Home / Analisi dei mercati / È conveniente investire in obbligazioni legate all’inflazione?

È conveniente investire in obbligazioni legate all’inflazione?

È conveniente comprare obbligazioni legate all’inflazione nonostante i loro rendimenti siano chiaramente negativi? In un contesto di aumento dei tassi d’interesse, riteniamo che sia meglio comprarle con la prospettiva di tenerle fino alla scadenza. In alcuni casi però non ha senso acquistare inflation-linkers perchè è necessario un tasso inflazionistico molto elevato per andare in pareggio. Questo è per esempio il caso dei Gilts legati all’inflazione del Regno Unito, poiché l’inflazione deve essere costantemente superiore al 3% per garantire almeno un pareggio. In linea generale pensiamo si debbano privilegiare i TIPS con scadenza a 5 anni negli USA, mentre in Europa crediamo siano maggiormente favorevoli i linkers italiani.

È senza dubbio uno dei dibattiti più accesi del momento: l’inflazione. Ma non preoccupatevi, questo non è il solito report che cerca di chiarire se l’inflazione sia transitoria o meno. Qui considero l’inflazione solo per il suo collegamento alle obbligazioni e, in questo caso, agli inflation-linkers.

Sulla scia della pandemia COVID-19, le banche centrali di tutto il mondo si sono impegnate in politiche monetarie accomodanti spingendo i rendimenti reali a record minimi. Ciò significa che la convenienza a comprare gli inflation-linkers è diminuita mentre la loro dipendenza da letture elevate dell’inflazione è aumentata.

Improvvisamente le politiche monetarie delle banche centrali stanno diventando meno accomodanti a causa dei crescenti segnali di un’inflazione più permanente del previsto.

Dagli Stati Uniti è ormai chiaro che la Federal Reserve è prossima al tapering, cosa che limiterà i tassi di breakeven e darà loro spazio per correre al ribasso, poiché le politiche monetarie meno accomodanti potrebbero rallentare l’inflazione.

Allo stesso tempo, i rendimenti nominali saliranno, provocando un aumento dei rendimenti reali.

Il punto è che l’inflazione è ribassista per le obbligazioni nominali così come per le obbligazioni protette dall’inflazione. Infatti, quando i rendimenti nominali cominciano a salire, gli investitori troveranno interessante vendere TIPS costosi per comprare titoli del Tesoro USA nominali a tassi più alti.

Tuttavia, quanto elevata deve correre l’inflazione per giustificare i likers come copertura?

TIPS: comprare per tenere o prepararsi a una perdita di capitale

Prendendo come riferimento un recente sondaggio dell’Università del Michigan, consideriamo per esempio un tasso d’inflazione annuale medio del 3% per i prossimi cinque anni. Attualmente, i TIPS quinquennali (US91282CCA71) pagano un rendimento di -1,8%. Se si comprassero le obbligazioni oggi e le si tenessero fino alla scadenza, il rendimento totale annuale sarebbe dell’1,25%, circa il 6% per il periodo totale di detenzione.

Il problema sorge se si deve vendere l’obbligazione prima della scadenza. Supponiamo che i rendimenti reali a 5 anni salgano allo 0%. Se avete bisogno di vendere le obbligazioni in un anno, il vostro rendimento totale sarà -4,6%.

Quindi, se state cercando una protezione dall’inflazione, i TIPS possono ancora funzionare bene in un portafoglio diversificato. Tuttavia, potrebbe essere necessario tenerli fino alla scadenza per non incorrere in perdite in un ambiente di tassi di interesse in aumento. A tal fine, può essere più conveniente detenere TIPS a titolo definitivo piuttosto che acquistarli tramite fondi.

Non toccare i Gilts legati all’inflazione

Quando si cerca una protezione dall’inflazione nel Regno Unito la situazione diventa deprimente. Gli investitori che comprano Gilts legati all’inflazione registreranno una perdita anche se i tassi rimangono ai livelli minimi attuali. I Gilts legati all’inflazione a cinque anni (GB00BYY5F144) offrono un rendimento di -3,2%. Se si tenessero fino alla scadenza e l’inflazione annuale si aggirasse in media intorno al 3% nei prossimi cinque anni, si andrebbe comunque incontro a una leggera perdita di -0,60%.

Inoltre, se l’indice dei prezzi al dettaglio (RPI), che è usato come riferimento per pagare le cedole dei Gilts legati all’inflazione, si normalizzasse sotto il 3% già entro il 2023, la perdita subita dagli investitori che detengono gilt indicizzati a cinque anni diventerebbe ancora più grande. Per portare in utile l’acquisto di gilts indicizzati a 5 anni, avremmo bisogno che l’inflazione si mantenesse intorno al 3,2% annuo nei prossimi cinque anni.

Quindi, anche se l’acquisto di Gilts indicizzati sembra un’azione ragionevole, non ha senso tenerli ai livelli attuali.

