La Tempesta sui mercati sta arrivando. Queste le opportunità da non perdere

Acquista azioni senza commissioni

Il peggio che non avevamo visto; in pochi giorni, sono concentrati una serie di eventi che hanno di fatto creato un tale clima di attesa da avere sostanzialmente immobilizzato i mercati.

Lateralità ossessiva intorno ad un range ristretto per l’indice S&P500 e uguale sorte per l’euro/dollaro: entrambi in attesa di decisioni per prendere la via di un rialzo, che sempre più probabilmente avrà le vesti di una continuazione temporanea del rimbalzo in corso, o di un prosieguo immediato della tendenza ribassista.

Il mercato attende le decisioni della BCE (oggi), il dato sull’inflazione americana (venerdì) e la prossima settimana i report della FED.

Se in condizioni di normalità, che ci sembra ormai riferibile ad una era geologica fa, tali notizie, sia pure importanti, erano prontamente riassorbite dal mercato, ora si crea una situazione di stallo, che inizia ormai parecchi giorni prima.

Gli open interest, le posizioni aperte sul mercato delle opzioni sugli indici azionari, sono sotto media. A dimostrazione che i grandi operatori stanno sotto utilizzando la liquidità e sono in clima di attesa: come peraltro ci è stato confermato anche in sede confidenziale da alcuni di loro.

Tale condizione sta incrementando le opinioni più divergenti sul futuro prossimo dei mercati, con prevalenza delle opinioni a tinte fosche, che si manifestano in modo crescente: addirittura con le dichiarazioni di JPMorgan o dell’immancabile Elon Musk, entrambi pessimisti sul futuro prossimo dell’economia e dei mercati.

La realtà è questa: noi abbiamo vissuto da vicino il crollo del 1987, poi la bolla dot.com, poi il 2008-2009, poi la crisi dell’euro e la tempesta delle materie prime del 2014. Così, dovremmo avere, in teoria, termini di paragone numerosi con l’attuale mercato ribassista.

Stavolta c’è una variabile critica imponente e preoccupante: i titoli in pancia alla FED, e anche ad altre banche centrali, che, se scaricati sul mercato, sia pure gradualmente, assorbirebbero liquidità dal sistema e dai mercati stessi. E quindi, non è solo l’aumento dei tassi o l’inflazione a preoccupare: quelle sono cose che abbiamo già visto, i mercati scendono, per un po’, e poi risalgono, nei tempi possibili perché questo avvenga. Ma nessuno sa che cosa avvenga in un clima di stagflazione, inflazione e recessione insieme, se la FED comincerà a liberarsi dell’ingombro di una parte, anche piccola, dei nove trilioni di dollari di titoli che ha in pancia.

✅ Stai cercando un corso completo su come realizzare profitti con il trading? Questo è l’ebook che fa per te… Questa guida ti aiuterà a comprendere i concetti e le regole fondamentali per avere successo nel trading.
👉 Scarica la guida gratuita!

In presenza di una crisi dei mercati, sappiamo che la ricetta adottata in passato è di iniettare liquidità nel sistema e quei titoli rappresentano appunto il risultato di tale ricetta applicata sistematicamente per molti anni.

Se una crisi dovesse ripresentarsi, tale ricetta sarebbe ancora praticabile? E quale è la ricetta per il ritorno verso un livello più accettabile dei titoli detenuti dalle banche centrali, FED in testa? E quale è il punto di non ritorno da non superare per un aumento dei tassi, visto il livello di indebitamento mondiale?

Nel momento in cui ci si comincia a rendere conto che tali domande potrebbero implicare risposte inquietanti, ecco che emergono le preoccupazioni conseguenti per i mercati.

Abbiamo spiegato altre volte la nostra interpretazione dei ribassi di borsa cui stiamo assistendo: si tratta, al momento, di una crisi di acquisti, al momento non accompagnata da un panic selling.

Così, abbiamo visto ribassi importanti, con l’indice Vix che misura la volatilità delle opzioni dell’S&P500 raggiungere livelli più alti, ma non così alti come in altri periodi di ribasso: proprio perché sono gli acquisti a mancare, mentre dalle posizioni non si esce precipitosamente, ma ordinatamente. Così la “paura” misurata è relativamente modesta.

Nei prossimi giorni, ci saranno rilevanti opportunità sul mercato Forex: l’euro è in ripresa contro tutte le valute, ma stazionario sul dollaro. E le notizie prossime indicheranno il trend di breve.

Uno scenario di continuazione del rimbalzo per borse ed euro/dollaro, per poi tornare a scendere con una gamba ribassista consistente destinata a toccare un minimo molto importante durante l’estate, sembra, al momento, essere il più probabile.

In tali condizioni, la stazionarietà si trasformerebbe in due trend ben definiti, il primo rialzista e il secondo ribassista per l’euro: questo sarebbe la base di ottime opportunità da cogliere sul mercato valutario.

Report curato dall’Istituto Svizzero della Borsa, il portale della Conoscenza e della Cultura finanziaria. Sito: www.istitutosvizzerodellaborsa.ch

Resta aggiornato sulle nostre notizie

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite Doveinvestire su Google News, Facebook, Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Per restare aggiornati sulle notizie pubblicate sul nostro portale attiva le notifiche dal pulsante verde in alto (Seguici) o iscriviti al nostro canale Telegram di Dove Investire

Disclaimer: L’opinione qui espressa non è un consiglio di investimento, ma viene fornita solo a scopo informativo. Non riflette necessariamente l’opinione di doveinvestire.com. Ogni investimento e ogni trading comporta dei rischi, quindi dovresti sempre eseguire le tue ricerche prima di prendere decisioni. Non consigliamo di investire denaro che non puoi permetterti di perdere. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali perdite o danni commerciali a causa di affidamento sulle informazioni contenute all’interno di questo sito, compresi i dati, le citazioni, i grafici e i segnali di acquisto/vendita. Il testo riportato non costituisce attività di consulenza da parte di Dove Investire né, tanto meno, offerta o sollecitazione ad acquistare o vendere strumenti finanziari. Le informazioni ivi riportate sono di pubblico dominio e sono considerate attendibili, ma il portale Dove Investire non è in grado di assicurarne l’esattezza. Si invita a fare affidamento esclusivamente sulle proprie valutazioni delle condizioni di mercato nel decidere se effettuare un’operazione finanziaria e nel valutare se essa soddisfa le proprie esigenze. La decisione di effettuare qualunque operazione finanziaria è a rischio esclusivo dei destinatari della presente informativa.

FORMAZIONE Trading a 360°. Scarica GRATIS i nuovi EBOOK sul TRADING!

I migliori Broker Forex CFD selezionati da Dove Investire

Broker Caratteristiche Inizia
XTB Licenza FCA, CySEC, KNF
Piattaforma professionale
Affidabilità e supporto
apri ora
eToro Licenza CySEC, FCA, ASIC
CopyTrader
Deposito minimo 50€
apri ora
Capex Licenza CySEC, ADGM, FSA e FSCA
Disponibili oltre 2100 asset
Assistenza individuale
apri ora
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 62 e l’89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

Mercato valutario stabile mentre sull’azionario si assiste ad un ritorno del risk off

Continua la fase laterale sul mercato valutario ad eccezione del Jpy, mentre le borse Usa ancora in rosso in mezzo ad un ritorno del risk off. Questa la situazione sui mercati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.