Home / Criptovalute / L’hard fork sul Bitcoin previsto per il 16 novembre non ci sarà

L’hard fork sul Bitcoin previsto per il 16 novembre non ci sarà

L’hard fork del Bitcoin non si farà, è questa la notizia rimbalza in rete nelle ultime ore. L’hard fork chiamato SegWit2x, che doveva aumentare la dimensione dei blocchi della blockchain di Bitcoin è stato annullato per l’insufficiente consenso della comunità virtuale.

Al momento quindi non cambierà nulla, ma i promotori di Segwit2x ritengono ancora che in futuro sarà necessario un aumento della capacità dei blocchi della blockchain. Non è un dietro front ma solamente un rimando in attesa di raggiungere il consenso di tutte le parti interessate.

La cancellazione del hard fork è vista come una vittoria per il Bitcoin. Con l’aggiornamento ci sarebbe stato il rischio di un azzeramento del valore di quest’ultimo mentre il nuovo Bitcoin non è detto che avrebbe raggiunto le quotazioni di quello vecchio, portando così a una distruzione di valore che avrebbe seriamente compromesso la credibilità del progetto.

La notizia che l’hard fork del Bitcoin non si farà ha spinto il prezzo della criptovaluta sopra i massimi storici a quota 7.888 dollari per poi crollare subito dopo a 7.080 dollari. Un movimento che aveva colto impreparati investitori e trader, che in primo impatto poteva sembrare un movimento speculativo ma poi descritto come “normale” volatilità dei prezzi del Bitcoin.

Nel momento in cui scriviamo la quotazione del Bitcoin si trova a 7.150 dollari in ribasso di circa il 4%.

FAI TRADING SU CRIPTOVALUTE

www.plus500.com

Scopri tutte le opportunità offerte da Bitcoin, Ethereum, Bitcoin Cash e le altre
Spread bassi, zero commissioni e leva finanziaria

Analisi tecnica su Bitcoin

Il Bitcoin si trova ancora su un trend rialzista di lungo periodo; al momento ci troviamo a ridosso di un livello di supporto importante e che potrebbe peremttere alla criptovaluta di ritornare a salire verso i 7.400/7.500 dollari.
Situazione diversa se i prezzi dovesse scendere sotto al livello psicologico di 7.000 dollari. Questo potrebbe innescare un trend ribassista che potrebbe accompagnare i prezzi a 6.600 dollari prima e 6.200 dollari poi.

Rimani aggiornato su: Notizie, analisi di mercato, news su Bitcoin

Ti potrebbe interessare:

Avviso esplicito sui rischi: non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali perdite o danni commerciali a causa di affidamento sulle informazioni contenute all’interno di questa pagina, compresi i dati, le citazioni, i grafici e i segnali di acquisto/vendita. La negoziazione sui mercati finanziari è una delle forme più rischiose di investimento possibili. Tutti i prezzi e i segnali di acquisto/vendita sono indicativi e non adeguati ai fini di negoziazione. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali perdite commerciali nelle quali si potrebbe incorrere come conseguenza dell’utilizzo di questi dati.

Trai vantaggio dall’instabilità del mercato

Apri un conto di trading

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L’amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza.
Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti sui indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore.
Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

Previsioni di prezzo delle principali criptovalute nel 2018

Le criptovalute sono l'indiscusso "fenomeno" dell'anno. Bitcoin, Ethereum, Litecoin hanno registrato performance strabilianti. Quali previsioni per il 2018?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *