20 Luglio, 2024
Richiedi gli ebook "Come Investire in Azioni di Borsa" e "Investire in Intelligenza Artificiale"Richiedi gli ebook "Come Investire in Azioni di Borsa" e "Investire in Intelligenza Artificiale"
Altro
    Analisi dei mercatiTre motivi per cui i mercati azionari registreranno un grande rialzo nel...

    Tre motivi per cui i mercati azionari registreranno un grande rialzo nel 2023

    Inflazione in calo, una Fed più accomodante verso i tassi di interesse e la fine della guerra in Ucraina, darebbero dare un forte spinta al mercato azionario nel 2023.

    Ci stiamo avvicinando all’ultimo mese del 2022, un anno difficile per gli investitori sul mercato azionario che hanno assistito ad un importante riduzione del valore del loro portafoglio.

    Se prendiamo come riferimento l’indice di borsa S&P 500, in questo momento è in ribasso del 16% da inizio anno, ed è sulla buona strada per registrate la peggiore performance annuale dal 2008. Tra gli 11 settori che costituiscono l’ampio indice di mercato, solo un settore è stato positivo nel 2022, quello dell’energia.

    Tuttavia, ci sono alcune buone notizie per gli investitori. Mentre un certo numero di economisti prevede una recessione negli Usa nel 2023 e in altri paesi, il prossimo anno potrebbe anche segnare l’inizio di un nuovo mercato rialzista . Questi i motivi per cui il 2023 potrebbe essere un buon anno per il mercato azionario (in particolare quello americano che ha maggiormente sofferto nel 2022).

    Investire in azioni senza commissioni con XTB

    L’inflazione negli Usa si sta raffreddando

    Le ultime letture dell’inflazione sono state innegabilmente rialziste per il mercato azionario. In effetti, l’indice S&P 500 è balzato di oltre il 5% il 10 novembre e il Nasdaq è salito di quasi il 7% quando è uscito il rapporto sull’indice dei prezzi al consumo di ottobre, mostrando che l’inflazione era inferiore al previsto.
    Il dato ha mostrato un’inflazione al 7,7%, meno del 7,9% previsto dagli economisti e inferiore alla lettura dell’8,2% di settembre. Al 7,7%, l’inflazione complessiva è stata la più bassa da gennaio e l’inflazione core, che esclude le categorie alimentari ed energetiche volatili, è rallentata dal 6,6% di crescita anno su anno di settembre al 6,3%.

    Sebbene questi numeri siano ancora alti, stanno sicuramente andando nella giusta direzione e la tendenza dovrebbe migliorare poiché l’inflazione mese dopo mese ha già decelerato in modo significativo. Negli ultimi quattro mesi, i prezzi al consumo sono aumentati solo dello 0,9%, ovvero a un tasso annualizzato del 2,7%. Ciò è in parte dovuto al calo dei prezzi dell’energia, ma anche altre categorie si sono attenuate.

    Il rallentamento dell’inflazione è un segnale positivo per i mercati. L’aumento dei tassi di interesse e le aspettative di una recessione negli Stati Uniti hanno creato un circolo vizioso in cui le imprese e i consumatori sono diventati più cauti riguardo alla spesa. La domanda di pubblicità digitale è diminuita drasticamente nel terzo trimestre e giganti della vendita al dettaglio come Amazon e  Target  hanno previsto trimestri delle vacanze insolitamente deboli. Anche i prezzi del petrolio sono scesi di oltre un terzo rispetto al picco raggiunto all’inizio di quest’anno e ora sono intorno ai minimi di tutto l’anno.

    Molti fattori inaspettati potrebbero influenzare l’inflazione il prossimo anno, ma la tendenza verso una minore crescita dei prezzi è chiara e ciò potrebbe aiutare a spingere le azioni verso l’alto nel 2023.

    Il pivot della Fed sta arrivando

    Forse l’evento di mercato più atteso del 2023 è il cosiddetto Fed pivot, ovvero la prevista mossa della banca centrale per fermare l’aumento dei tassi di interesse.

