Home / Analisi dei mercati / Cambio EURO/DOLLARO nella seconda parte del 2017. Previsioni discordanti da parte degli analisti

Cambio EURO/DOLLARO nella seconda parte del 2017. Previsioni discordanti da parte degli analisti

L’EURO è destinato a terminare il 2017 in rialzo rispetto al DOLLARO; è questa la previsione degli analisti che seguono da vicino la moneta unica.

L’Euro da inizio dell’anno ha guadagnato più del 12% nei confronti del Dollaro, con i massimi raggiunti la scorsa settimana con il cambio euro/dollaro che ha superato quota 1,1900 prima di ritracciare nelle ultime ore di contrattazioni.

A spingere la moneta unica al rialzo è sopratutto il programma un ridimensionamento del programma di Quantitative Easing da parte della BCE e e i dubbi che la Federal Reserve sia davvero in grado di rialzare nuovamente i tassi di interesse entro quest’anno.

Che aveva previsto la parità sull’euro dollaro o di un ribasso nel corso del 2017, si è dovuto ricredere e cambiare cosi le proprie proiezioni. Oggi la situazione dell’Euro è ben diversa da quella che viveva ad inizio dell’anno.

Il Dollaro negli ultimi mesi si è indebolito molto con il Dollar Index, indice futures del Dollaro, sceso fino ai minimi vicino ai 92 punti base nella prima settimana di agosto, segnando il livello più basso degli ultimi due anni. Il Dollaro potrebbe riprendersi se la Fed inizierà a ridurre il suo bilancio ma se non riuscirà a portare fino in fondo l’aumento dei tassi previsto entro la fine dell’anno, il contesto potrebbe ulteriormente pesare sul dollaro.

Questa settimana i trader e operatori si concentreranno sui dai economici statunitensi, alla ricerca di indicazioni sul prossimo aumento dei tassi dalla Federal Reserve. Gli investitori attendono una seri di interventi dalla Fed, alla ricerca di indicazioni sulla riduzione dello stimolo monetario. Il report sull’inflazione è previsto per venerdì alle 12:30GMT, un aumento dell’inflazione potrebbe incoraggiare la Fed ad aumentare i tassi di interesse, in caso contrario il Dollaro potrebbe perdere ulteriore terreno nei confronti delle dirette contro-valute.

Previsioni contrastanti nel medio/lungo periodo

Gli analisti prevedono che il cambio euro/dollaro potrebbe avere già toccato l’apice dell’anno in questi ultimi giorni e sarebbe destinato a ripiegare nel breve termine, magari in direzione 1,150. A conferma di queste previsioni, oltre alla quasi certa stretta sui tassi USA da parte della Fed entro la fine dell’anno, non sembra imminente l’avvio della normalizzazione monetaria nell’Eurozona, dove il rialzo dei tassi non avverrebbe prima della fine dell’anno prossimo.

Questo il grafico del cambio euro/dollaro delle ultime ore:

FAI TRADING SU CRIPTOVALUTE

www.plus500.com

Scopri tutte le opportunità offerte da Bitcoin, Ethereum, Bitcoin Cash e le altre
Spread bassi, zero commissioni e leva finanziaria

Analisi grafica e livelli operativi su Euro/Dollaro

Il cambio euro/dollaro nel momento in cui scriviamo si trova a 1,1786 in rialzo dello 0,12%.

Se l’euro dovesse superare il livello di resistenza a 1,1820 dollari, l’obiettivo sarà quello di raggiungere e testare zona 1,1912 e se il trend continua, il prossimo livello importante è a 1,2028 dollari.

Se l’euro dovesse invece scendere sotto il supporto a 1,1736 dollari, cercherà di raggiungere il prossimo supporto a 1,1680 e in caso di ulteriore rottura, il trend al ribasso continuerà verso 1,1626 dollari.

Questo il grafico Euro/Dollaro in tempo reale

Questi i migliori broker per investire sui mercati finanziari

Broker Pro Leva Spread Inizia
activtrades Sicurezza Clienti 1:400 0.5 pips apri ora
plus500 Broker sicuro 1:300 2 pips apri ora
24option Segnali su MetaTrader 1:50 2 pips apri ora
Avviso esplicito sui rischi: non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali perdite o danni commerciali a causa di affidamento sulle informazioni contenute all’interno di questo sito, compresi i dati, le citazioni, i grafici e i segnali di acquisto/vendita. La negoziazione sui mercati finanziari è una delle forme più rischiose di investimento possibili. Tutti i prezzi e i segnali di acquisto/vendita sono indicativi e non adeguati ai fini di negoziazione, inoltre, non sono forniti da un cambio, ma piuttosto dai market maker, quindi potrebbero non essere precisi e possono differire dal prezzo effettivo di mercato. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali perdite commerciali nelle quali si potrebbe incorrere come conseguenza dell’utilizzo di questi dati. Il testo riportato non costituisce attività di consulenza da parte di Dove Investire né, tanto meno, offerta o sollecitazione ad acquistare o vendere strumenti finanziari. Le informazioni ivi riportate sono di pubblico dominio e sono considerate attendibili, ma il portale Dove Investire non è in grado di assicurarne l’esattezza. Tutte le informazioni riportate sono date in buona fede sulla base dei dati disponibili, ma sono suscettibili di variazioni anche senza preavviso in qualsiasi momento dopo la pubblicazione. Si declina ogni responsabilità per qualsivoglia informazione esposta in questa pubblicazione. Si invita a fare affidamento esclusivamente sulle proprie valutazioni delle condizioni di mercato nel decidere se effettuare un’operazione finanziaria e nel valutare se essa soddisfa le proprie esigenze. La decisione di effettuare qualunque operazione finanziaria è a rischio esclusivo dei destinatari della presente informativa.

Trai vantaggio dall’instabilità del mercato

Apri un conto di trading

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti sui indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

I tassi di interesse tengono in ostaggio i mercati valutari

Il futuro dei mercati valutari resta profondamente incerto,la partita si gioca tra le varie banche centrali il cui tema principale sono i tassi di interesse

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *