regolata dalla Financial Conduct Authority. Registrazione presso la FCA n. 434413. ActivTrades PLC. Via Borgonuovo 14/16 20121 Milano – Iscritta all’Albo delle imprese di investimento comunitarie con succursale al numero 97.

Avvertenza al rischio

I livelli di prezzo utilizzati in questa analisi, si riferiscono ai contratti CFD presenti nell’offerta di ActivTrades.

Le informazioni qui fornite non costituiscono una ricerca di investimento. I materiali non sono stati preparati in conformità ai requisiti legali volti a promuovere l’indipendenza della ricerca di investimento e in quanto tali devono essere considerati come una comunicazione pubblicitaria.

Tutte le informazioni sono state preparate da ActivTrades PLC (altresì “AT”). Le informazioni non contengono una raccolta dei prezzi di AT, né possono essere intese come offerta, consulenza, raccomandazione o sollecitazione ad effettuare transazioni su alcuno strumento finanziario. Non viene fornita alcuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o alla completezza di tali informazioni. Qualsiasi materiale fornito non tiene conto dell’obiettivo di investimento specifico e della situazione finanziaria di chiunque possa riceverlo. I risultati passati non sono un indicatore affidabile dei risultati futuri. AT fornisce un servizio di sola esecuzione. Di conseguenza, chiunque agisca in base alle informazioni fornite lo fa a proprio rischio.

I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Il 75,7% di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con ActivTrades. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

I migliori Broker Forex CFD selezionati da Dove Investire

Broker Caratteristiche Inizia
FXCM Licenza FCA, Consob
Protezione conto clienti
Sicurezza dei fondi
apri ora
ActivTrades Licenza FCA, Consob
Protezione conto clienti
Formazione e affidabilità
apri ora
GMO Trading Licenza CySEC
Demo gratuita
MetaTrader 4 e App Mobile
apri ora
Plus500 Licenza ‎ASiC, CySEC, FCA
Il fornitore più quotato di CFD
Piattaforma WebTrader
apri ora
101investing Licenza CySEC
Sconto sullo swap fino al 50%
Piattaforma MT4 e Mobile
apri ora
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 68 e l’89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

La Fed amplia il sostegno ai mercati, le borse festeggiano

Mossa a sorpresa della Fed che annuncia l'acquisto di corporate bonds al fine di sostenere la ripresa economica. Una mossa che alimenta ulteriormente il recupero delle borse

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.