    Con il tasso sui fondi federali che si aggira già vicino al 4% dopo quattro aumenti consecutivi di 75 punti base, è più probabile che gli investitori ottengano un cambio di politica dalla banca centrale americana prima piuttosto che dopo. Secondo i verbali dell’ultima riunione del Federal Open Markets Committee, una maggioranza sostanziale, pur rallentando il ritmo degli aumenti dei tassi, “sarebbe presto appropriata”. Il “dot plot” della Fed di settembre, che mostra le previsioni dei banchieri centrali per i tassi futuri, ha indicato che si aspettano solo un modesto aumento dei tassi nel 2023.

    Gli aggressivi aumenti dei tassi della Fed, che sta facendo per tenere sotto controllo l’inflazione, sono stati uno dei motivi principali del calo del mercato azionario quest’anno. Una volta cessati i rialzi dei tassi, il mercato dovrebbe trovare un punto di equilibrio.

    Sebbene una recessione sia molto probabile, la buona notizia per gli investitori è che il mercato del lavoro ha retto bene anche se la Fed ha alzato i tassi. Quindi il 2023 potrebbe vedere uno scenario in cui i tassi di riferimento oscillano tra il 4% e il 5%, ma il mercato del lavoro rimane forte. In tal caso, l’economia probabilmente eviterebbe una recessione e le azioni rimbalzerebbero.

    Guadagna fino al 5% di interessi sui fondi non investiti

    La guerra in Ucraina potrebbe finire

    Anche gli eventi geopolitici possono avere un impatto enorme sui mercati, e questo è particolarmente vero per la guerra in Ucraina.

    I prezzi del petrolio sono aumentati vertiginosamente dopo che la Russia ha invaso il suo vicino e da allora sono rimasti elevati. Nel frattempo, l’aumento dei costi dell’energia in Europa minaccia di affondare l’economia.

    Anche l’Ucraina e la Russia sono i principali produttori di materie prime alimentari e il conflitto ha portato a prezzi significativamente più alti per il cibo nell’ultimo anno. L’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico ha recentemente avvertito che la guerra ha avuto un pesante tributo sull’economia globale. Non si può tornare indietro nel tempo prima della guerra, e la Russia probabilmente rimarrà un paria internazionale, ma la fine del conflitto contribuirebbe a stabilizzare i prezzi del cibo e dell’energia.

    Mentre la guerra potrebbe continuare per anni, ci sono segnali che entrambe le parti potrebbero preferire una risoluzione più rapida. Come riportato dal New York Times , l’Ucraina spera che le recenti vittorie possano essere l’inizio della fine del conflitto, mentre i portavoce russi hanno espresso interesse a negoziare per una risoluzione finale.

    Sebbene possa essere speculativo anticipare la fine della guerra il prossimo anno, la possibilità non dovrebbe essere trascurata. Ciò, insieme al calo del tasso di inflazione e a un cambiamento nella politica dei tassi di interesse della Fed, potrebbe far sì che i mercati azionari possano registrate un grande rialzo nel 2023.

    Come Imparare a fare Trading in 28 Giorni - Richiedi ora l'eBook Gratuito

    Resta aggiornato sulle nostre notizie

    Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite Doveinvestire su Google News, Facebook, Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

    Per restare aggiornati sulle notizie pubblicate sul nostro portale attiva le notifiche dal pulsante verde in alto (Seguici) o iscriviti al nostro canale Telegram di Dove Investire

    “Dove Investire” ti aiuta a comprendere come investire nel modo migliore

    Le Nostre analisi sono puntuali e precise e ti permetteranno di districarti nel mondo degli investimenti.

    Ti aiutiamo a capire tendenze, opportunità e novità sempre con un occhio al tuo portafoglio.

    Non abbiamo la bacchetta magica ma cerchiamo di offrirti sempre informazioni dettagliate e reali per poter Investire conoscendo più a fondo il mondo degli Investimenti e le loro regole. “Dove Investire” è il tuo portale di approfondimento sugli Investimenti.

