Home / Criptovalute / Criptovalute 2021: quali sono le emergenti?

Criptovalute 2021: quali sono le emergenti?

Se, naturalmente, l’attenzione dell’opinione pubblica continua a focalizzarsi su Bitcoin, va comunque rimarcato come il settore delle criptovalute sia in preda ad un notevole rimescolamento. Con alcuni progetti in grande ascesa e altri che si propongono di rendere sempre più solide le basi su cui poggiano le loro speranze in tal senso. Andiamo quindi a vedere nel dettaglio, grazie agli esperti di Bitcoin BitcoinRegs, quali siano quelli in maggiore evidenza in questo inizio di 2021.

Dogecoin

Il primo token da prendere in considerazione non può che essere Dogecoin. Il meme coin creato da Billy Marcus e Jackson Palmer è ormai nel pieno di un moto ascensionale fondato in particolare sul pump and dump di Elon Musk, il CEO di Tesla che ormai da tempo si professa sostenitore di DOGE. Oltre a lui altri VIP, come il bassista dei Kiss Gene Simmons e Mia Khalifa, hanno espresso negli ultimi mesi il loro gradimento per una criptovaluta considerata ormai alla stregua di un vero e proprio fenomeno di costume.

A rendere sempre più evidente il suo feeling con un gran numero di persone sono anche le notizie degli ultimi giorni. Che hanno visto l’accettazione di Dogecoin come metodo di pagamento da parte dei Dallas Mavericks, uno dei team più famosi della National Basketball Association (NBA), e l’inclusione in oltre 1800 ATM cripto disseminati lungo tutto il territorio degli Stati Uniti. Ennesima dimostrazione della crescita di reputazione di quello che in questo momento è il token più rampante in assoluto. Il cui 14° posto nella classifica delle criptovalute più capitalizzate potrebbe essere notevolmente migliorato, considerati i ritmi dell’avanzata messa in atto negli ultimi mesi.

Cardano

L’unico progetto che è riuscito a dare vita ad una crescita analoga a quella di Dogecoin, nel corso dello stesso arco temporale mesi, è stato Cardano (ADA). La criptovaluta dei professori, indicata in questi termini per effetto della presenza di molti accademici nel suo team di sviluppo, è nel pieno di una lunga serie di cambiamenti i quali sono stati programmati in un’ottica ben precisa: fare di ADA un progetto centrale nell’ambito della finanza decentralizzata (DeFi). Ovvero del settore che è ormai considerato alla stregua di una gallina dalle uova d’oro.
Tra di essi va ricordata in particolare l’adozione dell’algoritmo di consenso Proof of Stake (PoS) al posto dell’originario Proof of Work (PoW). Ovvero della nuova modalità del processo decisionale imperniato non sull’aggiunta dei blocchi alla rete, bensì sul mantenimento dei token all’interno del proprio wallet (portafogli elettronico), in modo da aumentare le probabilità per il possessore di essere scelto in maniera casuale per la partecipazione al mining.
Cui si è aggiunto nel corso delle ultime settimane l’aggiornamento Mary, il quale ha fatto molto parlare di Cardano proprio per le corpose novità introdotte. Grazie ad esso, in sostanza, la sua blockchain si appresta a trasformarsi in una piattaforma decentralizzata di contratti intelligenti e multi-asset. In pratica non soltanto i contratti intelligenti e la DeFi, ma anche gli NFT (Non Fungible Tokens) si apprestano a fare la loro comparsa sulla sua rete. Molto importante anche l’abbattimento relativo al prezzo del gas, il quale renderà molto più convenienti le transazioni rispetto al passato.
Una serie di trasformazioni le quali hanno aumentato in modo sensibile la reputazione di Cardano e sono state premiate in maniera corposa dai mercati.

Polkadot

In questa rassegna delle criptovalute emergenti, non può mancare l’altro “Ethereum Killer” più noto, ovvero Polkadot. Si tratta di una rete multi-chain programmata con il preciso intento di unire le varie blockchain, agendo alla stregua di un framework, come fa ad esempio il linguaggio HTML permettendo ai siti, ai browser e ai server di dare vita ad una proficua interazione. Le blockchain interessate all’interoperabilità possono di conseguenza connettersi con Polkadot e lavorare in parallelo al fine di avere accesso alla convalida delle transazioni e della sicurezza della rete. Facendo leva anche in questo caso sul meccanismo di consenso Proof of Stake.
Anche in questo caso siamo di fronte ad un fenomeno di grande rilevanza. Il quale è balzato agli onori delle cronache in corrispondenza della sua quotazione su Binance, quando il prezzo fece registrare in un arco temporale molto limitato un incremento del 200%. Un trend il quale, secondo gli esperti, potrebbe proseguire ed intensificarsi nel corso dei prossimi mesi. Agevolato dal fatto che proprio Polkadot, con la sua notevole scalabilità sembra in grado di risolvere i problemi relativi al costo troppo elevato delle transazioni che continua ad affliggere Ethereum.
E’ in particolare Kelvin Koh, analista di Spartan Black, ad affermare che nel corso dei prossimi mesi Polkadot entrerà a far parte del podio delle criptovalute più capitalizzate. Un pronostico impegnativo, considerato come attualmente DOT si trovi al sesto posto nella classifica di CoinMarketCap. Considerato comunque abbastanza attendibile alla luce delle caratteristiche tecniche esibite dal progetto.

I migliori Broker Forex CFD selezionati da Dove Investire

Broker Caratteristiche Inizia
Plus500 Licenza ‎ASiC, CySEC, FCA
Il fornitore più quotato di CFD
Piattaforma WebTrader
apri ora
ActivTrades Licenza FCA, Consob
Protezione conto clienti
Formazione e affidabilità
apri ora
Markets.com CySEC, FSCA, FCA e ASIC
Tecnologie all’avanguardia
Strumenti di trading
apri ora
Roinvesting Licenza CySEC
Demo gratuita
MetaTrader 4 e App Mobile
apri ora
GKFX Licenza MFSA, Consob
Fondi dei clienti protetti
Segnali di trading in piattaforma
apri ora
101investing Licenza CySEC
Sconto sullo swap fino al 50%
Piattaforma MT4 e Mobile
apri ora
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74 e l’89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

La criptovaluta Dogecoin segna un rialzo del 70%. Cosa sta succedendo?

Con un balzo del 133% negli ultimi 7 giorni, Dogecoin raggiunge il 10° posto nella classifica delle criptovalute. Questi i motivi del rally di DOGE

Un commento

  1. Come fate a consigliare Doge? È nata per scherzo, non ha nessun progetto ed è soltanto speculativa. Pienamente d’accordo su Polka e Cardano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.