L’inflazione globale dei prezzi alimentari mostra segni di allentamento

Da quando ha raggiunto il picco di marzo, l’inflazione globale dei prezzi alimentari ha mostrato segni di allentamento e in questo mese stiamo assistendo al ribasso della maggior parte dei principali futures sulle materie prime.

Se confermata, questa tendenza sarà un gradito sollievo per i consumatori di tutto il mondo, molti dei quali stanno vivendo le difficoltà dovute al recente aumento del costo della vita. La debolezza è stata guidata dal grano e dagli oli commestibili; le due categorie alimentari sono state le più colpite dalla guerra russa in Ucraina. Tuttavia, data la continua tensione e le preoccupazioni per l’Ucraina, sembra improbabile un calo prolungato fino a quando i livelli di produzione di questa stagione non diventeranno più chiari.

Secondo la FAO, l’inflazione globale dei prezzi alimentari attualmente si aggira intorno al 23% su base annua. L’indice dei prezzi alimentari globali compilato mensilmente dall’organizzazione delle Nazioni Unite ha raggiunto un picco record a marzo dopo che l’attacco della Russia all’Ucraina, uno dei principali fornitori globali di grano di alta qualità e il più grande esportatore di olio di girasole, ha spinto i prezzi a livelli tali da sfiorare una vera e propria crisi alimentare.

Ormai, però, si può affermare che le preoccupazioni hanno iniziato ad attenuarsi con i prezzi dell’olio di palma che hanno subito un forte calo sulla prospettiva di un aumento delle forniture dall’Indonesia, un importante produttore che ha temporaneamente introdotto restrizioni alle esportazioni a marzo.

Nel frattempo, la raccolta del grano invernale in Europa e Nord America ha alleviato alcuni dei problemi di approvvigionamento dovuti dalla mancanza di spedizioni dal Mar Nero dall’Ucraina.

La prospettiva di un calo dei prezzi rimane, tuttavia, debole con le preoccupazioni meteorologiche ancora al centro dell’attenzione in paesi come l’India e in Francia. Inoltre, cosa importante dal punto di vista della sicurezza alimentare, il prossimo inverno le trattative per le esportazioni di grano ucraino attraverso un corridoio protetto nel Mar Nero hanno fatto pochi progressi e, a meno che l’Ucraina non riesca a svuotare i suoi silos prima che arrivi il prossimo (ridotto) raccolto, le prospettive di fornitura basse resteranno tali.

Il grafico seguente mostra chiaramente come è cambiato il mercato agricolo negli ultimi due anni. Durante un periodo di sei anni a partire dal 2014 il mercato agricolo ha assistito a un periodo di ampia offerta guidato da condizioni climatiche favorevoli alle colture e bassi costi. Durante questo periodo, il mercato è stato scambiato in Contago, ovvero il fenomeno che si verifica quando il prezzo di un contratto future è superiore al prezzo del sottostante (il prezzo spot).

✅ Stai cercando un corso completo su come realizzare profitti con il trading? Questo è l’ebook che fa per te… Questa guida ti aiuterà a comprendere i concetti e le regole fondamentali per avere successo nel trading.
👉 Scarica la guida gratuita!

Questo periodo calmo è stato improvvisamente interrotto all’inizio del 2020, quando la pandemia ha portato a un’interruzione temporanea dei canali di approvvigionamento. Inoltre, i fenomeni meteorologici di temperature più fredde del normale nella regione dell’Oceano Pacifico equatoriale hanno iniziato a creare condizioni di crescita difficili, soprattutto in Sud America, ma anche negli Stati Uniti e in Australia. Questi sviluppi favorevoli ai prezzi sono stati poi potenziati all’inizio del 2022 dall’aumento dei costi del diesel e dei fertilizzanti e dall’attacco della Russia all’Ucraina, uno dei principali fornitori globali di prodotti alimentari chiave, dal grano e dal mais all’olio di girasole.

Tuttavia, le condizioni di allentamento dal picco di marzo hanno visto il grano CBOT passare da un Backwardation, quando il prezzo corrente, o prezzo spot, di un’attività sottostante è superiore ai prezzi scambiati nel mercato dei futures, vicino al 15% ad un piccolo Contago.

In Europa, tuttavia, la differenza del livello di macinazione del grano rimane elevato con un calo vicino al 15%, evidenziando le attuali sfide per le prospettive delle colture europee e le incertezze sulle prospettive per le nuove forniture di colture dall’Ucraina il prossimo autunno.

Report curato da Ole Hansen, Head of Commodity Strategy per BG SAXO. Altre informazioni su www.bgsaxo.it

Nessuna delle informazioni e analisi qui contenute costituisce un consiglio di investimento o un’offerta o sollecitazione ad acquistare o vendere qualsiasi valuta, prodotto o strumento finanziario, effettuare investimenti o partecipare a una particolare strategia di trading. L’investitore si assume la responsabilità di valutare, in modo indipendente, la precisione e la completezza delle informazioni e il relativo utilizzo. La presente comunicazione di marketing non è assimilabile ad alcuna forma di produzione o diffusione di ricerca in materia di investimenti e pertanto non è stata preparata conformemente ai requisiti giuridici volti a promuovere l’indipendenza della ricerca. Eventuali informazioni riportate che si riferiscano a rendimenti, non devono essere interpretate come indicazioni di rendimenti futuri o di garanzia di conservazione del capitale investito ma come indicazioni di rendimenti realizzati in passato. Con strumenti finanziari “più negoziati in piattaforma” si fa riferimento al controvalore nominale negoziato su tutte le piattaforme del Gruppo Saxo.

Resta aggiornato sulle nostre notizie

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite Doveinvestire su Google News, Facebook, Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Per restare aggiornati sulle notizie pubblicate sul nostro portale attiva le notifiche dal pulsante verde in alto (Seguici) o iscriviti al nostro canale Telegram di Dove Investire

Disclaimer: L’opinione qui espressa non è un consiglio di investimento, ma viene fornita solo a scopo informativo. Non riflette necessariamente l’opinione di doveinvestire.com. Ogni investimento e ogni trading comporta dei rischi, quindi dovresti sempre eseguire le tue ricerche prima di prendere decisioni. Non consigliamo di investire denaro che non puoi permetterti di perdere. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali perdite o danni commerciali a causa di affidamento sulle informazioni contenute all’interno di questo sito, compresi i dati, le citazioni, i grafici e i segnali di acquisto/vendita. Il testo riportato non costituisce attività di consulenza da parte di Dove Investire né, tanto meno, offerta o sollecitazione ad acquistare o vendere strumenti finanziari. Le informazioni ivi riportate sono di pubblico dominio e sono considerate attendibili, ma il portale Dove Investire non è in grado di assicurarne l’esattezza. Si invita a fare affidamento esclusivamente sulle proprie valutazioni delle condizioni di mercato nel decidere se effettuare un’operazione finanziaria e nel valutare se essa soddisfa le proprie esigenze. La decisione di effettuare qualunque operazione finanziaria è a rischio esclusivo dei destinatari della presente informativa.
Fonte Immagine di testata: Depositphotos

FORMAZIONE Trading a 360°. Scarica GRATIS i nuovi EBOOK sul TRADING!

I migliori Broker Forex CFD selezionati da Dove Investire

Broker Caratteristiche Inizia
ActivTrades Licenza FCA, CSSF
Protezione conto clienti
Formazione e affidabilità
apri ora
XTB Licenza FCA, CySEC, KNF
Piattaforma professionale
Affidabilità e supporto
apri ora
IG Licenza FCA, BaFin, Consob
Oltre 45 anni di esperienza
Trading su CFD e Turbo24
apri ora
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 62 e l’89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.