    Disclaimer: L’opinione qui espressa non è un consiglio di investimento, ma viene fornita solo a scopo informativo. Non riflette necessariamente l’opinione di doveinvestire.com. Ogni investimento e ogni trading comporta dei rischi, quindi dovresti sempre eseguire le tue ricerche prima di prendere decisioni. Non consigliamo di investire denaro che non puoi permetterti di perdere. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali perdite o danni commerciali a causa di affidamento sulle informazioni contenute all’interno di questo sito, compresi i dati, le citazioni, i grafici e i segnali di acquisto/vendita. Il testo riportato non costituisce attività di consulenza da parte di Dove Investire né, tanto meno, offerta o sollecitazione ad acquistare o vendere strumenti finanziari. Le informazioni ivi riportate sono di pubblico dominio e sono considerate attendibili, ma il portale Dove Investire non è in grado di assicurarne l’esattezza. Si invita a fare affidamento esclusivamente sulle proprie valutazioni delle condizioni di mercato nel decidere se effettuare un’operazione finanziaria e nel valutare se essa soddisfa le proprie esigenze. La decisione di effettuare qualunque operazione finanziaria è a rischio esclusivo dei destinatari della presente informativa.
    Doveinvestire
    Doveinvestire
    Amministratore e CEO del portale www.doveinvestire.com, Simone Mordenti è anche analista finanziario, trader con oltre 20 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e azioni, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.
    ARTICOLI CORRELATI

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Zero commissioni di investimento
    Copia automaticamente gli investimenti dei trader di maggior successo
    Segui Doveinvestire su Telegram

    Ultimi articoli

    Da non perdere

    Migliori Azioni di Semiconduttori: 5 Titoli per Cavalcare il Boom dell'AI

    Migliori Azioni di Semiconduttori: 5 Titoli per Cavalcare il Boom dell’AI

    Sei pronto a capitalizzare sulla crescita dell'intelligenza artificiale? Scopri quali sono le migliori azioni di semiconduttori che possono rivoluzionare il tuo portafoglio
    Investire Oggi: Le 20 Azioni Più Redditizie per il Lungo Termine

    Investire Oggi: Le 20 Azioni Più Redditizie per il Lungo Termine

    Vuoi costruire un portafoglio di investimenti a lungo termine e ottenere rendimenti stabili? Scopri le 20 azioni più redditizie che possono fare la differenza per il tuo futuro finanziario
    Le 10 Migliori Azioni di Intelligenza Artificiale (AI) da Non Vendere Mai

    Le 10 Migliori Azioni di Intelligenza Artificiale (AI) da Non Vendere Mai

    Scopri le migliori azioni di intelligenza artificiale: da Microsoft a Nvidia, ecco dove gli esperti vedono il maggior potenziale di crescita nel settore tecnologico
    Investire in Intelligenza Artificiale: I Top 5 Titoli che Guidano l'S&P 500

    Investire in Intelligenza Artificiale: I Top 5 Titoli che Guidano l’S&P 500

    Scopri i titoli di intelligenza artificiale che stanno cambiando l'S&P 500. Sono queste le azioni tecnologiche legate all'IA con potenziale di crescita esplosivo
    Come Investire in Intelligenza Artificiale

    Come Investire in Intelligenza Artificiale. Le Migliori azioni di IA

    Scopri come investire in intelligenza artificiale, le migliori azioni di IA e perché investire in questo settore in crescita esponenziale
    Intelligenza Artificiale: 5 Azioni IA da Comprare Ora e Tenere per Sempre

    Intelligenza Artificiale: 5 Azioni IA da Comprare Ora e Tenere per Sempre

    Investire nell'intelligenza artificiale può offrire rendimenti elevati a lungo termine. Ma dove investire per cavalcare il trend? Scopri qui le azioni IA più promettenti del mercato

    MIGLIORI BROKER

    XTBIGMigliori Broker