La Fed annuncia il più grande aumento dei tassi di interesse degli ultimi decenni

La Federal Reserve ha intensificato la sua battaglia contro l’inflazione, annunciando il più grande aumento dei tassi di interesse in 28 anni mentre la banca centrale americana lotta per riprendere il controllo sull’impennata dei prezzi al consumo.

La Fed ha aumentato il tasso di interesse di riferimento di tre quarti di punto percentuale, il più grande aumento dal 1994. Ciò segue un aumento di un quarto di punto a marzo e un aumento di mezzo punto a maggio.

Fino a pochi giorni fa, la maggior parte degli operatori di mercato si aspettavano un altro aumento di mezzo punto dei tassi questa settimana, in linea con la precedente guida della Fed, ma i politici hanno optato per una mossa più aggressiva dopo che un rapporto di venerdì scorso ha mostrato che l’inflazione era più forte del previsto a maggio.

I prezzi al consumo sono aumentati dell’8,6% rispetto a un anno fa. L’aumento riflette non solo l’aumento dei costi per benzina e generi alimentari, ma anche per l’affitto, le tariffe aeree e un’ampia gamma di servizi.

Crescono i timori di una recessione

Aumentando drasticamente i tassi di interesse, la Fed spera di ridurre la domanda dei consumatori, che ha travolto l’offerta, facendo salire i prezzi.

Tassi più alti renderanno più costosi gli interesse di una carta di credito, ottenere un prestito auto o acquistare una casa.

✅ Stai cercando un corso completo su come realizzare profitti con il trading? Questo è l’ebook che fa per te… Questa guida ti aiuterà a comprendere i concetti e le regole fondamentali per avere successo nel trading.
👉 Scarica la guida gratuita!

Anche i maggiori oneri finanziari gravano sulla crescita economica. I mercati azionari sono crollati nelle ultime settimane per i timori che le azioni sui tassi della Fed potrebbero persino far precipitare l’economia in una recessione.

I funzionari della Fed hanno previsto che l’economia americana crescerà solo dell’1,7% quest’anno, in calo rispetto al tasso di crescita del 2,8% previsto tre mesi fa. È probabile che la crescita rallenti ulteriormente nel 2023, riducendo le possibilità di un cosiddetto ‘atterraggio morbido‘, in cui l’inflazione scende senza una recessione.

I politici della Fed hanno alzato le loro previsioni di disoccupazione il prossimo anno dal 3,5% al ​​3,9%.

Sono in arrivo altri rialzi dei tassi

L’aumento dei prezzi ha iniziato a pesare sulle vendite al dettaglio, che sono scese dello 0,3% a maggio. La spesa per mobili, elettrodomestici ed elettronica è diminuita il mese scorso, mentre gli americani hanno speso di più per benzina e generi alimentari.

Ulteriori rialzi dei tassi sono previsti nei prossimi mesi. In media, i politici della Fed hanno affermato di aspettarsi che i tassi di interesse saliranno a circa il 3,4% entro la fine di quest’anno, rispetto all’1,9% previsto a marzo.

I tassi ipotecari sono aumentati notevolmente in previsione di ciò, mettendo le case fuori dalla portata di alcuni aspiranti acquirenti. Il tasso medio su un mutuo per la casa fisso di 30 anni è vicino al 6%, secondo Bankrate, il doppio di quello di un anno fa.

Le vendite di case esistenti sono diminuite a febbraio, marzo e aprile, il periodo più recente per il quale sono disponibili dati.

Resta aggiornato sulle nostre notizie

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite Doveinvestire su Google News, Facebook, Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Per restare aggiornati sulle notizie pubblicate sul nostro portale attiva le notifiche dal pulsante verde in alto (Seguici) o iscriviti al nostro canale Telegram di Dove Investire

Disclaimer: L’opinione qui espressa non è un consiglio di investimento, ma viene fornita solo a scopo informativo. Non riflette necessariamente l’opinione di doveinvestire.com. Ogni investimento e ogni trading comporta dei rischi, quindi dovresti sempre eseguire le tue ricerche prima di prendere decisioni. Non consigliamo di investire denaro che non puoi permetterti di perdere. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali perdite o danni commerciali a causa di affidamento sulle informazioni contenute all’interno di questo sito, compresi i dati, le citazioni, i grafici e i segnali di acquisto/vendita. Il testo riportato non costituisce attività di consulenza da parte di Dove Investire né, tanto meno, offerta o sollecitazione ad acquistare o vendere strumenti finanziari. Le informazioni ivi riportate sono di pubblico dominio e sono considerate attendibili, ma il portale Dove Investire non è in grado di assicurarne l’esattezza. Si invita a fare affidamento esclusivamente sulle proprie valutazioni delle condizioni di mercato nel decidere se effettuare un’operazione finanziaria e nel valutare se essa soddisfa le proprie esigenze. La decisione di effettuare qualunque operazione finanziaria è a rischio esclusivo dei destinatari della presente informativa.

FORMAZIONE Trading a 360°. Scarica GRATIS i nuovi EBOOK sul TRADING!

I migliori Broker Forex CFD selezionati da Dove Investire

Broker Caratteristiche Inizia
ActivTrades Licenza FCA, CSSF
Protezione conto clienti
Formazione e affidabilità
apri ora
XTB Licenza FCA, CySEC, KNF
Piattaforma professionale
Affidabilità e supporto
apri ora
IG Licenza FCA, BaFin, Consob
Oltre 45 anni di esperienza
Trading su CFD e Turbo24
apri ora
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 62 e l’89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

La paura frena gli investitori. Il mercato azionario resta in difficoltà

Il sentiment del mercato è debole in tutti i suoi indici azionari e anche sulle criptovalute i traders stanno riducendo l’esposizione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.