Home / Finanza Personale / Pensioni / Di cosa parliamo quando parliamo di pensione integrativa?

Di cosa parliamo quando parliamo di pensione integrativa?

Non è detto che il piano di previdenza integrativa più adatto a te sia quello che ti remunera meglio. Sono diversi, infatti, i fattori che contribuiscono a stabilire quale sia il miglior sistema per assicurarsi una pensione complementare, e l’utile generato dal capitale versato è solo uno di questi, che rischia tra l’altro di essere vanificato, o fortemente ridotto, se non si presenta insieme ad altri elementi.

Prima di passare all’analisi di questi elementi, vediamo più nel dettaglio cosa si intende per pensione integrativa e perché conviene pensare sin da subito a forme pensionistiche di secondo pilastro da affiancare alla pensione obbligatoria.

I meccanismi che stanno alla base dei due sistemi sono simili e si differenziano principalmente per il fatto che la previdenza statale è gestita da un ente pubblico, l’INPS, ed è lo stato a stabilirne le regole, mentre la previdenza integrativa è affidata a società di gestione del risparmio private come banche, SGR o assicurazioni, che stabiliscono le regole di accesso e di gestione in totale autonomia e in regime di libero mercato.

Ogni lavoratore può pianificare strategie di pensione integrativa attraverso la partecipazione ai cosiddetti fondi pensione: questi sono strumenti in cui l’aderente versa periodicamente una quota di denaro e che vengono investiti sui mercati finanziari per generare utili, secondo diversi profili di rischio. Al momento del pensionamento, il lavoratore riceverà una rendita vitalizia ovviamente proporzionata alla quantità di capitale investito e a quanto questo avrà fruttato sui mercati nel corso degli anni.

Come dicevamo a inizio articolo, il solo dato quantitativo relativo alla rendita dei capitali non basta per scegliere i migliori fondi pensione per la propria previdenza integrativa. È necessario prendere in considerazione altri elementi, endogeni o esogeni, in alcuni casi anche in grado di incidere sullo stesso rendimento. Fra questi, ad esempio, la tassazione a cui sono sottoposti i fondi pensione, il grado di flessibilità con cui il risparmiatore può investire sui mercati, e quali strumenti di monitoraggio e analisi sono messi a disposizione del risparmiatore titolare dei conti, a supporto dei migliori investimenti, ecc.

La massima flessibilità nella gestione dei fondi pensione viene fornita da quegli operatori che offrono ai propri aderenti la possibilità di agire globalmente sui propri conti dal proprio pc: Online Sim è la prima piattaforma italiana di risparmio gestito nata e cresciuta sul web e fornisce ai suoi aderenti diverse soluzioni di pensione integrativa, fra cui i fondi pensione di Arca Previdenza e SecondaPensione, due fra le realtà più importanti nel panorama della previdenza complementare.

A ogni suo aderente, Online Sim fornisce l’accesso a comodi ed evoluti fund selector per ricercare in maniera semplice e autonoma i migliori fondi pensione per sé e per i propri risparmi; inoltre Online Sim non prevede alcuna commissione di ingresso ai propri fondi e – grazie alla sua natura telematica – le commissioni di gestione sono fra le più basse sul mercato italiano.

Scegliere il web come canale di investimento privilegiato potrebbe dunque rivelarsi, ora e sempre più nel futuro, la scelta più adatta a minimizzare le spese e massimizzare i guadagni derivanti da un piano personalizzato e flessibile di previdenza integrativa.

onlinesim

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L’amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza.
Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti sui indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore.
Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

Nei periodi di crisi è meglio investire in materie prime

Investire in materie prime, in futures, oppure ancora come investire in commodities, potrebbero sembrare settori dedicati ai più esperti, ma fortunatamente, non è così.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *