Alla scoperta del Tapering, fattore decisivo per il portafoglio nei prossimi mesi

In questo articolo, spiegheremo perché il tapering è importante per il tuo portafoglio. In un formato accessibile di Q&A delineeremo cosa è successo con il tapering in passato e cosa potrebbe significare per i mercati oggi.

Cosa significa tapering?

Quando i membri della Federal Reserve parlano di tapering, si riferiscono al graduale rallentamento degli acquisti di assets su larga scala. Quindi, si tratta di ridurre il ritmo di espansione del bilancio della Fed, noto anche come Quantitative Easing (QE). Il passo successivo al tapering è considerare se reinvestire i titoli in scadenza o ridurre il suo bilancio. La banca centrale può decidere se ridurre gradualmente il suo bilancio lasciando “decorrere” i titoli in scadenza senza reinvestirli o se vendere le attività.

Cos’è il Quantitative Easing (QE)?

Il QE si riferisce ai programmi di acquisto di asset delle banche centrali creati per stimolare l’economia. È una forma di politica monetaria usata per aumentare l’offerta interna di denaro e stimolare l’attività economica. Le banche centrali ricorrono al quantitative easing quando il tasso di interesse a breve termine precipita a zero, ma l’economia ha ancora bisogno di sostegno. L’idea alla base del QE è che esso aiuta l’economia riducendo i tassi d’interesse e rendendo meno costosi i prestiti aziendali e i mutui. Comprando debito pubblico e Mortgage-Backed Securities (MBS), le banche centrali riducono l’offerta di questi strumenti nel mercato. Gli investitori che decidono di tenere questi strumenti devono alzare le loro offerte, spingendo così i rendimenti verso il basso. Sulla scia della pandemia di Covid, la Federal Reserve ha tagliato i tassi di interesse a breve termine a zero a marzo 2020. A partire da luglio 2021, la Federal Reserve ha acquistato 80 miliardi di dollari di Treasuries USA e 40 miliardi di MBS per stimolare l’economia e garantire una rapida ripresa economica.

Il QE è diverso oggi rispetto ad altri momenti della storia?

Attualmente, la Fed sta acquistando Treasuries in un’ampia gamma di scadenze per mitigare lo shock provocato dal COVID-19. In passato, invece, il QE era concentrato quasi esclusivamente sulle scadenze a lungo termine. Quindi il tapering di oggi potrebbe avere un impatto diverso sulla curva dei rendimenti.

Perché la Federal Reserve sta cercando di ridurre il ritmo degli acquisti di asset?

La risposta semplice a questa domanda è: perché l’economia non ha più bisogno di stimoli. Si stima che l’economia statunitense crescerà di un impressionante 6% quest’anno e del 4% l’anno prossimo. Allo stesso tempo, le pressioni inflazionistiche e l’eccessiva assunzione di rischio nei mercati hanno accelerato significativamente rendendo la fine del QE una conseguenza naturale. Tuttavia, Jerome Powell ha recentemente evidenziato che sono necessari “ulteriori progressi sostanziali” per iniziare il tapering. Queste osservazioni possono essere collegate all’obiettivo di piena occupazione. La Fed guarda al tasso di disoccupazione pre-COVID, che era di circa il 3,5% e lo ha fissato come obiettivo ma il rischio in questo caso è che l’economia si surriscaldi e che il programma di QE continui a stimolare la crescita dell’inflazione.

Cos’è un “taper tantrum”?

“Taper tantrum” si riferisce a un particolare episodio accaduto nel 2013. Dopo tre cicli di QE per stimolare l’economia seguiti alla crisi finanziaria globale (GFC), l’allora presidente della Fed Ben Bernanke decise una diminuzione degli acquisti nel maggio 2013. Il mese successivo, prese il via un piano di tapering. I rendimenti salirono dal 2,2% al 3% durante l’estate, nonostante Bernanke e altri membri della Fed avessero sottolineato che qualsiasi riduzione sarebbe stata graduale e non sarebbe stata collegata a nessun aumento dei tassi di interesse. L’improvviso aumento dei rendimenti dei treasury statunitensi provocò deflussi di capitale e deprezzamento della valuta nei mercati emergenti come Brasile, India, Turchia e Sudafrica. Indipendentemente da ciò, le banche centrali partirono con il tapering nel dicembre dello stesso anno, riducendo il ritmo degli acquisti di asset di 10 miliardi di dollari al mese, partendo da 85 miliardi di dollari. Il programma di acquisto di asset si chiuse nell’ottobre 2014. La Federal Reserve, guidata da Janet Yellen, ha iniziato a ridurre gli stimoli un anno dopo.

✅ Stai cercando un corso completo per avere successo con il trading? Questo è l’ebook che fa per te… Una guida completa al trading scritta con parole semplici e comprensibili, per aiutare gli aspiranti trader a muoversi con sicurezza.
👉 Scarica la guida gratuita!

Il tapering nel 2021 può provocare un altro “taper tantrum”?

Rispetto al 2013, Jerome Powell ha cercato di disaccoppiare i colloqui sul tapering con gli aumenti dei tassi di interesse. Infatti, ha detto chiaramente che il tapering precederà qualsiasi considerazione di aumento dei tassi. Inoltre, il tapering non significa che il bilancio della Fed si ridurrà presto. Continuerà a crescere (anche se ad un ritmo più lento) fino al termine del tapering, continuando in questo modo a fornire uno stimolo all’economia. Da questo punto di vista, il tapering non dovrebbe essere un grande game-changer per il mercato obbligazionario.

