Home / Analisi dei mercati / Crolla il prezzo del petrolio. E’ l’inizio di un trend ribassista

Crolla il prezzo del petrolio. E’ l’inizio di un trend ribassista

Il mercato del petrolio ancora protagonista sui mercati ma questo volta in negativo. La tendenza rialzista degli ultimi mesi che lo ha portato sui livelli massimi di novembre 2014 sopra ai 66 dollari al barile (quotazione Wti Crude Oil), sembra essere ormai un ricordo; nell’ultima settimana le cose sono drasticamente cambiate, i prezzi sono letteralmente crollati, e la discesa sotto al livello psicologico dei 60 dollari al barile da il via ad un nuovo trend ribassista.

Attraverso l’analisi tecnica dell’andamento del prezzo del petrolio, si nota la rottura al ribasso del canale rialzista che ha accompagnato il prezzo dell’oro nero negli ultimi mesi.
Come si può notare nel grafico qui sotto, la rottura al ribasso del livello di supporto ha alimentato una accelerazione del crollo dei prezzi. Il prossimo livello di supporto importante è a 58,90 dollari al barile, vedremo quindi presto se ci sarà una inversione di tendenza o un proseguimento ribassista.

Ha confermare che il ribasso dei prezzi potrà continuare nei prossimi giorni, non c’è solo l’analisi grafica dei prezzi, ma anche le notizie provenienti dai mercati dove pesa ancora una volta la produzione di greggio statunitense,che mette a repentaglio la tenuta dell’accordo OPEC di fine 2016.

Ma le cause della discesa dei prezzi del petrolio non derivano soltanto i dati sull’aumento della produzione statunitense. ma anche dalle dichiarazioni dell’Iran, che si è detto pronto ad aumentare l’output di greggio di 700.000 barili al giorno nei prossimi 4 anni.

Livelli operativi del mercato del PETROLIO

Nel momento in cui scriviamo il prezzo del petrolio si trova a 59,22 dollari per barile in ribasso dello 2%.

Se il petrolio dovesse continuare a scendere rompendo il livello di supporto a 58,90 dollari, cercherà di raggiungere il prossimo supporto a 58 dollari e in caso di ulteriore rottura, il trend al ribasso continuerà verso 57,30 dollari per barile.

Se il petrolio dovesse invece tornale a salire rompendo il livello di resistenza a 59,75 dollari, l’obiettivo sarà quello di raggiungere e testare zona 61,30 dollari e se il trend continua, il prossimo livello importante è a 63,10 dollari per barile.

Questo il grafico del Petrolio in tempo reale

Per aggiornamenti ed evoluzioni dei mercati finanziari, seguici sulla nostra pagina Facebook www.facebook.com/doveinvestire.blog

Fai trading sui mercati finanziari in sicurezza

Sei alla ricerca di un Broker affidabile e che offra tutti gli strumenti necessario per fare trading sui mercati finanziari in modo semplice? Dove Investire ha selezionato alcuni dei migliori broker in termini di sicurezza, strumenti di trading, supporto e formazione. Tutti i broker presenti nell’elenco offrono la possibilità di fare trading su forex, azioni, materie prime, indici di borsa, CFD e alcuni anche criptovalute. Iscriviti gratuitamente per aver accesso ai mercati finanziari in tempo reale e grazie al conto di trading demo potrai fare trading senza alcun rischio.
Scegli il broker più adatto alle tue esigenze.

Broker Pro Leva Spread Inizia
activtrades Sicurezza Clienti 1:400 0.5 pips apri ora
plus500 Broker sicuro 1:300 2 pips apri ora
iqoption Apertura 10€ 1:400 2 pips apri ora
24option Segnali su MetaTrader 1:50 2 pips apri ora
Avviso esplicito sui rischi: non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali perdite o danni commerciali a causa di affidamento sulle informazioni contenute all’interno di questo sito, compresi i dati, le citazioni, i grafici e i segnali di acquisto/vendita. La negoziazione sui mercati finanziari è una delle forme più rischiose di investimento possibili. Tutti i prezzi e i segnali di acquisto/vendita sono indicativi e non adeguati ai fini di negoziazione, inoltre, non sono forniti da un cambio, ma piuttosto dai market maker, quindi potrebbero non essere precisi e possono differire dal prezzo effettivo di mercato. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali perdite commerciali nelle quali si potrebbe incorrere come conseguenza dell’utilizzo di questi dati. Il testo riportato non costituisce attività di consulenza da parte di Dove Investire né, tanto meno, offerta o sollecitazione ad acquistare o vendere strumenti finanziari. Le informazioni ivi riportate sono di pubblico dominio e sono considerate attendibili, ma il portale Dove Investire non è in grado di assicurarne l’esattezza. Tutte le informazioni riportate sono date in buona fede sulla base dei dati disponibili, ma sono suscettibili di variazioni anche senza preavviso in qualsiasi momento dopo la pubblicazione. Si declina ogni responsabilità per qualsivoglia informazione esposta in questa pubblicazione. Si invita a fare affidamento esclusivamente sulle proprie valutazioni delle condizioni di mercato nel decidere se effettuare un’operazione finanziaria e nel valutare se essa soddisfa le proprie esigenze. La decisione di effettuare qualunque operazione finanziaria è a rischio esclusivo dei destinatari della presente informativa.

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti sui indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

Petrolio, l’eccesso di crescita potrebbe dare il via ad una fase di debolezza

Le previsioni sul prezzo del petrolio per il 2018 sono approssimativamente bilanciate per la maggior parte dell’anno, ma le scorte sono destinate ad aumentare nel quarto trimestre dell'anno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *