Commodity a picco. È iniziata la grande fuga dalle materie prime

In questo aggiornamento evidenziamo le posizioni Future e le posizioni degli hedge fund e degli altri speculatori riguardo alle materie prime e sul Forex in quest’ultimo periodo. Periodo in cui i mercati finanziari hanno continuato a scontare il rischio di recessione e che ha visto il dollaro raggiungere nuovi record, mentre il settore delle materie prime ha finito per essere il più colpito con vendite nette che hanno ridotto le scommesse rialziste al minimo di due anni.

Commodity

L’esodo dalle materie prime, che ha preso avvio dopo l’IPC (indice dei prezzi al consumo) statunitense di giugno e il successivo aumento dello 0,75% dal FOMC, ha accelerato la scorsa settimana.

Il crollo di quasi il 9% dell’indice Bloomberg Commodity, guidato da energia e cereali, ha contribuito a innescare una riduzione del 24% delle scommesse rialziste sulle materie prime detenute dagli hedge fund a soli 956.000 lotti, un minimo da due anni a questa parte e un calo del 57% dal recente picco di febbraio. Il cambiamento è stato determinato da una pari quantità di liquidazioni di posizione lunghe e, non da ultimo, da nuove vendite allo scoperto su una combinazione di vendite tecniche con i trader che hanno coperto la minaccia di recessione shortando le materie prime dall’energia ai metalli industriali.

Diverse materie prime hanno visto il loro crollo net long ai minimi di un anno con posizioni corte nette mantenute su una manciata di materie prime come gas naturale, PGM, rame e cacao. Le maggiori riduzioni sono osservate sul petrolio greggio, nell’oro, nella soia, nel mais e nello zucchero.

Energia

Gli speculatori hanno ridotto del 22% le scommesse rialziste sul petrolio greggio a 344.000 lotti, un minimo di 26 mesi con WTI e Brent che hanno entrambi registrato pesanti vendite nette, non solo dalla liquidazione lunga ma anche dalle nuove vendite allo scoperto. Un segno che i trader hanno iniziato ad adottare una visione più equilibrata del mercato.

Mentre è probabile che le sanzioni e gli investimenti insufficienti prolunghino l’attuale crisi energetica, il rischio di una recessione che riduca la domanda ha spostato l’attenzione. Inoltre, la tolleranza zero Covid della Cina ha ulteriormente posticipato una prevista ripresa economica del più grande consumatore mondiale di materie prime e più grande importatore di petrolio greggio.

I segnali di rallentamento della domanda di prodotti combustibili, anche negli Stati Uniti, hanno contribuito a guidare la lunga liquidazione di gasolio, diesel e benzina.

Metalli

La domanda di oro, sia da hedge fund tramite futures che da investitori tramite Exchange-traded fund, ha subito un’altra riduzione negli ultimi giorni, trainata da una combinazione di prezzi in calo delle materie prime che hanno ridotto le aspettative di inflazione a termine, perdita di slancio che ha attratto nuove vendite allo scoperto, un dollaro più forte e non ultimo il recente calo dei prezzi dell’argento in risposta al crollo dei prezzi che ha colpito il settore dei metalli industriali.

✅ Stai cercando un corso completo su come realizzare profitti con il trading? Questo è l’ebook che fa per te… Questa guida ti aiuterà a comprendere i concetti e le regole fondamentali per avere successo nel trading.
👉 Scarica la guida gratuita!

Nel complesso, gli speculatori hanno tagliato le scommesse rialziste sull’oro del 43% a 27.000 lotti, un minimo di tre anni, principalmente guidato da nuove vendite allo scoperto. L’argento, nel frattempo, ha avuto i ribassisti al posto di guida poiché la posizione corta netta ha raggiunto il massimo di tre anni a 8.000 lotti. Nonostante un calo del prezzo del 10%, la propensione alla vendita del rame è stata relativamente attenuata con la posizione corta netta rimasta stabile a 26.000 lotti, il livello più basso da marzo 2020, quando la pandemia ha tirato il tappeto sotto il mercato.

Agricoltura

Un calo di quasi il 12% dell’indice Bloomberg Grains ha contribuito a guidare una serie di vendite in tutto il settore. Da un lungo netto combinato sopra 800.000 lotti all’inizio di aprile, una pesante liquidazione delle posizioni lunghe ha, da allora, portato il totale al ribasso del 52% a un minimo di otto mesi a 391.000 lotti.

