Home / Mercati finanziari / La questione dazi e l’economia americana rimangono i temi principali dei mercati

La questione dazi e l’economia americana rimangono i temi principali dei mercati

L’economia americana ancora non evidenzia alcun rallentamento, come qualcuno poteva attendersi, e anche i numeri pubblicati ieri lo hanno dimostrato. Le vendite al dettaglio del mese di giugno sono uscite a +0.4% contro un consensus fermo a + 0.1% così come quelle esclusi il settore auto e gas, uscite a + 0.7% contro attese di +0.3%. La produzione manifatturiera ha evidenziato anch’essa un risultato migliore delle previsioni, +0.4% su +0.3% e solo la produzione industriale si è rivelata leggermente inferiore alle attese con uno 0 rispetto al + 0.1% atteso. In ogni caso dati che non segnalano, almeno per il momento, quel rallentamento che dovrebbe giustificare un allentamento da parte della Fed, a meno che le autorità monetarie non vogliano, in realtà, provare ad anticipare il mercato e a cercare di mettere le mani avanti su un possibile slowdown possibile nel secondo semestre.
Per questa ragione Trump si è mostrato ancora molto sicuro di sé sulla questione cinese, e ha ribadito che non ha paura di approvare altri 325 miliardi di dollari di tariffe nel caso il paese asiatico non accetti di venire a più miti consigli. Dall’altra parte i cinesi, forti della loro capacità di saper attendere, non forzano la mano e minimizzano l’impatto dei dazi sulla loro economia, ribadendo che la Pboc è pronta a fare la sua parte, allentando la politica monetaria con misure anticicliche, nel caso ce ne fosse bisogno, il che significherebbe un taglio dei tassi. Tra l’altro, in un commento uscito su una delle principali agenzia di stampa governative, si legge che è sbagliato pensare che sia la Cina a chiedere agli Usa un accordo sul commercio, mostrando quindi evidentemente sicurezza e spavalderia verso le “minacce” di ulteriori eventuali dazi da parte del Presidente americano. Dobbiamo inoltre aggiungere che nelle ultime settimane, la questione dazi sembra essere ormai nei prezzi di mercato e appare come qualcosa di ormai accettato anche da altri paesi, come un fatto ineluttabile, ma che più di tanto non sembra scalfire poi la crescita e la ripresa.

Le oceaniche per esempio mostrano una certa stabilità, avendo comunque la Rba e la Rbnz ancora un certo spazio di manovra che, per esempio, banche come la Bce o la Boj non possono permettersi. La situazione più complessa si vive, crediamo, proprio in Europa, la cui congiuntura invece sta rallentando, specie quella tedesca e qui ci permettiamo di dire, anche in ragione di una moneta unica che ancora dimostra di creare disequilibri importanti tra le diverse aree. La congiuntura tedesca mostra una certa debolezza, come dimostra anche la pubblicazione dello Zew tedesco di ieri, e per questa ragione l’Euro continua a non riuscire a guadagnare terreno su un dollaro che lo schiaccia al ribasso, anche grazie al delta tasso. Oltre all’Euro, è la sterlina la divisa che maggiormente soffre, a causa delle non tanto velate minacce di Boris Johnson, il quale ha minacciato di non pagare i 40 miliardi che Uk deve alla Ue, in assenza di un accordo di uscita, che però, non deve essere caratterizzato da alcun compromesso, come quello che Theresa May aveva firmato e che poi ha vissuto un calvario parlamentare senza mai essere ratificato.

Sulle altre valute, non c’è molto da segnalare, se non un recupero di UsdCad, dopo i tentativi falliti di sfondare area 1.3015-1.3020, con un recupero che lo ha portato a ridosso di 1.31 ieri sera. Importante, sotto questo aspetto, la possibile inversione di medio termine di GbpCad, che sembra essere arrivato ieri su livelli di eccesso molto significativi a 1.6140 e che ha evidenziato possibili segnali di inversione in chiusura di giornata a 1.6235-1.6240.

Stamani occhio ai dati inglesi sull’inflazione, perché ci diranno se l’indebolimento della sterlina ha avuto qualche effetto sui prezzi, così come quelli canadesi, sempre relativi ai prezzi al consumo, attesi per le 14.30. Stasera alle 20.00, il beige book, ci illustrerà la situazione della congiuntura Usa nei vari distretti economici. Buona giornata e buon trading.

Saverio Berlinzani per ActivTrades.

