20 Luglio, 2024
Richiedi gli ebook "Come Investire in Azioni di Borsa" e "Investire in Intelligenza Artificiale"Richiedi gli ebook "Come Investire in Azioni di Borsa" e "Investire in Intelligenza Artificiale"
Altro
    Analisi dei mercatiOutlook 2023. Sei Trend principali per i Mercati per XTB

    Outlook 2023. Sei Trend principali per i Mercati per XTB

    Inflazione che potrebbe decrescere al 2%, possibile cambio di offerta della Fed con tassi al 5%, sviluppo del conflitto russo-ucraino e ricadute economiche, potenziale ripresa delle cripto con crescita di smart contracts come Ethereum, probabile recessione degli utili, prezzi di petrolio e gas che potrebbero continueranno a scendere: questo l’Outlook 2023 di XTB.

    In breve i sei trend principali da tenere d’occhio nel 2023.

    1. L’inflazione dovrebbe rallentare e potrebbe arrivare al 2%: attualmente, sta già scendendo negli Stati Uniti ed è probabile che questo processo continui
    2. Potremmo assistere a un cambio di offerta della Fed: se aumenterà i tassi al 5%, si tratterà del ciclo di inasprimento dei tassi più significativo dal 1981
    3. Se la guerra in Ucraina finisse, alcune aziende potrebbero trarne particolare vantaggio (fra cui Volkswagen e Mercedes)
    4. La blockchain continua a crescere: il settore cripto potrebbe riprendersi
    5. La debolezza degli utili, che ha caratterizzato il 2022, potrebbe continuare anche nel 2023
    6. I prezzi di petrolio e gas potrebbero continueranno a scendere: se le scorte comparative di gas scenderanno al di sotto del livello dell’anno scorso, allora il prezzo potrebbe muoversi verso i massimi del 2022 o addirittura verso il picco del 2008

    Dopo il crollo finanziario dovuto alla pandemia nel 2020 e la ripartenza nel 2021, il 2022 è stato un anno piuttosto turbolento, in cui i timori per l’inflazione hanno spinto al ribasso i prezzi delle azioni e la guerra in Ucraina ha scatenato la volatilità sui mercati energetici. Guardando al 2023, gli investitori nutrono un misto di speranze di un cambio di direzione della Fed e di timori legati alla recessione.

    Ecco le 6 tendenze da tenere d’occhio nel nuovo anno secondo XTB, fintech internazionale e uno dei maggiori Broker FX e CFD quotati in borsa al mondo.

    Investire in azioni senza commissioni con XTB

    L’inflazione dovrebbe rallentare e potrebbe arrivare al 2%

    L’inflazione è stata a lungo il tema principale del mercato, oltre che la causa principale delle difficoltà della maggior parte delle asset class nel 2022: attualmente, sta già scendendo negli Stati Uniti ed è probabile che questo processo continui. I prezzi delle materie prime hanno iniziato a diminuire rispetto ai livelli molto elevati dell’inizio dell’anno scorso; allo stesso tempo, i vincoli della logistica globale sembrano attenuarsi grazie agli aggiustamenti effettuati dalle aziende, come dimostrato dal calo dei prezzi dei trasporti.

    Walid Koudmani, Chief Market Analyst XTB, ha commentato:

    “Se non ci sarà un altro shock dell’offerta, l’inflazione dovrebbe frenare nel corso nel 2023. Il grande interrogativo che gli investitori si pongono è quanto velocemente scenderà e se arriverà a un livello del 2% entro la fine dell’anno. Al tempo stesso, la combinazione di una domanda dei consumatori ancora forte, di un mercato del lavoro resistente e di un’inflazione degli immobili sensibile potrebbe mantenerla a livelli che non permetteranno alla Fed di dormire sonni tranquilli”.

    Potremmo assistere a un cambio di offerta della Fed: se aumenterà i tassi al 5%, si tratterà del ciclo di inasprimento dei tassi più significativo dal 1981

    Nonostante un 2022 difficile, gli ultimi 14 anni sui mercati azionari sono stati straordinari per gli investitori, soprattutto sul mercato statunitense. Ciò è stato in parte dovuto al lungo ciclo di espansione tra il 2009 e il 2020, ma è stato anche notevolmente favorito da una svolta “dovish” nelle politiche delle banche centrali.

    Mai nella storia i tassi di interesse sono stati così bassi, di fatto allo 0% negli Stati Uniti e addirittura negativi in Europa e Giappone. Non solo, le banche centrali hanno anche sostenuto i mercati con acquisti di asset. Di conseguenza, gli indici azionari hanno guadagnato più di quanto suggerito dalle sole variazioni degli utili o del PIL, con conseguente innalzamento delle metriche di valutazione come il rapporto prezzo/utili o prezzo/vendite.

    Gli investitori sperano ora che una prospettiva di inflazione più favorevole possa convincere le banche centrali a rivedere le loro recenti decisioni e a invertire la rotta della politica monetaria nel 2023.

    Nel 2019 la Fed ha tagliato i tassi di 75 punti base ed è passata dalla riduzione del bilancio all’espansione. Una ripetizione di tale mossa sarebbe molto apprezzata dagli asset di rischio come le azioni o le criptovalute e potrebbe essere molto negativa per il dollaro USA. Tuttavia, finora i rappresentanti delle banche centrali hanno segnalato di preferire il mantenimento di una politica restrittiva più a lungo per garantire l’eliminazione dell’inflazione. La Bce ha alzato i tassi di deposito al di sopra del 3% solo due volte nella storia: nell’ottobre 2000 e nel luglio 2008, alla vigilia di importanti bear market.

    Se la guerra in Ucraina finisse, alcune aziende potrebbero trarne particolare vantaggio

    Il conflitto in Ucraina ha generato un significativo aumento del rischio geopolitico, il cui ammontare è inversamente proporzionale alla distanza dal centro del confitto. In questo caso, il “risk premium” geopolitico sembra essere piuttosto basso, stimato al 2-3% del rapporto prezzo-utili e, allo stesso tempo, ci sono alcune società che potrebbero beneficiare in particolar modo dalla fine della guerra.

    Ad esempio, le aziende automobilistiche tedesche Volkswagen e Mercedes, la cui produzione è stata interrotta da una carenza di semiconduttori e cablaggi prodotti in Ucraina. Fra le aziende ucraine, potrebbe trarne giovamento Kernel, il più grande produttore ed esportatore di olio di girasole nel paese ucraino, tenendo in considerazione che l’agroalimentare è fra i settori che hanno sofferto maggiormente del conflitto (l’Ucraina e la Russia sono responsabili di oltre il 20% delle esportazioni globali di mais).

    La blockchain continua a crescere: il settore cripto potrebbe riprendersi

    A causa di un cambiamento radicale della politica monetaria globale e l’aumento dell’inflazione, gli asset rischiosi sono stati messi sotto pressione nel 2022. Le criptovalute, uno dei maggiori beneficiari della politica fiscale e dei bassi tassi di interesse durante la pandemia, hanno subito un duro colpo e il settore ha dovuto affrontare problemi interni causati da un’ondata di fallimenti e crolli di importanti progetti cripto.

    Al di là dei massicci cali e degli scandali, l’interesse per le criptovalute persiste. Ad oggi, ogni mercato ribassista cripto ha creato importanti opportunità di investimento e ha preannunciato un periodo di maggiore volatilità. Nonostante il calo dei prezzi e l’incertezza, l’adozione della tecnologia blockchain ha subito un’accelerazione. Con il calo dell’inflazione e un lento allentamento della politica monetaria, le criptovalute potrebbero tornare a godere del favore degli investitori nel 2023.

    Per quanto riguarda il Bitcoin, storicamente il suo prezzo ha iniziato a salire circa 1 anno e 3 mesi prima del proprio ciclo di dimezzamento. Il prossimo dimezzamento è previsto per aprile 2024, il che fa sperare i “tori” per il 2023. I “vincitori” del cambiamento del sentiment del mercato, al di là del Bitcoin stesso, potrebbero essere i progetti legati agli smart contracts (Ethereum, Chainlink), ai token NFT (Polygon, Algorand), all’archiviazione decentralizzata dei dati (Filecoin) e al trend del Metaverso (Decentraland, Sandbox).