Il mais ha subito il maggior numero di vendite, seguito da soia e grano, con quest’ultimo che ha visto un ritorno a una piccola posizione corta netta quando il prezzo è tornato ai livelli visti prima della guerra in Ucraina. Nelle softs, lo zucchero long è stato ridotto al minimo di due anni a 43.000 lotti, in calo dell’82% dal picco di aprile, lo short di cacao si è esteso a un massimo di tre anni mentre la continua liquidazione del cotton long ha ridotto la rete al minimo annuale. Il caffè è riuscito ad andare in controtendenza con un piccolo aumento dei prezzi che ha sostenuto una piccola quantità di acquisti netti.

Forex

L’estrema forza del dollaro USA, arrivato alla parità nei confronti dell’euro, è riuscita solo a determinare un aumento relativamente piccolo delle scommesse rialziste sul biglietto verde, forse dato il periodo dell’anno in cui molti speculatori hanno tagliato le posizioni prima della pausa estiva.

La posizione lunga sul dollaro lordo contro 9 futures su valute IMM e l’indice del dollaro è salito del 12% a 20 miliardi di dollari, ben al di sotto dei picchi recenti quando è stato scambiato a livelli più bassi di quelli attuali. L’acquisto, tuttavia, è stato ampio con tutte le principali valute che hanno registrato vendite nette, guidate da EUR, CAD, AUD e BRL.

Report curato da Simone Di Biase, Head of Relationship Management per BG Saxo. Altre informazioni su www.bgsaxo.it

Nessuna delle informazioni e analisi qui contenute costituisce un consiglio di investimento o un’offerta o sollecitazione ad acquistare o vendere qualsiasi valuta, prodotto o strumento finanziario, effettuare investimenti o partecipare a una particolare strategia di trading. L’investitore si assume la responsabilità di valutare, in modo indipendente, la precisione e la completezza delle informazioni e il relativo utilizzo. La presente comunicazione di marketing non è assimilabile ad alcuna forma di produzione o diffusione di ricerca in materia di investimenti e pertanto non è stata preparata conformemente ai requisiti giuridici volti a promuovere l’indipendenza della ricerca. Eventuali informazioni riportate che si riferiscano a rendimenti, non devono essere interpretate come indicazioni di rendimenti futuri o di garanzia di conservazione del capitale investito ma come indicazioni di rendimenti realizzati in passato. Con strumenti finanziari “più negoziati in piattaforma” si fa riferimento al controvalore nominale negoziato su tutte le piattaforme del Gruppo Saxo.

Resta aggiornato sulle nostre notizie

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite Doveinvestire su Google News, Facebook, Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Per restare aggiornati sulle notizie pubblicate sul nostro portale attiva le notifiche dal pulsante verde in alto (Seguici) o iscriviti al nostro canale Telegram di Dove Investire

Disclaimer: L’opinione qui espressa non è un consiglio di investimento, ma viene fornita solo a scopo informativo. Non riflette necessariamente l’opinione di doveinvestire.com. Ogni investimento e ogni trading comporta dei rischi, quindi dovresti sempre eseguire le tue ricerche prima di prendere decisioni. Non consigliamo di investire denaro che non puoi permetterti di perdere. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali perdite o danni commerciali a causa di affidamento sulle informazioni contenute all’interno di questo sito, compresi i dati, le citazioni, i grafici e i segnali di acquisto/vendita. Il testo riportato non costituisce attività di consulenza da parte di Dove Investire né, tanto meno, offerta o sollecitazione ad acquistare o vendere strumenti finanziari. Le informazioni ivi riportate sono di pubblico dominio e sono considerate attendibili, ma il portale Dove Investire non è in grado di assicurarne l’esattezza. Si invita a fare affidamento esclusivamente sulle proprie valutazioni delle condizioni di mercato nel decidere se effettuare un’operazione finanziaria e nel valutare se essa soddisfa le proprie esigenze. La decisione di effettuare qualunque operazione finanziaria è a rischio esclusivo dei destinatari della presente informativa.

FORMAZIONE Trading a 360°. Scarica GRATIS i nuovi EBOOK sul TRADING!

I migliori Broker Forex CFD selezionati da Dove Investire

Broker Caratteristiche Inizia
ActivTrades Licenza Consob, FCA, CSSF
Protezione conto clienti
Formazione e affidabilità
apri ora
XTB Licenza FCA, CySEC, KNF
Piattaforma professionale
Affidabilità e supporto
apri ora
IG Licenza FCA, BaFin, Consob
Oltre 45 anni di esperienza
Trading su CFD e Turbo24
apri ora
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 62 e l’89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

Materie Prime. L’Oro sarà il vincitore nel 2023

Oro, argento e rame salgono dopo la riunione del FOMC della scorsa settimana. Che cosa aspettarsi ora? Quale può essere l’evoluzione dell'oro per il 2023?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.