Home / Analisi dei mercati / EUR/USD raggiungere i massimi da giugno 2018. Pil Usa crolla del 32,9%

EUR/USD raggiungere i massimi da giugno 2018. Pil Usa crolla del 32,9%

La coppia EUR/USD registra un nuovo balzo in avanti raggiungendo quota 1.18344 per la prima volta in due anni. Nel momento della scrittura la coppia di valute registra un rialzo dello 0,34% a 1,18301. La moneta unica si avvia a registrare il maggiore rialzo mensile in 10 anni, dopo essere schizzata di quasi il 5% finora questo mese.

‘Nonostante il recente rally, l’indice di forza relativa sul grafico a 4 ore rimane al di sotto del livello di 70, cioè al di fuori delle condizioni di ipercomprato, consentendo alla coppia EUR/USD di continuare a salire.’

Pil Usa crolla del 32,9%. Peggior dato di sempre

Meglio del previsto ma ancora il dato peggiore della storia: l’economia americana registra una caduta del Pil pari al 32,9% in termini annualizzati, meglio del -34,1% stimato ma rimane il peggior risultato da quando si è iniziato a registrare la serie nel 1947.

Si tratta chiaramente della performance più debole dai tempi della Grande depressione del 1929, ma il consensus raccolto da Reuters ipotizzava un calo ancora più marcato al ritmo 34,1%, dopo la flessione del 5% nel primo trimestre

Guardando oltre al Pil

Gli investitori sembrano guardare oltre il secondo trimestre – che si è concluso un mese fa – per concentrarsi sui dati recenti. L’Europa sta subendo diverse fiammate COVID-19 ma sta tornando alla crescita. Questo non si può dire degli Stati Uniti, dove le richieste settimanali di disoccupazione sono aumentate ancora una volta.
Le domande iniziali sono salite a 1.434 milioni e le richieste continue sono aumentate oltre 17 milioni, nella settimana in cui si svolgono le indagini sui salari non agricoli. Anche se l’America guadagna posto lavoro a luglio, le prospettive sono scarse mentre il bilancio delle vittime della malattia è in aumento.

L’epidemia negli USA è peggiorata da giugno, con una media di circa 65.000 nuovi casi al giorno, ponendo un freno alla ripresa dell’attività economica. E questo ha contribuito a ridurre il supporto per il biglietto verde, con gli investitori che hanno cominciato a dubitare che la crescita economica USA si riprenderà più rapidamente e meglio della maggior parte degli altri paesi.

Livelli operativi da osservare su EUR/USD

Dopo aver superato il massimo da giugno 2018, i prossimi ostacoli per il cambio EUR/USD sono a 1,1850 e quello psicologicamente significativo a 1,20, ma ciò scatenerebbe condizioni di ipercomprato se dovesse accadere troppo in fretta.

Per quanto riguarda i livelli di supporto, l’attenzione è posta su 1,1820, 1,1780 e 1,1750.

Resta aggiornato sulle nostre notizie

Prestare attenzione è d’obbligo, il consiglio è quello di restare aggiornati sulle notizie. Per fare questo, attiva le notifiche dal pulsante verde in alto (Seguici) o iscriviti al nostro canale Telegram di Dove Investire o visita la nostra pagina Facebook www.facebook.com/doveinvestire.blog

Seguici su:

Avviso esplicito sui rischi: non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali perdite o danni commerciali a causa di affidamento sulle informazioni contenute all’interno di questo sito, compresi i dati, le citazioni, i grafici e i segnali di acquisto/vendita. La negoziazione sui mercati finanziari è una delle forme più rischiose di investimento possibili. Tutti i prezzi e i segnali di acquisto/vendita sono indicativi e non adeguati ai fini di negoziazione, inoltre, non sono forniti da un cambio, ma piuttosto dai market maker, quindi potrebbero non essere precisi e possono differire dal prezzo effettivo di mercato. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali perdite commerciali nelle quali si potrebbe incorrere come conseguenza dell’utilizzo di questi dati. Il testo riportato non costituisce attività di consulenza da parte di Dove Investire né, tanto meno, offerta o sollecitazione ad acquistare o vendere strumenti finanziari. Le informazioni ivi riportate sono di pubblico dominio e sono considerate attendibili, ma il portale Dove Investire non è in grado di assicurarne l’esattezza. Tutte le informazioni sono date in buona fede sulla base dei dati disponibili, ma sono suscettibili di variazioni anche senza preavviso in qualsiasi momento dopo la pubblicazione. Si declina ogni responsabilità per qualsivoglia informazione esposta in questa pubblicazione. Si invita a fare affidamento esclusivamente sulle proprie valutazioni delle condizioni di mercato nel decidere se effettuare un’operazione finanziaria e nel valutare se essa soddisfa le proprie esigenze. La decisione di effettuare qualunque operazione finanziaria è a rischio esclusivo dei destinatari della presente informativa.

I migliori Broker Forex CFD selezionati da Dove Investire

Broker Caratteristiche Inizia
FXCM Licenza FCA, Consob
Protezione conto clienti
Sicurezza dei fondi
apri ora
ActivTrades Licenza FCA, Consob
Protezione conto clienti
Formazione e affidabilità
apri ora
GMO Trading Licenza CySEC
Demo gratuita
MetaTrader 4 e App Mobile
apri ora
Plus500 Licenza ‎ASiC, CySEC, FCA
Il fornitore più quotato di CFD
Piattaforma WebTrader
apri ora
101investing Licenza CySEC
Sconto sullo swap fino al 50%
Piattaforma MT4 e Mobile
apri ora
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 68 e l’89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

EUR/USD pronto al breakout sopra 1,14. Tre motivi per cui Powell potrebbe renderlo possibile

Prosegue la sua corsa dell'euro nei confronti del dollaro in attesa della conferenza stampa di Powell. Questi tre motivi per cui le scelte della Fed potrebbero sostenere la corsa dell'euro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.