La paura frena gli investitori. Il mercato azionario resta in difficoltà

Il sentiment del mercato è debole in tutti i suoi indici azionari e anche sulle criptovalute i traders stanno riducendo l’esposizione. Gli ultimi dati sull’inflazione statunitense mostrano che si sta radicando a livelli che, con ogni probabilità, potrebbero costringere la Fed a correre ai ripari per frenare la domanda e ripristinare dinamiche inflazionistiche più normali.

Ci sono poi le strategie di guerra della Russia in Ucraina che contribuiscono all’aggravarsi della crisi alimentare senza dimenticare che nei giorni scorsi anche la riapertura della Cina incontra difficoltà, confermando che le catene di approvvigionamento resteranno fragili.

Le azioni devono adeguarsi all’inflazione core radicata

Dopo il rimbalzo iniziato il 25 maggio, i titoli azionari globali sono entrati in una fase di consolidamento che è partita dalla scorsa settimana. Il selloff si è esteso ed è via via peggiorato con i futures Nasdaq 100 che hanno toccato i minimi del ciclo intorno a 11.530, mentre il Bitcoin (BTC) è scambiato intorno a 21.600 a seguito della decisione di Celsius (istituto di credito di criptovalute) di fermare i prelievi.

I tassi di interesse stanno aumentando con il rendimento a 10 anni negli Stati Uniti ora superiore al 3% e i futures sui tassi Fed Funds a termine ci suggeriscono un aumento significativo del tasso di interesse overnight negli Stati Uniti nel prossimo anno. Infine, la curva dei rendimenti USA si è invertita suggerendo che la probabilità di una recessione è in crescita. Inoltre, alcuni sondaggi mostrano che le aspettative di inflazione a lungo termine stanno aumentando.

L’attuale tendenza ribassista è dovuta da una combinazione di dinamiche negative che spingono l’intero globo a galoppare verso la modalità di crisi.

I dati sull’inflazione americana hanno evidenziato un indice dei prezzi al consumo, ovvero CPI core m/m, dello 0,6% e, se si escludono tutte le componenti che hanno qualche legame con i prezzi dell’energia, il tasso di inflazione core è ancora alto allo 0,4% m/m, che porta il dato annualizzato al 5%. Di conseguenza, il mercato si sta rendendo conto che la Fed dovrà tirare il freno con forza per fermare l’inflazione e l’aumento dei tassi mercoledì 15 giugno di 75 punti base ne è un esempio. Negli ultimi report che BG SAXO ha diffuso sui drawdown storici delle azioni, è stato sottolineato che questo valore potrebbe estendersi a circa il 30-35% e impiegare più di un anno per raggiungere il minimo dal picco. L’ipotesi principale è che l’attuale drawdown sia un mix delle dinamiche viste durante la bolla della new economy dei primi anni 2000 (quella delle dot-com) e la crisi energetica degli anni ’70.

Oltre ai dati sull’inflazione negli Stati Uniti, il mondo ha anche potuto “vedere le carte” di Putin che, in un discorso di alcuni giorni fa, ha affermato di considerarsi il nuovo Pietro il Grande, ovvero che la sua politica attuale è, in realtà, una crociata per “riprendersi le terre russe”.

✅ Stai cercando un corso completo su come realizzare profitti con il trading? Questo è l’ebook che fa per te… Questa guida ti aiuterà a comprendere i concetti e le regole fondamentali per avere successo nel trading.
👉 Scarica la guida gratuita!

Risulta, dunque, più chiaro che la Russia sta usando la guerra in Ucraina per inscenare una crisi alimentare. A riguardo, il professore di storia di Yale Timothy Snyder sostiene che la strategia deliberata della Russia è quella di causare una crisi che colpirà duramente l’Africa e potrebbe causare flussi dirompenti di immigrati verso l’Europa che destabilizzeranno il continente.

Gli operatori di mercato si stanno preparando sempre più a una crisi energetica e alimentare che si estenderà fino al 2023, eserciterà pressioni al rialzo sull’inflazione e provocherà una recessione economica in molti paesi dei mercati emergenti.