ActivTrades

Profilo dell’analista

Saverio Berlinzani

Nel 1989 inizia il suo percorso lavorativo nel mercato valutario come spot trader per il Banco Lariano. Dal ’91 per la Banque San Paolo di Parigi come trader su lira e franco francese. Dal ‘92 presso il Banco Lariano di Milano spot trader su tutte le valute SME. Dal ’95 per Swiss Bank Corporation capo cambista – Lugano, Ginevra, Londra.

In questi anni, oltre alla specializzazione sul mercato dello spot come market maker, ha sviluppato conoscenze del mercato dei derivati come trader di posizionamento per l’Istituto (Opzioni vanilla ed esotiche), nonché conoscenza diretta delle valute legate ai paesi emergenti (carry trades).

Dal ’98 è rientrato in Italia come Libero professionista in qualità di Consulente Finanziario e Patrimoniale – Presidente e socio fondatore di una società broker in forex. Dal 2009 ad oggi, trader indipendente nel mercato valutario fondatore del sito www.saveforex.it, community di traders con cui condivide quotidianamente in tempo reale la sua operatività forex attraverso una chat e un webinar live.

Chi è ActivTrades

ActivTrades (www.activtrades.eu/it) è un Broker specializzato nella negoziazione di Forex e CFD. Fondata nel 2001, è oggi una delle società leader del settore.
Il suo obbiettivo è quello di massimizzare le attività di trading dei propri clienti, offrendo ad essi una combinazione unica di elementi quali una vasta gamma di strumenti finanziari, spread competitivi e un eccezionale servizio di assistenza.

Dal suo quartier generale, situato nella City di Londra, ActivTrades offre i suoi servizi a una vasta clientela globale che, negli anni, ha potuto apprezzarne l’innovazione continua, l’eccellente ambiente di trading e un’efficace gestione del rischio.

Il Servizio di assistenza ai clienti di ActivTrades è disponibile 24 ore al giorno, da domenica sera a venerdì sera, in 14 lingue tra cui Italiano, Inglese, Francese, Spagnolo, Cinese e Arabo.

La società ActivTrades Plc è autorizzata e regolamentata dalla Financial Conduct Authority. Registrazione presso la FCA n. 434413. Iscritta all’Albo delle imprese di investimento comunitarie con succursale al n. 97. ActivTrades Corp è autorizzata e regolata dalla Securities Commission of The Bahamas. ActivTrades Corp è una azienda commerciale internazionale registrata nel Commonwealth delle Bahamas, con numero di registrazione 199667 B.

I vantaggi di fare trading con ActivTrades

Il Broker londinese ActivTrades offre le migliori condizioni di trading confermate dai più prestigiosi riconoscimenti e sostenuta da trader di tutto il mondo

Miglior esecuzione

Trading con precisione a partire da 0,5 pip su EURUSD, senza requote o costi nascosti.

Supporto Clienti Pluripremiato

Assistenza 24/5, via email, chat e telefono in oltre 14 lingue.

Protezione dei fondi

Assicurazione integrativa per proteggerti fino a 1.000.000£

Il trading mobile

Fai trading ovunque tu sia, con la nostra piattaforma web o mobile.

  • No commissioni nè costi nascosti per aprire o chiudere un ordine;
  • Trading a partire da un micro lotto e massimizza la flessibilità del tuo trading con leva;
  • Supporto clienti italiano rapido e disponibile;
  • Le migliori piattaforme di trading;
  • Webinar settimanali e formazione personalizzata con formatori specializzati;
  • Demo gratuita.
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Il 75,7% di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con ActivTrades. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

I migliori Broker Forex CFD selezionati da Dove Investire

Broker Caratteristiche Inizia
FXCM Licenza FCA, Consob
Protezione conto clienti
Sicurezza dei fondi
apri ora
ActivTrades Licenza FCA, Consob
Protezione conto clienti
Formazione e affidabilità
apri ora
GMO Trading Licenza CySEC
Demo gratuita
MetaTrader 4 e App Mobile
apri ora
Plus500 Licenza ‎ASiC, CySEC, FCA
Il fornitore più quotato di CFD
Piattaforma WebTrader
apri ora
101investing Licenza CySEC
Sconto sullo swap fino al 50%
Piattaforma MT4 e Mobile
apri ora
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 68 e l’89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

Il dollaro Usa mostra nuovamente la sua forza

Gli ottimi dati macroeconomici sostengono il dollaro Usa che schiaccia le valute concorrenti, in particolar modo Euro e dollaro australiano, mentre tengono la sterlina e il NZD e CAD

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.