Home / Mercati finanziari / Il dollaro resta la valuta più “forte” anche nel mese di agosto

Il dollaro resta la valuta più “forte” anche nel mese di agosto

Il mese di Agosto sta lentamente scivolando via, con un dollaro che continua a schiacciare inesorabilmente le valute concorrenti, alcune più di altre, ma senza che vi siano correzioni o movimenti contrari di una certa rilevanza. Durante le diverse sessioni notiamo però delle evidenti differenze nelle price action.
La seduta europea rimane, tra le tre sessioni, quella meno volatile e meno interessante da un punto di vista dell’operatività. Pochi movimenti e poche oscillazioni dovute alla mancanza di interessi veri, ma anche al periodo, che ancora vede molti operatori in vacanza. Di fatto la seduta, in assenza di notizie rilevanti, si limita a oscillazioni poco significative e poco degne di nota.
La sessione Usa è sempre più volatile e nelle ultime cinque o sei giornate abbiamo notato movimenti correttivi del dollaro, in controtendenza allo scivolamento lento del mercato durante quella europea, quasi sempre nell’ultimo periodo a favore del biglietto verde, e a quella asiatica, dove invece gli acquisti di dollari proseguono in modo massiccio, soprattutto sulle oceaniche. Pertanto notiamo una differenza abbastanza netta di price action, ovvero Asia pro dollaro, Europa mista e poco volatile anche se nel trend pro biglietto verde, e sessione Usa dove le dichiarazioni di Trump creano volatilità ma portano anche a correzioni più rilevanti al ribasso della divisa Usa. Chi avrà ragione? Quali movimenti potremo vedere prossimamente?

È chiaro a tutti ormai che la guerra commerciale non solo non si è ancora risolta ma parrebbe essere ancora lontano da una anche parziale soluzione, in quanto nella dialettica tra il Presidente Usa e i Cinesi, si assiste ad un deciso rialzo dei toni e delle provocazioni verbali. Fa sicuramente parte del gioco, ma gli effetti di questa tensione cominciano ad intravedersi anche sull’economia reale, alle prese con il rischio di una recessione globale, che però ancora non coinvolge gli Usa. Anzi, negli Stati Uniti, i dati macro mostrano ancora una certa robustezza e chi pensava che si potesse cominciare ad intravedere qualche rallentamento, per ora ha dovuto ricredersi. La fiducia dei consumatori pubblicata ieri, ha mostrato ancora un incremento oltre i 135 punti quando il consensus dava una misura a 129. Ciò significa che la Fed, almeno per ora, ha fatto bene a non tagliare il costo del denaro secondo quanto richiedeva a gran voce Trump, proprio per evitare, in caso di dati ancora in ripresa, di dover ritornare ad avere e mantenere un atteggiamento Hawkish nei prossimi mesi.

Sul fronte dei prezzi, Aud e Nzd mantengono un tono decisamente ribassista, in assenza di una qualsiasi correzione che non si limiti ai 10-20 pip, ed è dovuta ad un atteggiamento accomodante da parte della Rba e Rbnz che però non è rispecchiata da dati macro, che, anche se lentamente, ci sembrano in ripresa. Per ora però passano decisamente inosservati. L’unica valuta che in questa fase ha dato segnali di ripresa è la sterlina, alimentata dalle voci che mostrano un Boris Johnson voglioso, almeno a parole, di trovare una soluzione condivisa con l’Europa, che però onestamente, alla luce dei commenti che si leggono, non pare facile da trovare, perché contempla i famosi 39 miliardi che la Gran Bretagna aveva promesso di pagare con l’accordo stipulato da Theresa May. Johnson non li vuole onorare in relazione al fatto che ritiene decaduto l’accordo firmato con l’Unione Europea firmato dal predecessore. In ogni caso Sterlina vicino a 1.2300, quasi 300 pip dai minimi di 1.2014. Solo il superamento di quota 1.2480-1.2520 potrebbe farci pensare ad una inversione di medio termine. Per ora si tratta di una correzione. EurGbp che ha perso quasi il 3% dai massimi e si trova non lontano da supporti chiave di medio termine a 0.8900. Euro dal canto suo che resta tendenzialmente debole anche se per ora tiene i supporti chiave e il che è per noi sorprendente in quanto anche ieri rappresentanti della Bce hanno richiamato la necessità di aumentare il Qe e tagliare i tassi sotto zero. 1.1000-10 rimane il supporto di medio termine. Vedremo quel che accadrà quando Trump prenderà di mira l’Europa con le tariffe, dopo le minacce, neanche tanto velate, di tassare il settore auto tedesco e quello dei vini francesi. Il UsdYuan intanto resta sui massimi, vicino a 7.1850, anche se si è leggermente stabilizzato. UsdJpy che tiene i supporti e resta nel range 104.50 106.90. Il risk off non è così chiaro, anche perchè le borse Usa sono ancora non lontane dai massimi. Il problema è solo valutario e di forza di dollaro.

Buona giornata e buon trading.

Saverio Berlinzani per ActivTrades.

Profilo dell’analista

Saverio Berlinzani

Nel 1989 inizia il suo percorso lavorativo nel mercato valutario come spot trader per il Banco Lariano. Dal ’91 per la Banque San Paolo di Parigi come trader su lira e franco francese. Dal ‘92 presso il Banco Lariano di Milano spot trader su tutte le valute SME. Dal ’95 per Swiss Bank Corporation capo cambista – Lugano, Ginevra, Londra.

In questi anni, oltre alla specializzazione sul mercato dello spot come market maker, ha sviluppato conoscenze del mercato dei derivati come trader di posizionamento per l’Istituto (Opzioni vanilla ed esotiche), nonché conoscenza diretta delle valute legate ai paesi emergenti (carry trades).

Dal ’98 è rientrato in Italia come Libero professionista in qualità di Consulente Finanziario e Patrimoniale – Presidente e socio fondatore di una società broker in forex. Dal 2009 ad oggi, trader indipendente nel mercato valutario fondatore del sito www.saveforex.it, community di traders con cui condivide quotidianamente in tempo reale la sua operatività forex attraverso una chat e un webinar live.

Chi è ActivTrades

ActivTrades (www.activtrades.eu/it) è un Broker specializzato nella negoziazione di Forex e CFD. Fondata nel 2001, è oggi una delle società leader del settore.
Il suo obbiettivo è quello di massimizzare le attività di trading dei propri clienti, offrendo ad essi una combinazione unica di elementi quali una vasta gamma di strumenti finanziari, spread competitivi e un eccezionale servizio di assistenza.

Dal suo quartier generale, situato nella City di Londra, ActivTrades offre i suoi servizi a una vasta clientela globale che, negli anni, ha potuto apprezzarne l’innovazione continua, l’eccellente ambiente di trading e un’efficace gestione del rischio.

Il Servizio di assistenza ai clienti di ActivTrades è disponibile 24 ore al giorno, da domenica sera a venerdì sera, in 14 lingue tra cui Italiano, Inglese, Francese, Spagnolo, Cinese e Arabo.

La società ActivTrades Plc è autorizzata e regolamentata dalla Financial Conduct Authority. Registrazione presso la FCA n. 434413. Iscritta all’Albo delle imprese di investimento comunitarie con succursale al n. 97. ActivTrades Corp è autorizzata e regolata dalla Securities Commission of The Bahamas. ActivTrades Corp è una azienda commerciale internazionale registrata nel Commonwealth delle Bahamas, con numero di registrazione 199667 B.

I vantaggi di fare trading con ActivTrades

Il Broker londinese ActivTrades offre le migliori condizioni di trading confermate dai più prestigiosi riconoscimenti e sostenuta da trader di tutto il mondo

Miglior esecuzione

Trading con precisione a partire da 0,5 pip su EURUSD, senza requote o costi nascosti.

Supporto Clienti Pluripremiato

Assistenza 24/5, via email, chat e telefono in oltre 14 lingue.

Protezione dei fondi

Assicurazione integrativa per proteggerti fino a 1.000.000£

Il trading mobile

Fai trading ovunque tu sia, con la nostra piattaforma web o mobile.

  • No commissioni nè costi nascosti per aprire o chiudere un ordine;
  • Trading a partire da un micro lotto e massimizza la flessibilità del tuo trading con leva;
  • Supporto clienti italiano rapido e disponibile;
  • Le migliori piattaforme di trading;
  • Webinar settimanali e formazione personalizzata con formatori specializzati;
  • Demo gratuita.
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Il 71% di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con ActivTrades. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.
Broker Caratteristiche Inizia
ATFX Licenza FCA
Spread competitivi
Zero commissioni
apri ora
ActivTrades Licenza FCA, Consob
Protezione conto clienti
Formazione e affidabilità
apri ora
ETFinance Licenza CySEC, Consob
Spread stretti
Piattaforma MT4
apri ora
GMO Trading Licenza CySEC
Demo gratuita
MetaTrader 4 e App Mobile
apri ora
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 68 e l’89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

Analisi dei mercati finanziari del 27 Gennaio | ActivTrades Markets Commentary

Le crescenti preoccupazioni per la diffusione dell'influenza coronavirus si riflette sui mercati finanziari con gli investitori che preferiscono beni rifugio come l'oro allentandosi dall'azionario

Regolamento dei commenti di Dove Investire

Puoi commentare anche come ospite secondo le finalità della Privacy Policy e della normativa privacy Disqus.

Leggi il nostro REGOLAMENTO dei commenti prima di commentare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.