Come se non bastasse, lo scorso fine settimana, ha evidenziato che il ritorno alla normalità post pandemia della Cina si rivela sempre più difficile. In alcune regioni, la prevista riapertura delle scuole è stata posticipata e sono stati introdotti test di massa a Shanghai dopo nuovi casi di Covid. Sfortunatamente, sembra che la Cina sarà interessata da nuovi lockdown per il resto dell’anno: questo provocherà continue e ulteriori interruzioni nelle catene di approvvigionamento globali.

Articolo redatto da Peter Garnry, Head of Equity Strategy per BG SAXO.

Su BG SAXO

Nata dalla partnership tra Banca Generali e Saxo Bank, BG SAXO si avvale delle piattaforme di nuova generazione SAXO BANK, unite al nuovo conto online di Banca Generali. Insieme per offrire un’esperienza di Trading e Investimento senza precedenti.

Altre informazioni su www.bgsaxo.it

Nessuna delle informazioni e analisi qui contenute costituisce un consiglio di investimento o un’offerta o sollecitazione ad acquistare o vendere qualsiasi valuta, prodotto o strumento finanziario, effettuare investimenti o partecipare a una particolare strategia di trading. L’investitore si assume la responsabilità di valutare, in modo indipendente, la precisione e la completezza delle informazioni e il relativo utilizzo. La presente comunicazione di marketing non è assimilabile ad alcuna forma di produzione o diffusione di ricerca in materia di investimenti e pertanto non è stata preparata conformemente ai requisiti giuridici volti a promuovere l’indipendenza della ricerca. Eventuali informazioni riportate che si riferiscano a rendimenti, non devono essere interpretate come indicazioni di rendimenti futuri o di garanzia di conservazione del capitale investito ma come indicazioni di rendimenti realizzati in passato. Con strumenti finanziari “più negoziati in piattaforma” si fa riferimento al controvalore nominale negoziato su tutte le piattaforme del Gruppo Saxo.

Resta aggiornato sulle nostre notizie

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite Doveinvestire su Google News, Facebook, Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Per restare aggiornati sulle notizie pubblicate sul nostro portale attiva le notifiche dal pulsante verde in alto (Seguici) o iscriviti al nostro canale Telegram di Dove Investire

Disclaimer: L’opinione qui espressa non è un consiglio di investimento, ma viene fornita solo a scopo informativo. Non riflette necessariamente l’opinione di doveinvestire.com. Ogni investimento e ogni trading comporta dei rischi, quindi dovresti sempre eseguire le tue ricerche prima di prendere decisioni. Non consigliamo di investire denaro che non puoi permetterti di perdere. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali perdite o danni commerciali a causa di affidamento sulle informazioni contenute all’interno di questo sito, compresi i dati, le citazioni, i grafici e i segnali di acquisto/vendita. Il testo riportato non costituisce attività di consulenza da parte di Dove Investire né, tanto meno, offerta o sollecitazione ad acquistare o vendere strumenti finanziari. Le informazioni ivi riportate sono di pubblico dominio e sono considerate attendibili, ma il portale Dove Investire non è in grado di assicurarne l’esattezza. Si invita a fare affidamento esclusivamente sulle proprie valutazioni delle condizioni di mercato nel decidere se effettuare un’operazione finanziaria e nel valutare se essa soddisfa le proprie esigenze. La decisione di effettuare qualunque operazione finanziaria è a rischio esclusivo dei destinatari della presente informativa.

FORMAZIONE Trading a 360°. Scarica GRATIS i nuovi EBOOK sul TRADING!

I migliori Broker Forex CFD selezionati da Dove Investire

Broker Caratteristiche Inizia
ActivTrades Licenza FCA, CSSF
Protezione conto clienti
Formazione e affidabilità
apri ora
XTB Licenza FCA, CySEC, KNF
Piattaforma professionale
Affidabilità e supporto
apri ora
IG Licenza FCA, BaFin, Consob
Oltre 45 anni di esperienza
Trading su CFD e Turbo24
apri ora
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 62 e l’89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

Le parole di Powell spingono gli investitori verso rifugi più sicuri

Dopo giorni di tregua, gli ultimi commenti del capo della Fed Jerome Powell, riportano i mercati in modalità risk off, con gli investitori che preferiscono rifugi più sicuri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.