Chi c’è dietro Bitcoin (BTC)? Le teorie del complotto sulle Criptovalute

Mito o realtà? Chi c’è dietro Bitcoin? Andiamo alla scoperta delle teorie del complotto che circolano intorno alla prima criptovaluta.

Data la natura dirompente del Bitcoin (BTC) e il fatto che il suo fondatore è anonimo, la prima valuta digitale è stata oggetto di molti attacchi e critiche da parte del settore finanziario tradizionale e dei governi globali.

Accanto a queste contro-forze più credibili, i teorici della cospirazione del mondo si sono affrettati a prendere di mira il Bitcoin con una vasta gamma di idee e teorie su chi c’è dietro Bitcoin e qual è l’agenda dietro la valuta.

Continua a leggere per scoprire alcune delle teorie del complotto che circolano intorno al Bitcoin e vedere se pensi che qualcuno di loro abbia qualche merito.

Bitcoin è stato creato ed è gestito dalla NSA

Una delle principali teorie sul Bitcoin è che si tratti di un’operazione segreta della National Security Association (NSA) in America.

Si ritiene che Satoshi Nakamoto, l’uomo dietro al Bitcoin, sia semplicemente uno pseudonimo creato dalla NSA. Questa teoria del complotto afferma anche che la NSA ha accesso backdoor all’algoritmo SHA-256 che ovviamente contrasta l’affermazione che Bitcoin è totalmente sicuro e che i dati degli utenti sono anonimi.

La Cina ha creato il Bitcoin

Un’altra affermazione fatta dai teorici della cospirazione è che la Cina è in realtà dietro alla prima valuta digitale.

Il paese ha pubblicamente sostenuto la valuta sin dal suo rilascio, attirando molta attenzione negativa. A prima vista, la Cina che crea la valuta non dovrebbe avere molta importanza, ma alcuni credono che il Bitcoin sia un ulteriore tentativo di destabilizzare il dollaro USA. Il desiderio della Cina di sostituire il dollaro USA come valuta di riserva globale è ben noto e secondo quanto riferito il paese ha lavorato, insieme alla Russia e altri, per lavorare su un sistema di pagamento per rivaleggiare con SWIFT, oltre a prepararsi a lanciare contratti futures sul petrolio greggio al prezzo di Yuan RMB che sono convertibili in oro. Quindi, forse questo è solo un altro polo della strategia di attacco della Cina?

✅ Stai cercando un corso completo su come realizzare profitti con il trading? Questo è l’ebook che fa per te… Questa guida ti aiuterà a comprendere i concetti e le regole fondamentali per avere successo nel trading.
👉 Scarica la guida gratuita!

Satoshi Nakamoto è creato da intelligenza artificiale

Una delle grandi teorie legate all’identità del fondatore di Bitcoin Satoshi Nakamoto è che “lui” sia in realtà un pezzo di intelligenza artificiale creato da un’agenzia governativa. La teoria non suggerisce quale governo ci sia dietro la creazione o perché avessero bisogno dell’IA e, ad essere onesti, è una delle teorie più inverosimili che circolano là fuori. Tuttavia, a volte sono le teorie che suonano le più folli che in realtà si rivelano vere!

I governi sono in corsa agli armamenti per acquisire Bitcoin

Nel 2013 è emersa una teoria del complotto che affermava che i principali governi come Stati Uniti e Cina erano in una “corsa agli armamenti” per acquisire Bitcoin. La base di questa teoria è che, poiché molti utenti Bitcoin sono erroneamente percepiti come criminali, usando l’anonimato della valuta per le loro attività sovversive, quel governo cercherà essenzialmente di estrarre i dati degli utenti. Questa teoria si collega ancora all’idea che il Bitcoin non è così protetto e sicuro come molti pensano.

Satoshi Nakamoto è Nick Szabo

Una teoria del complotto particolarmente interessante che piacerà agli investigatori tra di voi è che la vera identità dietro la creazione di Bitcoin è, in effetti, un scienziato informatico americano chiamato Nick Szabo.

Nick ha pubblicato un post sul blog esprimendo un interesse appassionato per la tecnologia blockchain prima del rilascio di Bitcoin, ma il post è stato successivamente ripubblicato con una data di pubblicazione modificata. I ricercatori dell’Aston University hanno analizzato il post del blog e lo hanno confrontato con lo stile di scrittura di Nakamoto sostenendo che le somiglianze tra i due erano “inquietanti”, secondo il New York Times.

Le principali aziende asiatiche dietro Bitcoin

Un’altra delle teorie del complotto più inverosimili è che dietro la valuta digitale ci sia un gruppo di quattro grandi società asiatiche, in particolare Samsung, Toshiba, Nakamichi e Motorola.

Il nome del creatore di Bitcoin Satoshi Nakamoto può essere creato utilizzando le prime lettere di ciascuno dei nomi dell’azienda: “sa” di Samsung, “toshi” di Toshiba, “naka” di Nakamichi e “moto” di Motorola.

Conclusioni

Quindi, ecco qua, solo una selezione delle folli voci e teorie che circondano questa prima valuta digitale. Ovviamente alcuni sono più pazzi di altri, e forse sono tutte solo teorie, ma immagino che non si sappia mai la verità dietro al Bitcoin.

Resta aggiornato sulle nostre notizie

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite Doveinvestire su Google News, Facebook, Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Per restare aggiornati sulle notizie pubblicate sul nostro portale attiva le notifiche dal pulsante verde in alto (Seguici) o iscriviti al nostro canale Telegram di Dove Investire

Disclaimer: L’opinione qui espressa non è un consiglio di investimento, ma viene fornita solo a scopo informativo. Non riflette necessariamente l’opinione di doveinvestire.com. Ogni investimento e ogni trading comporta dei rischi, quindi dovresti sempre eseguire le tue ricerche prima di prendere decisioni. Non consigliamo di investire denaro che non puoi permetterti di perdere. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali perdite o danni commerciali a causa di affidamento sulle informazioni contenute all’interno di questo sito, compresi i dati, le citazioni, i grafici e i segnali di acquisto/vendita. Il testo riportato non costituisce attività di consulenza da parte di Dove Investire né, tanto meno, offerta o sollecitazione ad acquistare o vendere strumenti finanziari. Le informazioni ivi riportate sono di pubblico dominio e sono considerate attendibili, ma il portale Dove Investire non è in grado di assicurarne l’esattezza. Si invita a fare affidamento esclusivamente sulle proprie valutazioni delle condizioni di mercato nel decidere se effettuare un’operazione finanziaria e nel valutare se essa soddisfa le proprie esigenze. La decisione di effettuare qualunque operazione finanziaria è a rischio esclusivo dei destinatari della presente informativa.

FORMAZIONE Trading a 360°. Scarica GRATIS i nuovi EBOOK sul TRADING!

I migliori Broker Forex CFD selezionati da Dove Investire

Broker Caratteristiche Inizia
ActivTrades Licenza FCA, CSSF
Protezione conto clienti
Formazione e affidabilità
apri ora
XTB Licenza FCA, CySEC, KNF
Piattaforma professionale
Affidabilità e supporto
apri ora
IG Licenza FCA, BaFin, Consob
Oltre 45 anni di esperienza
Trading su CFD e Turbo24
apri ora
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 62 e l’89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

Dopo il lungo sell-off del 2022, il Bitcoin ha finalmente trovato un minimo?

Il prezzo di Bitcoin è finalmente tornato a salire trascinando con se le altre criptovalute. Dobbiamo ora attenderci un rally o è solo un ritracciamento?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.