Il sell off dei Treasuries mostra che i mercati non sono pronti per politiche monetarie più rigide

Il recente sell off dei Treasuries statunitensi indica il cambiamento delle aspettative delle politiche monetarie. Meno l’inflazione è transitoria, più le banche centrali dovranno diventare aggressive, e il sell off nel mercato obbligazionario continuerà.

In una giornata più calma per i mercati finanziari è utile fare un passo indietro per capire meglio quali sono le tendenze che guidano il sentimento del rischio nel mercato delle obbligazioni. Attualmente posso indicare quattro driver principali per i Treasuries USA:

  • Domanda e offerta
  • Dilemma del tetto del debito
  • Aspettative di inflazione
  • Aspettative delle politiche monetarie

Quanto sopra può essere usato come una bussola quando si analizza il recente sell off nei Treasuries USA e mostra che il rapido aumento dei rendimenti può essere attribuito solo da un cambiamento nelle aspettative di politica monetaria.

Domanda e offerta

La scorsa settimana il Tesoro statunitense ha venduto note a 2 anni, 5 anni e 7 anni e nonostante la domanda sia stata leggermente inferiore rispetto all’estate, è stata abbastanza buona da non provocare volatilità nel mercato secondario. La metrica delle offerte è peggiorata considerevolmente solo per le note a 2 anni, il che potrebbe essere legato al dilemma del tetto del debito. Tuttavia, la domanda per i Treasuries continua ad essere abbastanza alta per credere che il recente irripidimento della curva dei rendimenti non sia stato causato da discrepanze tra domanda e offerta.

Dilemma del tetto del debito

Le discussioni riguardanti il problema del tetto del debito stanno assumendo un ruolo centrale, dato che Janet Yellen ha affermato che gli Stati Uniti potrebbero andare in default sul loro debito già il 18 ottobre, una data inquietantemente vicina. Tuttavia, la reazione a questa notizia dovrebbe portare ad un appiattimento della curva dei rendimenti, dove i rendimenti delle scadenze brevi della curva aumentano piu’ velocemente delle scadenze lunghe. Infatti, un’inadempienza provocherebbe tassi a breve termine più alti, mentre la parte lunga della curva dei rendimenti, i rendimenti a 10 anni in particolare, scenderanno servendo da rifugio sicuro, esattamente come hanno fatto durante la precedente crisi del tetto del debito.

Pertanto, solo la mancanza di domanda per l’asta delle note a 2 anni può essere ricondotta alla crisi del tetto del debito, mentre il sell off su tutte le scadenze più lunghe non può essere collegato a questo argomento. Per questo, ci aspettiamo che il tasso del Treasury decennale possa fluttuare tra il 1.4% e il 1.6% fino a quando una soluzione del tetto del debito non sarà trovata.

Aspettative d’inflazione

Guardando i tassi breakeven, le aspettative sono in aumento rispetto all’estate a causa delle interruzioni supply-chain ed il continuo aumento del prezzo energetico. Più le pressioni inflazionistiche aumentano, più ci possiamo aspettare che le politiche monetarie diventino aggressive e che si vada incontro ad aumento dei tassi di interesse, a cui il mercato non e’ ancora pronto.

Aspettative delle politiche monetarie

Possiamo affermare con certezza che il recente rialzo dei rendimenti nominali e reali è stato causato dal cambiamento delle aspettative delle politiche monetarie. Infatti, l’eurodollar strip sta prezzando due rialzi dei tassi entro la fine del 2022. Mentre nel 2021, il mercato si aspetta già un rialzo dei tassi di 15bps. Si tratta di un cambiamento massiccio rispetto a qualche settimana fa, quando il mercato credeva ancora che la Federal Reserve aderisse all’’Average Inflation Targeting (AIT) e che i rialzi dei tassi potessero iniziare solo nel tardo 2022.

Rimane comunque una grande domanda: i tassi continueranno a salire? La nostra risposta breve a questa domanda è sì. Tuttavia dipende da come l’inflazione si rivelerà più o meno transitoria. I prossimi mesi saranno chiave per capire dove si sta andando per capire se l’incontro del FOMC di dicembre sara’ piu’ o meno aggressivo. Meno l’inflazione è transitoria, più le banche centrali dovranno essere aggressive, e il selloff nel mercato obbligazionario continuerà.

Articolo redatto da Althea Spinozzi, Senior Fixed Income Strategist per per BG Saxo. Altre informazioni su www.bgsaxo.it

Nessuna delle informazioni e analisi qui contenute costituisce un consiglio di investimento o un’offerta o sollecitazione ad acquistare o vendere qualsiasi valuta, prodotto o strumento finanziario, effettuare investimenti o partecipare a una particolare strategia di trading. L’investitore si assume la responsabilità di valutare, in modo indipendente, la precisione e la completezza delle informazioni e il relativo utilizzo. La presente comunicazione di marketing non è assimilabile ad alcuna forma di produzione o diffusione di ricerca in materia di investimenti e pertanto non è stata preparata conformemente ai requisiti giuridici volti a promuovere l’indipendenza della ricerca. Eventuali informazioni riportate che si riferiscano a rendimenti, non devono essere interpretate come indicazioni di rendimenti futuri o di garanzia di conservazione del capitale investito ma come indicazioni di rendimenti realizzati in passato. Con strumenti finanziari “più negoziati in piattaforma” si fa riferimento al controvalore nominale negoziato su tutte le piattaforme del Gruppo Saxo.

Resta aggiornato sulle nostre notizie

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite Doveinvestire su Google News, Facebook, Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Per restare aggiornati sulle notizie pubblicate sul nostro portale attiva le notifiche dal pulsante verde in alto (Seguici) o iscriviti al nostro canale Telegram di Dove Investire

Avviso esplicito sui rischi: non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali perdite o danni commerciali a causa di affidamento sulle informazioni contenute all’interno di questo sito, compresi i dati, le citazioni, i grafici e i segnali di acquisto/vendita. La negoziazione sui mercati finanziari è una delle forme più rischiose di investimento possibili. Tutti i prezzi e i segnali di acquisto/vendita sono indicativi e non adeguati ai fini di negoziazione, inoltre, non sono forniti da un cambio, ma piuttosto dai market maker, quindi potrebbero non essere precisi e possono differire dal prezzo effettivo di mercato. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali perdite commerciali nelle quali si potrebbe incorrere come conseguenza dell’utilizzo di questi dati. Il testo riportato non costituisce attività di consulenza da parte di Dove Investire né, tanto meno, offerta o sollecitazione ad acquistare o vendere strumenti finanziari. Le informazioni ivi riportate sono di pubblico dominio e sono considerate attendibili, ma il portale Dove Investire non è in grado di assicurarne l’esattezza. Tutte le informazioni sono date in buona fede sulla base dei dati disponibili, ma sono suscettibili di variazioni anche senza preavviso in qualsiasi momento dopo la pubblicazione. Si declina ogni responsabilità per qualsivoglia informazione esposta in questa pubblicazione. Si invita a fare affidamento esclusivamente sulle proprie valutazioni delle condizioni di mercato nel decidere se effettuare un’operazione finanziaria e nel valutare se essa soddisfa le proprie esigenze. La decisione di effettuare qualunque operazione finanziaria è a rischio esclusivo dei destinatari della presente informativa.

FORMAZIONE Trading a 360°. Scarica GRATIS i nuovi EBOOK sul TRADING!

I migliori Broker Forex CFD selezionati da Dove Investire

Broker Caratteristiche Inizia
ActivTrades Licenza FCA, Consob
Protezione conto clienti
Formazione e affidabilità
apri ora
Capixal Licenza CySEC
Piattaforma MT4 e Mobile
Oltre 350 CFD disponibili
apri ora
eToro Licenza CySEC, FCA
Social Trading
Protezione dei fondi
apri ora
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 67 e l’89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

Focus sul Forex. Delusione per le elezioni tedesche e rendimenti USA in primo piano

Mentre il risultato delle elezioni tedesche lascia tutto in sospeso, l'attenzione negli Stati Uniti è concentrata sull'aumento dei rendimenti dei Titoli di Stato USA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.