Bank of America: Solana potrebbe diventare la ‘Visa delle crypto’

Bank of America ritiene che Solana, grazie alle sue basse commissioni economiche e prestazioni, sta lentamente rubando quote di mercato ad Ethereum.

In una ricerca pubblicata martedì, Alkesh Shah, stratega degli asset digitali di Bank of America, prevede che Solana, concorrente di Ethereum, potrebbe diventare la “Visa dell’ecosistema di asset digitali”.

La rete Solana è stata lanciata nel 2020 e il suo token nativo, SOL, da allora è diventato la quinta criptovaluta più grande con una capitalizzazione di mercato di 47 miliardi di dollari. Con una velocità di gran lunga superiore rispetto ad Ethereum, Solana ha gestito oltre 50 miliardi di transazioni e il minting di oltre 5,7 milioni di token non fungibili (NFT).

Sebbene gli scettici sostengano che la sua velocità vada a scapito della decentralizzazione e dell’affidabilità, Shah ritiene che i benefici superino gli svantaggi:

“Le sue capacità di fornire un alto throughput, basso costo e facilità d’uso la rendono una blockchain ottimizzata per i casi d’uso dei consumatori, come micropagamenti, DeFi, NFT, reti decentralizzate (Web3) e gaming.”

Come citato da Buisness Insider, Shah suggerisce che Solana sta lentamente rubando quote di mercato ad Ethereum grazie alle sue basse commissioni, facilità d’uso e scalabilità. Al contrario, Ethereum potrebbe essere relegato a “transazioni di alto valore e identità, storage e casi d’uso della supply chain“.

“Ethereum dà la priorità alla decentralizzazione e alla sicurezza, ma a scapito della scalabilità, portando a periodi di congestione della rete e a commissioni di transazione occasionalmente più elevate del valore della transazione inviata.

Visa elabora una media di 1.700 transazioni al secondo (TPS), ma la rete può teoricamente gestire almeno 24.000 TPS. Ethereum attualmente gestisce circa 12 TPS sulla sua rete principale (molte di più sui layer-two), mentre Solana vanta un limite teorico di 65.000 TPS.

Ciononostante, Shah ammette che “Solana dà la priorità alla scalabilità, ma è una blockchain relativamente meno decentralizzata e sicura, portando a compromessi evidenziati da diversi problemi di prestazioni della rete fin dall’inizio“.

Negli ultimi mesi Solana ha accusato diverse difficoltà della rete, come i problemi di prelievo confermati mercoledì da Binance, report di scarse prestazioni della rete condivise sui social media questo venerdì, nonché ciò che sembrava essere un attacco distributed denial of service il 5 gennaio, malgrado le negazioni da parte degli sviluppatori.

Quest’ultimo caso fa seguito al precedente attacco del 10 dicembre, accompagnato da rapporti di congestione della rete causata da mass botting associato a una IDO su Raydium, exchange decentralizzato su Solana.

In un’intervista con Cointelegraph del 22 dicembre, Austin Federa, capo delle comunicazioni presso Solana Labs, ha riferito che gli sviluppatori stanno lavorando per risolvere i problemi della rete:

“Il runtime di Solana è un nuovo design. Non utilizza EVM [Ethereum Virtual Machine]. Moltissima innovazione è stata apportata per garantire che gli utenti abbiano le tariffe più economiche possibili, ma c’è ancora molto lavoro da fare sul runtime”.

Grafico in tempo reale di Solana (SOL)


Fai Trading su Solana (SOL) con un Broker regolamentato

Resta aggiornato sulle nostre notizie

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite Doveinvestire su Google News, Facebook, Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Per restare aggiornati sulle notizie pubblicate sul nostro portale attiva le notifiche dal pulsante verde in alto (Seguici) o iscriviti al nostro canale Telegram di Dove Investire

Disclaimer: L’opinione qui espressa non è un consiglio di investimento, ma viene fornita solo a scopo informativo. Non riflette necessariamente l’opinione di doveinvestire.com. Ogni investimento e ogni trading comporta dei rischi, quindi dovresti sempre eseguire le tue ricerche prima di prendere decisioni. Non consigliamo di investire denaro che non puoi permetterti di perdere. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali perdite o danni commerciali a causa di affidamento sulle informazioni contenute all’interno di questo sito, compresi i dati, le citazioni, i grafici e i segnali di acquisto/vendita. Il testo riportato non costituisce attività di consulenza da parte di Dove Investire né, tanto meno, offerta o sollecitazione ad acquistare o vendere strumenti finanziari. Le informazioni ivi riportate sono di pubblico dominio e sono considerate attendibili, ma il portale Dove Investire non è in grado di assicurarne l’esattezza. Si invita a fare affidamento esclusivamente sulle proprie valutazioni delle condizioni di mercato nel decidere se effettuare un’operazione finanziaria e nel valutare se essa soddisfa le proprie esigenze. La decisione di effettuare qualunque operazione finanziaria è a rischio esclusivo dei destinatari della presente informativa.

I migliori Broker Forex CFD selezionati da Dove Investire

Broker Caratteristiche Inizia
eToro Licenza CySEC, FCA, ASIC
Social Trading
Deposito minimo 50€
apri ora
ActivTrades Licenza FCA, CSSF
Protezione conto clienti
Formazione e affidabilità
apri ora
XTB Licenza FCA, CySEC, KNF
Piattaforma professionale
Affidabilità e supporto
apri ora
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 62 e l’89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Informazioni sull'amministratore di Michele

Laureato in scienze agrarie, si appassiona di finanza e in particolare alle cryptovalute. Ciò che più lo interessa è la tecnologia sulla quale le cryptovalute si fondano, la blockchain, cercando di capirne le funzionalità e di valutare , quindi, i progetti più promettenti.

Ti potrebbe interessare:

Swaggy si rifà il look, diventa più evoluto e potente e sfonda quota 30mila utenti

Ancora lontani dai big del mercato, ma il trend di crescita del wallet Swaggy testimonia tutto il valore di un progetto che in pochi anni ha iniziato a scalare la classifica dei portafogli elettronici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.