Il caso delle obbligazioni indicizzate all’inflazione in euro

Passando all’Europa continentale è possibile trovare diverse coperture dell’inflazione a seconda del paese che stiamo esaminando. Questa analisi prenderà in considerazione le obbligazioni tedesche e italiane legate all’inflazione, che sono rispettivamente la copertura dell’inflazione europea più e meno costosa. Entrambe proteggono dall’inflazione dell’Eurozona e sono legate all’indice HICP Ex Tobacco di Eurostat.

Anche se i rendimenti reali sono profondamente negativi, il tasso d’inflazione medio annuo necessario per andare in pareggio è molto più basso dei colleghi britannici. Nel caso dei titoli di stato tedeschi indicizzati a 5 e 10 anni, è necessario che l’inflazione sia in media rispettivamente del 2,20% e del 2,60% all’anno.

Molto più economiche, le obbligazioni indicizzate italiane offrono un maggiore cuscinetto contro l’inflazione. Se tenuti fino alla scadenza, i BTPS a 5 e 10 anni andranno in pareggio con un’inflazione media annua rispettivamente dell’1,55% e dello 0,8%.

Analisi curata da Althea Spinozzi, Senior Fixed Income Strategist per BG Saxo. Altre informazioni su www.bgsaxo.it

Nessuna delle informazioni e analisi qui contenute costituisce un consiglio di investimento o un’offerta o sollecitazione ad acquistare o vendere qualsiasi valuta, prodotto o strumento finanziario, effettuare investimenti o partecipare a una particolare strategia di trading. L’investitore si assume la responsabilità di valutare, in modo indipendente, la precisione e la completezza delle informazioni e il relativo utilizzo. La presente comunicazione di marketing non è assimilabile ad alcuna forma di produzione o diffusione di ricerca in materia di investimenti e pertanto non è stata preparata conformemente ai requisiti giuridici volti a promuovere l’indipendenza della ricerca. Eventuali informazioni riportate che si riferiscano a rendimenti, non devono essere interpretate come indicazioni di rendimenti futuri o di garanzia di conservazione del capitale investito ma come indicazioni di rendimenti realizzati in passato. Con strumenti finanziari “più negoziati in piattaforma” si fa riferimento al controvalore nominale negoziato su tutte le piattaforme del Gruppo Saxo.

Resta aggiornato sulle nostre notizie

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite Doveinvestire su Google News, Facebook, Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Per restare aggiornati sulle notizie pubblicate sul nostro portale attiva le notifiche dal pulsante verde in alto (Seguici) o iscriviti al nostro canale Telegram di Dove Investire

Avviso esplicito sui rischi: non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali perdite o danni commerciali a causa di affidamento sulle informazioni contenute all’interno di questo sito, compresi i dati, le citazioni, i grafici e i segnali di acquisto/vendita. La negoziazione sui mercati finanziari è una delle forme più rischiose di investimento possibili. Tutti i prezzi e i segnali di acquisto/vendita sono indicativi e non adeguati ai fini di negoziazione, inoltre, non sono forniti da un cambio, ma piuttosto dai market maker, quindi potrebbero non essere precisi e possono differire dal prezzo effettivo di mercato. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali perdite commerciali nelle quali si potrebbe incorrere come conseguenza dell’utilizzo di questi dati. Il testo riportato non costituisce attività di consulenza da parte di Dove Investire né, tanto meno, offerta o sollecitazione ad acquistare o vendere strumenti finanziari. Le informazioni ivi riportate sono di pubblico dominio e sono considerate attendibili, ma il portale Dove Investire non è in grado di assicurarne l’esattezza. Tutte le informazioni sono date in buona fede sulla base dei dati disponibili, ma sono suscettibili di variazioni anche senza preavviso in qualsiasi momento dopo la pubblicazione. Si declina ogni responsabilità per qualsivoglia informazione esposta in questa pubblicazione. Si invita a fare affidamento esclusivamente sulle proprie valutazioni delle condizioni di mercato nel decidere se effettuare un’operazione finanziaria e nel valutare se essa soddisfa le proprie esigenze. La decisione di effettuare qualunque operazione finanziaria è a rischio esclusivo dei destinatari della presente informativa.

FORMAZIONE Trading a 360°. Scarica GRATIS i nuovi EBOOK sul TRADING!

I migliori Broker Forex CFD selezionati da Dove Investire

Broker Caratteristiche Inizia
ActivTrades Licenza FCA, Consob
Protezione conto clienti
Formazione e affidabilità
apri ora
Roinvesting Licenza CySEC
Demo gratuita
MetaTrader 4 e App Mobile
apri ora
101investing Licenza CySEC
Sconto sullo swap fino al 50%
Piattaforma MT4 e Mobile
apri ora
Brokereo Licenza CySEC
No commissioni su CFD
Segnali di trading
apri ora
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74 e l’89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

La guida ai migliori investimenti a lungo termine

Investimenti a lungo termine sono di sicuro una delle migliori soluzioni per far crescere il portafoglio e raggiungere grandi obiettivi. Questi i migliori investimenti a lungo termine

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.