    E’ probabile una recessione degli utili

    Il rallentamento dell’economia e i timori di recessione sono stati fattori importanti per i mercati nel 2022 e continueranno ad esserlo anche nel 2023.

    La crescita degli utili negli Stati Uniti ha già iniziato a rallentare, ma non è ancora scesa in territorio negativo. Poiché l’inflazione negli USA ha continuato ad accelerare al di sopra dell’obiettivo della Fed, la banca centrale statunitense ha intrapreso una stretta aggressiva nel tentativo di contenere la crescita dei prezzi. Gli indicatori anticipatori che si sono dimostrati affidabili, come ad esempio l’ISM manifatturiero, suggeriscono che la debolezza degli utili potrebbe continuare anche nel 2023.

    Finora, nel XXI secolo, si sono verificate tre recessioni degli utili: lo scoppio della bolla delle dot-com, la crisi finanziaria globale e la pandemia COVID-19. Mentre il crollo dei mercati azionari indotto da Covid è stato di breve durata grazie a enormi quantità di stimoli fiscali e monetari, le altre due hanno avuto alcune analogie. In particolare, l’entità del calo è simile a quella della crescita degli utili che diventa negativa.

    Dal mese in cui la crescita degli utili è diventata negativa al mese in cui il mercato azionario ha toccato il fondo, l’S&P 500 è sceso del 33,4% e del 29,4% rispettivamente durante i bear market delle dot-com e del GFC. Sebbene ciò non significhi che il mercato azionario subirà un calo simile nel caso in cui la crescita degli utili dovesse diventare negativa questa volta, fornisce un indizio del fatto che, a meno di eventi catastrofici come Covid, la recessione degli utili tende a iniziare nel bel mezzo di un bear market, piuttosto che all’inizio o alla fine. Ognuna delle 10 precedenti recessioni economiche negli USA è stata accompagnata da una recessione degli utili.

    I prezzi di petrolio e gas potrebbero continueranno a scendere

    Le materie prime energetiche hanno fatto un bel giro sulle montagne russe nel 2022 e anche il 2023 potrebbe essere impegnativo.

    Nel mercato del petrolio, stiamo assistendo a due forze contrapposte: da un lato, l’OPEC+ sta lottando per riportare la produzione ai livelli pre-pandemici, anche con la riduzione degli obiettivi di produzione. Inoltre, l’introduzione di un tetto massimo di prezzo per il petrolio russo potrebbe causare ulteriori problemi di approvvigionamento. D’altra parte, la politica di zero Covid della Cina e il rallentamento generale fanno sì che la domanda non cresca più così velocemente come previsto. A causa di questi fattori, si prevede che i prezzi si stabilizzeranno nel breve termine, ma il prevalere di uno dei fattori nell’ultima parte del 2023 potrebbe determinare una tendenza moderata per il resto dell’anno.

    Per quanto riguarda il gas, i suoi prezzi si sono stabilizzati dopo un 2022 turbolento. Gli investitori si chiedono ora se le scorte saranno sufficienti per la prossima stagione di riscaldamento. Naturalmente, il problema della carenza di gas non riguarda gli Stati Uniti, che hanno anche alcuni impegni con partner strategici in Europa e Asia ed è probabile che questo aumenti le esportazioni e limiti ulteriormente l’offerta sul mercato interno. Le scorte statunitensi rispetto all’anno precedente indicano che il massimo del prezzo potrebbe essere già stato raggiunto. Tuttavia, è importante sapere che la Russia non trasferirà gas all’Europa l’anno prossimo, quindi gli Stati Uniti dovranno colmare questo divario. Se le scorte comparative cambieranno di nuovo direzione, ovvero scenderanno al di sotto del livello dell’anno scorso, allora il prezzo potrebbe muoversi verso i massimi del 2022 o addirittura verso il picco del 2008.

    Commento curato da Walid Koudmani, chief market analyst di XTB

    Guadagna fino al 5% di interessi sui fondi non investiti

    A proposito di XTB

    XTB è uno dei maggiori Broker FX e CFD quotati in borsa al Mondo. È fornitore internazionale di prodotti, servizi e soluzioni tecnologiche per il trading e l’investimento. Le entità del Gruppo XTB sono supervisionate dalle più grandi autorità di regolamentazione del mondo, tra cui FCA, CySEC e KNF.

    Negli oltre 17 anni di presenza sui mercati, il Gruppo XTB ha fornito agli investitori al dettaglio l’accesso immediato a centinaia di mercati in tutto il mondo. Dal 2005, il Gruppo XTB ha ampliato la propria attività, che ora copre 13 mercati principali in Europa, America Latina e Asia, guadagnando la fiducia di oltre 500.000 clienti.

    Attraverso le proprie pluripremiate piattaforme xStation e xStation Mobile, le entità del Gruppo XTB offrono accesso ad oltre 5.400 strumenti finanziari, incluse azioni reali, ETF e CFD per Forex, indici, materie prime, azioni, ETF e criptovalute. Attraverso l’X Open Hub, XTB fornisce tecnologia leader alle istituzioni finanziarie di tutto il mondo.

    I punti di forza di sono fiducia, tecnologia e supporto.

    Per conoscere tutti i servizi offerti visita il sito https://www.xtb.com/it

    Alcuni motivi per cui scegliere XTB:

    • Supporto personalizzato alla clientela operante 24 ore al giorno dalla domenica al venerdì sera;
    • Regolamentato dalla FCA. Questo prevede che i suoi fondi siano separati da quelli personali dei clienti, che sono tenuti su conti separati;
    • Adotta le più innovative tecnologie per la sicurezza delle transazioni della clientela;
    • Ha ottenuto alcuni importanti riconoscimenti da parte di operatori indipendenti nel settore economico finanziario, a riprova della qualità del servizio.

    Oltre a godere di un’ottima reputazione, XTB offre strumenti di trading avanzati, piattaforme efficienti e condizioni competitive, che lo rendono ad oggi uno dei Broker più rispettati e affidabili della categoria.

    Indipendentemente dal grado di esperienza, XTB è un Broker ampiamente strutturato e in grado di soddisfare le esigenze di ogni persona, dal professionista al privato risparmiatore.

    Per conoscere l’offerta di XTB visita il sito https://www.xtb.com/it

    I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. 76% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro quando fanno trading di CFD con XTB S.A. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.
    XTB Limited è autorizzata e regolamentata dalla Securities and Exchange Commission di Cipro con numero di licenza CIF 169/12. XTB Limited si trova in Pikioni 10, Edificio: Highsight Rentals Ltd, 3075, Limassol, Cipro.

    Dipartimento di ricerca XTB

    Questo materiale è una comunicazione di marketing ai sensi dell’Art. 24, paragrafo 3, della direttiva 2014/65 / UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 15 maggio 2014, relativa ai mercati degli strumenti finanziari e che modifica la direttiva 2002/92 / CE e la direttiva 2011/61 / UE (MiFID II). La comunicazione di marketing non è una raccomandazione di investimento o informazioni che raccomandano o suggeriscono una strategia di investimento ai sensi del regolamento (UE) n. 596/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 aprile 2014, relativo agli abusi di mercato (regolamento sugli abusi di mercato) e che abroga la direttiva 2003/6 / CE del Parlamento europeo e del Consiglio e direttive della Commissione 2003/124 / CE, 2003/125 / CE e 2004/72 / CE e regolamento delegato (UE) 2016/958 della Commissione, del 9 marzo 2016, che integra il regolamento UE) n. 596/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda le norme tecniche di regolamentazione per le disposizioni tecniche per la presentazione obiettiva di raccomandazioni di investimento o altre informazioni che raccomandano o suggeriscono una strategia di investimento e per la divulgazione di particolari interessi o indicazioni di conflitti di interessi o qualsiasi altra consulenza, anche nell’ambito della consulenza sugli investimenti, ai sensi della legge sugli strumenti finanziari del 29 luglio 2005 (ad es. Journal of Laws 2019, voce 875, come modificata). La comunicazione di marketing è preparata con la massima diligenza, obiettività, presenta i fatti noti all’autore alla data di preparazione ed è priva di elementi di valutazione. La comunicazione di marketing viene preparata senza considerare le esigenze del cliente, la sua situazione finanziaria individuale e non presenta alcuna strategia di investimento in alcun modo. La comunicazione di marketing non costituisce un’offerta di vendita, offerta, abbonamento, invito all’acquisto, pubblicità o promozione di strumenti finanziari. XTB S.A. non è responsabile per eventuali azioni o omissioni del cliente, in particolare per l’acquisizione o la cessione di strumenti finanziari. XTB non si assume alcuna responsabilità per qualsiasi perdita o danno, anche senza limitazione, eventuali perdite, che possono insorgere direttamente o indirettamente, intrapresa sulla base delle informazioni contenute in questa comunicazione di marketing. Nel caso in cui la comunicazione di marketing contenga informazioni su eventuali risultati relativi agli strumenti finanziari ivi indicati, questi non costituiscono alcuna garanzia o previsione relativa ai risultati futuri. Le prestazioni passate non sono necessariamente indicative dei risultati futuri, e chiunque agisca su queste informazioni lo fa interamente a proprio rischio.
    Doveinvestire
    Doveinvestire
    Amministratore e CEO del portale www.doveinvestire.com, Simone Mordenti è anche analista finanziario, trader con oltre 20 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e azioni, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.
    ARTICOLI CORRELATI

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Zero commissioni di investimento
    Copia automaticamente gli investimenti dei trader di maggior successo
    Segui Doveinvestire su Telegram

    Ultimi articoli

    Da non perdere

    Migliori Azioni di Semiconduttori: 5 Titoli per Cavalcare il Boom dell'AI

    Migliori Azioni di Semiconduttori: 5 Titoli per Cavalcare il Boom dell’AI

    Sei pronto a capitalizzare sulla crescita dell'intelligenza artificiale? Scopri quali sono le migliori azioni di semiconduttori che possono rivoluzionare il tuo portafoglio
    Investire Oggi: Le 20 Azioni Più Redditizie per il Lungo Termine

    Investire Oggi: Le 20 Azioni Più Redditizie per il Lungo Termine

    Vuoi costruire un portafoglio di investimenti a lungo termine e ottenere rendimenti stabili? Scopri le 20 azioni più redditizie che possono fare la differenza per il tuo futuro finanziario
    Le 10 Migliori Azioni di Intelligenza Artificiale (AI) da Non Vendere Mai

    Le 10 Migliori Azioni di Intelligenza Artificiale (AI) da Non Vendere Mai

    Scopri le migliori azioni di intelligenza artificiale: da Microsoft a Nvidia, ecco dove gli esperti vedono il maggior potenziale di crescita nel settore tecnologico
    Investire in Intelligenza Artificiale: I Top 5 Titoli che Guidano l'S&P 500

    Investire in Intelligenza Artificiale: I Top 5 Titoli che Guidano l’S&P 500

    Scopri i titoli di intelligenza artificiale che stanno cambiando l'S&P 500. Sono queste le azioni tecnologiche legate all'IA con potenziale di crescita esplosivo
    Come Investire in Intelligenza Artificiale

    Come Investire in Intelligenza Artificiale. Le Migliori azioni di IA

    Scopri come investire in intelligenza artificiale, le migliori azioni di IA e perché investire in questo settore in crescita esponenziale
    Intelligenza Artificiale: 5 Azioni IA da Comprare Ora e Tenere per Sempre

    Intelligenza Artificiale: 5 Azioni IA da Comprare Ora e Tenere per Sempre

    Investire nell'intelligenza artificiale può offrire rendimenti elevati a lungo termine. Ma dove investire per cavalcare il trend? Scopri qui le azioni IA più promettenti del mercato

    MIGLIORI BROKER

    XTBIGMigliori Broker