Home / Analisi dei mercati / Rialzo record per il Petrolio WTI. Prezzi oltre i 50 dollari per barile

Rialzo record per il Petrolio WTI. Prezzi oltre i 50 dollari per barile

Il Petrolio WTI sta registrando una forte crescita questo martedì registrando un guadagno giornaliero superiore del 5% portando i prezzi oltre la soglia dei 50 dollari per barile per la prima volta da febbraio dello scorso anno.

Nonostante il mancato accordo nell’incontro dell’OPEC di ieri, a sostenere i prezzi del petrolio è dovuto dall’annuncio a sorpresa da parte dell’Arabia Saudita di un taglio della produzione di 1 milione di barili al giorno a partire da febbraio e fino a marzo.

La mossa al rialzo segna un costante ritorno dei prezzi del petrolio verso i livelli pre-pandemia di coronavirus e la conseguente riduzione della domanda che hanno fatto precipitare i prezzi dei futures, e brevemente in territorio negativo lo scorso aprile.

L’OPEC e i suoi alleati produttori di petrolio, noti come OPEC +, nella seconda giornata di discussioni del gruppo (dopo che lunedì i colloqui si sono conclusi in stallo) hanno concordato di mantenere la produzione sostanzialmente stabile a febbraio. Il taglio volontario a sorpresa dell’Arabia Saudita compenserà più che l’aumento della produzione da Russia e Kazakistan. Le due nazioni aggiungeranno al mercato un totale di 75.000 barili al giorno sia a febbraio che a marzo.

Anche dopo il rialzo del petrolio WTI sopra i 50 dollari, i prezzi rimangono al di sotto dei livelli pre-pandemici. Il WTI ha chiuso il 2020 a circa $ 48,50 al barile, registrando una perdita del 20,54% per l’anno. All’inizio del 2020, il petrolio WTI era scambiato sopra i 63 dollari al barile.

L’OPEC e i suoi alleati sono stati una delle forze trainanti dietro al rialzo dei prezzi

Nella riunione di dicembre, il gruppo ha deciso di aumentare la produzione di 500.000 barili al giorno a partire da gennaio dopo giorni di discussioni tese. Il gruppo ha deciso di incontrarsi su base mensile in futuro per stabilire il livello di produzione del mese successivo.

A partire dal 1° gennaio, i tagli alla produzione totale si sono attestati a 7,2 milioni di barili al giorno.

Rebecca Babin, trader senior di energia presso CIBC Private Wealth, ha osservato che mentre il mercato considera positiva un’estensione dei tagli, il fatto che il gruppo non riesca a raggiungere un consenso sul percorso da seguire non può essere scontato. Ciò è particolarmente vero con l’Arabia Saudita che ha esercitato tagli volontari.

‘Considero questo tipo di’ accordo ‘come un’indicazione del fatto che sta diventando sempre più difficile mettere in riga i membri dell’OPEC + e mantenere la produzione limitata mentre la domanda sembra minacciata dai blocchi in corso e dal lento lancio della vaccinazione. Il WTI è scambiato sopra i 50 dollari dopo i titoli dei giornali, ma sospetto che un’interpretazione più negativa dell’incontro di oggi possa causare il ritracciamento da questi livelli‘, ha detto Babin.

Le crescenti tensioni in Medio Oriente stanno sostenendo la corsa del petrolio

Lontano dal tavolo da poker dell’OPEC +, il mercato del petrolio ha trovato una mano in Medio Oriente, dove le tensioni sono di nuovo esplose. Il sequestro di una nave cisterna da parte dell’Iran crea, ancora una volta, instabilità nella regione e vengono nuovamente sollevati interrogativi sull’affidabilità delle strade marittime del Golfo per il trasporto di petrolio. Se la situazione non si riduce rapidamente, i prezzi del petrolio trarranno vantaggio dall’imprevedibilità.

Resta aggiornato sulle nostre notizie

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite Doveinvestire su Google News, Facebook, Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Per restare aggiornati sulle notizie pubblicate sul nostro portale attiva le notifiche dal pulsante verde in alto (Seguici) o iscriviti al nostro canale Telegram di Dove Investire

Avviso esplicito sui rischi: non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali perdite o danni commerciali a causa di affidamento sulle informazioni contenute all’interno di questo sito, compresi i dati, le citazioni, i grafici e i segnali di acquisto/vendita. La negoziazione sui mercati finanziari è una delle forme più rischiose di investimento possibili. Tutti i prezzi e i segnali di acquisto/vendita sono indicativi e non adeguati ai fini di negoziazione, inoltre, non sono forniti da un cambio, ma piuttosto dai market maker, quindi potrebbero non essere precisi e possono differire dal prezzo effettivo di mercato. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali perdite commerciali nelle quali si potrebbe incorrere come conseguenza dell’utilizzo di questi dati. Il testo riportato non costituisce attività di consulenza da parte di Dove Investire né, tanto meno, offerta o sollecitazione ad acquistare o vendere strumenti finanziari. Le informazioni ivi riportate sono di pubblico dominio e sono considerate attendibili, ma il portale Dove Investire non è in grado di assicurarne l’esattezza. Tutte le informazioni sono date in buona fede sulla base dei dati disponibili, ma sono suscettibili di variazioni anche senza preavviso in qualsiasi momento dopo la pubblicazione. Si declina ogni responsabilità per qualsivoglia informazione esposta in questa pubblicazione. Si invita a fare affidamento esclusivamente sulle proprie valutazioni delle condizioni di mercato nel decidere se effettuare un’operazione finanziaria e nel valutare se essa soddisfa le proprie esigenze. La decisione di effettuare qualunque operazione finanziaria è a rischio esclusivo dei destinatari della presente informativa.

FORMAZIONE Trading a 360°. Scarica GRATIS i nuovi EBOOK sul TRADING!

I migliori Broker Forex CFD selezionati da Dove Investire

Broker Caratteristiche Inizia
Plus500 Licenza ‎ASiC, CySEC, FCA
Il fornitore più quotato di CFD
Piattaforma WebTrader
apri ora
ActivTrades Licenza FCA, Consob
Protezione conto clienti
Formazione e affidabilità
apri ora
Markets.com CySEC, FSCA, FCA e ASIC
Tecnologie all’avanguardia
Strumenti di trading
apri ora
Roinvesting Licenza CySEC
Demo gratuita
MetaTrader 4 e App Mobile
apri ora
GKFX Licenza MFSA, Consob
Fondi dei clienti protetti
Segnali di trading in piattaforma
apri ora
101investing Licenza CySEC
Sconto sullo swap fino al 50%
Piattaforma MT4 e Mobile
apri ora
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74 e l’89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

OPEC+ spinge il prezzo del Petrolio sui massimi degli ultimi 13 mesi

Nuovo rally del petrolio WTI che raggiunge i nuovi massimi di 13 mesi poiché l'OPEC+ e i sauditi scelgono di non aumentare la produzione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.