Venti di guerra, ma agli italiani non farglielo sapere

I telegiornali italiani parlano in questi giorni soprattutto di Omicron e della squallida kermesse politica legata all’elezione del Presidente della Repubblica. Poco spazio per parlare di una guerra che potrebbe scoppiare da un momento all’altro alle porte di casa nostra.

L’Ucraina è molto vicina ed è confine dell’Unione Europea. È strategica per il passaggio dei gasdotti di fornitura del gas all’Europa. Anche se, in realtà, i rubinetti da est sono sempre meno attivi.

Dai principali media americani, apprendiamo che l’amministrazione Biden sta lavorando con i fornitori di gas e petrolio del Medio Oriente, del Nord Africa e dell’Asia per rafforzare le forniture all’Europa nelle prossime settimane, allo scopo di ammorbidire la minaccia che la Russia possa interrompere l’erogazione nei confronti dell’Europa, nell’escalation eventuale del conflitto sull’Ucraina.

Una minaccia di questo tipo nella stagione invernale è sicuramente un timing ben calcolato da Mosca, anche sotto il profilo della pressione psicologica nei confronti dei paesi europei.

L’anno scorso la Russia ha fornito all’Unione Europea circa 128 miliardi di metri cubi di gas e circa un terzo è passato attraverso i gasdotti che attraversano l’Ucraina.

Il Gasdotto Nord Stream 2, caldeggiato da Mosca, ha lo scopo di aumentare la dipendenza dell’Europa dal gas russo, instradando il flusso fuori del territorio ucraino.

Secondo un funzionario dell’amministrazione americana, che per protocollo non ha rivelato il suo nome al giornalista del New York Times che lo intervistava al telefono, l’ottenimento di fonti di carburante alternativo a quello russo è un fattore strategico per assicurare che gli alleati saranno in grado di resistere a qualsiasi blocco di fornitura da parte della Russia verso l’Unione Europea.

Nonostante ciò, il medesimo funzionario non ha fornito alcuna precisazione sulla quantità di bisogno di fornitura dell’Europa che potrebbe essere soddisfatto dal reperimento di fonti alternative, né ha precisato su quali paesi l’amministrazione americana stia puntando: anche se è intuibile che l’Arabia Saudita sia al primo posto.

È sempre dal New York Times e dalla CNBC americana che apprendiamo quali siano stati i motivi di allerta dell’amministrazione americana per l’ipotesi di una possibile invasione militare russa dell’Ucraina.

Con pochi segni di progresso diplomatico e una retorica che ricorda la Guerra Fredda, ieri la Russia ha annunciato una raffica di esercitazioni militari attraverso il suo vasto territorio, che si estende dall’Oceano Pacifico al suo fianco occidentale intorno all’Ucraina.

L’annuncio, che ha fatto seguito a una serie di mosse militari degli Stati Uniti e della NATO volte a scoraggiare un’incursione russa in Ucraina, ha dimostrato la vasta portata delle forze russe ed è stato effettuato da unità posizionate a nord, sud e est dell’Ucraina.

Hanno coinvolto carri armati e droni, truppe di fanteria regolare e paracadutisti d’élite.

Si sono svolti sia vicino all’Ucraina che lontano dalla regione, con tre navi della marina che hanno preso parte a esercitazioni congiunte con la flotta cinese nel Mar Arabico, ha affermato il ministero della Difesa russo.

✅ Stai cercando un corso completo su come realizzare profitti con il trading? Questo è l’ebook che fa per te… Questa guida ti aiuterà a comprendere i concetti e le regole fondamentali per avere successo nel trading.
👉 Scarica la guida gratuita!

I russi hanno limitato l’accesso ai giornalisti indipendenti, rilasciando invece foto e video delle esercitazioni.

Nella Russia occidentale, gli equipaggi sono saliti a bordo dei sistemi missilistici balistici a corto raggio Iskander-M, li hanno portati in un campo di addestramento e hanno sollevato i loro missili nelle loro posizioni di combattimento, secondo un video diffuso dal ministero.

Più vicino all’Ucraina, le truppe russe hanno continuato a portare veicoli corazzati pesanti e altre attrezzature dalle piattaforme ferroviarie in Bielorussia, prima di esercitazioni congiunte con le forze bielorusse.

La Bielorussia condivide un confine con l’Ucraina e funzionari della NATO e degli Stati Uniti hanno avvertito che l’afflusso di forze russe potrebbe minacciare la capitale ucraina, Kiev, a meno di 50 miglia dal territorio bielorusso.

Dmitri S. Peskov, il portavoce del presidente Vladimir V. Putin, ieri ha respinto tali timori, affermando che le tensioni intorno all’Ucraina sono state fomentate dagli Stati Uniti.

“Stiamo osservando tali azioni degli Stati Uniti con profonda preoccupazione”, ha detto Peskov quando gli è stato chiesto della decisione americana di mettere 8.500 soldati in “allerta”.

Lunedì, in commenti più ampi, Peskov ha affermato che gli Stati Uniti e la NATO stavano orchestrando “isteria informativa” in giro per l’Ucraina riportando “bugie” e “falsi”.

Vorrei notare che questo sta accadendo non a causa di ciò che sta facendo la Russia“, ha detto. “Succede a causa di ciò che fanno la NATO e gli Stati Uniti, a causa delle informazioni che diffondono“, ha affermato.

Dall’altra parte dell’Ucraina, in Crimea, annessa alla Russia nel 2014, i carri armati russi hanno lanciato esercitazioni di tiro pianificate.

Il contingente russo in Transnistria, una regione separatista della Moldova, nel sud-ovest dell’Ucraina, è stato messo in allerta per il combattimento come parte di un’esercitazione pianificata, ha affermato il ministero.

Altre esercitazioni sono state segnalate anche nel Caucaso settentrionale, vicino a Mosca, nel Mar Baltico. Nella regione di Ivanovo vicino a Mosca, i veicoli lanciamissili mobili Yars, utilizzati per i missili intercontinentali, hanno iniziato a pattugliare l’area.

Ammettiamo che storditi dai notiziari sul covid, tali notizie, che ampiamente troviamo documentate nella stampa estera, trovano uno spazio marginale nella stampa italiana.

Sono venti di guerra veri, con ripercussioni sulle borse che sono già arrivate. E’ vero, aumentano i tassi di interesse, è vero, le borse dovevano ridimensionarsi, è vero, una correzione ci sta. Ma se hai visto i mercati come si stanno muovendo c’è qualcosa di molto vicino all’isteria collettiva in questo momento. Poca lucidità.

Per mantenere la nostra lucidità in un mercato che forse l’ha persa, abbiamo bisogno di strategie solide ed efficaci.

Report curato dall’Istituto Svizzero della Borsa, il portale della Conoscenza e della Cultura finanziaria. Sito: www.istitutosvizzerodellaborsa.ch

Resta aggiornato sulle nostre notizie

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite Doveinvestire su Google News, Facebook, Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Per restare aggiornati sulle notizie pubblicate sul nostro portale attiva le notifiche dal pulsante verde in alto (Seguici) o iscriviti al nostro canale Telegram di Dove Investire

Disclaimer: L’opinione qui espressa non è un consiglio di investimento, ma viene fornita solo a scopo informativo. Non riflette necessariamente l’opinione di doveinvestire.com. Ogni investimento e ogni trading comporta dei rischi, quindi dovresti sempre eseguire le tue ricerche prima di prendere decisioni. Non consigliamo di investire denaro che non puoi permetterti di perdere. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali perdite o danni commerciali a causa di affidamento sulle informazioni contenute all’interno di questo sito, compresi i dati, le citazioni, i grafici e i segnali di acquisto/vendita. Il testo riportato non costituisce attività di consulenza da parte di Dove Investire né, tanto meno, offerta o sollecitazione ad acquistare o vendere strumenti finanziari. Le informazioni ivi riportate sono di pubblico dominio e sono considerate attendibili, ma il portale Dove Investire non è in grado di assicurarne l’esattezza. Si invita a fare affidamento esclusivamente sulle proprie valutazioni delle condizioni di mercato nel decidere se effettuare un’operazione finanziaria e nel valutare se essa soddisfa le proprie esigenze. La decisione di effettuare qualunque operazione finanziaria è a rischio esclusivo dei destinatari della presente informativa.

FORMAZIONE Trading a 360°. Scarica GRATIS i nuovi EBOOK sul TRADING!

I migliori Broker Forex CFD selezionati da Dove Investire

Broker Caratteristiche Inizia
eToro Licenza CySEC, FCA, ASIC
Social Trading
Deposito minimo 50€
apri ora
ActivTrades Licenza FCA, CSSF
Protezione conto clienti
Formazione e affidabilità
apri ora
XTB Licenza FCA, CySEC, KNF
Piattaforma professionale
Affidabilità e supporto
apri ora
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 62 e l’89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

Il conflitto tra Russia e Ucraina complica il programma delle banche centrali

Lo stallo delle trattative per trovare una soluzione al conflitto tra Russia e Ucraina, mette pressioni alle banche centrali ancora orientate ad alzare ripetutamente il costo del denaro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.