Tuttavia, il tapering dà un segnale riguardo le future intenzioni politiche della banca centrale, influenzando i tassi di interesse a lungo termine. Le aspettative di politiche meno accomodanti possono stimolare un sell-off nella parte lunga della curva dei rendimenti prima ancora che la Federal Reserve inizi a contemplare la riduzione del suo bilancio.

È anche importante sottolineare che il tapering potrebbe essere introdotto nell’ultimo trimestre dell’anno, quando potremmo vedere il ”reflation trade” tornare in vita mentre la crescita e l’inflazione continuano ad essere sostenute.

In conclusione, potremmo non incorrere in un taper tantrum, come è successo nel 2013. Tuttavia, l’aumento dei rendimenti potrebbe essere spiegato dalla situazione macroeconomica e accelerato dalle intenzioni di politica monetaria della Fed.

Perché ridurre le dimensioni del bilancio della Fed può essere più problematico del tapering?

Il motivo risiede nel fatto che l’aumento dell’offerta di asset sui mercati, a fronte di una domanda che rimane invariata, potrebbe provocare un aumento dei rendimenti, stringendo così le condizioni economiche. Dalla crisi finanziaria globale, la Federal Reserve ha deciso di ridurre lentamente il suo bilancio solo una volta da ottobre 2017 a settembre 2019. Tuttavia, non è finita bene. A metà settembre 2019, i tassi del mercato monetario hanno subito un’impennata a causa della scadenza dell’imposta sulle società e dell’aumento dell’offerta di Treasury USA. La Federal Reserve ha dovuto annunciare un’operazione repo overnight per aggiungere riserve al sistema. Un mese dopo, la Fed ha dovuto reintrodurre il QE acquistando buoni del Tesoro al ritmo di 60 miliardi di dollari al mese. Ha continuato a farlo fino al secondo trimestre del 2020, quando è arrivato il Covid. Fattore che ha costretto la Fed ad intensificare ulteriormente le misure di stimolo.

Analisi curata da Althea Spinozzi, Senior Fixed Income Strategist per BG Saxo. Altre informazioni su www.bgsaxo.it

Nessuna delle informazioni e analisi qui contenute costituisce un consiglio di investimento o un’offerta o sollecitazione ad acquistare o vendere qualsiasi valuta, prodotto o strumento finanziario, effettuare investimenti o partecipare a una particolare strategia di trading. L’investitore si assume la responsabilità di valutare, in modo indipendente, la precisione e la completezza delle informazioni e il relativo utilizzo. La presente comunicazione di marketing non è assimilabile ad alcuna forma di produzione o diffusione di ricerca in materia di investimenti e pertanto non è stata preparata conformemente ai requisiti giuridici volti a promuovere l’indipendenza della ricerca. Eventuali informazioni riportate che si riferiscano a rendimenti, non devono essere interpretate come indicazioni di rendimenti futuri o di garanzia di conservazione del capitale investito ma come indicazioni di rendimenti realizzati in passato. Con strumenti finanziari “più negoziati in piattaforma” si fa riferimento al controvalore nominale negoziato su tutte le piattaforme del Gruppo Saxo.

Resta aggiornato sulle nostre notizie

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite Doveinvestire su Google News, Facebook, Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Per restare aggiornati sulle notizie pubblicate sul nostro portale attiva le notifiche dal pulsante verde in alto (Seguici) o iscriviti al nostro canale Telegram di Dove Investire

Disclaimer: L’opinione qui espressa non è un consiglio di investimento, ma viene fornita solo a scopo informativo. Non riflette necessariamente l’opinione di doveinvestire.com. Ogni investimento e ogni trading comporta dei rischi, quindi dovresti sempre eseguire le tue ricerche prima di prendere decisioni. Non consigliamo di investire denaro che non puoi permetterti di perdere. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali perdite o danni commerciali a causa di affidamento sulle informazioni contenute all’interno di questo sito, compresi i dati, le citazioni, i grafici e i segnali di acquisto/vendita. Il testo riportato non costituisce attività di consulenza da parte di Dove Investire né, tanto meno, offerta o sollecitazione ad acquistare o vendere strumenti finanziari. Le informazioni ivi riportate sono di pubblico dominio e sono considerate attendibili, ma il portale Dove Investire non è in grado di assicurarne l’esattezza. Si invita a fare affidamento esclusivamente sulle proprie valutazioni delle condizioni di mercato nel decidere se effettuare un’operazione finanziaria e nel valutare se essa soddisfa le proprie esigenze. La decisione di effettuare qualunque operazione finanziaria è a rischio esclusivo dei destinatari della presente informativa.

FORMAZIONE Trading a 360°. Scarica GRATIS i nuovi EBOOK sul TRADING!

I migliori Broker Forex CFD selezionati da Dove Investire

Broker Caratteristiche Inizia
ActivTrades Licenza Consob, FCA, CSSF
Protezione conto clienti
Formazione e affidabilità
apri ora
XTB Licenza FCA, CySEC, KNF
Piattaforma professionale
Affidabilità e supporto
apri ora
IG Licenza FCA, BaFin, Consob
Oltre 45 anni di esperienza
Trading su CFD e Turbo24
apri ora
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 62 e l’89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

TeleTrade: Wall Street rimane molto ribassista

La polita della Fed nel combattere l'inflazione lascia intendere che ci sarà spazio per una traiettoria ancora più ripida dei tassi nei prossimi mesi. Una azione che potrebbe pesare ulteriormente sugli indici di Wall Street

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.